ERDOGAN l'illuminato per cui «i minareti le nostre baionette e i fedeli i nostri soldati e ...

«Ai miei fratelli in Europa: non fate tre figli, ma cinque, perché voi siete il futuro dell'Europa ...l’attacco contro Afrin è jihad».

Brandisce negazionismo sul genocidio Armeni e ricicla nelle sue file terroristi ISIS. Un dittatore che ci ricatta non solo con gli immigrati, ma minacciando, altrimenti, di aumentare gli affari con Russia e Cina.

n1954 Istanbul <wikipedia>: declamò pubblicamente i versi in titolo del poeta Ziya Gökalp.

CONTINUA IN SEGUITO DEL SOMMARIO.

 [Pagina senza pretese di esaustività o imparzialità, modificata 26/02/2022; col colore grigio distinguo i miei commenti rispetto al testo attinto da altri]

Correlati: conquisteremo Europa come Ottomani; nega il genocidio degli Armeni e ne boicotta la memoria; Erdogan vuole attaccare gli Armeni, alleanza panturca; si gioca la massoneria sbilanciata pro islam, ma è anche doppiogiochista dopo golpe2016.07; Rojava Kobane Afrin; Merkel; Azerbaijan

 

2022.02.04 <rainews> Ucraina, Macron lunedì sarà a Mosca e martedì a Kiev per disinnescare la crisi: presidente di turno dell'Ue, sta cercando di rimettere in gioco l'Unione europea, per la quale da anni sostiene la necessità di una "autonomia strategica". Erdogan vuole Kiev nella Nato e gli fornisce droni contro il Donbass e respinge il referendum Crimea 2014 perché sta dalla parte della minoranza tartara di lingua turca. Putin e Xi Jinping: «nessun Paese può o deve garantire la sua sicurezza isolato dal contesto globale di sicurezza e a spese della sicurezza di altri Paesi»

 

2021.08.08 <vietatoparlare> Ex militanti dell'ISIS sono stati riciclati nei gruppi di opposizione ‘anti Assad’, inclusa la Syrian National Army alimentata da Erdogan, stante Us-Nato in lfb:  nella SNA vedi ad es. dal 2017 il colonnello Mahmoud al-Saleh (detto anche Abu Saddam o Muhammad al-Daher ), come riferisce anche un tweet della ONG Syrians Truth & Justice (STJ), che non è filo-governativa.

 

2021.08.06 <acs-italia> Islamismo di Erdogan: in Turchia la piccola comunità cristiana (0,2%) è soffocata dalla progressiva re-islamizzazione della società promossa dal presidente: attacchi contro le chiese (in alcuni casi per punire i cristiani accusati di diffondere il Covid-19), arresti ingiustificati di fedeli, proibizione di costruire i seminari, offese contro la cultura cristiana diffuse dai media statali, specialmente a Natale. L’influenza di Ankara si manifesta anche nella limitazione della libertà religiosa in Albania, Bosnia ed Erzegovina, Kosovo, per non parlare della parte settentrionale dell’isola di Cipro.

 

2021.05.11 <ansa> decennale della Convenzione di Istanbul, Amnesty: "La Turchia è stata la prima ad approvarla e ora a ritirarsi". proteste contro Erdogan. <fq> approvata dal Comitato dei Ministri del Consiglio d’Europa il 7 aprile 2011 e sottoscritta da un primo gruppo di Stati l’11 maggio 2011 a Istanbul, la convenzione dichiara che la violenza di genere è strutturale e ha radici storiche fondate sull’ineguaglianza tra uomini e donne. <europarl> Sebbene l'UE abbia firmato la Convenzione il 13 giugno 2017, sette Stati membri non l'hanno ancora ratificata: Bulgaria, Repubblica ceca, Ungheria, Lituania, Lettonia, Slovacchia, Regno Unito.

 

↑2021.04.10 <tempi> Draghi dà ad Erdogan del «dittatore», dichiarazione che allontana l’Italia dalla politica della mediazione con Ankara voluta dalla Merkel e la avvicina a Macron. Dalla roadmap in Libia al tavolo dell’aerospazio i segnali di un asse franco-italiano abbondano [CzzC: forse è prematuro parlare di asse franco-italiano; vediamo se intanto cessano gli schiaffi] <ilmanifesto>

 

↑2021.04.09 <yt foglio google> Draghi dà del "dittatore" a Erdogan e si becca le reprimende del sultano.

 

2021.04.07 sofa-gate: Ursula von der Leyen senza sedia davanti a Erdogan <avvenire video> è più di un caso diplomatico <ilpost> spiegato

 

2021.03.20 <adnkronos> la Turchia di Erdogan si è ritirata dalla Convenzione di Istanbul, che pone al centro la prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica: proteste in piazza.

 

2021.03.19 <huffingtonpost> Il 17 marzo è stata scritta da Erdogan un’altra pagina nera per i diritti umani in Turchia: ha chiesto la  chiusura del Partito democratico dei popoli (HDP), filocurdo e di sinistra libertaria, 3ª forza politica in Parlamento turco, richiesta che è ora al vaglio della Corte costituzionale; aggiungi la privazione del seggio parlamentare a Ömer Faruk Gergerlioğlu, un prestigioso attivista per i diritti umani già perseguito post tentato golpe del 2016.

 

↑2021.01.17 un amic.fb <posta la foto> di Ebru Timtik avvocata per i diritti umani che lo scorso agosto morì al 238esimo di uno sciopero della fame di fronte a un potere che voleva tapparle la bocca. Occorre ricordarla, occorre non restare zitti! [CzzC: condivido! Ma mi rattrista l'inerzia di quell'Europa dove vuole entrare quell'Erdogan  che allo scopo ora prospetta di fare meno il cattivo fa subdorare ai politici europei gli affaroni che si svilupperebbero con oltre 80 milioni di Turchi (sarebbe il Paese più popoloso dell'unione europea): vedrai che la dea pecunia ci farà dimenticare in fretta non solo la già dimenticata Ebru Timtik, ma anche lo scontro con le navi greche, l'intervento armato in Libia, l'invasione della Siria, i droni micidiali contro gli indipendentisti cristiani del Nagorno Karabakh, e perfino gli sberleffi che il sultano ha indirizzato a Macron per le vignette di Charlie Hebdo.

Erdogan ha già saggiato quanto gli Europei siano volubili sui diritti umani e sensibili alla pecunia: mica abbiamo cacciato Turchi e Azeri dalla CEDU (Corte europea per i diritti dell'uomo) dove siedono tranquilli: non li abbiamo nemmeno sanzionati, nemmeno redarguiti per le suddette malefatte. Quella stessa corte CEDU che nel 2018 dichiarò giusta la condanna alla signora Elisabeth Sabaditsch-Wolff perché aveva affermato dieci anni prima che il profeta Maometto ”era un pedofilo” perché aveva sposato una bambina. Quella stessa corte che invece dichiarò sbagliata la condanna russa delle "Pussy Riot che avevano inscenato una esibizione blasfema ‘nella cattedrale di Cristo Salvatore di Mosca nel 2012. Sensibilità e insensibilità CEDU quantomeno strabiche, no?]

 

↑2020.12.31 <insideover> Erdogan, re-islamizzazione della Turchia, persecuzione “morbida” e silenziosa dei cristiani. Il 7 dicembre è stata pubblicata una relazione investigativa <persecution.org> sull’evoluzione delle condizioni di vita dei cristiani in Turchia a partire dal 2016. Una minoranza che nell’ultimo secolo, fra trasferimenti di popolazione, pogrom e disegni genocidiali, è passata da circa il 20% allo 0,2% di oggi (160mila persone).

 

↑2020.12.24 <hp> Il "me ne frego" di Erdogan alla Corte dei diritti dell'uomo su Demirtas. Erdoğan ha respinto la sentenza definitiva della Corte europea dei diritti dell’uomo (Cedu) con la quale si chiedeva l’immediata liberazione del leader curdo Selahattin Demirtaş, sostenendo che “la sentenza non è vincolante per Ankara”.

 

↑2020.12.11 <inside> bandiere turche, esibizione di bottini di guerra, parata a Baku per celebrare la vittoria azera alla presenza di Erdogan, il vero artefice del successo contro gli armeni; il sultano col suo monologo sublima la nascita dell’alleanza panturca fra Turchia e Azerbaigian (una nazione in due stati) covata silenziosamente da trent’anni e sbocciata adesso col secondo capitolo della guerra nel Nagorno Karabakh; il sultano dà la colpa del conflitto all'incapacità del Gruppo di Minsk (inetti e inerti, purtroppo), mentre Ilham Aliyev pubblicizzava i droni Bayraktar TB2, i giannizzeri del cielo. [CzzC: commento]

 

↑2020.10.29 <independent yt hyeTert> Mercoledì sera, durante il coprifuoco, centinaia di turchi sono scesi in strada a Lione, alla ricerca di locali commerciali armeni per distruggerli. Mercoledì mattina, i manifestanti armeni avevano chiuso l'autostrada che porta a Valence e Vienne, esprimendo la loro protesta contro l'aggressione di Azerbaigian e Turchia contro Artsakh (Nagorno-Karabakh). Durante questa manifestazione, tuttavia, un gruppo di turchi aveva attaccato - con martelli e coltelli - questi manifestanti armeni: più di dieci persone - compreso un bambino - sono rimaste ferite.

 

↑2020.10.28 Copertina di Charlie Hebdo <stampa google eutoday> caricatura di Erdogan in mutande mentre solleva il lungo velo di una donna musulmana fino al fondoschiena esclamando "Ouuuh! Il Profeta". "Annegheranno nell'odio che hanno alimentato ed è la dimostrazione che l'Europa sta ritornando alla barbarie" ha detto Erdogan, tornando a respingere gli accostamenti tra islam e violenza <linkiesta> la satira non dovrebbe avere dei limiti, ad esempio <art21> quando diventa offesa? <fq> l'umiliazione è ripugnante ed è diversa dalla libertà di espressione. [CzzC: ma Micromega pubblica appello firmato da un centinaio di illuminati difensori del laicismo  per la missione di restituire ai francesi l’orgoglio del loro modello emancipatore e fraterno. Che ipocrita e pelosa faccia tosta  additare modello di fraternità chi offende simboli religiosi, come se la fraternità fosse da spendersi solo come massonico conio].

 

↑2020.10.27 <sussid> Erdogan addestra jihadisti in Siria per rifare l’impero turco. Il generale curdo Mazloum Abdi Kobane (nel Rojava) ha lanciato l’allarme: in Siria, nelle aree curde occupate dalla Turchia, ex miliziani dell’Isis e di al Qaida vengono addestrati da Ankara <repubbl> L’Occidente fermi Erdogan: contro i curdi sta facendo pulizia etnica

 

↑2020.10.25 <tempi/LeMonde> A Hawar Kilis, sulla frontiera siro-turca, si riuniscono centinaia di jihadisti che, incitati da comandanti e da imam, si fanno inviare da Erdogan a combattere contro gli armeni nel Nagorno Karabakh «per guadagnare 2-3k$ in pochi mesi e poi tornare indietro». Come spiega Le Monde in un istruttivo reportage, il “sogno” dei mercenari siriani si infrange contro la cruenta asprezza della guerra

 

↑2020.10.24 <agi google> Duro attacco di Erdogan a Macron: "Ha bisogno di perizie psichiatriche". Nel mirino della Turchia le dichiarazioni del presidente francese sull'Islam radicale. L'Eliseo parla di "eccesso e maleducazione" e punta il dito sul boicottaggio dei prodotti francesi nel golfo Persico [CzzC: però Macron poteva risparmiarsi di brabdire il diritto di blasfemia; voleva imitare l'illuminata Taubira? La difesa della libertà di espressione si può fare anche senza offesa]

 

↑2020.10.23 vedo su TvRai2TV Alberto Negri descrivere in maniera tranciante l'allargarsi del sultano nel Mediterraneo: lo consulto autore su Limes: ne trovo indovinati ad esempio l'articolo/2016 Biechi interessi e ipocrisie sottesi ai nostri rapporti con autocrati e dittatori, come con Erdogan; e l'articolo/2010: il ritorno del sultano.

 

↑2020.09.29 <stampa ansa> L’Armenia denuncia che un suo jet Su-25 nel suo spazio aereo è stato abbattuto da un F-16 turco  «proveniente dal territorio azero». <s24h> Nagorno-Karabakh: Erdogan sfida Macron, Putin e Trump: il presidente turco ha definito «inaccettabile» il coinvolgimento dei tre leader che hanno chiesto un cessate il fuoco immediato tra armeni e azeri. <asianews> Oltre a Erdogan, anche Pakistan e Afghanistan sostengono l’Azerbaijan: guerra religiosa?

 

↑2020.09.15 <asianews> Kurdistan, villaggi cristiani vittime dei raid turchi contro il Pkk (VIDEO); dall’inizio del 2020 almeno 25 villaggi nel nord Iraq si sono svuotati. P. Samir: Uccise molte persone, solo perché si trovavano vicino a zone controllate dal Pkk. Colpita una macchina che portava aiuti

 

↑2020.08.31 <corriere post foglio google> nella Turchia di Erdogan muore dopo 238 giorni l'avvocata Ebru Timtik: come Helin Bölek e Ibrahim Gökçek, i due musicisti della band Grup Yorum morti la scorsa primavera, anche Ebru, 42 anni, si dichiarava innocente e per dimostrarlo aveva iniziato uno «sciopero della fame», una protesta cui si era unito anche il collega Aytaç Ünsal che come lei faceva parte dell’Associazione contemporanea degli avvocati, un gruppo specializzato nella difesa di casi politicamente delicati. Come Nasrin Sotoudeh in Iran: digiuno e morte contro i regimi. [CzzC: commento qui Gen2021]

 

↑2020.07.25 <agi> Trasformare Santa Sofia in una moschea è un errore che pagheremo, dice Pamuk. Secondo lo scrittore si sta annullando il messaggio di laicità di Ataturk con un discorso populista, anti-occidentale e islamico [CzzC: questo errore potrà essere pagato all'interno in termini di minore libertà, castigata dagli islamisti, ma non sarà fatto pagare dall'esterno perché all'Occidente interessa solo il flusso di denaro e il relativo collateralismo armato; l'Occidente avrebbe semmai fatto pagare il viceversa, cioè la preghiera cristiana in Santa Sofia, perché avrebbe disturbato il sultano e quindi i suddetti flussi per sua ritorsione; i potenti sanno che i cristiani non hanno capacità dissuasiva, men che meno vendicativa]

 

↑2020.07.24 <manifesto>Erdogan, Santa Sofia, i Fratelli Musulmani e l’Akp che è sempre meno una «democrazia cristiana» alla musulmana: punta ormai (insieme all’estrema destra dell’Mhp, il partito dei Lupi Grigi) sul bellicismo in politica estera e sull’identità islamo-turca all’interno. Una «visione» del potere passata dalla confraternita dei Naksibendi - una vera scuola socio-politica - al filo-jihadismo destabilizzante con tanto di sostegno occidentale. Anche Izzat Ibrahim al Douri, vice di Saddam Hussein, era un membro della confraternita Naksibendi e, siccome anche Abu Baqr alBaghdadi vantava affinità con questa tariqa, non stupisce che i baathisti iracheni gli abbiano dato una mano in ascesa con lo Stato Islamico. Fu un altro fratello musulmano, Khaled Meshal, capo di Hamas e allora in esilio a Damasco (poi in Qatar), a convincere nel 2011 il ministro degli Esteri turco Davutoglu e lo stesso Erdogan che la rivolta contro Assad avrebbe avuto successo: fu allora che si progettò, con il consenso dell’ex segretario di stato Hillary Clinton, di aprire l’«autostrada del Jihad» dalla Turchia alla Siria che portò migliaia di jihadisti ad affluire nel Levante arabo con gli effetti devastanti che conosciamo.

 

↑2020.03.04 Ti parrebbe obiettivo o parziale questo giudizio del giornalista Riccardo Cristiano sulla guerra in Siria/Idlib? A <RadioAnch'io at ~1h1'30" o qui.mp3> sulla crisi migranti al confine greco-turco, dopo Valerio Nicolosi e Pietro Del Re viene invitato a spiegare di chi sarebbe a suo avviso la responsabilità di quel disastro umanitario: mentre non fa alcun cenno ai jihadisti stragisti di inermi, il R.Cristiano amico personale di Dall'Oglio dichiara che «l'origine del focolaio è Assad che fa guerra al suo popolo volendo espellere le popolazioni che ritiene inaccettabili». E le responsabilità di Erdogan? È complice solo perché non fa passare in Turchia i profughi cacciati da Assad. Continua

 

↑2020.03.03 <imola tw reddit> il sultano Erdogan, retore minaccioso, ha definito l’offensiva transfrontaliera turca come guerra religiosa. Ha  recitato una poesia che descrive l’esercito turco come ”ultimo esercito dell’Islam che muore per Allah”. Ha promesso che Dio sostiene la Turchia e che tutti vedranno di che cosa è capace il suo esercito.

 

2020.02.20 <fScaglione.my> Erdogan e il ricatto di Idlib: vuole annettere la parte Nord della Siria, controllando ancor più di quanto già faccia le sorgenti che alimentano il Tigri e l’Eufrate, e allo scopo gioca al ricatto con la carta umanitaria (3M di persone nella zona di Idlib) usando come al solito i terroristi: a Idlib ci sono ~15 mila guerriglieri di Hayat Tahrir al-Sham (Hts), ovvero l’ultima versione di Al Qaida, supportati da una galassia di gruppi armati che comprendono ceceni, miliziani uiguri cinesi e i resti dell’Esercito libero siriano. Tutti sono stati, o sono, al soldo della Turchia che li ha aiutati nei modi più diversi, con denaro e armi, ovviamente, ma anche comprando petrolio e reperti archeologici che questi arraffavano in Siria. E soprattutto consentendo loro di usare la Turchia come una comoda retrovia ove installare uffici, basi, conti correnti, reti di trafficanti di ogni genere. <fc> Erdogan ricattatore e pirata.

 

↑2019.10.30 <repubb, stampa> Usa riconoscono genocidio armeno. In modo bipartisan quasi all'unanimità una risoluzione che riconosce il genocidio armeno da parte dell'impero Ottomano durante la Prima Guerra Mondiale. Erdogan: "Risoluzione senza valore"

 

↑2019.10.23 <tempi> Nella città ultraconservatrice di Konya (>1M ab), dominata dal partito di Erdogan Akp, appaiono cartelloni che riportano il versetto 51 della quinta sura del Corano, quella che recita: «O voi che credete, non sceglietevi per alleati i giudei e i cristiani, sono alleati gli uni degli altri. E chi li sceglie come alleati è uno di loro. In verità Allah non guida un popolo di ingiusti». Dopo che la polemica è scoppia in rete, sono stati ritirati i cartelloni che <isra> istigavano all'odio raffigurando croce e stella di Davide grondanti di sangue.

 

2019.10.10 <repubbl> Erdogan bombarda e invade il Kurdistan siriano nella zona dove Trump ha ritirato le truppe che proteggevano i Curdi, sfruttati nel combattere quell'Isis che ora rialza la testa. <fq> il sultano ricatta l'Europa coi profughi, mentre Trump dissimula il suo tradimento <adnk> accusando i Curdi di non aver aiutato gli Usa nella Seconda guerra mondiale. [CzzC: la Turchia li aiutò molto?]

 

2019.05.22 <gatestoneinstitute> Erdogan descrive il genocidio armeno come "rilocazione ragionevole", mentre fu deportazione genocida delle popolazioni civili - principalmente donne, bambini e anziani - all'interno dell'Asia minore, inviate ai campi di concentramento e di sterminio o a morire per esaurimento, fame o epidemie. Vasileios Meichanetsidis, uno studioso di genocidio con sede ad Atene e redattore del libro del 2012, Il genocidio dei greci ottomani, in un'intervista al Gatestone Institute. [CzzC: lo studioso mi sembra attendibile anche se (e mi spiace) il Gatestone Institute è descritto in Wikipedia così: is a right-wing anti-Muslim think tank with a focus on Islam and the Middle East. The organization has attracted attention for publishing false articles and being a source of viral falsehoods]

 

2019.02.13 <oraprosiria> I disaccordi di Sochi: la Siria sospesa tra gli interessi divergenti dei suoi 'alleati': la Turchia non rinuncerà al controllo del nordest siriano, un territorio ricco di risorse energetiche e agricole,  con il pretesto di combattere i suoi nemici giurati, i militanti curdi. Pare che Stati Uniti, Russia, Turchia e Qatar siano tutti d’accordo su una presenza turca nella “zona cuscinetto”che va da Manbij a Ayn al-Arab, Tal Abyad, al-Hasaka e Qamishli.

 

↑2018.12.28 <radioonda> I curdi di Manbij (Forze siriane democratiche a guida Ypg) chiedono intervento <cdt, stampa, eurnw>  dell'esercito siriano ora che, ritiratosi Trump, sarebbero esposti agli attacchi <ansa> di Erdogan che furioso <greenr> vorrebbe ristabilire il controllo ottomano su curdi e arabi della regione, inciuciato con i jihadisti.

 

↑2018.11.15 <stampa> L’ira di Erdogan, deluso dalla conferenza di Palermo (<nena> Haftar è nemico dei Fratelli musulmani sponsorizzati da Turchia e Qatar) scatena le milizie a Tripoli: assalto all’aeroporto per sfidare Sarraj. È la Settima brigata, i cosiddetti «insorti» di Tarhuna, la formazione armata delle tribù sostenute da Egitto e Emirati Arabi (che appoggiano Haftar).

 

↑2018.11.01 <vietatop> Giornale turco <yenisafak> accusa statunitensi di aver fornito armi a Isis in cambio di oro e manufatti depredati nei siti storici siriani ed iracheni; tuttavia non è certo se l’intera linea di comando USA fosse al corrente di questi traffici. Ma anche Ankara ha lucrato per un lungo periodo del petrolio dell’ISIS (qui video CNN ”Turkey s secret jihadi smuggling route“) mentre i jihadisti di ISIS feriti venivano curati negli ospedali turchi (Turkish government of ‘protecting ISIL and al-Nusra militants); il giornalista turco Kadri Gürsel aveva descritto a suo tempo la frontiera turca come “un’autostrada jihadista a doppio senso di circolazione”.

 

↑2018.10.05 <repubbl tirreno globl> Libertà per Gianfranco Castellotti arrestato dalla polizia di Erdogan nel Centro Culturale Idil di Okmeydani / Istanbul insieme ad altri sette oppositori turchi: attivista internazionalista impegnato per molti anni nella difesa dei militanti della sinistra turca, era in Turchia per seguire il processo ai nove musicisti del leggendario gruppo musicale Grup Yorum in prigione da quasi un anno. [CzzC: condivido l’appello per la sua liberazione; peraltro raccomanderei prudenza ad analoghi compagni di ardore umanitario quando si abbia a che fare con regimi che sanno di poter impunemente ledere i diritti umani forti della loro potenza dissuasiva in affari e in allineamento strategico est-ovest, che piega perfino la Germania; vedi anche Egitto-Regeni, India-marò]

 

↑2018.10.03 <corriere> I diritti umani calpestati, e noi zitti: Erdogan licenzia migliaia di dipendenti pubblici e commina ergastolo a scrittori e giornalisti con processi-farsa? Non ci importa di protestare, perché la nostra sensibilità sulla difesa dei diritti umani si è affievolita fino a scomparire, inghiottita dalle ipocrisie e dal cinismo della realpolitik ... L'ONU, ostaggio di satrapi e tiranni, mette nelle sue commissioni per i diritti umani esponenti di regimi che dei diritti umani fanno sistematica strage ...

 

2018.09.28 <fq> auspichiamo che il summit tra Merkel, Putin, Erdoğan e Macron previsto in ottobre sulla Siria, serva per trovare un accordo per costruire vera pace in quel martoriato Paese e forse dobbiamo considerare come un tributo, un sacrificio-incenso al sultano, il fatto che <ansa cdt> sia stato allontanato dall’incontro Erdogan-Merkel il giornalista che indossava una t-shirt con su scritto "libertà per i giornalisti in Turchia": speriamo che serva per evitare i mali peggiori.

 

↑2018.09.13 <pn> In Iraq anche gli sciiti sono divisi tra filo-americani e filo-iraniani; prova ne sia la rivolta di Bassora (12 vittime) 07Sett proprio mentre Putin, Tehran e Erdogan discutevano per Idlib, tanto che il sito israeliano Debkafile spiegava la coincidenza con un titolo malizioso: «Mentre i leader alleati dell’Iran trattano su Idlib, l’Iraq sciita gli scoppia in faccia». Infatti il summit di Teheran è fallito e l’incertezza irachena indebolisce ancora di più l’Iran, già fiaccato dalle sanzioni Usa. Il veto di Erdogan su Idlib ne è uscito rafforzato.

 

2018.08.10 <sole24h et> la crisi valutaria turca è complessa: non basterà l’invocazione di Erdogan ad Allah né al suo popolo («cambiate oro e dollari in lire») ad impedire la disfatta della sua moneta sui mercati (-40% da inizio 2018), a meno che il sultano non si rassegni ad adottare correttivi la cui ortodossia però neglige. [CzzC: passi se la guerra finanziaria mossagli dagli gnomi dei petroldollari fosse per indurre Erdogan a rispettare le libertà fondamentali, a partire da quella di espressione, ma pare che questo sia obiettivo ben secondario rispetto alla guerra alle sinergie Euro-asiatiche che includessero chi non si piegasse alla supremazia del dollaro, ad esempio Russia, Cina, Iran; infatti a pagarla cara è anche l'Europa e l'Italia più della media visto che è il quinto partner commerciale della Turchia (vedi rischio e tonfo di UniCredit)]

 

↑2018.07.10 <ops> lettera di Aleppo #33: la Siria dimenticata. In seguito all'invasione turca della regione di Afrin, 27.000 famiglie composte da 137.000 persone sono fuggite dalle loro città e villaggi, perdendo tutto (casa, bestiame, auto ...) tranne i vestiti che indossavano[CzzC: tra di loro anche rifugiati yazidi <sibialiria> scampati allo sterminio del 2014 in Iraq] si sono insediati in diversi accampamenti di tende, tra cui «il Campo Shahba», intorno alla piccola città di Tel-Rifaat a 25 km. da Aleppo. Noi, i MARISTI BLU <yt>, non potevamo rimanere indifferenti alle sofferenze di questi nuovi sfollati ...

 

↑2018.07.09 <sibialiria> Siria, pulizia etnica a cura di membri della Nato e dei loro alleati in loco: per il popolo degli yazidi la tragedia si ripete: nel 2014 a migliaia furono uccisi o schiavizzati dall'Isis; molti trovarono rifugio ad Afrin in Siria, area che però agli inizi del 2018 è stata messa a ferro e fuoco dal sultano Erdogan, con pulizia etnica operata insieme al cosiddetto Esercito siriano libero (Esl), galassia di islamisti radicali con resti di Isis, lodata e sostenuta in Occidente

 

↑2018.06.25 <tiscali> Il sultano Erdogan si mangia la democrazia: vince le elezioni e guiderà la Turchia fino al 2023 con amplissimi poteri: sarà capo dello stato e del governo e potrà governare con decreto, controllare gli apparati di sicurezza e anche indicare una parte dei giudici della corte costituzionale. Non è una buona notizia per gli incarcerati post fallito golpe del 2016: oltre 160mila funzionari  giudici, militari, insegnanti sono stati fatti fuori dal posto di lavoro e un centinaio sono i giornalisti dietro le sbarre.

 

↑2018.06.08 <giornale> Le immagini choc all’interno delle moschee turche in Austria (anche minorenni vestiti in modalità “shahid” (martire). <sussid, vocetn> il governo austriaco chiude 7 moschee ed espelle imam illecitamente finanziati dall’estero: i sospetti sui capi religiosi dell’associazione Atib (Unione turco-islamica per gli affari religiosi). Ibrahim Kalin, portavoce di Erdogan, addita il governo di Vienna come islamofobico.

 

↑2018.05.02 <faro> Siria rivolta popolare contro occupazione turca e le vessazioni azionate dalla galassia dei loro alleati terroristi (Fronte siriano di Tahrir e Tahrir al-Sham Hay’at (Fronte al-Nusra) nelle zone vicine ad Aleppo (al-Bab) e Idlib.

 

↑2018.03.26 <scenarieconom> Il massacro di Afrin (da parte dei turchi) tollerato da Europa e Russia per la dea pecunia adorabile in Anatolia, in particolare per il grasso che cola dalle due pipelines  (TAP Trans Anatolian/Adriatic Pipeline, Turkish stream che potrebbero convergere in un unico nodo).

 

↑2018.03.20 <glob> Violenze jihadiste ad Afrin: curdi malmenati, città devastata e saccheggiata; i video degli stessi mercenari al servizio di Ankara mostrano le sopraffazioni; I giovani che non si arruolano nelle milizie filo-turche arrestati. Pulizia etnica.

 

↑2018.03.19 <nbq > murales di Banksy raffigura la giornalista curda Zehra Dogan, in carcere in Turchia per aver dipinto la cruda realtà della <nbq> violenza turca contro i curdi, genocidio, vergogna europea [CzzC: muta o dormi Mogherini?]

 

↑2018.03.12 <at1h 10’:10”/Radio3PrimaPagina e 0/TuttaLaCittàNeParla> interviene un pubblicista di BZ testimoniando che il Presidente del Parlamento turco sostiene che l’attacco contro Afrin è jihad e che senza jihad non ci può essere vita. Di questo massacro di democratici curdi, accoglienti profughi, emancipanti la donna, negatori della guerra se non per legittima difesa, siamo responsabili non solo col nostro silenzio complice, ma anche come alleati Nato del sultano massacratore: complicità che in visita a Roma avrà ben pagato con lauti contratti.   Continua]

 

↑2018.03.09 <rightsrep> Ieri la Turchia ha annunciato ufficialmente di aver ucciso 3.149 curdi nella regione siriana di Afrin dall’inizio della operazione “Olive Branch”: i media di regime hanno espresso soddisfazione, mentre il mainstream trascura, come se ad Erdogan fosse stato dato il nulla osta per questo massacro ingiustificato.

 

2018.02.27 a Radio Anch’io testimonianze su Ghuta e Afrin da Lucia Goracci e Claudio Locatelli: Goracci: «li ho visti cadere anch’io i proiettili dal Ghuta orientale su quartieri cristiani di Damasco». Locatelli: «Il confine nord-occidentale (Afrin) è occupato dai gruppi cosiddetti ribelli, di fatto molti jihadisti che hanno cambiato maglietta supportati da Ankara». Da questo podcast estraggo ...  continua.

 

↑2018.02.19 <sole24h> Damasco e Ankara sono in rotta di collisione in Siria: ad Afrin soldati siriani in difesa dei curdi contro l'avanzata di Erdogan che per ciò minaccia conseguenze terrificanti [CzzC: ma non sta invadendo un Paese che tenta di difendere i suoi abitanti? Cara ONU, cara CEDU, che ci state a fare se restate inerti di fronte a queste violazioni del diritto internazionale azionate da un sultano che ha messo in galera migliaia di giornalisti? Papa Fr1, fa’ pregare per evitare il peggio]

 

↑2018.02.16 <articolo21> Nella Turchia di Erdogan lo stato di diritto è morto: condannati all’ergastolo Nazli Ilicak, i fratelli Altan e altri tre giornalisti. È durata poche ore la gioia per la liberazione, programmata ad arte, di Deniz Yucel, corrispondente di Die Welt dopo un anno di prigione in attesa del processo per “propaganda del terrorismo”. [CzzC: Merkel, ti basta la liberazione del tuo concittadino per farti tappare occhi naso e bocca, pro dea pecunia, a fronte dello scempio di civiltà azionato dal sultano, che ha nella Germania il principale partner commerciale?]

 

↑2018.02.12 Ti ricordi la faccia tirata di Erdogan in visita in Italia? <sole24h huff agi> al rientro dall'Italia Erdogan raccontò di aver espresso «preoccupazione» per i passi sbagliati» dell'Eni durante i colloqui con Mattarella e Gentiloni. Ora la sua marina militare blocca la nostra nave Saipem al largo di Cipro, subito dopo che l'Eni aveva annunciato una scoperta «promettente» nell'area. [CzzC: forza del diritto o diritto della forza?]

 

↑2018.02.05 <ansa> contro Erdogan a Roma cori di "vergogna"; due feriti; al sit in nei giardini di Castel Sant'Angelo esponenti dei Movimenti e della comunità curda.

 

↑2018.02.05 <internazionale> Quando le immagini dell’intervento turco nel nord della Siria hanno mostrato i carri armati di fabbricazione tedesca Leopard 2 che bombardavano il cantone curdo di Afrin, in Germania è scoppiato un caso politico e il governo è stato costretto a sospendere un accordo con la Turchia per l’ammodernamento dei Leopard. In Italia non si batte ciglio [CzzC: è in visita <repubbl>  Erdogan], nonostante che la Turchia impieghi nella stessa operazione gli elicotteri d’attacco T129, prodotti in partnership con la Leonardo (l’ex Finmeccanica, controllata dal governo italiano).

 

↑2018.01.30 condivido MG <fb prosiria> i bombardieri di Erdogan stanno distruggendo siti archeologici del nord della Siria: ierl’altro il sito ittita Ain Dara, oggi quello di Cyrrhus: cancellare la storia per cancellare l'identità del popolo [CzzC: anche se Erdogan è considerato parte degli illuminati traditi da altri illuminati (Gülen?), l'avversione ai simboli dell'Oriente cristiano lo accomuna ai lumi dei Grandi Orienti che avversano il primo, quantomeno alla Voltaire]

 

↑2018.01.29 <agi> i negoziati di Sochi sul destino della pace in Siria iniziano senza la rappresentanza curda, ovvero la fazione che - con il sostegno aereo statunitense - ha liberato dall'Isis aree cruciali come Raqqa. [CzzC: Erdogan ha raggiunto il suo scopo con l’attacco ad Afrin: escludere i curdi; mi dispiace di questa assenza]

 

↑2018.01.23 <repubblica> i curdi del Rojava, embrione di stato autonomo all'interno dei confini siriani: "esortiamo i figli del nostro popolo a difendere Afrin" <nenaNews> ambivalenza verso i curdi, sia della Russia (che ha lasciato campo libero a Erdogan dopo che i curdi han rifiutato di consegnare Afrin a Damasco) sia degli Usa che pur li usarono alleati, <limes> sia dell’Iran.

 

2018.01.21 <youtube.sp> Erdogan spingerà Usa e Russia a scontrarsi in Siria? Fu profetico Fr1: prima il genocidio degli Armeni, ora dei Curdi ...

 

↑2018.01.19 <eastwest> Erdogan s'inciucia col criminale dittatore di Khartoum, quell'Omar Al-Bashir condannato dalla Corte di Internazionale di Giustizia per crimini di guerra e crimini contro l'umanità (definiti "invenzioni giornalistiche" dal suo sponsorizzato Gino Strada) e ottiene la cessione dello storico porto di Suakin, irritando l'Egitto sia per la strategicità di Suakin sul Mar rosso, sia perché Erdogan è riferimento degli invisi Fratelli Musulmani. [CzzC: fermatevi spietati dittatori! Avreste fatto già abbastanza strame di diritti umani]

 

2018.01.17<sicurinternaz> Erdogan bombarda i curdi siriani nel distretto di Afrin: i curdi chiedono “alla comunità internazionale di assumersi le sue responsabilità verso più di un milione di persone che vivono ad Afrin”. Erdogan pretestua che le YPG avrebbero lanciato missili contro insediamenti controllati dall’Esercito siriano libero (ESL), [CzzC: ma ha altri scopi di influenza regionale, per i quali vuole escludere i curdi dai <euronews> negoziati di Sochi a fine mese].

 

↑2017.11.30 <vietatop> la Turchia di Erdogan non vuol sentir parlare di islam moderato né di “dialogo interreligioso” che metta giudaismo e cristianesimo sullo stesso livello dell’islam, unica vera religione perché Maometto ha invalidato le altre.

 

↑2017.09.26 <tempi>: Erdogan: conquisteremo l’Europa come la conquistarono gli Ottomani: basta che ogni musulmano faccia cinque figli e l’Europa è presa

 

↑2017.09.19 <voltaire>: Gli Usa rimirano contro la Siria, stavolta con truppe curde come Isis doveva creare un Sunnistan tra Iraq e Siria, ora si userebbe allo scopo il Kurdistan siriano (Rojava). [CzzC: la situazione è più complessa: non dimentichiamo quanti cristiani sono stati salvati profughi a Erbil; non dimentichiamo che ora gli Usa non flirtano più con Erdogan come quando co-incubarono Isis; Erdogan odia i curdi]

 

↑2017.07.22 <tempi>: L’islam di riferimento del Pd a Milano tifa Erdogan: «La Turchia torna a essere una grande nazione musulmana»

 

↑2017.07.12 <ansa >: Erdogan: l'UE non ci invita ai summit, ci fa perdere tempo, sarà confortante se ci dirà che non può accettare la Turchia nella Ue, allora noi cominceremo il nostro piano B e C. [CzzC: spero che i più saggi della Ue si rendano conto che il sultano ci tratta solo come ricattabili, fregandosene del rispetto di libertà e altri diritti umani]

 

↑2017.07.09 <repubblica>: Turchia, centinaia di migliaia in piazza a Istanbul per la "giustizia" e contro Erdogan, la più grande manifestazione organizzata dall'opposizione dal 2013 [CzzC: preghiamo che sia per una giustizia più vera di quella di “illuminati” golpisti]

 

↑2017.04.29 Erdogan blocca l'accesso a tutte le versioni linguistiche di <Wikipedia>: appello per il ripristino del libero accesso all'informazione.

 

↑2017.04.28 <globalist>: Erdogan continua il massacro dei curdi col silenzio-assenso del gov Usa: uccise 12 donne curde che lottavano contro l’Isis. Ypg ha chiesto di imporre una no-fly zone su Rojava, il Kurdistan siriano, accusando Ankara di "aiutare i terroristi".

 

↑2017.04.20 <repubbl> La Turchia di Erdogan è diventata la più grande prigione al mondo per giornalisti: oltre 150 giornalisti arrestati, in migliaia licenziati senza motivo: ormai basta un tweet contro il governo per finire in carcere per mesi.

 

↑2017.04.17 <sentire avvenire>: Erdogan vince di misura il referendum del sultano. L’Osce: non rispettati gli standard democratici <adnkronos> l’opposizione denuncia brogli [CzzC: un illuminato islamista che decantasse i minareti le nostre baionette e i fedeli i nostri soldati potrebbe anche usare Taqiyya e Kitman per ingannare gli avversari, o no?]

 

↑2017.04.06 In merito alla strage con gas dopo il bombardamento sul villaggio di Khan Sheikhoun, Erdogan sputa come sempre contro Assad, senza porsi il minimo dubbio che possa essersi trattato di un false flag.

 

↑2017.03.17 <repubblica>: Erdogan spara a zero contro la UE la cui corte di giustizia legittima il no al velo sul posto di lavoro: “una guerra crociata” <ansa giornale>: «ai miei fratelli in Europa: non fate tre figli, ma cinque, perché voi siete il futuro dell'Europa»

 

↑2017.03.16 Olanda: Rutte non si piegò ad Erdogan: anche per questo ha vinto le elezioni <fq huff> evitando il sorpasso di Geert Wilders che vuole la NLexit [CzzC: speriamo che qualche altro statista europeo eviti il primario errore che provocò la Brexit]

 

↑2016.12.31 <repubblica>: Siria, il Consiglio di sicurezza dell'Onu approva all'unanimità la tregua di Russia e Turchia. [CzzC: meno male che la Russia c’è, mentre il masso Nobel Pace con un goffo colpo di coda da scorpione in ritirata <fattpq> espelle 35 funzionari russi. Putin: “Non faremo diplomazia da cucina”. Trump: ‘Grande mossa di Mosca’]

 

↑2016.11.18 <messaggero>: Turchia: il partito di Erdogan propone in parlamento il sì per le spose bambine e per il matrimonio riparatore della pedofilia. [CzzC: cara Isabella, ci piacerebbe sentire nei prossimi giorni la tua voce virare da suadente a vibrante per denunciare i vertici di quel civil Paese, cui stiamo dando miliardi di Euro e che Merkel voleva sdoganare senza passaporto; non vorremmo temere dissimulazioni magari perché la Turchia è pur sempre prezioso alleato militare dell’illuminato nobel pace]

 

↑2016.11.16 <oraprosiria>: L'esercito mercenario di Erdogan è costituito da Cinesi Uiguri sunniti turcofoni: Erdogan, per cui "I martiri del Turkestan orientale sono i nostri martiri”, ha organizzato l’ingresso in Turchia e poi in Siria di oltre 50.000 Turchi Uiguri con passaporti falsi. Il Partito Islamico del Turkestan (TIP) è un gruppo radicale dal 2001 affiliato ad Al-Qaida e in Siria sta con al-Nusra. “I Ceceni che hanno lasciato ISIS sono stati rimpiazzati dagli Uiguri” annota l’OSDH.

 

↑2016.11.04 <qlcsinistra>: Erdogan colpisce ancora: arrestati 11 deputati dell’opposizione: un pesante attacco alle libertà democratiche e allo Stato di diritto [CzzC: cara Merkel, quando gli allocasti 6G€, cosa ti faceva certa che fosse più democratico?]

 

↑2016.08.17 <asianews>: Il governo Erdogan sostiene gruppi terroristi islamici che combattono in Siria: è quanto emerge da un rapporto confidenziale del minInterni tedesco secondo il quale la Turchia sarebbe oggi “una piattaforma per le operazioni” di tali gruppi [CzzC: solo adesso vi accorgete? E Merkel ammette?]. Erdogan prospetta di ripristinare la pena di morte per i golpisti di scarcerare 38k detenuti per far loro posto.

 

↑2016.08.09 I terroristi siriani che gli inciuciati Us-turco-wahhabiti chiamano ribelli moderati <sussidiario> intitolano il loro contrattacco ad Aleppo ad Ibrahim Yusuf , il capo della milizia wahhabita che nel 1979 durante la rivolta dei Fratelli musulmani ammazzò 80 giovani cadetti alawiti. Il portavoce della coalizione Fath Halab dice «uccideremo questi alawiti come quella volta, trascineremo i loro cadaveri per le strade e li tortureremo anche da morti». [CzzC: grazie al masso nobel pace e ai suoi alleati turco-wahhabiti?]

 

↑2016.08.02 <corriere>: elogio di un’intervista: Lucia Goracci non ha ceduto davanti a Erdogan: 

A.Ferrari: «non ha accettato la seduzione del potere. Il risultato è quello che tutti possono vedere, e rendo onore alla grinta indomabile della collega». [CzzC: non male questo coraggio nei confronti di un sultano in grado di ricattare con migranti e Nato pro sua ideologia islamista capi di stato del calibro di Merkel e premi Nobel Pace]

 

↑2016.07.20 <repubblica>: Erdogan: "Golpe, non escludo coinvolgimento di Paesi stranieri". Rappresaglia su scuole e università. Arrestato rettore di Ankara e due giudici costituzionali. Merkel: "Misure che si fanno beffe dello stato di diritto" [CzzC: come potesti fidarti di un foraggiatore di terroristi pro regime change a Damasco?]

 

↑2016.07.19 <repubblica>: golpe Turchia: seminudi legati ammassati a terra i militari arresi ed arrestati [CzzC: forse pochi altri oltre la Merkel potevano illudersi di indurre a rispettare i diritti umani chi allena e foraggia terroristi pro regime change (Assad): chi, Erdogan? Non solo, anche Us e wahhabiti con lui inciuciati in pari obiettivo. Continua]

 

↑2016.07.16 Erdogan abusa del <golpe militare fallito> per vessare ulteriormente i diritti umani: forse pochi altri oltre la Merkel potevano illudersi di indurre a rispettare i diritti umani chi allena e foraggia terroristi pro regime change (Assad) ... continua

 

↑2016.07.05 <amnestyIntern>: Amnesty International ha denunciato oggi un'agghiacciante ondata di rapimenti, torture e uccisioni sommarie da parte dei gruppi armati che agiscono nelle province di Aleppo, Idlib e in altre zone del nord della Siria, alcuni dei quali sono sostenuti da paesi quali Arabia Saudita, Qatar, Us e Turchia, nonostante si rendano responsabili di violazioni delle leggi di guerra [CzzC: solo adesso hai corretto la vista cara Amnesty? Meglio tardi che mai, e ... continua]

 

↑2016.07.04 <sussidiario>: Erdogan scopre i terroristi solo adesso? Ha aiutato lo stato islamico fino all'altro ieri, ora piange i propri morti. Dati e fatti dell'incredibile ottusità politica e strategica di Erdogan col sostegno dato all’Isis e che continua a dare ad al Nusra (al Qaeda in Siria) e al gruppo Aharar al-Asham e che gli alleati Nato dissimulano.

 

↑2016.07.01 <stampa>: Gentiloni: «Sì all’ingresso di Ankara, isolarla è da masochisti» [CzzC: caro ex-68ttino, perché bari con l’illazione che saremmo noi a voler isolare la Turchia? Perché la invochi in Europa “senza se e senza ma”? Perché non dici che è la Turchia che calpesta quei diritti umani di cui l’EU pretende rispetto come condizione per le trattative? Dissimuli errori di Erdogan sperando che Us-Nato ti spianino carriera?]

 

↑2016.06.29 <tempi giorn>: tardivo il pentimento di Erdogan: l’attentato all’aeroporto di Istanbul, all’indomani del tentativo del sultano di iniziare a riparare i troppi errori politici, [CzzC: a cominciare da quelli contro Israele e Russia (scuse per l’abbattimento aereo). Forse Erdogan avrà di che pentirsi anche con tanti suoi fidi collusi con Isis, perfino suo figlio che lucrava dalla compagnia di tir che contrabbandavano petrolio Isis + foreign fighters passati quasi tutti dalla frontiera turca: o sbaglio?]

 

↑2016.06.27 <thelocal>: Un gruppo di politici tedeschi e personaggi pubblici hanno intentato una causa contro il presidente turco Erdogan, accusandolo di aver commesso crimini di guerra contro la minoranza curda del suo paese. [CzzC: causa negletta da Merkel?]

 

↑2016.06.25 L’Europa che resta corregga subito gli errori che indussero Brexit: odo giovani inglesi piangere per il loro futuro violato dai più vecchi; mi piange il cuore per la certezza che avrebbe vinto il remain se l’Europa avesse sbattuto la porta in faccia all’Erdogan violatore di diritti umani, anziché prospettargli (modo Merkel) la dissoluzione dei confini dell’Unione per una massiva invasione di persone senza se-ma verso diversità di cultura, adattabilità, diritti umani. Continua ...]

 

↑2016.06.24 In Siria le forze curde (guidate da Rojava) sono i più efficaci combattenti anti Isis ma sono ostacolate dal sedicente esercito libero appoggiato da Erdogan e Us <nena>: su pressione della Turchia, l’Onu ha escluso Rojava dal negoziato di Ginevra.

 

↑2016.06.23 <antidiplomat>: Erdogan propone all'Occidente di escludere dalla lista delle organizzazioni terroristiche, Al-Nusra e accettare questo gruppo come un alleato

 

↑2016.06.08 <fb>: Maurizio Molinari, il direttore de “La Stampa”, ha sintetizzato in seguente modo la politica e le aspirazioni della Turchia di Erdogan: “Ankara vuole rovesciare Assad per trasformare la Siria in uno Stato sunnita guidato da gruppi islamici portatori dell’ideologia dei Fratelli Musulmani, che coincide in gran parte con la piattaforma del partito Akp di Erdogan, al fine di generare una sfera di influenza neo-ottomana nel Medio Oriente segnato dall’implosione degli Stati arabi. Ovvero gettare le basi di un Sultanato di Erdogan sulla regione”. M. Introvigne commenta

 

↑2016.06.06 <lplnews24>: Kobane bombardata da forze turche: a fine Gen2015 i curdi liberarono Kobane da Isis, inerti le forze armate turche, che, anzi, contrastarono più i liberatori che i terroristi occupanti la città curda; dopo la fine dell'assedio non hanno mai interrotto di bersagliare le postazioni di YPG rimaste a difesa di Kobane. Domenica 5 gli ennesimi tiri di obice con la distruzione di diverse case.

 

↑2016.06.06 <voltairenet>: Thierry Meyssan, presidente della conferenza Axis for Peace: l’ONU e la UE (causa Nato soprattutto), invece di coordinare la lotta contro Isis, mettono i bastoni fra le ruote ai più efficaci combattenti anti Isis sul campo, mascherano i sostegni statali al terrorismo internazionale, ignorano i documenti consegnati al Consiglio di Sicurezza che da Iraq, Siria e Russia dimostranti il foraggio ad Isis fornito da Arabia Saudita, Qatar e Turchia di Erdogan. Continua

 

↑2016.06.06 <sussidiario>: Erdogan sarebbe l'ostacolo più grande per un'exit strategy in Siria: principale sostenitore della sopravvivenza della ribellione nel nord della Siria compreso Isis, dopo aver appoggiato le milizie legate ai Fratelli musulmani ed aver saccheggiato Aleppo, Erdogan è entrato a far parte della coalizione sedicente contro Isis solo per bombardare i "terroristi" appartenenti alle forze Pkk e Ypg curde

 

↑2016.06.04 <avvenire>: «Quando i politici e i religiosi si fanno carico del lavoro degli storici non dicono delle verità, ma delle stupidaggini», sentenzia oggi Erdogan sul Genocidio degli armeni riconosciuto finalmente anche dalla Germania.

 

↑2016.06.02 <repubbl giorn east>: il Bundestag riconosce: «il massacro degli Armeni fu genocidio». Erdogan iroso richiama l'ambasciatore e minaccia «conseguenze nei rapporti bilaterali in campo economico e militare». Il voto, a piano nel 2015,slittò anche per insistenza della Merkel che non ha partecipato al voto [CzzC: ok cara Germania! Un segno di speranza, un passo di verità e giustizia prevalente stavolta sulle remore indotte da priorità affaristiche e da ... continua]

 

↑2016.05.23 <tempi>: svolta autoritaria e anti-democratica di Erdogan: l’epurazione del premier Erdogan e l’abolizione dell’immunità parlamentare spaventano Bruxelles? [CzzC: ma che lumi sarebbero quelli che ci pilotano da Bruxelles se ora si spaventano non avendo previsto che Erdogan potesse essere così anti-democratico? Il popolino lo prevedeva meglio di loro? Povera Europa, apri gli occhi, Merkel!]

 

↑2016.05.06 <sole24h>: Schiaffo di Erdogan alla Ue: la Turchia non modificherà la propria controversa legge sul terrorismo nonostante questa modifica sia richiesta tra le 72 condizioni per l’abolizione dei visti dei cittadini turchi in ingresso nell'Unione europea. «Andiamo avanti per la nostra strada», ha detto il capo dello Stato, Recep Tayyp Erdogan, dopo le clamorose dimissioni del primo ministro Ahmet Davutoglu.

 

↑2016.05.04 Cara Merkel, mentre vuoi concedere ad Erdogan anche l’abolizione dei visti lo sai che <rightsrep> ha abolito l’immunità parlamentare solo per i deputati curdi? Lo sai dei 1.800 processi aperti dalla magistratura turca contro chi lo critica? Non ti son bastate le tante dimostrazioni di connivenza tra Isis e Turchia per frenare la secolare tentazione germanica di inciuciarsi coi turchi, perfino in genocidi negati? Ti piace tanto l’Erdogan che recita "Le moschee sono le nostre caserme, le cupole i nostri elmetti, i minareti le nostre baionette e i fedeli i nostri soldati..”? Ti ricordi il ghigno di supponenza con cui il suo ministro degli esteri ti chiese 6 anziché 3G€?

 

↑2016.04.16 <stampa>: Merkel cede alle pressioni turche: comico anti-Erdogan a processo. Decisivo il voto della cancelliera. Una poesia di 24 versi contro il presidente turco  Erdogan recitata da Jan Böhmermann il 31/03 sulla tv pubblica Zdf potrebbe costare il carcere al 35enne autore satirico, grazie alla decisione del governo Merkel di autorizzare l’avvio di un’azione penale contro di lui, su richiesta di Erdogan [CzzC: forza del diritto o diritto della forza?]

 

↑2016.04.14 <ansa>: Consiglio d’Europa accusa Turchia: diritti umani calpestati [CzzC: che si fa perché Erdogan non li calpesti? Gli diamo più soldi?

 

↑2016.04.06 <spondasud>: intelligence russa: Erdogan vuole attaccare l’Armenia: c’è la Turchia di Erdogan dietro la crisi Nagorno Karabakh: [CzzC: commento]

 

↑2016.03.13 <sussidiario>: Decine di civili massacrati dall'esercito turco di Erdogan nella cittadina curda di Cizre, nel sud-est del paese al confine con la Siria. Lo spiega Massoud Akko, giornalista curdo e attivista per i diritti umani: Erdogan reagisce così alla conquista da parte dei curdi di fasce di territorio nel nord della Siria

 

↑2016.03.07 <corriere>: Erdogan alza la posta: vuole altri 3G€ entro il 2018 [CzzC: forse è pura ma è truce la coincidenza che i primi 3G€ siano stati promessi a Erdogan subito dopo che aveva abbattuto l’aereo russo e la trattativa su altri 3G€ sia aperta subito dopo che con la sua polizia violentò la libertà di espressione di Zaman]

 

↑2016.03.05 <corriere>: Erdogan manda la polizia nella sede di Zaman, il più venduto quotidiano nazionale è sotto amministrazione controllata: se ne va un altro pezzo della libertà di espressione in Turchia [CzzC: cara Merkel, perché ciò nonostante hai fregola di dare i 3G€ a Erdogan? Ci fai tenere le sanzioni contro Russia2.0, il Paese che più contrasta il terrorismo, e culli questo stramatore delle libertà, inciuciato con Isis e bombardatore dei Curdi impegnati sul terreno meglio di altri contro Isis? Lo sai che, se non con le armi, solo coi soldi potresti piegare Erdogan a rispettare le libertà fondamentali?]

 

↑2016.02.15 <whatsupic>: il ministro turco Mevlut Cavusoglu ha dichiarato alla televisione che la Turchia potrebbe conquistare la Russia in soli 7 giorni [CzzC: caro masso nobel Pace, non ti vergogni a sostenere bellicosi di tal cervice, bombardatori dei Curdi che sono i principali contrastatori dell’Isis sul terreno?]

 

↑2016.02.08 <sole24h>: alleanza Merkel-Erdogan aprì autostrada della Jihad: pur di tenere lontani i profughi siriani, la Merkel si dice «inorridita» dai raid russi, ma perché non afferma la stessa cosa della barbarie del Califfato e dei jihadisti? [CzzC: cara Merkel, perché fingi di non sapere che i profughi sono provocati, ben più che dalle bombe russe, dai bombardamenti che i jihadisti scatenano sui civili per rivalsa contro la perdita di terreno? Vedi testimonianza di un attento osservatore pacifico e benefico in Aleppo: <gdp.ch>: lettera da padre Ibrahim Alsabagh. «Noi frati rimarremo qui finché ci sarà l'ultimo cristiano». La città è oggetto dell'offensiva del Governo siriano che tenta di riconquistarla e, per rivalsa, i ribelli islamisti colpiscono i civili: oltre 70mila le persone in fuga, migliaia di loro sono ammassate al confine con la Turchia, che sbarra loro i varchi di accoglienza]

 

↑2016.01.26 <tempi>: i rifugiati cristiani in Turchia sono costretti a «fingersi musulmani». Secondo il Gatestone Institute per evitare discriminazioni circa 45 mila cristiani fuggiti da Siria e Iraq nascondono la loro identità religiosa [CzzC: non lo dite alla Merkel, perché potrebbe userebbe tale maltrattamento come ragione pro anziché contro l’elargizione di 3G€ ad Erdogan]

 

↑2016.01.18 <giornale>: Erdogan bombarda villaggio cristiano in Iraq: nella notte tra il 16 il 17 gennaio le truppe turche hanno bombardato il villaggio iracheno di Sharanish, dove non vivono i tagliagole dell’Isis, ma cristiani caldei e assiri. [CzzC: se lo può permettere grazie anche ai 3 miliardi di euro patrocinati dalla Merkel?]

 

↑2015.12.15 <internazionale>: Arabia Saudita alla testa di una coalizione di 34 paesi musulmani contro il terrorismo. <VideoCorriere pessimo audio>: coalizione e grande ipocrisia: il coraggio del re di Giordania e il pessimo esempio di Erdogan.

 

↑2015.12.05 Il pericolo Erdogan in Europa: alla domanda provocatoria “e se invece della Turchia facessimo entrare in Europa la Siria?" rispondo che occorre discernere, anche perché la più sana Turchia potrebbe non essere quella che adora Erdogan, e i più sani europeisti potrebbero non essere quelli che lo ammetterebbero in Europa anche senza che ammettesse il genocidio degli Armeni e liberasse la parola degli oppositori ... continua

 

↑2015.12.05 Pur denigrando Erdogan come artefice di scelleratezze antidemocratiche, i massoni del nostrano grande oriente democratico, non osano ammettere quanto l’illiberale possa essere stato ispirato da fratelli massoni, viste quantomeno le onorificenze accordategli dagli illuminati e il filo da Merkel. Gli stessi massoni peraltro ammettono che l'esercito turco sia «in larghissima parte di ascendenza massonica, laica e kemalista, e che la nazione turca sia stata fondata da Ataturk e da altri lungimiranti Liberi Muratori»]

 

↑2015.12.03 <tempi>: Armi ai jihadisti. Lettera dal carcere del giornalista turco Can Dündar, che ha messo nei guai Erdogan. Ha mostrato in prima pagina prove delle armi turche consegnate ai jihadisti in Siria, è direttore del giornale turco Cumhuriyet, autore di uno scoop internazionale sulle armi inviate dalla Turchia ai jihadisti in Siria, per questo è in carcere sotto processo per spionaggio e terrorismo

 

↑2015.12.01 <grillo>: C'è qualcosa di terribilmente sbagliato nei 3 miliardi di Euro che l'UE ha deciso di concedere due giorni fa a Erdogan: «Se la Turchia avesse imposto lo stesso embargo sui territori dell'ISIS che ha imposto ai territori della Siria in mano alle forze curde, il "califfato" sarebbe crollato da un pezzo - e gli attacchi di Parigi probabilmente non sarebbero mai avvenuti. E se la Turchia lo facesse oggi, l'ISIS crollerebbe probabilmente nel giro di pochi mesi. Eppure non c'è un singolo leader occidentale che abbia chiesto ad Erdogan di farlo» detto da David Graeber, professore della London School of Economics [CzzC: nessun leader occidentale lo può chiedere, per probabile sudditanza Nato al masso nobel pace, che mai ciò chiederebbe a Erdogan, almeno per affinità di lumi e di schieramento anti Russia]

 

↑2015.11.29 <giornale>: Il figlio di Erdogan fa affari con l'Isis? Dietro al contrabbando di petrolio tra Turchia e Isis ci sarebbe il figlio del presidente Erdogan, Bilal. E il genero di Erdogan è il nuovo ministero dell'Energia nell'esecutivo appena formato. [CzzC: democrazia o sultanato tirannico in cinica gestione casalinga?]

 

↑2015.11.28 <repubblica>: Ucciso Tahir Elci, avvocato dei Curdi; a ottobre era stato arrestato ed era in attesa di processo per aver 'giustificato' il seguito popolare del Pkk. Il governo ipotizza la casualità, ma l'opposizione parla di omicidio di regime

 

↑2015.11.26 <blog>: e se Erdogan abbattendo l’aereo russo si fosse vendicato dei suoi camion trasportanti petrolio dell’Isis, distrutti dai Russi? Bilal Erdogan, 35 anni, 3° figlio di Erdogan sarebbe indicato come il mediatore che trasporta petrolio e altri beni che l’ISIS ruba a Irak e Siria lucrando centinaia di milioni di dollari.

 

↑2015.11.24 <ilfattoq>: l’ordine di abbattere l’aereo russo è arrivato dallo stesso premier turco Ahmet Davutoglu [CzzC: ovviamente d’accordo con Erdogan]

 

↑2015.10.29 <ansa>: Turchia, bloccata la pubblicazione di 2 giornali anti-Erdogan: dopo l'oscuramento ieri di due tv dello stesso gruppo pro-Gulen. Human Rights Watch (Hrw): 'Misure peggiori contro stampa da golpe 1980' [CzzC: contenta Merkel?]

 

↑2015.10.19 <ansa>: stop ai canali tv anti-Erdogan a vigilia voto: l'operatore statale unico di comunicazione satellitare in Turchia, Turksat, ha trasmesso ai suoi network l'avviso di interrompere entro un mese le trasmissioni di 7 canali televisivi ostili all'Akp di Erdogan, pena l'interruzione dei loro contratti. [CzzC: e al governo erdogano così rispettoso delle libertà democratiche e foraggiatore di terroristi Isis la Merkel prometterebbe il sostegno di entrata in Europa, purché trattenga di più colà i migranti, anziché convogliarli verso l’Europa: cara Merkel, è così che i tuoi maestri luterani ti hanno insegnato a svendere la democrazia per un piatto di lenticchie? Magari pure condito dalla menzogna-kitman?]

 

↑2015.10.18 Mentre Erdogan violenta la democrazia zittendo l’opposizione per vincere le elezioni, <rainews> ottiene dalla Merkel ponti d’oro per entrare in Europa e dal Belgio (o Belgistan?) ottiene l’illuminata onorificenza dal Gran Cordone dell'Ordine di Leopoldo.

 

↑2015.07.27 Erdogan inizia a bombardare villaggi curdi in Siria col pretesto di iniziare a combattere Isis che fino a ieri foraggiava in funzione anti Assad e anti Curdi (non dimentichiamo che i Curdi salvarono migliaia di cristiani in fuga dai carnefici Isis). Erdogan d'accordo con Obama bombarda i curdi accusandoli di terrorismo (Pkk) onde impedire loro di guadagnare nuovo terreno come protagonisti di contrasto allo Stato Islamico , e mira ad invadere la Siria con la certezza che gli US non sanzioneranno la Turchia... continua...

 

↑2015.06.27 <asianews>: Al Azhar e il Vaticano sul terrorismo che approfitta delle ambiguità della comunità internazionale:

- per contrastare i curdi, Erdogan alimenta foreign fighters all'ISIS e ne contrabbanda il petrolio

- la Francia vende armi all’Arabia Saudita, che sostiene il fondamentalismo islamico salafita;

- gli USA sostengono al Nusra/HTS contro Assad e strizzano d'occhio a Qatar e Riyadh.

Occorre fermare i finanziamenti ai terroristi. Continua

 

↑2015.05.29 <giornale>: "Erdogan aiuta l'Isis": il quotidiano di opposizione pubblica un filmato che mostra come le autorità starebbero portando armi ai jihadisti in Siria

 

↑2015.05.22 <AgenSir>: il prossimo 7 giugno è tappa elettorale in Germania: allo scopo sbarcano colà il presidente turco Erdogan e il premier Davutoglu per una serie di comizi: polemiche con i tedeschi che osassero qualificare come “genocidio” lo sterminio nel 1915 degli armeni. Davutoglu chiede la cancellazione del termine dai testi di storia che circolano nelle scuole in Germania. [CzzC: si permettono quell’arrogante menzogna perché possono ricattare sugli affari e strategia Nato: e, infatti, la Merkel, ciononostante, gli farà ponti d’Oro per l’Europa e gli procurerà 3-6G€]

 

↑2015.05.16 <avvenire p7 eunews>: Parlamento Ue: “Turchia riconosca il genocidio degli armeni”. L’Aula di Bruxelles sollecita Ankara a “venire a patti con il suo passato”. Erdogan: “Quello che dicono mi entra da un orecchio e mi esce dall’altro”. [CzzC: arroganza del diritto della forza, contro la forza del diritto e la verità]

 

↑2015.04.17 <giornale>: La Turchia aiuta il Califfato isis ospitando avamposti logistici e di sicurezza: ecco le prove che inchiodano Erdogan

 

↑2015.04.17 <campariedemaistre>: Erdogan, il Papa e la fine della Turchia laica: Ataturk abolì il califfato pensando che il crollo dell’Impero ottomano fosse dovuto dall’arretratezza imposta dall’Islam, cancellò i riferimenti alla Sharia nel codice civile, e fece molte riforme in senso laicista. Oggi la situazione è molto cambiata ed Erdogan sta procedendo con una serie di contro misure che sembrano riportare la Turchia ad essere un paese islamico a tutti gli effetti. [CzzC: sarebbe una catastrofe per i diritti umani se una Turchia così negazionista si imponesse in Europa]

 

↑2015.04.14 <asianews>: la Turchia di Erdogan minaccia “risposte” all’affermazione del Papa sul “GENOCIDIO” armeno. Esponenti governativi di ogni livello definiscono “non valide”, “vuote”, “inappropriate”, “unilaterali”, “inaccettabili” e “falsificano la storia” le parole dette ieri da Fr1. Le stesse usate nel 2001 da Giovanni Paolo II. Ma il presidente islamico “moderato” vuole riproporre un nuovo ottomanesimo ed è preoccupato per l’avvicinarsi delle elezioni politiche del 7 giugno. [CzzC: ricordo che B16/Ratisbona aveva osato citare un personaggio, pur definendolo brusco al punto da essere per noi inaccettabile, che si chiedeva se fosse mandatorio nell’islam infliggere male fisico ad inermi, e <giornale> fu crocifisso come islamofobo anche dai nostri repubblicones]

 

↑2015.04.13 Al Papa, che come altri 20 stati, aveva definito genocidio lo sterminio degli Armeni/1915, giungono reprimende e minacce dall’erdoganiote: <avvenire> Il ministro degli Esteri turco, Mevlut Cavusoglu, ha affermato che le parole del pontefice rivelano "una discriminazione dei musulmani e dei turchi di fronte ai cristiani". [CzzC: vedi abuso del termine discriminazione]

 

↑2015.04.01 <tempi>: Erdogan convoca i leader del mondo a Istanbul il 24/04 per «boicottare il centenario del genocidio armeno»: è lo stesso giorno in  cui l’Armenia ha invitato le stesse autorità a Erevan per ricordare l’olocausto degli Armeni. Il 24/04/1915 cominciò la campagna dei Giovani turchi, che sterminarono il popolo cristiano armeno, che abitava quella terra da prima dell’arrivo dei musulmani, uccidendo almeno 1,5M di persone  con l’obiettivo di ridurre in ogni regione di almeno il 90 per cento la popolazione armena, colpevole agli occhi dei nazionalisti di non essere turca.

 

↑2014.12.15 <Avvenire>: Retata anti-dissenso, con 27 arrestati in 13 città turche nell'ambito di un'operazione di polizia giudiziaria che ha preso di mira il quotidiano più letto del Paese, Zaman, e una serie di altre testate e personaggi vicini a Fethullah Gulen, il predicatore autoesiliatosi negli Stati Uniti che ha lanciato una campagna contro Erdogan, al potere dal 2002. Il presidente turco Erdogan all’UE: taccia!

 

↑2014.10.15 <laStampa> Erdogan bombarda i curdi anziché l’Isis. [CzzC: domando a Obama nobel pace se vede quanto le sue alleanze turco-wahhabite antisciite siano contrarie alla giustizia e alla pace e alimentino il terrorismo: le cambi!]. Ottengo risposta

 

↑2014.09.25 I "giochi" di Erdogan per aiutare i terroristi: l’ambiguità della Turchia si esplica nel tentativo sempre presente di diventare la guida del mondo islamico mantenendo rapporti con i Fratelli musulmani ma anche con i fondamentalisti dell’Isis. E Ankara osteggia la fornitura di armi ai curdi [CzzC: non ti parrebbe che, se non fosse per l’opposizione di US-UK, noi ci sentiremmo più tranquilli ad avere i Russi piuttosto che certi altri pretendenti ad entrare in UE?]

 

↑2014.08.10 <wikipedia>: Erdoğan vince le prime elezioni presidenziali, si tratta della prima elezione diretta del Presidente che in precedenza era eletto dal Parlamento. Erdoğan si aggiudica le elezioni, a cui ha partecipato il 76% degli aventi diritto, con il 52% dei consensi davanti agli altri candidati Ekmeleddin İhsanoğlu (38%) e Selahattin Demirtaş (10%).

 

↑2013.06.12 <giornale>: pugno di ferro di Erdogan. Multate le tv che trasmettono i raduni: "tolleranza zero" ed è stato di parola. Arrestati 72 avvocati

 

------------------------------------

SEGUITO DEL SOMMARIO

Fondò il Partito per la Giustizia e lo Sviluppo (AKP) col quale vinse le elezioni 2002, 2007, 2012, 2015. Il 10/08/2014, Erdoğan vinse le prime elezioni presidenziali ad elezione diretta.

[CzzC: per capire quale profilo della cultura dominante possa/potesse sottenderlo

- vedi le onorificenze ottenute (oltre che da Ordini di velli, aquile e labari di Georgia, Kirghizistan, Kazakistan, Azerbaigian, comprensibili per affinità di ascendenze razziali) anche dal Gran Cordone dell'Ordine di Leopoldo (Belgio);

- vedi la Merkel (illuminata da ur-lodges) che promise” ad Erdogan di ammettere i turchi in Europa senza passaporto proprio alla vigilia di quelle elezioni che il sultano vinse silenziando anche in modo violento gli oppositori; e alla vigilia del referendum Brexit, uscita incentivata anche per tale promessa.

Notiamo che dalla 2ª parte del 2016 Erdogan (scottato dagli illuminati?) si discostò da altri foraggiatori di terroristi e avvicinandosi, in ritorsione, alla Russia, pur riservandosi di combattere i Curdi]