I sionisti colonizzano Palestina e dintorni per “mitica MISSIONE divina” come fossimo ai tempi di Giosuè?

Detesto il negazionismo del comunista Roger Garaudy fattosi musulmano, ma, come vide giusto nel detestare il comunismo sovietico, così probabilmente vide giusto l’abuso della mitica missione divina dei sionisti che mirano a colonizzare la Palestina e dintorni come fossimo ai tempi di Giosuè: peraltro sarebbe fallimentare tale obiettivo dei sionisti senza l’appoggio degli influenzati alleati, wahhabiti inclusi, primari acquirenti di nostre armi.

Traggo da <oraprosiria 2018.02.19> Dalla sua indipendenza e dalla creazione di Israele, la Siria ha continuato a fornire un sostegno costante alla causa palestinese ed è sempre apparsa resiliente all’ordine israelo-atlantico, il quale mira ad annientarla costasse trasformarla, come la Libia, in un mosaico di tribù e in diaspora come i Palestinesi, spogliati nel nome di una 'missione divina'

[Pagina senza pretese di esaustività o imparzialità, modificata 04/07/2020; col colore grigio distinguo i miei commenti rispetto al testo attinto da altri]

Pagine correlate: Sykes-Picot1916 Palestina Hamas, Israele-Arabia, massoneria, Israele danni in MO, Gerusalemme; cinismo; fine giustifica i mezzi; nemico del mio nemico

 

2020.06.30 per ora slitta l'annessione israeliana di circa il 30% della Cisgiordania, che ha il via libera dagli Usa, ma <ansa rai sic> piano illegale secondo Bachelet/OHCHR, mentre <nbq> parrebbe pro vincitori «Il diritto che Israele difende ha certamente basi giuridiche e una storia secolare. L'accanimento mostrato dall'Onu nei suoi confronti non ha senso». [CzzC: penso che <nbq> dovrebbe avere la correttezza di ammettere che non si tratta di diritto oggettivo, ma di diritto della forza, come quello sotteso alla occupazione cinese del Tibet, ed ora di Hong Kong] <timesofisrael 02Lug> Il Vaticano convoca gli ambasciatori israeliani e statunitensi per protestare contro i piani di annessione.

 

↑2020.05.15 <fb> NAKBA day, giorno della Catastrofe: 1947-48: più di 700.000 palestinesi furono espropriati ed espulsi dalla loro terra ancestrale, subendo la più grande tragedia della loro storia, la Nakba (catastrofe). Il Piano di Ripartizione delle Nazioni Unite del 1947 facilitò la creazione di Israele sul 78% della Palestina storica. Oggi la Palestina è ancora più a rischio a causa dell'Accordo tra Trump e Nethanyahu, che di fatto tenta di cancellare definitivamente l'identità palestinese.

 

2020.02.21 <agensir, lpj, infopal> migliaia di coloni israeliani sono entrati senza permesso sul lotto di terra del Patriarcato latino a Tayasir, vicino a Tubas, nel nord della Cisgiordania, in chiara violazione della proprietà privata. Nei giorni scorsi i coloni avevano già portato le loro mucche nelle terre del Patriarcato causando notevoli danni. <fides> silenzio delle autorità politiche. [CzzC: diritto della forza]

 

2019.06.14 <middleeast> Le autorità israeliane stanno proseguendo con i piani per demolire un intero quartiere palestinese nella Gerusalemme est occupata, ha riferito l' ONG B'Tselem per i diritti umani; il quartiere Wadi Yasul, situato tra i quartieri di Abu Tur e Silwan, ospita 72 famiglie palestinesi: Palestinians to be homeless after Israel demolishes entire Jerusalem neighbourhood? [CzzC: questo ed altro faranno i coloni sionisti ai Palestinesi finché l’Occidente, invece che dissuaderli, sposterà ambasciate a Gerusalemme]

 

↑2018.09.29 con rif alla contraerea russa S-300 data alla Siria <pn> Gideon Levy su <Haarezt>, “Israele aveva bisogno di qualcuno che fissasse questi limiti ... Ha potuto pattugliare i cieli del Libano come se fossero suoi; bombardare dallo spazio aereo della Siria ...; distruggere periodicamente Gaza, ... All’improvviso qualcuno si è alzato e ha detto: ‘fermati. Almeno per quanto riguarda la Siria ... Grazie, Madre Russia, per aver posto dei limiti a un bambino che nessuno era riuscito a trattenere a lungo”.

 

↑2018.05.15 la primaria responsabilità del massacro di Gaza è da imputare a Israele, sia perché più forte, sia per la sproporzione della sua reazione, sia per il cinismo con cui i sionisti e Trump hanno schiaffeggiato la pace e provocato i Palestinesi, spostando l’ambasciata USA a Gerusalemme nel 70esimo anniversario della loro Nakba; ma non possiamo chiudere gli occhi sul cinismo di Hamas, che, negando il diritto all’esistenza dello stato di Israele, spinge suoi cittadini al massacro premeditato (come quando installavano i lanciamissili sui tetti di ospedali e scuole) fino ad <israele> offrire incentivi monetari per ogni infortunio o decesso, mirando a vincere sul piano dell’immagine (far commiserare le vittime Palestinesi e criminalizzare l’avversario). Fermati però, Israele, perché troppo tuo cinismo-coloniale (come se anche la Cisgiordania fosse la vostra Terra Promessa) rischia di alimentare negazionismo o giustificazione della Shoah.