Negazionismo

<wikipedia> negare la verità di accadimenti storici accertati, quali un genocidio o una pulizia etnica o un crimine contro l'umanità. Spesso i negazionisti non accettano tale etichetta e in taluni casi accusano la storiografia che essi stessi negano: così ad esempio chi nega l'Olocausto cerca di essere accreditato come revisionista.

- negazionismo dell’olocausto

- negazionismo del genocidio degli Armeni

negazionismo dei cristiani perseguitati

- negazionismo delle Foibe e del dramma degli esuli istriani.

 

[Pagina senza pretese di esaustività o imparzialità,  modificata 12/02/2018; col colore grigio distinguo i  miei commenti rispetto al testo attinto da altri]

Pagine correlate: dignità umana fondamento dei diritti umani; padri nobili della Soah, antisemitismo; Ataturk e la turco-massoneria

 

↑2018.02.10 <stampa> Antonio Vatta, presidente della Consulta regionale dell’Anvgd - l’Associazione piemontese degli esuli istriani ha accusato membri dell’Anpi di «aver avviato una dolorosa e ingiustificata campagna denigratoria, organizzando convegni e diffondendo documenti in cui negano il dramma che colpì la nostra gente alla fine della Seconda guerra mondiale». Fassino si associa «Nessuna interpretazione può cambiare i fatti: chi nega o cerca delle giustificazioni al dramma delle foibe e dell’esodo istriano, compie un errore inaccettabile».