DISSIMULARE: nascondere il proprio pensiero, o i sentimenti, i propositi, in modo che altri non se ne accorga, spesso anzi fingendo il contrario

<DizionarioCorriere> occultare abilmente i propri pensieri, le proprie reali intenzioni.

Solitamente la dissimulazione è usata in maniera disonesta, per «fingere vero quello che non è vero e negare quello che è vero» (Francesco di Bartolo da Buti, commento all'Inferno), ma dal mio capo appresi che è meglio dire una bugia al momento giusto che la verità al momento sbagliatomassima che riconoscerei non sempre saggia, ma talvolta sì, nel senso che ammetterei l’esistenza di una dissimulazione onesta (vedi Torquato Accetto 1641) da usarsi per necessità col criterio morale del male minore.

Ne L’arte di ottenere ragione Shopenhauer aveva sgamata la dissimulazione come trucco dialettico ingannevole codificandola col #5 nel suo elenco.

[Pagina senza pretese di esaustività o imparzialità, modificata 14/09/2018; col colore grigio distinguo i miei commenti rispetto al testo attinto da altri]

Pagine correlate: trucchi retorici, surrettizio, glissare, neutralizzare, cultura dominante,

 

2018.09.12 <giornale> Via libera dal Parlamento Ue alla procedura che impone sanzioni al premier ungherese Viktor Orban per la gestione dei migranti. [CzzC: solo per i migranti? Vedi parere dei vescovi ungheresi. Ho il sospetto che quello dei migranti sia un pretesto per dissimulare una ragione più pesante, l'influenza dei tifosi di Soros nell'attuale parlamento europeo] <finonline vox>: Judith Sargentini1974 (sinistra verde, vegetariana, movimento studentesco internazionale), l’europarlamentare anti-Orban è nella lista di Soros

 

↑2016.09.14 Tante testate laiche e religiose titolano che il Papa ha detto «uccidere in nome di Dio è satanico», mentre ha detto.mp3 «quanto piacerebbe che tutte le confessioni religiose dicessero “uccidere in nome di Dio è satanico» [CzzC: bella differenza! Esempio di dissimulazione di una verità sgradita al politically correct? ... continua]

 

↑2014.11.12 Feedback da un frate dal Friuli sulla conferenza di Conventus su “Cristiani e musulmani in Medio Oriente, una convivenza millenaria alla fine?" nella quale il prof.UniTN Campanini intese dimostrare come sarebbe mal posto il problema dei cristiani in Medio Oriente se si usasse la parola persecuzione: Caro CzzC, quando parli di silenzio intorno alle persecuzioni, proclami una grande verità; domattina ti spedirò un articolo del laicissimo Corriere della Sera, che lamenta questo, in chiave di integrazione europea. Silenzio o dissimulazione da una certa Chiesa, da certi governi. Tempi tremendi! Buona vita a te, nel Signore! Frate G.