GP-FC gay pride fans club pro u2g; ma ci sono anche gay contro u2g, lesbiche contro u2g

È doveroso difendere i diritti umani dei gay (e analog LGBT) e proteggerli da discriminazioni e irrisioni omofobe; ciò non implica che dovessimo subire passivamente

- le loro esibizioni offensive tipo Cassero, ancorché banalizzate da Arcigay

- o una gender inquisizione che volesse criminalizzare come omofobo chi difendesse il diritto umano di non essere programmati a nascere per essere ceduti a due gay.

[Pagina senza pretese di esaustività o imparzialità, modificata 03/09/2018; col colore grigio distinguo i miei commenti rispetto al testo attinto da altri]

Pagine correlate: gender inquisizione e didattica pro uteri in affitto pro adozioni gay; arcigay; omofobia

 

Nulla da eccepire sulla libertà degli LGBT di far evolvere le legislazioni a legittimazione di loro diritti umani, notoriamente conculcati in certe aree geografiche del pianeta ad esempio dove vigesse la sharia, contro le quali, soprattutto se petrodollarate come quelle wahhabite, si guardano ben dal protestare, temendone provate ritorsioni che mai oserebbero invece i cristiani, irrisi come papasuccubi dal FC in titolo.

 

Nulla da eccepire sulla libertà degli LGBT di far evolvere la cultura dei paesi occidentali a maggiore accettazione psicologica e morale della loro pacifica e paritetica convivenza con la relativa maggioranza calante di maschi e femmine di ominidi che ancora preferissero relazioni sessuali esclusivamente etero-sex. Ad esempio? Sarebbe assurdo che ancora si negasse ad un omosessuale di essere accudito dal suo partner con identiche facilitazioni concesse a partners etero-sex, ad esempio in ospedale.

 

Assai da eccepire avremmo quando pretese anche capricciose dei fans in titolo divenissero, su fori mediatici e legali, libertà di offendere e minacciosa esibizione di capacità di neutralizzare i diritti degli ominidi naturaliter eterosex: ad esempio? Arrogarsi il diritto di programmare una gestazione pro gay per soddisfare lo sfizio di allevare in proprietà omosex dolcissimi cuccioli d’uomo.

Però dovremmo rispettare che se li tengano se, dopo l’abuso originale, fosse maturato abbastanza tempo per far crescere legame affettivo del cucciolo verso quei genitore1-2: occorre applicare il criterio del male minore dopo il rifiuto del principio di precauzione, poi il futuro dirà se ci sarà correlazione significativa con i danni da omosessismo.

 

 

2018.07.14 Gender didattica pro Gay pride <yt fq avven giorn> nel centro estivo per bambini all'insaputa dei genitori. Pietro Segata, presidente della coop, ammette «Il nostro errore è stato quello di non esserci confrontati con i fruitori del servizio» [CzzC: errore di distrazione o pelosamente intenzionale? Forse i docenti intuirono che non pochi fruitori, se preventivamente informati sul dettaglio didattico, avrebbero potuto sottrarre discenti a cotali docenti?]

 

↑2018.07.04 qualche anagrafe comunale aveva registrato come “figli di 2 padri” una coppia di gemelli nati da u2g <rai tg24 2018.04.27>, ma ora <fattoq avv> il pm di Pesaro impugna trascrizione dell’iscrizione dei figli di due uomini; <genFam> “alterazione di stato” o “di false dichiarazione” all’Ufficiale di Stato civile, violando il dm 2002 che stabilisce le formule da impiegare nella trascrizione di un atto di nascita [CzzC: vedremo se sarà sanzionato l’illecito o se finirà con la vittoria dei pelosi che barano per costruire un precedente legale come punto di non ritorno per la goduria dei gp-fc costasse sfrattare le lesbiche contrarie all’utero in affitto]

 

↑2018.06.07 <vocetn> Il PD sostiene il «Dolomiti pride» le lesbiche invece no. Arcilesbica ha ritenuto il documento elaborato dagli organizzatori della manifestazione, «irricevibile e lontano anni luce dalle istanze di reale liberazione che hanno dato origine al movimento lgbt e a tanti altri movimenti di liberazione, in primis quello delle donne».

 

↑2018.06.06 <fattoq> il Comune di Firenze, guidato dal renziano Nardella, nega patrocinio al Gay pride del 16Giu a Siena, patrocinio richiesto anche da M5s. Altra precedente negazione fu quella di Ugo Rossi presidente della PAT per il Dolomiti Pride del 09Giu giugno <fattoq 08Apr>, patrocinio dato invece da Arno Kompatscher di Bolzano.

 

↑2017.06.27 mentre il gesuita James Martin invita la Chiesa ad accogliere i gay, osserviamo che <lib&pers> durante i gay pride abbondano insulti plateali a Cristo, Madonna e santi.

 

↑2017.02.01 fuori dal coro: <timone>: la femminista Camille Paglia ←wikipedia rivendica di essere stata la prima studentessa lesbica a fare outing all’università di Yale, ma riconosce che “l’omosessualità non è normale; al contrario si tratta di una sfida alla norma”. Detesta la stupidità delle mobilitazioni gay e l’intolleranza degli omosessuali e quando le si domanda: “Perché in questi anni non c’è stato nessun leader gay lontanamente vicino alla statura di Martin Luther King?” Lei risponde: “Perché l’attivismo nero si è ispirato alla profonde tradizioni spirituali della chiesa a cui la retorica politica gay è stata ostile in maniera infantile. Stridulo, egoista e dottrinario, l’attivismo gay è completamente privo di prospettiva filosofica