Isabella Bossi Fedrigotti: che la pratica dell’utero in affitto rappresenti il futuro è abbastanza certo

Non potrei che apprezzarne, quantomeno da concittadino, le qualità letterarie; peraltro qualche tentativo di correzione fraterna le oserei per come, pur luminosamente intentata a difendere i diritti umani, indulge talvolta alla cultura dominante, quando, ad esempio,

- afferma che la pratica dell’utero in affitto rappresenta il futuro (farebbe così prevalere i presunti diritti dell’adulto su creature indifese come i neonati aventi ben più il diritto di essere allevati da mamma e papà che il dovere di accettare di essere programmati a nascere per essere dati a coppie gay a pagamento o in GPA solidale): il suo assist all'utero in affitto stride con la voce suadente con cui fino a nov2016 pubblicizzò il programma di <Plan Iternational> per adottare a distanza bambine da sottrarre ai matrimoni precoci;

- aborrisce la sussidiarietà cattolica soprattutto in ambito scuole paritarie (vedi qui 11/12/2015 e 18/11/2009)

Forse anche per queste illuminate posizioni è referenziata da il Margine?

 <sentire2016.06> ne linka pensieri & parole.

<wikipedia n1948> giornalista e scrittrice, figlia del conte Federico Bossi Fedrigotti (dal quale ha ereditato con i fratelli una rinomata azienda vitivinicola), collabora al CorSera con articoli di cultura e costume. Premio Campiello. <bella quest’intervista in cui Isabella si narra>

[Pagina senza pretese di esaustività o imparzialità, modificata 02/05/2018; col colore grigio distinguo i miei commenti rispetto al testo attinto da altri]

Pagine correlate: laicismo graffiante la sussidiarietà cattolica soprattutto in ambito scuole paritarie

 

↑2016.11.28 Odo alla radio lo spot di Plan International per lenire la piaga delle spose bambine, ma con una voce diversa da quella di Isabella Bossi Fedrigotti: la sostituzione di voce sarà stata fatta prima della mia interlocuzione 22/11 a Plan International, o, se è stata fatta dopo, sarà avvenuta molto probabilmente senza correlazione con detta interlocuzione.

 

↑2016.11.18 <messaggero>: Turchia: il partito di Erdogan propone in parlamento il sì per le spose bambine e per il matrimonio riparatore della pedofilia. [CzzC: cara Isabella, ci piacerebbe sentire nei prossimi giorni la tua voce virare da suadente a vibrante per denunciare i vertici di quel civil Paese, cui stiamo dando miliardi di Euro e che Merkel voleva sdoganare senza passaporto; non vorremmo temere dissimulazioni magari perché la Turchia è pur sempre prezioso alleato militare dell’illuminato nobel pace]

 

↑2016.07.19 <imolaoggi>: Turchia: la Corte costituzionale annulla norma che considerava reato di pedofilia gli atti sessuali compiuti con minori di 15 anni, violenza che ora sarà considerata come abuso sessuale ordinario, una decisione che rischia di amnistiare l'abuso di spose bambine [CzzC: Isabella Bossi Fedrigotti, ci fai sentire la tua voce?]

 

↑2016.02.01 <ioDonna>: che la pratica dell’utero in affitto rappresenti il futuro è abbastanza certo> Ci potranno essere leggi che in alcuni Paesi, sempre meno numerosi, per qualche anno, magari anche per più anni, la proibiranno, ma ... la voglia di figli è, infatti, istinto irreprimibile ... [CzzC: sottinteso che tale voglia deve essere soddisfatta anche ai gay cui schifasse la copula naturale con una donna procreativa? Cara paladina dei diritti umani, mentre ti apprezzo contrastare la turpe prassi delle spose bambine, permettimi di osservare, ... continua]

 

↑2016.01.10 [CzzC: Diritti umani contrastati a minorenni: apro una pagina sulla piaga umana delle spose bambine udendo la voce sommessa e vellutata di Isabella Bossi Fedrigotti pubblicizzare il programma di <planinternational> per adottare a distanza bambine da sottrarre ai matrimoni precoci: il silenzio sulle responsabilità di regimi e legislazioni tolleranti tale turpitudine, magari finanziatori di UNHRC e Unicef, mi appare indicatore di strumentalità ipocrita, visto anche come ti pronunci, cara Isabella, sulla pratica dell’utero in affitto]

 

↑2015.12.26 <youtube>: narra dei suoi studi, prime esperienze di giornalismo, famiglia, lavoro, soddisfazione, sacrifici, rinunce, incontri e scrittura (premio Campiello).

 

↑2015.12.11 ignora perché davvero non sa o finge di ignorare per graffiare le paritarie cattoliche? <foglio>: in una classifica dei migliori licei dell’area milanese curata dalla Fondazione Agnelli sono risultati primi, tra i classici, il Sacro Cuore di Milano (paritaria cattolica), il Don Gnocchi di Carate Brianza (pure!), il ... ma la nostra dotta illuminata Devo dire che la classifica ha stupito un po’ anche me, trovando in cima alla classifica alcune scuole delle quali, pur avendo figli che hanno frequentato il liceo, non avevo mai sentito parlare”.

 

↑2012.11.gg su <sentire>: scrive che nella Libia del dopo Gheddafi si tortura con corde, tubi e bastoni chiunque sia sospettato di collaborazionismo, presunti mercenari africani ma anche libici dalla pelle nera. Secondo Amnesty International sarebbero più di 2500 gli uomini rinchiusi in vari centri di detenzione e malmenati per iniziativa di consigli locali o di brigate armate senza l'ombra di un ordine di cattura né di un avvocato difensore. [CzzC: ma quando ti abbiamo sentito gridare contro i lumi francesi i cui bombardieri innescarono un disastro di diritti umani e stragi di inermi inusitate nell’era Gheddafi?]

 

↑2009.12.10 <VT#84p2>: La Fedrigotti confronti le sue sicurezze con tanti dossier critici verso il cosiddetto "aborto facile"; almeno in coerenza rispetto ai princìpi della 194 [CzzC: peraltro confido che il magistero petrino non intenda come migliori cattolici quelli vorrebbero intentare un nuovo referendum abrogativo della 194]

 

↑2009.12.03 <piuvoce>: Autorizzata la RU486: «Sullo sfondo - e questo è la specificità italiana - si muove il bisogno di compiacere il Vaticano per compiacere i suoi fedeli. ... sospetto che sempre più fedeli ragionino con la propria testa, anche a proposito di Ru486 ...» [CzzC: indiscutibile il primato della coscienza individuale, soprattutto della donna per quanto riguarda il suo corpo, ma, se negligi le riserve sulla RU486 per quanto attiene quel grumo di cellule informi che eventualmente si fosse formato dopo la penetrazione dello spermatozoo umano nell’ovulo umano, dici nulla riguardo a cautele e riserve sull’ Ru486-fai-da-te rischiante la vita della donna?]

 

↑2009.11.18 Va in onda il disprezzo per la libertà di educazione: qualche settimana fa il CorSera nelle sue pagine milanesi segnalava l'aumento di richieste di iscrizione alle scuole paritarie; la notizia era correlata dalla testimonianza di una mamma che dichiarava di voler iscrivere la propria figlia ad un istituto paritario per ragioni semplicemente educative. Ora una lettera di risposta indignata da parte di un'insegnante di scuola pubblica, commentata positivamente dalla sociologa Isabella Bossi Fedrigotti, riapre il caso. Con Stefano Portioli, presidente per Milano e provincia di AGESC, ci domandiamo come in un paese civile(?), ci possa essere tanto disprezzo per le scelte educative dei genitori [CzzC: nonostante l’art 26.3 della dichiarazione universale dei diritti umani: cara Isabella, illuminata tutrice dei diritti umani, disprezzi tale articolo?]