Sykes-Picot 1916

<avvenire2016.10.27> il trattato anglo-francese Sykes-Picot del 1916 inventò il Medio Oriente: la Palestina (quella di allora, non quella spezzettata e occupata di adesso) era stata assegnata a un’amministrazione internazionale; furono gli inglesi, guidati dal premier Lloyd George, che prima di darsi alla politica era stato a lungo avvocato per il movimento sionista, a imporre il proprio dominio a scapito dai patti siglati con i francesi, convinti, gli inglesi, di poter usare gli ebrei come strumento di controllo di un’area ritenuta decisiva per l’influenza sul Mediterraneo. Sappiamo com’è finita.

<wikipedia>: un accordo segreto tra i governi del Regno Unito e della Francia, per definire le rispettive sfere di influenza nei dintorni dell’Asia Minore a seguito della sconfitta dell'impero ottomano nella prima guerra mondiale.

[Pagina senza pretese di esaustività o imparzialità,  modificata 01/01/2019; col colore grigio distinguo i  miei commenti rispetto al testo attinto da altri]

Pagine correlate: sionismo, massoneria e giudaismo, missili Us-Uk-Fr x Duma; Palestina; Hamas, Israele-Arabia, Israele danni in Medio Oriente, ambasciata Usa a Gerusalemme, colonie missione divina

Tratto da Wikipedia

 

2018.09.29 <lett43> L'Ue, inclusa Uk in fase di Brexit, si discostano da Us-il contro Iran, prevedendo <rt>  contromisure finanziare concrete (ad es. meccanismo alternativo per i pagamenti da e verso l'Iran dello Special purpose vehicle - Spv) in opposizione alle sanzioni reimposte dagli Usa dopo l'uscita di Trump dall'accordo internazionale sul nucleare iraniano del 2015, il cosiddetto Joint Comprehensive Plan of Action (Jcpa). [CzzC: brava UE, batti un colpo, costasse dover lasciare più protagonismo alla Francia nostalgica della sovranità attribuitale dal Sykes-Picot1916: se concordato anche con la Russia, tale protagonismo potrebbe favorire la pace in MO più di quanto non abbiano fatto le trame Usa inciuciate in lfb coi terroristi]

 

↑2018.05.22 <sussidiario> La Merkel cambia strategia sulla guerra in Siria : molla Trump e parla con la Russia: è confortante l'inedita disponibilità della Germania "di partecipare seriamente alla ricostruzione delle infrastrutture socio-economiche della Siria": è quanto comunicato dal cancelliere tedesco Angela Merkel all'omologo russo nel corso della sua visita a Sochi, avvenuta il giorno dopo la visita di Assad. [CzzC: magari tale annunciato cambio di strategia si traducesse in realtà: si capirà a giugno con le sanzioni; ma attenzione agli illuminati schiaffi francesi (memento Libia) con quel Macron che un mese fa missilava Damasco come se volesse influenzare la Siria alla maniera di un secolo fa col trattato di Sykes-Picot].