BENEDIZIONE GAY: impedita dalla Chiesa cattolica nel 2021, sdoganata il 18Dic2023 perché …

perché non si può «impedire la vicinanza della Chiesa alle situazioni in cui si chieda l’aiuto di Dio attraverso una semplice benedizione». O sdoganata anche in vista di altri steps in spirito di Overton?

Sdoganata solo per ufficializzare una misericordia? La misericordia già non si negava «al di fuori di un quadro liturgico (23,33), senza legittimazione di un proprio status (31) con formule che non si trovano nel Benedizionale (35) e mai in relazione ai riti di unione civile (39)»

Oppure sdoganata anche per altri obiettivi? Vedi qui eventuali ipotesi.

Chi benedice una coppia gay senza “figli” pur ritenendo deprecabile la pratica dell’u2g pensi che negherebbe benedizione alla stessa coppia che si presentasse con in braccio il frutto del ricorso all’u2g?

Comunque annoterei anche un risultato “psicologico”, già ottenuto da Fr1 per altre “situazioni irregolari (#31 della F.S.)”: abbassare dalla faccia dei cattolici la maschera di intolleranza tipo quella ricamata da certi fondamentalisti che vorrebbero intentare un nuovo referendum abrogativo della 194]

[Pagina senza pretese di esaustività o imparzialità, modificata 11/06/2024; col colore grigio distinguo i miei commenti rispetto al testo attinto da altri]

Pagine correlate: finestra pro sacramento e matrimonio per tutti con u2g dato che la legge naturale sarebbe cangiante; sinodo tedesco

 

2024.06.10 <settimnews> dobbiamo leggere COPPIE, non UNIONI, laddove la e Fiducia Supplicans al §31 sdogana le «benedizioni di coppie in situazioni irregolari e di coppie dello stesso sesso». «Quello che ho permesso non era di benedire l’unione ... Ma per benedire ogni persona, perché no? La benedizione è per tutti ... Tutti! Tutti!». [CzzC: interessante la distinzione tra COPPIE e UNIONI colla panacea per TUTTI; dunque anche a terne o a quaterne in poliamore che chiedessero la benedizione in «sincera ricerca del Signore»?]

 

↑2024.03.11 <foglio aci google> i fratelli Copti presieduti da Papa Tawadros II, hanno deciso di sospendere il dialogo teologico con Roma e di rivalutare i risultati raggiunti: la causa della rottura - mai formalmente menzionata, ma cui si fa accenno in maniera che non lascia adito a dubbi - è la dichiarazione Fiducia Supplicans sulle benedizioni non rituali, che apre alla benedizione individuale di persone in una coppia cosiddetta “irregolare” [CzzC: già anni fa additavo nel processo di protestantizzazione della chiesa cattolica l’intento di frenare l’avvicinamento del polmone di Roma con quello d’Oriente: contenti? Della serie meglio perdere i Copti che il sinodo tedesco?]

 

↑2024.02.25 Dobbiamo usare ATTESA (pazienza) con gli imMATURI, stante il PROFETICO RELATIVISMO CONTINENTALE sublimato da Padre Antonio Spadaro stamane in <FinestraSuSanPietro da 1’:30” mp3>: la benedizione prevista dalla Fiducia Supplicans non è un certificato di buona condotta, la si può chiedere a prescindere, come richiesta di aiuto, e sarebbe un errore rifiutarla [CzzC: anche a prescindere dalla innominata contrizione-pentimento, sottinteso];  … c’è bisogno di GRADUALITÀ, di ATTESA, di MATURAZIONE, … quanto sembra normale per il vescovo di un CONTINENTE può risultare strano, quasi uno scandalo, per il vescovo di un altro continente [CzzC: qui il pluralismo è detto come eufemismo per non chiamarlo relativismo continentale? Passi per la gradualità sinonimo di rana bollita, ma mi sentirei offeso da chi mi alludesse imMATURO se fossi un vescovo del continente africano. Rivoluzione teologica in progress? Continua qui con keys anche sinodo del 2015]

 

↑2024.02.06 <msgr corriere fq stampa google nbq> Fr1: «Nessuno si scandalizza se benedico un imprenditore che sfrutta la gente, che è un peccato gravissimo, mentre accade se si tratta di un omosessuale. È ipocrisia» [CzzC: conscio che nessuno di noi è esente da ipocrisia, oserei tentare una reciprocabile correzione fraterna verso un probabile errore di PARALOGISMO: ci scandalizzeremmo assai se tu, Santo Padre, benedicessi un imprenditore che sfrutta la gente mentre si VANTA sul web per questa sua PRASSI anziché contrirsene; non ci scandalizziamo se benedici UN gay, ma ci SCONCERTI se, SENZA CAMBIARE PRIMA il catechismo (§2358) e dopo che hai scritto che la benedizione deve essere lampo e mai subito dopo le nozze gay, udiamo queste tue esternazioni vedendoti inerte quando, come a Budrio, Zuppi consenziente, si celebra una «Messa di ringraziamento» subito dopo le nozze in Comune di due gay che su youtube VANTANO♫ la loro PRASSI come benedizione per la Chiesa. Pur sconcertati, Padre, vogliamo crederti sincero quando condanni la PRASSI u2g (uterus to gay): ma vorrai mica vietare la benedizione ad una coppia gay che ti si presentasse col frutto dell’u2g, se già gliela concedesti senza? Forse hai studiato più psicologia di prossimità RELATIVA, che logica argomentativa fondante un pronunciamento καθολικός (universale), ma saprà Dio come valorizzare sia i francescani sia i domenicani per il bene della sua Chiesa]

 

↑2024.01.27 il concetto di verità in Tommaso d’Aquino. <P.Giovanni Cavalcoli> ritiene utile riproporre il testo di una sua conferenza sul tema della verità, tenuta per l’Associazione Tomistica Doctor Humanitatis, sezione di Verona della Società Internazionale Tommaso d'Aquino (SITA) nel 2016, Associazione diretta dal Prof. Alessandro Beghini. [CzzC: ipotizzo che abbia pensato al concetto di verità il card. G.L.Müller che dice fallato (o fallito?) e che va riscritto il documento della Fiducia Supplicans che ha sdoganato le benedizioni gay (il re è nudo?. Però sia prudente, perché el Tucho ammonisce che i Vescovi non possono prendere le distanze]

 

↑2024.01.11 <agi aleteia> Il cardinale Ambongo, pur ribadendo la comunione con Fr1, comunica il NO dei vescovi africani alle benedizioni gay, ancorché extraliturgiche; sdoganandole, la Fiducia supplicans «ha seminato confusione e inquietudine nell'animo di tanti fedeli laici, consacrati e anche pastori, … potenziale scandalo … in diretta contraddizione con l'etica culturale delle comunità africane … con un linguaggio che rimane troppo sottile per essere compreso dalle persone semplici …  le unioni omosessuali sono contrarie alla volontà di Dio e quindi non possono ricevere la benedizione della Chiesa». [CzzC: benedizioni equivoche <sussidiario yt> il card. Sarah: «non si legittima peccato … non mi oppongo al Papa ma all'eresia che mina la Chiesa». Se volessi approfondire fino al mal di testasett.news]

 

↑2024.01.07 Il 4 gennaio scorso il DDF ha cercato di chiarire la ricezione della Fiducia supplicans, che sembra in contraddizione con il Responsum del 2021, dove si afferma che la Chiesa non ha il potere di benedire le unioni irregolari. [CzzC: dopo il distinguo tra benedizione pastorale e benedizione ecclesiale, eccone uno più sottile: si benedice la COPPIA ma non l’UNIONE. Spiega bene <Padre Cavalcoli>, ma troppe sottigliezze rischiano disorientamento; e che dire di quest’altro distinguo-pasticcio, quasi una puerile toppa peggiore del buco dopo le proteste <google> le benedizioni lampo delle coppie gay: durino non più di 10-15 secondi; «indietro non si torna» tuona Fernandez.

 

2024.01.04 <avvenire> Il testo sulla benedizione delle coppie irregolari (Fiducia Supplicans) non è né eretico né blasfemo. La nota è una risposta a reazioni e dubbi di Conferenze episcopali e vescovi.La dottrina sul matrimonio non cambia, i pastori discerneranno [CzzC: in modo variegato, chiaro per alcuni, confondente per altri?]

 

↑2023.12.28 Al paragrafo 39 la “Fiducia Supplicans” precisa che «proprio per evitare qualsiasi forma di confusione o di scandalo, quando la preghiera di benedizione, benché espressa al di fuori dei riti previsti dai libri liturgici, sia chiesta da una coppia in una situazione irregolare, questa benedizione mai verrà svolta contestualmente ai riti civili di unione e nemmeno in relazione a essi. Neanche con degli abiti, gesti o parole propri di un matrimonio. Lo stesso vale quando la benedizione è richiesta da una coppia dello stesso sesso». [CzzC: il 16Giu2022 due gay, subito dopo essersi uniti civilmente, andavano alla Messa celebrata da don Gabriele Davalli, direttore dell'Ufficio diocesano per la Famiglia; il parroco: «Abbiamo fatto solo una Messa di ringraziamento, l'arcivescovo era informato». Non si può contestare Zuppi per una “variante” di così poco peso: ben più ne avranno altre fantasie liturgiche sdoganabili da una catechesi confondente].

 

↑2023.12.23 <settimananews> La benedizione delle coppie gay è stata ammessa possibile da “Fiducia Supplicans” anche grazie alla ispirazione del noto teologo tedesco Karl Rahner, che ha sostenuto la possibilità di altre e varie forme di mediazione sacramentale alla luce della sua antropologia trascendentale.

 

↑2023.12.22 <linkiesta> Il 15Mar2021 la congregazione per la Dottrina della Fede aveva detto no alle benedizioni gay; il 18Dic2023 le ha sdoganate con la Fiducia Supplicans, sbloccando lo stallo del sinodo in materia (ne verbum quidem). Non è immutabile ciò che stabilisce l’ex Sant’Uffizio; ad esempio il 20Gen1644 vietò di definire «immacolata» la concezione di Maria, poi definita tale l’8Dic1854 da Pio IX; il 28Nov1958 fu vietata la diffusione di immagini e scritti sulla devozione alla Divina Misericordia secondo il diario - posto all’indice come infetto da mariavitismo - di suor Faustina Kowalska, ma nel 2000 GP2° la canonizzò e istituì l’universale festa della Divina Misericordia. La Fiducia supplicans non promuove un «rituale per le benedizioni di coppie in una situazione irregolare», come fatto, ad es., nel 2022 dalla Conferenza episcopale belga. La Fiducia supplicans si muove nel solco della linea teologico-pastorale, tracciata nel 2021 dal cardinale Christoph Schönborn che disse «Se la richiesta della benedizione non è uno spettacolo … devo dire: Non hai realizzato tutto l’ideale. Ma è importante che voi viviate il vostro cammino sulla base delle virtù umane, senza le quali nessuna relazione può riuscire. E questo merita una benedizione …» … continua qui

 

↑2023.12.21 <coramfratribus> lettera del vescovo di Trondheim, Erik Varden ai suoi parroci per chiarire l’applicazione pratica della Fiducia Supplicans. [CzzC: ne estrapolo alcuni passaggi prima di accluderla qui per intero

- Il documento-meditazione non fa della chiarezza dettagliata la sua priorità (cfr n. 41).

- L’oggetto della dichiarazione non è la teologia morale.

- Richiama la lettera sulla sessualità umana pubblicata il 25 marzo dai vescovi nordici.

- Laddove una “benedizione ecclesiale” è impossibile, si può prevedere una benedizione “pastorale”.

[CzzC: se davvero si riuscisse a far rispettare la distinzione tra benedizione ecclesiale formale pubblica e benedizione pastorale intima, lontana dagli sguardi pubblici, questa parrebbe la chiave di conciliazione tra le diverse posizioni al riguardo; ma ben difficilmente vedremo vescovi intervenire per impedire o redarguire certi preti (ad es. di serie Giulio Mignani?) che elargissero ecclesiale benedizione gay millantandola pastorale, dal che parrebbe non infondata la preoccupazione per catechesi confondente. Non a caso anche altri Vescovi intervengono con lettere per tentare di prevenire la confusione: ad esempio così la conferenza episcopale ungherese]

 

↑2023.12.18 La dichiarazione FIDUCIA SUPPLICANS sdogana BENEDIZIONE GAY, ancorché impedita nel 2021. La dichiarazione è firmata dal prefetto FERNÁNDEZ e dal segretario per la Sezione Dottrinale, Mons. Armando MATTEO e «Ex Audientia Die 18 dicembre 2023 Francesco. Perché sdoganare? Perché non si può «impedire la vicinanza della Chiesa alle situazioni in cui si chieda l’aiuto di Dio attraverso una semplice benedizione». [CzzC: o sdoganata anche in vista di altri steps in spirito di Overton? Sdoganata solo per ufficializzare una misericordia? La misericordia già non si negava «al di fuori di un quadro liturgico (23,33), senza legittimazione di un proprio status (31) con formule che non si trovano nel Benedizionale (35) e «mai contestualmente ai riti civili di unione e nemmeno in relazione a essi» (39)»: ma che dire se proprio il Presidente CEI due anni fa aveva sdoganato una messa di ringraziamento subito dopo il rito di unione civile tra due gay? Potrebbe non essere impertinente ipotizzare anche altri obiettivi della sdoganatura in parola. Peraltro tra i vari effetti della Fiducia Supplicans annoterei anche un risultato “psicologico”, già ottenuto da Fr1 per altre “situazioni irregolari (#31 della F.S.)”: abbassare dalla faccia dei cattolici la maschera di intolleranza tipo quella ricamata da certi fondamentalisti che vorrebbero intentare un nuovo referendum abrogativo della 194]

 

↑2023.11.11 <ansa> Papa Francesco rimuove mons. Strickland, vescovo tradizionalista Usa; nomina il vescovo di Austin, monsignor Joe Vasquez, come amministratore apostolico della Diocesi resasi vacante. Nel giugno scorso Strickland aveva ricevuto una visita apostolica, secondo alcuni dovuta alle sue posizioni tradizionali, inconciliabili con il nuovo corso avviato da Fr1. <a.m.valli> Strickland sostiene di non attribuire la colpa della sua rimozione completamente a Francesco, perché «ci sono molte forze che … lo influenzano nel prendere questo tipo di decisioni. Ecco perché preghiamo per il papa». <infocatt> lo scorso marzo Strickland con riferimento al sinodo tedesco aveva «denunciato la ‘benedizione del peccato’». <foglio> lacerante battaglia?

 

↑2023.10.25 il Sinodo correggerà il divieto di benedire le coppie gay formulato dalla Santa Sede nel 2021.03.16, sdoganerà tale benedizione <avvenire> che però non deve necessariamente diventare una norma. Come disse Fr1 in risposta ai dubia «non è opportuno che una Diocesi, una Conferenza Episcopale o qualsiasi altra struttura ecclesiale abiliti costantemente e ufficialmente procedure o riti per ogni tipo di questione, poiché tutto ciò che fa parte di un discernimento pratico davanti ad una situazione particolare non può essere elevato al livello di una norma» perché questo «darebbe luogo a una casuistica insopportabile» Amoris laetitia 304

 

↑2023.10.12 <fsspx> La risposta del Papa al secondo “dubium” dei cardinali sulla benedizione delle coppie gay, controversia partita dal marzo 2019, quando i vescovi tedeschi hanno avviato il Cammino sinodale con 4 forum, uno dei quali (sulla morale sessuale) chiedeva "di riconoscere incondizionatamente le unioni omosessuali e di rinunciare a squalificare moralmente la pratica sessuale che ne deriva. (…) Bisogna considerare anche la valorizzazione liturgica di questi valori".

 

2023.10.02 <vatican agensir> Il Papa risponde ai Dubia di 5 cardinali (Brandmüller e Burke bis, Sandoval Íñiguez, Sarah e Zen Ze-kiun) che gli hanno presentato richiesta di un chiarimento su 1) interpretazione della Divina Rivelazione, 2) benedizione delle unioni con persone dello stesso sesso, 3) sinodalità come dimensione costitutiva della Chiesa, 4) ordinazione sacerdotale delle donne, 5) pentimento come condizione necessaria per l'assoluzione sacramentale. Per <nbq.(nbussolaq)> la risposta, che lascia zone grigie e apre spiragli "ad usum synodi", <nbq> sarebbe dell'11 luglio commentata così dai 5 cardinali il 21/08: «le Vostre risposte non hanno risolto i dubbi che avevamo sollevato, ma li hanno semmai approfonditi».

 

↑2023.04.17 <aleteia> Il cardinale svedese Anders Arborelius parla della lettera pastorale dei vescovi nordici sulla sessualità umana e di come la Chiesa può contribuire a questo tema. Condannando “l'ingiusta discriminazione di qualsiasi tipo, anche sulla base del genere o dell'orientamento”, hanno espresso il loro disaccordo quando gli attuali movimenti politici e culturali propongono “una visione della natura umana che astrae dall'integrità incarnata della persona". Hanno anche protestato "quando un tale punto di vista viene imposto ai bambini".

[CzzC: il 21Dic2023 il vescovo Erik Varden fa riferimento a questa lettera nel chiarire ai suoi sacerdoti l’applicazione pratica della Fiducia Supplicans, documento che ha permesso la benedizione ai gay]

 

↑2023.03.14 <google> il sinodo tedesco è finito <foglio> con la richiesta delle donne prete e il via libera alle benedizioni gay; ha deliberato rottura? <timone> è a rischio l’unità con la Chiesa di Roma [CzzC: cercherà di venire loro incontro la fiducia supplicans?]

 

↑2023.03.07 <lastampa> “Senza Martini non si può capire papa Bergoglio”; «Storia di una sconfitta»: in un libro all’Unione industriali di Torino il rapporto tra il cardinale e l’Europa [CzzC: l’articolo trasuda auspicio che il Sinodo riprenda le tesi del Gruppo di San Gallo che con Martini trovava controversi i documenti pubblicati da GP2° con Ratzinger sulla posizione dei sacerdoti e sulla morale sessuale].

 

↑2023.02.22 <tempi> Benedizione coppie gay. Tre quarti degli anglicani abbandonano la Chiesa d’Inghilterra? La maggior parte delle chiese non vuole più riconoscere il primato dell’arcivescovo di Canterbury, Justin Welby, il cui sinodo ha dato il via libera alla benedizione delle coppie gay anche se non ancora a celebrare matrimoni gay. <nigrizia> Tra i vescovi dissenzienti – che rappresentano un quarto delle 42 chiese che fanno parte della comunione anglicana – quelli di Sudan, Sud Sudan, Uganda, Rd Congo ed Egitto; in disaccordo anche Henry Ndukuba, arcivescovo della Chiesa della Nigeria che rappresenta circa un terzo degli anglicani nel mondo; e pure Jackson Ole Sapit, arcivescovo del Kenya, criticando le “potenti voci secolari che hanno catturato la Chiesa d’Inghilterra” e dicendosi “rattristato dall’allontanamento della chiesa madre dal vero vangelo”. [CzzC: vedi anche qui a Gerusalemme]

 

2023.01.05 funerale di Benedetto XVI: odo Marinella Perroni intervistata sottolineare l’ostilità dell’episcopato tedesco verso Ratzinger perché frenava il processo di protestantizzazione della chiesa cattolica, sul quale invece i conterranei accelerano (vedi sinodo tedesco) quantomeno su preti sposati, donne prete e benedizione delle coppie gay: si capiva dal suo tono che la teologa tifa più quelli che l’altro. Odo gettonate in Rai sulla stessa frequenza anche le interviste a Melloni: dettare la direzione del sinodo corrente per arrivare almeno ad un compromesso?

 

↑2022.10.04 <avvenire> don Giulio Mignani sospeso a divinis: prese di posizione pubbliche contrarie al magistero della Chiesa (ad es. su eutanasia, aborto, omosessualità); è quello che la domenica delle Palme dello scorso anno sermonò così: <corriere stampa> «Non posso benedire le coppie gay? Allora non benedico le palme ...»

 

2022.06.24 apro la pagina Sinodo21-24 dopo che ieri sera in Parrocchia è stata citata come bell'esempio la Messa di ringraziamento per le nozze gay di G.S. (2022.06.16). Presumo che il Sinodo arriverà a cambiare il Catechismo laddove riguardo alla omosessualità leggessimo «comportamento intrinsecamente cattivo dal punto di vista morale ... per questo motivo l'inclinazione stessa dev'essere considerata come oggettivamente disordinata».

 

2022.06.16 sabato: messa di ringraziamento subito dopo le nozze gay del prof. Univ G.S con P.M a Budrio (BO). <restocarlino corriere> i due fanno parte di un gruppo di coppie omosessuali cristiane, guidato dal parroco della Beverara don Maurizio Mattarelli e dalla psicologa Laura Ricci. La Nuova Bussola Quotidiana commenta duramente: «Benedizione gay, la diocesi del presidente Cei strappa ... non si ringrazia il peccato». Però la benedizione dell’unione non ci sarebbe stata: il parroco: «Abbiamo fatto solo una Messa di ringraziamento, l'arcivescovo era informato». Secondo NBQ, invece, l'«operazione benedizione» è stata preparata con un cammino, compresa la seguente professione♫: «queste coppie sono già benedette dallo Spirito; non solo, la Chiesa è benedetta dallo Spirito tramite la presenza di queste coppie». [CzzC: Spirito Santo e/o spirito del mondo e/o spirito di Overton per arrivare fra qualche lustro a benedire pure l’u2g? Conforme alla Fiducia Supplicans§39 «mai in relazione ai riti di unione civile»?]

 

2021.10.05 <tempi> Il Sinodo della Chiesa tedesca (che terminerà nel 2023) dice sì alla benedizione delle coppie gay. Durante l'assemblea plenaria a Francoforte, terminata sabato, i partecipanti hanno deciso anche di discutere del tema: «Il sacerdozio è in sé necessario?» [CzzC: ma non sprecherebbero meno energie a convertirsi protestanti?]

 

2021.06.04 <vaticannews> l cardinale Reinhard Marx si "dimette" per il fallimento della Chiesa nella lotta alla pedofilia. <ilgiornale> la riforma del VI libro del diritto canonico, che esclude l'eventualità di ordinare "sacerdotesse", era stata annunciata il giorno prima della "ritirata" di Marx. Ricordiamo che Fr1, mentre iniziava il Sinodo tedesco che quell'eventualità contemplerebbe assieme alla benedizione delle coppie lgbt, aveva scritto 2019.06.29 una lettera al popolo tedesco sulla tentazione dei cambiamenti “rammendi” destinati ad una revisione "rivoluzionaria" della dottrina cristiana.

 

2021.05.16 <avvenire> il Cammino sinodale tedesco iniziato nel 2020: dalla benedizione delle coppie LGBT al sacerdozio femminile, il timore di strappi su questioni cruciali.

 

2021.03.28 <corriere stampa google> Don Giulio Mignani durante l'omelia: «Non posso benedire le coppie gay? Allora non benedico le palme ... nella Chiesa si benedice di tutto, ma non l’amore vero tra omosessuali» sermona contro il recente documento della Congregazione per la dottrina della fede. <avvenire2022.10.04> don Giulio Mignani sospeso a divinis: prese di posizione pubbliche contrarie al magistero della Chiesa.

 

2021.03.16 Responsum 15Mar2021 della Congregazione per la dottrina della Fede: «non è lecito impartire una benedizione a relazioni, o a partenariati anche stabili, che implicano una prassi sessuale fuori dal matrimonio (vale a dire, fuori dell’unione indissolubile di un uomo e una donna aperta di per sé alla trasmissione della vita), come è il caso delle unioni fra persone dello stesso sesso anche se questo non implica un giudizio negativo sulle singole persone» <google agi avvenire repubblica> prassi che alcuni sacerdoti in giro per il mondo hanno da tempo fatto propria. Il Manifesto titola acido Unioni omosex, per la Chiesa sono fuori dalla «grazia di Dio» e sottotitola con ex Sant’Uffizio, «gravi depravazioni», «peccatori» e «peccato». <ilgiornale> dissenso da Alessandro Cecchi Paone a Vladimir Luxuria fino ad Elton John: marcano il contrasto tra le parole di Fr1 e la scelta della "Congregazione che bruciò Giordano Bruno e che verso i gay continua ad affermare una dottrina mortificante, discriminatoria e persecutoria". <sussidiario> reprimende sui giornali laicisiti che tifano per la “religione" del pensiero dominante, relativismo che annulla ogni fede. [CzzC: il 18Dic2023 la Fiducia Supplicans sdogana le benedizioni gay]

 

↑2019.07.30 <yt> Alberto Melloni con Lidia Maggi: "Stereotipi di genere: le origini"; Melloni spiega la Genesi: non è che mancava una costola ad Adamo, ma c'era una costola in più; ... il peccato originale, che c'è probabilmente, non è quello di Eva, dell'albero, ma ha una caratteristica sessista, discriminatoria ed è quello di Adamo; perché? ... cosa dice Adamo quando vede Eva? Dice "questa osso delle mie ossa e carne della mia carne": davanti alla creazione dell'alterità, Adamo fa il primo peccato originale, quello di manifestare l'acquisizione di possesso ... continua qui at 18:40]

 

↑2018.02.10 <tempi> R.Marx aveva detto che per quanto riguarda la benedizione delle unioni gay «non ci possono essere delle regole» e ogni sacerdote deve giudicare caso per caso, ma non è quello che insegna la tradizione della Chiesa perché «ci sono delle regole». [CzzC: ci risiamo con i sedicenti profeti progressisti che, invece di attendere un chiarimento dal magistero petrino, approfittano di aspetti dubbi per confondere i fedeli e far passare per ottusi conservatori tradizionalisti i vescovi più prudenti verso la loro pastorale coraggiosa; vorrei sperare che la benedizione, anziché obiettivo, non sia strumento per democratizzare modo protestante i cattolici, costasse allontanarli dagli Ortodossi, meno piacenti agli illuminati]

 

↑2016.01.11 <pellegrininel..>: Erich Fromm: dall’uguaglianza ingannatrice, la standardizzazione dell’uomo! Uguaglianza oggi significa uniformità, anziché unità.” È l’uniformità astratta degli uomini che compiono lo stesso lavoro, scelgono gli stessi divertimenti, leggono gli stessi giornali e hanno le stesse idee. ... La frase della filosofia illuminista l’âme n’a pas de sexe, l’anima è priva di sesso, è diventata di uso generale.  <youtube>: Erich Fromm, il conformismo spinto fino a creare una "mitologia" della normalità le cui conseguenze porterebbero all'alienazione e alla malattia.

 

↑2015.03.20 Ciò che non è uguale è discriminatorio?<lindro>: Le unioni civili che escludono le adozioni gay configurano discriminazione secondo gli omosessisti di cui si fa portavoce Maria Grazia Sangalli (presidenza di Rete Lenford) «istituti di secondo livello, come le unioni civili, rappresentano una scelta obsoleta. Gli ordinamenti più avanzati prevedono per tutti l'accesso al matrimonio, e questo si traduce in un'effettiva applicazione del principio di uguaglianza e di non discriminazione... questo testo sulle Unioni civili sancisce comunque una discriminazione perché ciò che non è uguale è discriminatorio ... » [CzzC: mi pare che stai facendo un errore di paralogismo, cara Sangalli, classico inganno dialettico, tipico indicatore di potente zampino sulla cultura dominante: conveniamo che discriminazione sia lesione ad un sacrosanto diritto di uguaglianza (ad esempio tra neri e bianchi), ma è ingannevole far ritenere che il non uguale configuri ingiustizia, quantomeno perché la vita naturale si sviluppa in elogio delle diversità perfino contrastando l’aumento dell’entropia tipico del mondo fisico inanimato: o vorresti criminalizzare la biodiversità?]

 

↑2014.mm.gg Le lobby lgbt con i tifosi del matrimonio per tutti sussurrano con sorriso ironico “lasciate pure che Renzi e la Bindi portino avanti i Pacs (o Dico o unioni civili, ...), che sarebbero un matrimonio di serie B per le/gli lgbt perché vieterebbero le adozioni  gay: si tratta solo di aspettare un  pochino, perché poi brandiremo il principio di non discriminazione per fargliele licenziare, e per far riconoscere alle/gli lgbt il matrimonio di serie A; ricorreremo alla corte costituzionale, già comprensiva in parola, e/o alle corti internazionali dei diritti dell’uomo, che notoriamente la pensano come noi sul tale principio, equiparano le discriminazioni lgbt alle discriminazioni razziali come ben è impostato Scalfarotto”.