ultima modifica il 13/12/2017

 

Ambasciata Usa a Gerusalemme anziché a Tel Aviv come le altre

Correlati: Fermati Israele dal far danni in Medio Oriente! Usa-Sauditi-Israele

Pagina senza pretese di esaustività o imparzialità: contrassegno miei commenti in grigio rispetto al testo attinto da altri.

 

<sole24h>: Trump decide di spostare ambasciata americana a Gerusalemme da Tel Aviv [CzzC: faccia tosta, Trump, nel millantare rilancio del processo di pace in Palestina con una mossa aborrita da una delle parti, peraltro già concordata con Arabia Saudita e Giordania, vero? Non a caso questi due regimi si limitano ad esprimere «seria preoccupazione». Poco importa che tu abbia comprato la finzione della loro preoccupazione con la cancellazione dell’accordo obamiano sul nucleare iraniano, ben più grave è che ai tuoi gnomi, come già dimostrato in Libia e in Siria, poco importano le gravi conseguenze che potrebbero scatenare certi islamisti con questa tua decisione su Gerusalemme in questo momento: e se il tutto facesse parte dell’intento di tenere in subbuglio il Medio Oriente perché la pace qui gioverebbe più alla Russia che ai vostri petroldollari nei rapporti tra i popoli dell’EMEA?]

 

 

13/12
2017

<fides>: ambasciata Usa a Gerusalemme: “uno schiaffo per i palestinesi, per i cristiani d'Oriente, per i musulmani ... ha demolito gli sforzi di pace tra Israele, Palestina e Paesi arabi ... " dice il Patriarca maronita Béchara Boutros Raï.

07/12
2017

<corriere>: Scontri e 100 feriti dopo la mossa di Trump. Razzi da Gaza e Israele colpisce Hamas. Dilaga la protesta dei palestinesi nei Territori. A Betlemme, Hebron e Ramallah dimostranti intossicati da gas e feriti. <sussidiario>: buio a Betlemme

06/12
2017

<repubblica>: «Trump non sa di cosa parla, così combina solo guai» dice il grande scrittore israeliano Abraham Yehoshua con la voce consunta di un appassionato alla necessità del dialogo tra ebrei e palestinesi

06/12
2017

<sole24h or qn.vid>: Fr1: rispettare lo status quo di Gerusalemme, in conformità con le pertinenti Risoluzioni dell’ONU; no a nuove tensioni.