GIOVANNI MARIA FLICK sul DDL ZAN: « Nell'art.4 un errore giuridico da matita rossa »

La legge deve porre dei limiti alla discrezionalità dei giudici quando si tratta di "penale" ed invece qui ci sono termini come "percepito".

Giovanni Maria Flick (n1940) è Presidente emerito della Consulta, ex Guardasigilli e docente emerito di Diritto penale alla Università Cattolica e alla Luiss.

[Pagina senza pretese di esaustività o imparzialità, modificata 31/10/2021; col colore grigio distinguo i miei commenti rispetto al testo attinto da altri]

Pagine correlate: omofobia; ideologia inquisizione e didattica di gender invisa anche ai musulmani; classificare come odio il disaccordo; u2g

 

↑2021.05.19 IL PEDAGOGISTA, IL LEGISLATORE, LE LIBERTÀ. DIALOGO SUL DDL ZAN, webincontro <yt♫> con Giovanni Maria Flick, Presidente emerito della Consulta, Marina Terragni, Fabio Pizzul, Presidente gruppo PD Regione Lombardia e fu di AC/Milano [CzzC: appunti con parola chiave ideologia e didattica di gender, bavaglio alla libertà di espressione con Enrico Letta fissato sul ddl con equivocità da matita rossa&blu; help da Renzi? Non dalla pur dubbiosa Valeria Fedeli. Eterogenesi dei fini]. 621 spettatori <youtube> Mercoledì 19 maggio 2021  ore 18:30

[CzzC: prendi con cautela i seguenti appunti annotati di getto mentre ascoltavo e non ben riveduti/corretti]

Lorenza Violini, due anime: una repressiva di offese a minoranze e di intolleranza, l'altra di promozione di una ideologia

Fabio Pizzul (PD, ex dirigente AC Lombardia): credo necessaria una discussione, sostengo che nell'art1 occorre maggiore prudenza nel definire entità che toccano sensibilità; meno preoccupato su art4 libertà di espressione; perplesso su art7 che introduce la non discriminazione e intolleranza una dimensione propositiva e pedagogica che chiama in causa obbligatoriamente scuole e altre realtà educative: dovrebbe essere utilmente più sfumata; le posizioni estremizzate non fanno il bene della maggioranza degli italiani. Ho tentato anche nel PD di stimolare un passo indietro dal muro contro muro.

Marina Terragni: sa che nel PD c'è molto scontento e consapevolezza di essersi messi in una trappola che non riguarda il contenuto ma lo scontro col centro-destra; un indeterminato come "un percepito" crea qualche problema sul penale; Zan, Cirinnà e Letta hanno rifiutato qualunque confronto. Il femminismo fin dalla camera aveva tentato di portare a Zan delle proposte di miglioramento del testo, ... ma muro;

- includere le donne come minoranza da tutelare non funziona

- (la stessa Valeria Fedeli trova improprio includere qui la misoginia)

- dentro le scuole si parla già molto di lgbt; in Canada si insegna ai bambini come fare causa ai genitori se ... Vorrei che i genitori potessero esprimere il loro consenso, presentato emendamento e il PD ha votato compattamente contro questo principio di libertà.

Identità di genere: basta autodeterminazione come in Canada? l'UK l'ha respinta; Spagna ha bloccato almeno temporaneamente la ley trans; anche da noi c'è la proposta di ottenere trans all'anagrafe con un atto solenne, anche senza dichiarazione medica. Letta non mi vuole sentire, la lega sì, ma è sconvolgente per una persona di sinistra come me: possibile che la destra parla di libertà e a sinistra c'è solo bavaglio?

Giovanni Maria Flick: la legge deve porre dei limiti alla discrezionalità dei giudici quando si tratta di "penale" ed invece qui ci sono termini come "percepito". Nel nostro Paese stiamo esagerando col pan-penalismo. Svuotato il sesso del suo significato e riempirlo con una serie di concetti che sono l'esatto contrario della oggettività; non lamentiamoci se poi il giudice deciderà come gli pare. Nell'art4 un errore giuridico da matita rossa. Gli ultimatum sono di natura politica come quando fu ridotto il numero dei parlamentari: stiamo massacrando concetti giuridici che sono elementi fondamentali per la convivenza.

Lorenza Violini pone la seconda domanda sulla libertà di espressione che è pilastro della democrazia.

Fabio Pizzul: in art4 c'è una excusatio non petita "non vogliamo limitare ..."; non vedo un rischio liberticida, ma visti anche gli atteggiamenti sopra le righe delle parti politiche contrapposte, dovrebbe essere esemplare la diligenza del legislatore nel chiarire i termini e andare oltre il livello dello scontro; se invece anche il legislatore cerca un articolato che piaccia più ad una parte che alla chiarezza oggettiva, ahimé. Capisco Terragni perfino aggredita per la incapacità di confrontarsi sulle idee; anche la mia posizione non è molto tollerata dentro il PD. L'Art49 della costituzione è dimenticato, ancorché il PD mi paia tra i partiti che più lo rispettano [CzzC: caro Pizzul, non ti avvedi che ti stai contraddicendo? Pur di salvare la faccia a chi ti paga la poltrona politica]. Siamo imbevuti di cultura individualistica che sta influenzando anche le scelte politiche. Pannella vero radical vincitore. Ammette di avere divagato. Eterogenesi dei fini che lo Zan diventi pretesto per attaccare l'opinione diversa da ...

Lorenza Violini lavorare di più sulle audizioni in Parlamento?

Fabio Pizzul: due posizioni antitetiche; la posizione di Bassetti è realistica; importanza di confronto sulle idee ...

Giovanni Maria Flick: sono d'accordo con Pizzul: c'è stata un'enfasi dall'una e dall'altra parte che fa paura; roba da lotta contro gli Albigesi; ignoriamo l'art2, ai diritti inviolabili si agganciano i doveri di solidarietà; purtroppo dovremmo tornare ad insegnare la Costituzione. L'art 4 è da segnare con matita rossa e blu è estremamente pericoloso perché affida alla legge ordinaria quello che è già previsto dalla Costituzione "libertà di espressione purché ..."; questo vuol dire che anche domani una maggioranza può cambiare per legge una norma della Costituzione (art21): c'è coda di paglia; si svuota la Costituzione; coll'obiettivo di tenere in piedi una maggioranza precaria.

Lorenza Violini la CEI è stata prudente ma non ambigua: ha detto che questo ddl andrebbe cambiato ...

Marina Terragni: se il 1° firmatario di questo ddl dichiara che la legge serve a instillare un atteggiamento di prudenza (Mao Tse Tung colpirne uno per educarne 100); Alessandra Maiorino precisa che "parlare contro due padri è reato" .. figurarsi quando la clava sarà in mano di chi ne vuol fare uso; e già oggi c'è una censura di pensiero; io per aver riportato un virgolettato sono stata querelata, 3 anni di tribunale poi assolta ma ho dovuto pagare avvocato e mi volevano levare l'incarico; leggi su Micromega prof che non possono parlare di cromosomi Xy [CzzC: dove trovare link alla fonte?]; la regina di UK "faremo una legge per tutelare i docenti che vengono cacciati per omotransfobia" [CzzC: dove trovare link alla fonte?]. Ci sono troppi problemi dentro quel testo, non vorrei essere nel PD: Valeria Fedeli stessa che lamenta di non essere stata coinvolta; è espressione di una lobby che spinge in tutto il mondo.

Lorenza Violini come poter modificare il ddl?

Terragni: dipenderà da Matteo Renzi

Flick: la Costituzione! l'opinione pubblica finirà per disaffezionarsi "i politici facciano quel che  vogliono" a fronte di questo scempio della Costituzione; sarebbe meglio accantonare un tema così divisivo in questo periodo di sofferenze economiche sociali ambientali. Non sono molto ottimista.