modificato 21/11/2017

 

Amnesty International

Correlati: dichiarazione universale, dignità umana, male fisico mandatorio, schiavismo, prostituzione, aborto

Pagina senza pretese di esaustività o imparzialità: contrassegno miei commenti in grigio rispetto al testo attinto da altri.

 

<wikipedia> ong internazionale pro difesa dei diritti umani come sanciti nella Dichiarazione universale dei diritti umani. Ha ricevuto il Premio Nobel per la pace nel 1977 per l'attività di "difesa della dignità umana contro la tortura, la violenza e la degradazione". [CzzC: Amnesty sarebbe del tutto indipendente? O potrebbe essere condizionata dal sostegno di finanza cinica, della serie Soros? Spero che AI non ceda alla cultura dominante col diritto della forza di potenti prevalente sulla forza del diritto dei più deboli, ad esempio

- di minoranze massacrate o diasporate dal jihadismo foraggiato dall’inciucio dei petroldollari

- di concepiti cui è negato il diritto di non essere programmati a nascere pro coppie gay]

 

 

07/11
2017

<sicurezzainternaz>: gli Us stanno rivedendo il sostegno militare e di intelligence alla coalizione della guerra in Yemen a guida saudita? Il 22/09/2017 Amnesty aveva pubblicato un report denunciando che era stata prodotta negli Us la bomba che nel raid aereo del 25/08 causò la morte di molti civili

11/07
2017

<ansa>: Amnesty: a Mosul ovest una ‘catastrofe' per i civili: l’Isis ha usato «intere famiglie come scudi umani» mentre le forze della coalizione a guida Usa hanno utilizzato «armi inappropriate rispetto alle circostanze» ed «in alcuni casi può essersi trattato di crimini di guerra». [CzzC: parla il tacer dei nostri illuminati Usa-succubi che si stracciavano le vesti per la liberazione Aleppo supportata dalla Russia]

09/02
2017

<controinfo>: a p11 del Rapporto e Rendiconto Finanziario del 2011 di Amnesty International Limited è riportato: «I Direttori sono lieti di ringraziare per il loro supporto la John D. e Catherine T. MacArthur Foundation, l’Oak Foundation, l’Open Society Georgia Foundation (George Soros), il Vanguard Charitable Endowment Programme, Mauro Tunes e l’American Jewish World Service. L’UK Department for International Development (Governance and Transparency Fund) ha prorogato il finanziamento per un progetto quadriennale a favore dell’educazione ai diritti umani in Africa.». È ovvio che Amnesty prenda denaro da governi che da privati; mi preoccupa però l’influenza che potrebbe derivare da certi cinici finanziatori come quelli orbitanti attorno a George Soros, indagato per crimini finanziari.

01/11
2016

<enalalam, sussidiario>: Amnesty International chiede ai ribelli siriani di cessare l’uccisione di civili ad Aleppo: «l’offensiva da loro lanciata il 28/10 è marcata da indiscriminati attacchi su aree residenziali» [CzzC: complici i loro sponsor Us-turco-wahhabiti?]

05/07
2016

<amnestyIntern>: Amnesty International ha denunciato oggi un'agghiacciante ondata di rapimenti, torture e uccisioni sommarie da parte dei gruppi armati che agiscono nelle province di Aleppo, Idlib e in altre zone del nord della Siria, alcuni dei quali sono sostenuti da paesi quali Arabia Saudita, Qatar, Us e Turchia, nonostante si rendano responsabili di violazioni delle leggi di guerra [CzzC: solo adesso hai corretto la vista cara Amnesty? ... continua]

19/10
2015

<sentire avvenire>: campagna di Amnesty per vietare le spose-bambine: isolate, tagliate fuori da famiglia e amicizie e da qualsiasi altra forma di sostegno, perdono la libertà e sono sottoposte a violenze e abusi. 13.5M di ragazze ogni anno nel mondo sono costrette a sposarsi prima dei 18 anni con uomini molto più vecchi di loro. [CzzC: non è solo la cultura islamista ad alimentare questo vulnus alla dignità della persona, c’è anche quella induista, ad esempio, per stare ai miliardi; ma aiuta molto]

02/09
2015

<sentire>: l'Italia sospenda l'invio di bombe alla coalizione guidata dall’Arabia Saudita che sta bombardando lo Yemen contro il movimento sciita zaydita Houthi: bombardano da cinque mesi senza alcun mandato o giustificazione internazionale. Lo chiede a Renzi anche Amnesty International Italia. [CzzC: chiediamolo in tanti! Ma perché tacciono i tifosi delle bandiere rosse che ci tiravano in piazza al grido di Nixon boia per il Vietnam? Forse perché Obama è pro uteri in affitto cari all’Arcigay?]. Il conflitto ha finora causato più di 4mila morti e 20mila feriti – di cui circa la metà tra la popolazione civile – provocando una “catastrofe umanitaria” con oltre un milione di sfollati e 21 milioni di persone che necessitano di urgenti aiuti. E’ minacciata la sopravvivenza soprattutto dei più vulnerabili. [CzzC: chissà se Amnesty International USA chiede la stessa cosa al loro Obama masso nobel Pace che sullo Yemen dissimula, anzi aiuta l’alleato wahhabita: danni da potentati]

09/08
2015

<corriere>: depenalizzare la prostituzione? Sì da Amnesty International, no da altri, comprese star Hollywood: è incomprensibile che un’organizzazione per i diritti umani della levatura di Amnesty International non riesca a riconoscere che la prostituzione è una causa e una conseguenza della diseguaglianza di genere, scrivono i firmatari, tra i quali ci sono le attrici Meryl Streep, ... l’attore Kevin Kline, il regista Jonathan Demme, e le femministe Gloria Steinem ed Eve Ensler.

19/02
2015

<articolo21>: Ucraina: Lucia Goracci in collegamento da Kramatorsk racconta i fatti mentre vicino alla sua inquadratura scorrono immagini di militari del battaglione Azov della Guardia Nazionale Ucraina che utilizza simbologia nazista, quella delle SS ... [CzzC: qualcuno contesta alla Goracci “non un commento ... su cosa il battaglione Azov sia. Nonostante, in un dettagliato rapporto, Amnesty International abbia denunciato violazioni di diritti umani e crimini di guerra perpetrati proprio dall’Azov”; io loderei il coraggio di mostrare il vero volto dell’attuale regime ucraino, volto che invece cerca di nascondere la cultura dominata dal masso Nobel Pace pro supremazia del suo petroldollaro, e disinforma per illuderci (Usa contro Russia2.0) che l’attuale regime ucraino non stia massacrando il diritto all’autodeterminazione delle popolazioni russofone del Donbas]

27/12
2014

<sentire>: Turchi sparano su profughi che scappano da Isis: Amnesty International ha registrato almeno 17 persone uccise dalle guardie di frontiera turche mentre cercavano di attraversare valichi di frontiera non ufficiali; molte altre persone sono state picchiate e respinte verso la guerra. [CzzC: commento]

17/10
2014

Caro A.M.: ti chiederei come potremmo ritenere che gli islamici presenti al tuo tavolo siano congruenti con le preghiere di pace, se restano inerti di fronte alle loro autorità religiose che provocano ingiustizia e male fisico ad innocenti come anche nel caso di Asia Bibi: gli autori di cotanto male non sono poveracci ignoranti, ma trattasi di dotte e aggiornatissime autorità islamiche: <Avvenire p5> Asia Bibi condannata con un altro "processo farsa": Amnesty: «Gravi preoccupazioni sull'equità del giudizio». Continua ...

26/09
2014

<Sentire>: orrore dell’integralismo (ennesima decapitazione, questa volta di un turista francese in Algeria): rapporto di Amnesty International sull’Isis: "Pulizia etnica di dimensioni storiche. Lo Stato islamico prende sistematicamente di mira le minoranze del nord dell'Iraq".

30/08
2014

<Sentire>: ad un anno dalla deposizione di Mohamed Morsi, secondo Amnesty International è profondo il deterioramento della situazione dei diritti umani in Egitto: arresti arbitrari in massa, detenzioni illegali, orribili episodi di tortura e decessi in custodia di polizia ... Amnesty International ha raccolto prove schiaccianti sulla regolarità con cui la tortura viene praticata nelle stazioni di polizia e in centri non ufficiali di detenzione, soprattutto ai danni di membri e simpatizzanti della Fratellanza musulmana. [CzzC: forse i Copti stanno meglio col regime che con Morsi che non seppe fermare i salafiti massacratori di cristiani, ma come potrebbe essere rispettoso dei diritti umani un regime sostenuto dai soldi dei migliori foraggiatori (come i filo wahhabiti) dei peggiori terroristi (come Isis) dilanianti diritti umani in Medio Oriente?]

08/06
2014

In Tibet, la persecuzione religiosa è strettamente legata alla repressione del dissenso politico. La grande maggioranza dei prigionieri politici tibetani conosciuti da Amnesty International sono monache e monaci buddisti.

05/06
2014

<imola>: Amnesty è tutta pro diritti umani o anche freno alla loro difesa in certi casi, magari a seconda delle propensioni dei suoi finanziatori? Ad es Soros?

26/09
2014

<Sentire>: orrore dell’integralismo (ennesima decapitazione, questa volta di un turista francese in Algeria): rapporto di Amnesty International sull’Isis: "Pulizia etnica di dimensioni storiche. Lo Stato islamico prende sistematicamente di mira le minoranze del nord dell'Iraq".

23/05
2014

<Amnesty.it>: Egitto, decine di civili "scomparsi", reclusi da mesi in un centro segreto di detenzione all'interno di una base dell'esercito egiziano, dove sono sottoposti a maltrattamenti e torture per costringerli a confessare reati.

17/05
2014

da Sentire e altrove: 17/04/2014 il “giovedì nero” nel famigerato carcere di Evin /Teheran: la denuncia di Amnesty: prigionieri politici e di coscienza sottoposti a violenze gratuite, fatti passare bendati sotto un “tunnel” formato da agenti della sicurezza che li hanno ripetutamente picchiati, privando i feriti di cure mediche adeguate. A seguito dell’indignazione dell’opinione pubblica, il direttore delle prigioni Golamhossein Esma’ili e’ stato rimosso dall’incarico. “Le autorità’ hanno tenuto un atteggiamento agghiacciante di fronte alle vittime e ai loro parenti, alcuni dei quali sono stati minacciati perché non parlassero dei loro feriti a Evin.

09/05
2014

Da Sentire: 240 ragazze nigeriane rapite dai guerriglieri di Boko Haram con la motivazione che "la scuola occidentale è pericolosa". Sconvolgenti sono le testimonianze raccolte da Amnesty International: perché le forze di sicurezza nigeriane non hanno agito, nonostante un preavviso di almeno 4 ore, per impedire il raid? E un altro inquietante interrogativo leggo da Tempi: perché non si sottolinea che sono in maggioranza cristiane le studentesse? E che sono riuscite a scappare dagli islamisti di Boko Haram quasi solo musulmane?

01
2013

<libero>: La sezione italiana di MSF, che nel 2011 ha incassato 50M€, ne ha speso il 19% tra pubblicità, comunicazione, eventi e meeting. La succursale nostrana di Save  the children (45M€/2011) ne utilizza il 23% per la promozione e il mantenimento. Amnesty International raccoglie in Italia 7 milioni: per promozione e mantenimento ne utilizza un terzo. Questi, in realtà, sono i casi in cui va meglio. La Furlanetto cita una relazione della Corte dei conti pubblicata nel luglio 2012, dopo il monitoraggio di 84 progetti umanitari tra il 2008 e il 2010. Un disastro: «Soldi mai arrivati, progetti fermi o in ritardo da anni, infrastrutture realizzate su terreni di terzi o inesistenti, rendiconti spariti, fondi fermi in Italia da mesi, responsabili di progetti fantasma e irregolarità di ogni tipo nel rendiconto delle spese sostenute».

2012

<amnesty.pdf>: rapporto sulla situazione dei diritti umani nel mondo: Africa Subsahariana, Americhe, Asia e Pacifico, Europa e Asia Centrale, Medio Oriente e Africa del Nord; Selezione di trattati internazionali in materia di diritti umani

09
2011

<Amnesty>: in Arabia continuano discriminazioni della donna nella legge e nella prassi: alle donne è tuttora proibito viaggiare, avere un lavoro retribuito, accedere all'istruzione superiore o sposarsi senza l'autorizzazione di un uomo che abbia la potestà su di loro.

04
2010

Ucraina: Amnesty International rileva che persistono tortura e maltrattamenti durante la custodia della polizia, affidamento su confessioni estorte, mancato rispetto del principio di presunzione di innocenza; tali pratiche sono incoraggiate da un clima di impunità.

13/04
2010

<ilFoglio>: Sarebbe ora che i tanti finanziatori e corifei del dottor Gino Strada gli ricordassero che esiste una linea invalicabile fra la cura dei feriti, persino dei terroristi, e la compiacenza o addirittura la collusione con le loro idee mostruose. Sul caso dei tre operatori di Emergency in Afghanistan pesa forse una serie di malintesi di cui è responsabile il quotidiano Times (lo ha detto anche il ministro degli Esteri italiano Frattini).  Ma la vicenda, da cui speriamo ne esca pulita Emergency, proietta comunque una luce sinistra sull’umanitarismo del medico milanese che tanta buona gente di establishment ha scelto per abbellirsi le coscienze. Ad aggiustare i corpi rovinati dalla violenza terroristica e dalla guerra sono in tanti, ma a rendersi collusi con certa ideologia è stata proprio Emergency. Lo stesso malaffare ha travolto Amnesty International, colpevole di aver arruolato come testimonial un apologeta dei talebani. Una prassi non propria invece di ong come Smile Again, che senza clamore in Pakistan ricostruisce i poveri volti femminili piagati dall’acido islamista.

13/06
2007

<corriere>: Il Vaticano smetterà di finanziare Amnesty: il cardinale Martino: «Siamo profondamente rammaricati ma l'organizzazione è a favore dell'aborto». Amnesty replica: mai ricevuti finanziamenti da Vaticano o da organizzazioni che dipendono dalla Chiesa Cattolica [CzzC: smorziamo i toni: se AmnInt incitasse  all’aborto anche le donne che non volessero abortire, sarebbe contro i diritti umani; ma sarebbe ben diverso se si battesse affinché le donne che vogliono abortire non rischino la vita sfruttate da strutture clandestine; non mi pare che la Chiesa Cattolica chieda leggi che infliggano adeguata punizione alle donne che abortiscono]