Il diritto al TRANSGENDER non abusi interventi chimico-fisici su MINORI e non ammazzi le gare sportive femminili (eterosoma XX)

Trattasi del diritto di trasformare il proprio corpo in maniera opposta a quello configurato dagli eterosomi, un diritto che si estende a cambiare il anche il codice identificativo personale se fosse sex parlante come il codice fiscale italiano e a pretendere che il tutto avvenga a spese dello stato, pure i bloccanti ormonali; almeno sia un tribunale a disporre.

<wikipedia>: i transessuali spesso perseguono l'obiettivo di un cambiamento del proprio corpo, attraverso assunzione di ormoni ed interventi medico-chirurgici volti a riaffermare l'identità fisico-psicologica.

[Pagina senza pretese di esaustività o imparzialità, modificata 26/01/2021; col colore grigio distinguo i miei commenti rispetto al testo attinto da altri]

Pagine correlate: ideologia didattica dittatura e inquisizione di gender; comunque misericordia verso la rivendicazione di diritti individuali, pur se bulimia o sbagli della mente umana a seconda dei punti di vista; e i musulmani?

 

2021.01.22 <wsj> Biden ha disposto sanzioni alle associazioni sportive che vietassero ai maschi (eterosoma XY) transgender di allenarsi negli sport delle femmine XX: disporrà sanzioni anche a chi li escludesse dalle GARE sportive femminili? <agenparl, tempi> Se così fosse «sarebbe la morte dello sport femminile». Ricordiate ciò che avvenne in Connecticut dal 2017? Due velocisti XY si identificarono come XX e vinsero tutte le gare di corsa, stabilendo record irraggiungibili dalle coetanee. <tg24> Alcune atlete intentarono causa per ingiustizia biologica, che nulla avrebbe a che fare con l'identità di genere.

 

2020.12.04 <avvenire> In 10 anni le diagnosi di disforia di genere in Svezia sono aumentate del 1.500 per cento. Dopo vari scandali e denunce pubbliche è stata bloccata la legge proposta nell’estate del 2018 dai socialdemocratici, che voleva abbassare da 18 a 15 anni l’età minima per accedere alla chirurgia per la transizione di genere senza il consenso dei genitori, e che voleva stabilire a 12 quella per poter cambiare legalmente il proprio genere.

 

2020.12.02 <avvenire corriere google> Bloccanti ormonali per avviare la transizione di genere in bambine e bambini 'non conformi': d’ora in poi in Gran Bretagna dovrebbero essere somministrati unicamente con l’ok del Tribunale. È la prima clamorosa ricaduta della sentenza dell’Alta Corte sul caso Keira Bell versus Nhs, il Servizio sanitario nazionale britannico. [CzzC: storcerà il naso qualche tifoso della gendercrazia che neglige la prevenzione di danni da omosessismo?]

 

↑2020.11.11 <avvenire google> Londra dice stop al 'self-id' (autocertificazione dell'identità di genere); è invece prevista una transizione medica obbligatoria, mentre il nostro ddl Zan-Scalfarotto specifica «indipendentemente dall’aver concluso un percorso di transizione».

In Inghilterra stop anche alla formazione all'identità di genere nelle scuole, mentre per l'educazione sessuale la scuola non deve ricorrere ad agenzie di formazione esterne che utilizzano materiali miranti a suggerire che i bambini potrebbero appartenere a un genere diverso basandosi sui loro interessi, personalità, vestiti che preferiscono indossare e che se, così fosse, il loro corpo sarebbe sbagliato ed avrebbe bisogno di cambiamenti.

E da noi col ddl ZS? È stato respinto l'emendamento che chiedeva l’esplicito consenso dei genitori per la partecipazione dei minori a corsi di formazione della specie. Il sindaco di Londra è un musulmano: mi chiedo se anche in Italia dobbiamo sperare nella fermezza dei musulmani per difendere la priorità educativa dei genitori. Intanto il testo più rappresentato nelle scuole italiane è stato “Fa’afafine”, storia di un ragazzino gender fluid.

 

↑2019.11.05 <giornale> Lo studioso del gender ammette: "Mi sono inventato tutto". Christopher Dummitt, professore canadese della Trent University e autore di alcuni importanti saggi sul gender, ammette i propri errori: "Faccio mea culpa". Non solo l'ideologia gender esiste, ma chi l'ha sponsorizzata per anni ora si pente e ammette di aver falsificato le conclusioni delle sue ricerche. Per molti attivisti, sottolinea, "dire che il sesso è una realtà biologica equivale a hate speech" e gli ultra-progressisti "accusano chiunque lo affermi di negare l'identità delle persone transessuali e ciò equivale a voler causare danni a un altro essere umano. A tal proposito, il cambiamento culturale è stato stupefacente".

 

↑2020.10.01 <repubbl google> Dopo la decisione della giunta della Regione Emilia Romagna, l'AIFA decide: "Farmaci ormonali per i trans a carico dello Stato". L'Arci-gay: "È una rivoluzione". [CzzC: nel mentre alcuni servizi sociali dicono che son finiti i soldi per l'assistenza ai ragazzi autistici: alterazione delle priorità. Vedi anche in Trentino <vocetn> con Lucia Coppola di Futura di Ghezzi]

 

2019.04.09 <times> si dimettono medici di cliniche che somministrano FARMACI BLOCCANTI DELLA PUBERTÀ: parlano di diagnosi affrettate e di esperimenti di massa su minori. Lo staff dell'NHS si ferma a causa di preoccupazioni etiche e di sicurezza. Gli esperti hanno messo in guardia sul fatto che l'unica clinica di genere NHS per bambini sta rischiando un "esperimento dal vivo" avviando centinaia di interventi medici che cambiano la vita senza sufficienti prove sui loro effetti a lungo termine.

L'anno scorso più di 2500 giovani si sono rivolti al Gender Identity Development Service clinic at the Tavistock Centre

 

↑2018.02.17 <tgcom24> Cambierà sesso in Usa, la Ulss di Treviso pagherà 29k€ per operazione e viaggi. Un uomo con disturbi dellʼidentità di genere chiedeva dal 2013 che la Regione si facesse carico delle spese [CzzC: stanti le ben maggiori priorità di spesa pubblica sanitaria, già limata dalla spending review perfino sull’handicap infantile, non ti parrebbe ingiusta questa sentenza pro bulimia dei diritti individuali? Stante l’offerta di operabilità in Italia, non avrebbero potuto i giudici farci risparmiare almeno le spese di viaggio, sottraendosi al sospetto di pregiudizio ideologico? O sbaglio?]

 

↑2017.11.18 <tempi >: “ben fatto, ragazze” dice a un gruppo di studentesse il prof di una scuola secondaria in Uk, poi interdetto dall’insegnamento perché tra quelle c’era un/a transgender che si è infuriato/a per il “misgendering [CzzC: cbdi]

 

↑2017.09.gg Confidando che non sia una fake news annoto <acpeds> che il collegio dei pediatri americani esorta operatori sanitari, educatori e legislatori di respingere le politiche che condizionano i bambini ad accettare come normale una vita che impersoni chimicamente e chirurgicamente il sesso opposto. Facts – not ideology – determine reality.

1.    La sessualità umana è oggettivamente binaria: xx=femmina, XY= maschio

2.    Nessuno è nato con un genere, tutti sono nati con un sesso

3.    Se una persona crede di essere ciò che NON è, questo è da considerare quantomeno come uno stato di confusione.

4.    La pubertà non è una malattia e gli ormoni che la bloccano possono essere pericolosi.

5.    Il 98% dei ragazzini e l'88% delle ragazzine che hanno problemi di identità di genere durante la pubertà li superano riconoscendosi nel proprio sesso dopo la pubertà.

6.    L'uso di ormoni per impersonare l'altro sesso può causare sterilità, malattie cardiache, ictus, diabete e cancro

7.    Il tasso di suicidi tra i transessuali è 20 volte quello medio, anche nella Svezia che è il paese più gay friendly del mondo

8.    E' da considerarsi abuso sui minori convincere i bambini che sia normale impersonare l'altro sesso mediante ormoni o interventi chirurgici.

[CzzC: speriamo che non vengano sottoposti a gender inquisizione; speriamo che i tifosi like  Scalfarotto non li accusino di omofobia; speriamo che la Fedeli sindacalista ministra dell’istruzione tenga conto di queste esortazioni nell’informare la sua gender didattica; speriamo che analogamente ne tengano conto i vertici di Arcigay e dell’Unar, anziché inciuciarsi con circoli da orge gay ]

 

↑2016.02.18 non so quanto sia vera la notizia <losai>: la femen Sara Winter stupisce abbandona il movimento e ne racconta le perversioni femministe radicali più o meno pilotate da un certo Viktor Svyatskiy <repubblica et>, con azioni mirate e ben finanziate, e con induzioni alla transessualità fino a prostituzione e pedofilia

 

↑2016.01.30 <osservatoriogender>: aggredito dalla gender inquisizione anche il giornalista e conduttore televisivo Jeremy Clarkson reo di aver espresso il suo pensiero in tema di transessualità in maniera sgradita alla lobby LGBT che dal sito “Planet Transgender” ne ha chiesto la testa, lanciando una petizione on-line per chiedere al suo attuale datore di lavoro, “Amazon”, di cacciarlo immediatamente.

 

↑2015.01.05 <avvenire>: Usa, i nuovi simboli dei bagni "gender": la pioggia di cause legali che ha investito i Comuni e le università Usa che non consentivano l’accesso di transessuali ai bagni che desideravano, ha spinto molte istituzioni a cambiare i loro cartelli per le toilettes. [CzzC: gran conquista di civiltà direbbe il masso Obama paralogista che la equipara alla conquista della parità tra bianchi e neri; chissà se lo turba il disagio di una donna che si trovasse la toilette schizzata ad altezza d’uomo: mica tutte hanno provato da piccole un unico gabinetto eterosex nell’aia]

 

↑2014.10.02 <l’adige> Samuel(l)e Daves aggettiva come incivili e barbari i Trentini, che non assecondano il disegno di legge #2/2014 sull’omofobia e vuole che il tribunale lo dichiari donna senza se/ma?«È nostra intenzione richiedere dunque una nuova statuizione il cui valore diverrebbe ulteriormente determinante nel creare un ulteriore precedente legale fondamentale. Desideriamo infatti che questa divenga una nuova statuizione quasi codificata dal diritto, dove dato il lassismo del Parlamento e il freno della giunta trentina, il giudice quasi creerebbe il precedente[CzzC: gli pongo domande in aiuto al discernimento e in tentativo di correzione fraterna]

 

↑2014.03.29 Ricorso al TAR contro le linee guida dell’Unar che impongono limiti alla libertà dei giornalisti della serie: vietato parlare di “gay esibizionisti”, sottolineare gli aspetti positivi della “visibilità” degli omosessuali e il coraggio di chi si rende visibile; se un transessuale si sente donna il giornalista deve scrivere “la trans” e non “il trans”; non associare transessuali e prostituzione, mai parlare di prostitute o prostituti ma di “lavoratrice del sesso trans”; il giornalista dovrà anche educare i suoi lettori a considerare cosa buona e giusta il “matrimonio” omosessuale e far notare che “il matrimonio non esiste in natura, mentre in natura esiste l’omosessualità”; non si potrà scrivere di “uteri in affitto” (per non attribuire una connotazione “negativa”) ma solo di “gestazione di sostegno” … Insomma un vero e proprio lavaggio del cervello degno delle peggiori dittature.

 

↑2013.08.01 <l’Adige> Tribunale di Rovereto decreta donna un uomo: il 60enne dal 2009 seguiva una terapia ormonale femminilizzante; il tribunale sentenzia non necessario l'intervento chirurgico per consentire la rettifica dell'atto di nascita. » [CzzC: con relativi costi socio-amministrativi P.A. non indifferenti (ma vien fatta valere la socializzazione delle perdite, 1° indicatore di potenti matrici) sia del tribunale sia dell’anagrafe per queste capricciose rettifiche, in onta alla spending review che intacca sanità, ricerca, scuola; siccome va cambiato anche il codice fiscale, chiedi a ... continua ]

 

↑2012.05.25 <Avvenire> Sulle nozze gay la Ue si ripete approvando l’ennesima risoluzione sull’omofobia (si spaccano i popolari: 3 italiani a favore) che fra l’altro esprime «viva preoccupazione per gli sviluppi che limitano la libertà di espressione e di associazione in base a idee infondate in materia di omosessualità e transessualità», con una dura condanna per le violenze del 20 maggio a Kiev, in Ucraina, in occasione del Gay Pride, citando inoltre situazioni in Russia, Ungheria, Lettonia, Lituania e Moldova ... continua

 

↑2011.08.05 <vanityfair>: Marrazzo: I transessuali sono donne all'ennesima potenza, esercitano una capacità di accudimento straordinaria.