Diritto dei popoli all’autodeterminazione, anche in supero dell’intangibilità dei confini pro difesa diritti umani violati

Da Wikipedia: l’autodeterminazione dei popoli è il principio che riconosce ad ogni popolo il diritto

- di sottrarsi ad una dominazione straniera per ottenere l'indipendenza

- di associarsi a un altro stato (vedi russofoni di Ucraina, armeni del Nagorno-Karabakh)

- di scegliere autonomamente il proprio regime politico.

Il diritto in titolo può essere conculcato brandendo all’opposto il principio di intangibilità dei confini: da Israele, ai Balcani, al Caucaso, alla Siria vediamo che il diritto della forza prevale sulla forza del diritto, brandendo di volta in volta il principio di intangibilità dei confini o, all’opposto, questo della autodeterminazione dei popoli o quello di occupazione di territori come bottino di guerra o come regime change, a seconda del più forte di turno.

Tra i buoni casi di applicazione del principio in titolo annoterei la separazione del Sud Sudan dal Sudan.

[Pagina senza pretese di esaustività o imparzialità, modificata 25/03/2018; col colore grigio distinguo i miei commenti rispetto al testo attinto da altri]

Pagine correlate: forza del diritto o diritto della forza brandendo l’intangibilità dei confini? Palestina, Tibet, Nagorno Karabak, Ucraina, Kurdistan, Popolo Sahrawi, Taiwan, ...

 

Il principio di autodeterminazione dei popoli è una norma di ius cogens, cioè diritto inderogabile (supremo ed irrinunciabile) del diritto internazionale, per cui non potrebbe essere derogato mediante convenzione internazionale. [CzzC: ma è impedibile dal diritto del più forte come ad esempio nel Nagorno-Karabakh o in Palestina].

La Carta delle Nazioni Unite al Capitolo I (dedicato ai fini e principi dell'Organizzazione), all'articolo 1, paragrafo 2, individua come fine delle Nazioni Unite: «Sviluppare tra le nazioni relazioni amichevoli fondate sul rispetto e sul principio dell'eguaglianza dei diritti e dell'auto-determinazione dei popoli...» e nel 1970 è stato sancito il divieto di ricorrere a qualsiasi misura coercitiva suscettibile di privare i popoli del loro diritto all'autodeterminazione. Questo in teoria, perché nella pratica, invece, gli stati tendono a non consentire di rimettere in discussione situazioni territoriali definite a seguito dei più importanti eventi bellici del secolo scorso, o a seguito della polverizzazione delle repubbliche sovietiche, poiché metterebbero in discussione equilibri strategici. Ma anche equilibri ed interessi locali possono ridurre l’esercizio di tale diritto: ad esempio la Corte Suprema Canadese, valutando le rivendicazioni di indipendenza del Québec rispetto al Canada, ha legiferato per perimetrare minuziosamente tale diritto.

L’Alto Adige appare un esempio positivo a livello mondiale di come sia possibile una convivenza pacifica tra popoli diversi senza necessità che si dividano ricorrendo all’esercizio del diritto in parola: ma qualche maligno sussurra che tale convivenza pacifica regga soprattutto per due fattori non facilmente riproducibili altrove: la stessa religione e tanti soldi e privilegi che lo stato italiano accorda a quella regione in più rispetto alle altre, così tanti che l’Austria non offrirebbe altrettanto.

 

2018.03.22 <antidipl> nelle elezioni Presidenziali Russe del 18 Marzo la Crimea ha dato a Putin il 90% dei consensi, ben oltre la media nazionale <money> del 76%. [CzzC: perché l'Europa sanziona la Russia brandendo l'intangibilità dei confini contro il diritto all'autodeterminazione dei popoli, così ben espresso dalle elezioni in Crimea, quell’Europa che bombardò Belgrado brandendo l'autodeterminazione del Kosovo contro l'intangibilità dei confini Jugoslavi? Quell’Europa che non sanziona la Turchia che ha invaso Afrin violando l'intangibilità dei confini siriani contro il diritto all'autodeterminazione dei Curdi? Il fil rouge sarebbe sempre la Nato pro supremazia del Petroldollaro contro Russia-Eurasia? Costasse inciuciarsi con il jihadismo stragista in Medio Oriente e con esibitori di svastiche in Ucraina? O sbaglio?]

 

↑2017.02.10 <giornale>: Trump telefona a Xi Jinping: "C'è una sola Cina" con riferimento a Taiwan [CzzC: vedi, Trump, se fossi stato più prudente quando relazionasti con Taiwan prima che con la Cina, non saresti stato costretto ora, per ricucire lo strappo, a negare esplicitamente il diritto all’autodeterminazione del popolo Taiwanese. Fatti consigliare meglio, perché non hai esperienza politica sufficiente x1 presidente Us]

 

↑2016.04.02 <stampa>: si riaccende la guerra tra Armenia e Azerbaijan. Decine di morti in Nagorno-Karabakh. La diplomazia russa si è già attivata per frenare sia Baku sia Erevan. La Russia da anni è garante della fragile tregua nel Nagorno-Karabakh, ed è molto preoccupata dalla possibilità che il conflitto riesploda proprio adesso, con la crisi ucraina ancora da archiviare, la guerra in Siria e le tensioni con la Turchia. [CzzC: condizionati dall’inciucio con turco-sunniti, US e alleati non riconoscono al NK il principio di autodeterminazione dei popoli negatogli dagli Azeri filo turchi]

 

↑2015.06.15 <corriere>: L’ex presidente Napolitano: «Non possiamo isolare la Russia». Dopo l’intervista a Putin sul «Corriere della Sera», l’ex presidente parla dei rapporti con la Russia. E sull’Ucraina cita Kissinger: «Il suo ruolo è farsi ponte fra Europa e Mosca». [CzzC: concordo, ma vaglielo a spiegare all’Obama Nobel Pace che vuole farci schierare le sue armi pesanti contro la Russia oltre che averci danneggiato per miliardi di euro costringendoci alle sanzioni, anziché riconoscere il diritto all’autodeterminazione delle popolazioni russofone rispetto a Kiev come riconoscemmo quello di Bosniaci e Kosovari rispetto a Belgrado]

 

↑2015.01.05 A titolo di esempio di come i potentati possono fregarsene del principio di autodeterminazione dei popoli, lo sai che Taiwan (RDC Repubblica di Cina, 23M abitanti) è riconosciuta solo da una ventina di Paesi in tutto il mondo, tra cui il Vaticano, mentre per non irritare la Cina, è esclusa dall’ONU e non  è riconosciuta da alcuno dei Paesi membri permanenti del Consiglio di sicurezza né dal Canadadagli altri Paesi dell'UE, ancorché essi abbiano collaborazione e commerci (solitamente con un ufficio di rappresentanza facente funzioni di ambasciata).

 

↑2014.07.05 VT#23p17 Popolo Sahrawi (rappresentato dal Fronte Polisario) chiede da tempo un referendum per indipendenza o autonomia: ci sono i caschi blu, ma senza mandato di proteggere la popolazione civile dagli arbitri e violazione dei diritti umani perpetrati dalle truppe marocchine.

 

↑2014.04.gg raccolgo questo volantino in Friuli, enfatizzante le ragioni della volontà di autonomia e indipendenza dei Veneti pro Repubblica Veneta

 

↑2014.mm.gg US e loro alleati si accaniscono contro il diritto all’autodeterminazione invocato dalle popolazioni russofone dell’Ucraina.

 

↑1919.mm.gg Da Wikip: Il principio di autodeterminazione fu solennemente enunciato da Woodrow Wilson in occasione del Trattato di Versailles (1919) e avrebbe dovuto fungere da linea guida per il tracciamento dei nuovi confini, ma in realtà fu applicato in modo discontinuo e arbitrario, contribuendo non poco alla graduale destabilizzazione e al definitivo sovvertimento dell'ordine di Versailles.