La NATO costa all’IT 70M€/giorno: per fare così tanti DANNI alla zona Euro dopo la caduta del muro?

~25 miliardi di euro all’anno (~70 milioni di euro al giorno*)?. Ringraziamo la Nato per averci tutelato nel periodo di guerra fredda, ma ora potremmo iniziare ad applicarle spending review anche per indurla a cambiare rotta rispetto a quella sulla quale da alcuni decenni causa gravi danni alla zona Euro assecondando ciecamente gli USA in follie geo-strategiche con stragi di inermi:

- la Nato ci indusse nel 1999 a bombardare l’europeissima Belgrado accusata di non riconoscere il diritto all’autodeterminazione dei Kosovari (in realtà perché la Serbia era più allineata alla Russia che agli Us-turco-wahhabiti armanti gli indipendentisti Kosovari, ora covo di terroristi);

- ci indusse a bombardare Saddam, inventando che avesse armi chimiche (mai trovate; in realtà perché era più allineato alla Russia che agli Us-turco-wahhabiti);

- ci indusse a bombardare Gheddafi, accusandolo di reprimere troppo duramente l'opposizione** (in realtà perché era più allineato alla Russia che agli Us-wahhabiti);

- colpisce Assad e appoggia i jihadisti a lui contrari, accusandolo di reprimere troppo duramente l'opposizione* (in realtà perché è più allineato alla Russia che agli Us-turco-wahhabiti);

- applica il principio di autodeterminazione dei popoli contro il principio di intangibilità dei confini in Kosovo o all'opposto nella Crimea a seconda di come ritiene conveniente nella strategia Usa contro Russia

CONTINUA IN SEGUITO DEL SOMMARIO

----------------------------------------

* Probabilmente questo è il costo di tutto il nostro esercito in difesa e offesa, non solo la Nato

la NATO e il masso Nobel pace si turano il naso a fronte della dura repressione azionata contro l’opposizione dal regime militare egiziano, insediatosi con colpo di stato sul precedente democraticamente eletto: carcere, torture ed uccisioni di cui ha fatto le spese anche il nostro Giulio Regeni. Molti dei danni qui elencati si annoverano anche in quelli correlabili a più o meno diretta responsabilità di certe lobby

[Pagina senza pretese di esaustività o imparzialità, modificata 29/08/2022; col colore grigio distinguo i miei commenti rispetto al testo attinto da altri]

Pagine correlate: Us-Uk inciuciati con i turco-wahhabiti contro  cristiani, curdi, yazidi, alauiti, sciiti e Russia2.0 in dottrina Wolfowitz

 

2022.06.14 <lastampa> Fr1 a Spadaro: «Due mesi prima del conflitto un capo di Stato mi ha detto che l’Alleanza atlantica rischiava di scatenare quello che è successo». <huffingtonpost agensir> «la Nato sapeva di provocare Putin ... per me oggi la terza guerra mondiale è stata dichiarata ... forse in qualche modo o provocata o non impedita. E registro l’interesse di testare e vendere armi ... Qualcuno può dirmi a questo punto: ma lei è a favore di Putin! No, non lo sono ... Sono semplicemente contrario a ridurre la complessità alla distinzione tra i buoni e i cattivi, senza ragionare su radici e interessi, che sono molto complessi. Mentre vediamo la ferocia, la crudeltà delle truppe russe, non dobbiamo dimenticare i problemi per provare a risolverli».

 

↑2022.05.03 <corriere legge> Fr1: forse «l’abbaiare della Nato alla porta della Russia» ha indotto il capo del Cremlino a reagire male e a scatenare il conflitto. «Un’ira che non so dire se sia stata provocata - si interroga -, ma facilitata forse sì». A Kirill aveva detto: «Fratello, noi non siamo chierici di Stato, non possiamo utilizzare il linguaggio della politica, ma quello di Gesù. Siamo pastori dello stesso santo popolo di Dio. Per questo dobbiamo cercare vie di pace, far cessare il fuoco delle armi. Il Patriarca non può trasformarsi nel chierichetto di Putin.» <huff, tempi> per Flores d'Arcais anche il Papa cade nella propaganda di Putin: non dare le armi a Kiev per difendersi è aiutare l'aggressore, è un ipocrita sostegno all'imperialismo putiniano.

 

↑2022.04.22 <adnk msgr iltempo> Vincenzo De Luca su Zelensky: è un uomo coraggioso malato di irresponsabilità. Chiede due cose: la copertura aerea dalla Nato che significa terza guerra mondiale e il blocco delle forniture energetiche e cioè la messa in ginocchio dei paesi dell’occidente e in particolare di Germania e Italia ... <adnk> abbiamo detto che la Nato è un'alleanza difensiva, ma questo è falso: negli ultimi 30 anni è stata un'alleanza anche aggressiva che ha violato la legalità internazionale, ha bombardato per due mesi Belgrado senza alcuna autorizzazione dell'Onu, ha fatto guerra contro la Libia, l'uccisione di Gheddafi, la seconda invasione dell'Iraq ... La Russia è colpevole ma nessuno è innocente.

 

↑2022.04.15 <controTv.yt♫> Mazzucco-rassegna di antefatti della guerra in Ucraina a partire dalle radici del nazionalismo ucraino (OUN di Stepan Bandera) utilizzato dagli USA contro i sovietici nella guerra fredda: la stessa dottrina sarebbe perseguita anche oggi. [CzzC: c'è da meditare sui fatti esposti, anche se direi di coglierne con prudenza le interpretazioni in assenza di contraddittorio, ma resta evidente che

- la Nato avrebbe potuto evitare errori di provocazione che hanno stanato l'orso;

USA&C perseguono la dottrina Wolfowitz a prescindere dai danni provocati e l'UE si accoda: non a caso, ben più dei tre padri cattolici, a Bruxelles si cita come fondatore dell'Europa quell'illuminato Altiero Spinelli che sussurrava così: «l'Europa per nascere ha bisogno di una forte tensione russo-americana, e non della distensione, così come per consolidarsi essa avrà bisogno di una guerra contro l'Unione Sovietica, da saper fare al momento buono».

 

↑2022.03.09 <ilgiornale> Secondo Zhao Lijian, portavoce del Ministero degli Esteri cinese, la radice della questione ucraina dovrebbe essere ricercata nelle "azioni della Nato guidata dagli Stati Uniti" che "hanno gradualmente spinto fino al conflitto Russia-Ucraina". Washington starebbe inoltre cercando margini di manovra con l’intenzione di "sopprimere Cina e Russia" e "mantenere la propria egemonia" sul mondo.

 

↑2022.03.09 <tempo> Quando Joe Biden nel 1997 diceva: “L'espansione Nato provocherà una risposta vigorosa della Russia”

 

↑2022.03.08 <iltempo> Armi all'Ucraina benzina sul fuoco, i dubbi del generale Generale Marco Bertolini sulla Nato: o si fa un compromesso tra le parti o ci sarà la guerra totale.

 

↑2022.02.26 <ilgiornale> Massimo D'Alema, ex presidente del Consiglio, condanna l'operato di Putin, ma sostiene che anche l'Occidente ha responsabilità di quanto sta accadendo: "Ci sono anche le ragioni della Russia..."  [CzzC: posizione analoga a quella di tanti diffidenti dell'espansionismo Nato]

 

↑2022.02.24 diciamola♫ con le parole di Tulsi Gabbard (democratica USA candidata alle presidenziali 2020) «Questa guerra e questa sofferenza avrebbero potuto essere evitate se l'amministrazione Biden/NATO avesse riconosciuto le legittime preoccupazioni della Russia per la sicurezza riguardo all'adesione dell'Ucraina alla NATO, anziché portare le forze USA/NATO proprio al confine con la Russia»

 

↑2022.02.24 <iltempo> Lucio Caracciolo/Limes: le sanzioni sono un'arma contro Putin, ma anche contro di noi, solo che a lui non fanno effetto e a noi sì: per le sanzioni su Swift o in campo energetico i primi a soffrirne saremmo noi; già il gas in un giorno è aumentato del 25%, siamo entrati in una partita dove come ti muovi sbagli. [CzzC: e se le sanzioni rovinassero così tanto gli interessi degli oligarchi russi da dirottarli in rotta di collisione con chi collise con il capo dei servizi segreti?]

 

↑2022.02.24 è guerra, Putin attacca l'Ucraina: dobbiamo FERMARLA (appello del Papa), dobbiamo impedire che ci sfugga di mano, per il che dobbiamo usare anche le trattative, non solo le sanzioni o le armi, dobbiamo imparare ad evitare gli errori, compreso il seguente additato da Toni Capuozzo <ilgiornale> è bene chiedersi se sia stato saggio decidere di aprire filiali Nato come caffetterie anche nei territori dell'ex Unione Sovietica, e se la dirigenza Ucraina abbia giocato la carta giusta scegliendo di non essere neutra e rassicurante parte terza, scegliendo di farsi spingere nella sfida senza valutare che forse era meglio essere una terra di nessun altro che dei soli ucraini: avere libertà su scambi e servizi, non sulle alleanze militari, come la Finlandia. [CzzC: ma c'è un momento in cui per decidere da che parte stare, l’analisi dei torti e delle ragioni può essere più dannosa che utile: ora occorre decidere se stare con la democrazia o con la dittatura <post>] .

 

↑2022.02.22 <agi voceNy inside> Profezia di George Frost Kennan (1904-2005), New York Times, 1997: “L’allargamento a Est dell’Alleanza Atlantica, fino ai confini della Russia, si potrebbe trasformare nell’errore più fatale della politica americana dalla fine della Guerra Fredda… questa decisione susciterà tendenze nazionaliste e militariste anti-occidentali nell'opinione pubblica russa, potrà avere un effetto avverso sullo sviluppo della democrazia russa, ripristinare l'atmosfera della Guerra Fredda nelle relazioni Est-Ovest, e spingere la politica estera russa in direzione contraria a quella che vogliamo.”

 

↑2022.01.28 Finalmente un leader europeo, Macron, che interviene per sedare l'escalation ucraina con una voce smarcata dalla sudditanza alle direttive Usa-Nato: mi ha scucito il coraggio di postare un'invocazione che trattenevo da qualche giorno: pro pace in Europa, l'Ucraina non entri nella Nato nei prossimi 25 anni. Egr. Sign. Jens Stoltenberg, segretario NATO in Europa, anche se non sono degno di rivolgermi a Lei, oso lanciare questo appello nella speranza che qualche autorità politica o religiosa Le faccia arrivare in modo pertinente il grido dei milioni di Europei amanti della pace che la temono minacciata dalle manovre espansive della nostra alleanza militare a ridosso dei confini con la Russia; saremo eternamente grati alla alleanza che ci ha liberato dal nazismo e salvato da invasioni sovietiche, ma stiamo vedendo che da 30 anni ... continua qui con key oblast Donbass, Crimea, autodeterminazione, Eurasia

 

↑2022.01.27 <tempi> L’orrore della Shoah attraverso gli occhi di William Congdon nell'inferno di Bergen Belsen «Avremmo potuto fare lo stesso». Analogamente la canzone di Claudio Chieffo/1967, La nuova Auschwitz: «Non è difficile essere come loro,...». Analogamente, direi, Hannah Aarendt nel suo rapporto sulla banalità del male. [CzzC: rapportando vale per ciascuno, anche per me; vale anche per gli strateghi della 3ª guerra mondiale a pezzi con i milioni di vittime dirette e indirette causate dai loro bombardamenti (Iraq, Libia, Siria, ...) e dalle pulizie etniche (dei cristiani dal Medio Oriente, dei palestinesi dalla Palestina, ...). Preghiamo che almeno l'evidenza dei danni provocati da 30 anni a questa parte insegni loro ad evitarne altri sui confini Ucraini].

 

2021.08.16 Gli USA tradiscono i collaboratori afghani: scene surreali all'aeroporto di Kabul: <stampa♫> persone si arrampicano sugli aerei per imbarcarsi <stamp♫> aggrappati alle ruote dell'aereo cadono nel vuoto dopo il decollo; <stampa> donne che si nascondono mentre i jihadisti intimano loro "guai se tornate al lavoro"; <stampa> Onlus che devono distruggere i documenti delle lavoratrici per non farle perseguitare dai talebani; <video> di una ragazza afghana in lacrime: «moriremo lentamente nella storia». Eppure un mese fa <stamp♫> Biden diceva "I Talebani non riconquisteranno l'Afghanistan". [CzzC a che pro tanti miliardi di euro e 53 morti sacrificati anche dall'Italia nella guerra dei 20 anni accodandoci ad USA-NATO anziché seguire la raccomandazione di non andare in guerra se non l'aveva decisa l'ONU?]

 

2021.03.22 <ansa> Stoltenberg/Nato: "Vladimir Putin è il responsabile ultimo di tutte le azioni condotte dallo Stato russo. Il suo comportamento è aggressivo" e contempla "tentativi di omicidio nei confronti degli oppositori " e anche altre azioni che "insieme formano un modello, un comportamento inaccettabile. La Nato continuerà a proporre un doppio approccio: essere ferma e dura, ma anche proporre un dialogo". [CzzC: dovremmo credere che sia sincero il tuo proporre dialogo, mister Stolt? Tu fingi di non sapere che, dopo ¼ di secolo di disastri umanitari causati da missili Usa-Nato, gli europei non vi credono più così umanitari come quando ci salvaste dal nazismo: in maggioranza non intendiamo essere complici del progetto Usa contro Russia 2.0, convinti che serva più a chi teme la dedollarizzazione che alla pace e ai nostri interessi in Eurasia]

 

2021.03.19 <TV2000♫> Alberto Negri e Fulvio Scaglione argomentano sul perché Biden abbia dato del killer a Putin: il movente che nel 2014 con le sanzioni alla Russia fece saltare il South Stream (poi approdato in Turchia) sarebbe lo stesso che ora vuol impedire il completamento del Nord Stream 2, pur di mantenere il primato economico. Biden vuole proteggere l'Europa da minacce alla democrazia? Biden dovrebbe preoccuparsi prima della sua democrazia e delle sue derive razziali: della esportazione USA della democrazia nel mondo abbiamo già visto risultati disastrosi.

 

↑2017.01.02 Enorme dispiegamento Nato contro Russia in Nord Europa: il giornale tedesco Kieler Nachrichten ha chiamato questa operazione militare “la più grande operazione di riposizionamento dell’esercito USA in Germania dal 1990”: più di 2000 carri armati, obici, jeep ed automezzi stanno per essere impiegati nelle esercitazioni NATO nell’Europa dell’Est che dureranno nove mesi. [CzzC: commento]

 

↑2016.10.14 <fattoq, stampa>: 140 militari italiani saranno schierati in Lettonia dal 2018 e l’Italia guiderà la forza Nato di intervento rapido. Cremlino protesta: “Politica distruttiva” [CzzC: la suddetta sarà pure una prestazione dovuta per patto atlantico, ma dal tanto male che abbiamo patito dalla Nato negli ultimi lustri dedurremmo che il bene dell’Europa sia perseguibile più da sinergie con la Russia che da nostre provocazioni armate contro la stessa. Introvigne discorde]

 

↑2016.02.24 <politico.eu qui in italiano>: Robert Kennedy Junior: "La nostra guerra contro Assad è iniziata quando questi rifiutò al Qatar il gasdotto di 10G$ che attraversasse l'Arabia Saudita, Giordania, Siria e Turchia". Secondo Kennedy la CIA ha trasferito milioni di $ pro rovesciamento del presidente siriano. L'intelligence Us utilizza i jihadisti pro suoi petroldollari e rovescia regimi in Medio Oriente ritenendo che le forze religiose radicali siano un contrappeso all'influenza Russa nella zona. [CzzC: e la NATO serve per offrire scala e legittimità a questa vergognosa escalation?]

 

------------------------------------

SEGUITO DEL SOMMARIO

La Nato spinse Kiev contro il Donbass accusando la popolazione del Donbass (russi) di non avere diritto all’autodeterminazione dei popoli perché prevarrebbe il principio di intangibilità dei confini; all'opposto, sempre per indispettire la Russia, la Nato trasformò in indipendenza l'autonomia che il Kosovo aveva dentro i confini della Yugoslavia facendoci bombardare Belgrado nel 1999, violando il principio dell'intangibilità dei confini in favore di quello di autodeterminazione dei popoli. Purtroppo le buyone ragioni dei russofoni d'Ucraina sono state bruciate dalla sconsiderata invasione di Putin 2022.02.

Le conseguenze dei suddetti orditi di regime change, oltre i danni anche da noi subiti per le sanzioni, sono i disastri umanitari creati con migliaia di morti e milioni di profughi, il genocidio (inciuciato con turco-wahhabiti) di cristiani, curdi, yazidi, alauiti, sciiti, tutti odiati dai nababbi sunniti i cui petroldollari dettano legge nella City sincronizzata con la cinica policy finanziaria di Wall Street, all’insegna della guerra fredda contro Russia2.0, noi paganti e dolenti: possiamo credere che non fosse nelle intenzioni del masso Nobel pace la diaspora di cristiani, sciiti e curdi conseguente agli interventi USA in Medio Oriente, o che non fossero nelle intenzioni di Biden i massacri in Ucraina 2022, ma pochi credono che gli gnomi dei petroldollari piangano per tali "inevitabili" danni collaterali in perseguimento della dottrina Wolfowitz.