Turco massoneria alla nascita della Turchia di Ataturk e non solo

La nascita della Turchia moderna con Ataturk fu massonicamente illuminata: anche se non abbiamo prove certe di responsabilità massoniche nel genocidio degli Armeni, mi piacerebbe trovare documenti di illustri massoni dell’epoca che avessero tentato di fermare il massacro di inermi cristiani.

[Pagina senza pretese di esaustività o imparzialità, modificata 30/01/2018; col colore grigio distinguo i miei commenti rispetto al testo attinto da altri]

Correlati: Turchia, massoneria islamica, genocidio degli Armeni, Ataturk, US-UK, danni

 

↑2015.08.26 <bussolaq>: Istruzioni massoniche a futuri sterminatori di inermi: gli ideologi dei Giovani Turchi avevano studiato a Parigi (come il cambogiano Pol Pot, per esempio), dove avevano assorbito le idee politiche (europee) del tempo: nazionalismo e massonismo: «Molti di loro vennero accettati dalle logge massoniche, e la loggia di Tessalonica divenne una sorta di quartier generale nazionale per loro. Talaat Bey – l’uomo responsabile [CzzC: non fu il solo, ad es] del genocidio degli armeni - era perfino Gran Maestro del Grande Oriente della Massoneria turca».

 

↑2015.04.15 Annoto che sono 21 gli stati che hanno ufficialmente riconosciuto un genocidio negli eventi che portarono alla deportazione ed eliminazione di Armeni negli anni 1915-1916, genocidio negato dalla Turchia; nella lista dei 21 noto l’assenza di Us-Uk: pare difficile negare correlazioni tra questa assenza e gli illuminati inciuci economico militari, tra Us-Uk e la Turchia, costasse alimentare Isis attraverso le sue frontiere.

 

↑2014.12.27 <sentire>: Turchi sparano su profughi che scappano da Isis: Amnesty International ha registrato almeno 17 persone uccise dalle guardie di frontiera turche mentre cercavano di attraversare valichi di frontiera non ufficiali; molte altre persone sono state picchiate e respinte verso la guerra. [CzzC: commento correlazione tra lumi di ieri e di oggi]

 

↑2014.11.09 Forse è solo fantapolitica cercare correlazioni tra il fatto che Garibaldi fu fiananziato dalla massoneria con piastre turche per aggredire il cattolico Sud-Italia col Papato; e che l’arma che sparò a GP2, vivo per miracolo, fosse impugnata dal turco Ali Agka degli stessi Lupi Grigi del genocidio armeno. Forse è fantapolitica questo articolo de <ilnodogordiano> che ci mostra US-UK tifosi della Pan-Turania quantomeno in funzione anti Russia: il progetto Pan-Turania alletterebbe i nazionalisti turchi seguaci del magnate e leader islamista turco Fethullah Gulen, attualmente in esilio in Pennsylvania protetto dalla CIA, con la sua rete di madrasse in Asia centrale, Medio Oriente e anche negli US: fu Gulen a sostenere l’ascesa al potere del partito islamico Giustizia e Sviluppo (AKP) del primo ministro turco Recep Tayyip Erdogan; il movimento di Gülen fu accusato di organizzare per conto della CIA la vendita di armi ai guerriglieri musulmani albanesi che combattevano contro le forze serbe in Bosnia-Erzegovina e in Kosovo; gli Us addestrarono guerriglieri Isis anti Assad in Turchia.

 

↑1935.mm.gg <centrostudimediterraneo>: la Turchia, influenzata dalla propaganda nazista, proibisce l’associazionismo, e, pur non esplicitandola, colpisce anche la massoneria che ricorda il 1935 come l’anno d’inizio del “Grande Sonno”: il Grande Oriente Ottomano annoverava 65 logge; i Supremo Consiglio, (massoni del 33° grado del Rito Scozzese), continuò a operare in clandestinità, ma la polizia turca era tollerante nei confronti dei massoni, che potevano contare sulla tacita protezione del secondo Presidente della Repubblica, İsmet İnönü, succeduto ad Atatürk nel 1938; il Supremo Consiglio fu anche sovvenzionato.

 

↑1918.mm.gg <centrostudimediterraneo>: Emblematico il caso del cosiddetto governo massone, che guidò la Turchia dal 1909 al 1918. [CzzC: ricorda 1915 genocidio degli Armeni]

 

↑1909.mm.gg <centrostudimediterraneo>: Nel 1909 i massoni ottomani decisero di fondare un Grande Oriente nazionale, poiché fino ad allora i massoni ottomani erano stati accolti clandestinamente nelle logge dipendenti da Orienti stranieri, essendo proibita ai cittadini dell’Impero la libera associazione. Il Grande Oriente Ottomano, una volta costituito, doveva ottenere il riconoscimento per essere alla pari con altri Orienti stranieri: per perorare la causa nazionale furono inviate delegazioni presso logge massoniche europee: una arrivò in Italia (Presidente Nessib Bey e da Samuel A. Tiano, in rappresentanza della Reale Loggia Madre di Salonicco [CzzC: alla quale si formarono Ataturk e Giovani Turchi prima di genocidare gli Armeni], “Macedonia Risorta”, “Labor et Lux”, “Fazilet”, “Veritas”, “Perseverancia”, e “Philippos”): il 08/12/1909 il Grande Oriente d’Italia accordò il riconoscimento al Grande Oriente Ottomano, decisione affrettata dalla gara con la massoneria di Piazza del Gesù che aveva cercato proseliti tra le logge di Costantinopoli.