PACE proattiva, in difesa soprattutto dei più deboli

Pace intenderei come insegnataci da Cristo, pace non remissiva, proattiva per la giustizia in difesa dei diritti umani dei più deboli, significato che non mi pare sempre collimare con quello sbandierato in arcobaleno da certi pacifisti (anche dai Pax Christi filo No Global No Tav), accaniti contro gli interventi militari anche di peacekeeping, ma tiepidi verso altri conflitti, ad es. quelli che fanno diaspora di Cristiani ad opera di mostri massacratori foraggiati da potentati collusi con la finanza oleosa del sunnismo jihadista, in funzione neoimperialista contro i pochi rimasti oppositori (filo sciiti e filo Russia).

[Pagina senza pretese di esaustività o imparzialità, modificata 27/11/2018; col colore grigio distinguo i miei commenti rispetto al testo attinto da altri]

Pagine correlate: danneggiata US-UK Obama nobel pace, pacifismo, Kairos Palestine, Comitato Pace Rovereto Ingerenza umanitaria, autodeterminazione dei popoli e intangibilità dei confini; pericoli per la pace dal Trump ricattabile

 

2018.11.27 <fides> il Patriarca maronita Bechara Rai: se i rifugiati siriani non tornano in Siria, il Libano crolla. Gli attori internazionali "perseguono i propri interessi, quando suscitano una guerra e la alimentano, quando foraggiano organizzazioni terroristiche e inviano anche mercenari ... quando non si favorisce il ritorno degli sfollati, questo accade perché non si vuole la pace, e non è ancora finito il banchetto”. “Se si pensa di fare con i rifugiati siriani quello che si è fatto con i palestinesi, che vivono  da 70 anni nei campi profughi in condizione di miseria” ha concluso il Patriarca Rai “noi questo non possiamo accettarlo”.

 

↑2018.05.16 <sussidiario> STRAGE in PALESTINA: Le scelte di Netanyahu e Trump allontanano la pace Le irrisolte questioni palestinese e israeliana, unite alle incongruenze degli Usa, allontanano sempre più le possibilità di soluzione pacifica dei conflitti mediorientali.

 

↑2018.05.14 <messaggero stampa repubblica sole24h agi avvenire> massacro a Gaza: 55 palestinesi uccisi dagli israeliani e 2.400 feriti negli scontri dopo l'apertura dell'ambasciata Usa a Gerusalemme <mappa> [CzzC: per i massacri a Gaza già si era riunito a fine marzo il Consiglio di Sicurezza ONU, domani pure, ma non se ne farà alcunché col veto di Trump, tronfio per la sberla alla pace mollata nel 70esimo anniversario della Nakba la grande sciagura del popolo palestinese]

 

↑2018.05.06 <oraprosiria> Domenica 6 maggio in Siria giornata di preghiera per la pace: tutta la comunità cristiana di Aleppo e le Parrocchie della Siria intera si uniranno nell'implorazione a Dio e alla Santa Vergine [CzzC: vedi anche newsletter 30 aprile]

 

↑2018.04.11 <fb AlbertG>: La storia si ripete: Soros e i suoi lacchè vogliono portare Trump [CzzC: ricattabile] alla guerra contro la Siria, così come costrinsero Berlusconi ad accodarsi a quella contro la Libia. Contrari entrambi, ma il Pensiero Unico Mondiale non perdona, e il sonno della ragione genera mostri. <sussidiario> Siria, Trump avverte la Russia: "Nostri Missili In Arrivo" e chiede l'appoggio di Francia, Regno Unito e Arabia Saudita per punire Assad "pronti missili intelligenti". Mosca replica: "no a twitto-diplomazia, vogliamo approcci seri". [CzzC: stasera ho visto/TG2 anche Gentiloni dare come accreditata la colpevolezza del governo siriano (“non è la prima volta che Assad ...”) prendendo come prove inconfutabili le immagini fornite dai ribelli relative al presunto attacco chimico a Duma; sussistono invece sospetti di montatura o di false flag: vedi <fb, sibialiria pnote oraprosiria analisidifesa> e qui quanto Gian Micalessin ha raccontato qualche giorno fa] <corriere>: Toninelli (M5S): «Guerra per procura»<GeneraleBertolini> sarebbe una sciagura.

 

↑2017.01.13 Di questo articolo di <paulcraigroberts> contro Trump condivido la preoccupazione che, pere la pace nel mondo, Trump non può pensare di normalizzare i rapporti con Mosca facendo sconsideratamente il gradasso contro Iran e Cina.

 

↑2016.12.07 <avvenire>: “donne per la pace” Women Wage Peace, migliaia di donne ebree, musulmane e cristiane hanno camminato insieme in Israele per la pace durante l’ultima iniziativa dell’ottobre scorso, una marcia verso Gerusalemme lunga 200km

 

↑2016.11.15 Il complesso militare-industriale: <sussidiario>: le "guerre umanitarie" passate e correnti hanno la loro ragion d'essere solo in funzione della politica interna degli Stati Uniti e, all'occasione, dei loro alleati ...  [CzzC: mi stupirei che uno stato facesse guerre, sia pure per ingerenza umanitaria, contro gli interessi della “sua politica interna e dei suoi alleati”: insorgerebbe invece timore per i nostri interessi e per la pace quando osservassimo che gli interessi interni Usa paiono solo quelli della supremazia del petroldollaro mentre gli alleati più influenti pare siano i turco-wahhabiti: Trump cambierà radicalmente detta gamma di interessi? ... continua]

 

↑2016.11.03 Più che da Trump o Clinton i rischi per la pace verrebbero dal cinismo degli imperialisti del petroldollaro: è vero che la Clinton è sostenuta dai wahhabiti più di Trump; è vero che Trump sarebbe meno incline della Clinton a sanzionare la Russia; è vero che i vertici del tifo per Trump, pur promettendo muri frenanti l’immigrazione clandestina, mai prometterebbero una primavera anticattolica; ma i suddetti gnomi della finanza hanno le mani in pasta su Cia, Pentagono e Nato più del presidente Usa, e  ... continua

 

↑2016.05.22 Al Santuario di Oropa c’è questa lapide del 1937, anno della morte di Guglielmo Marconi, con una sua riflessione «nell'estate del 1894 dall'alta montagna d'Oropa contemplando il Biellese pensai che l'uomo potesse trovare nello spazio nuove energie nuove risorse e nuovi orizzonti di comunicazione» e con l’auspicio che la telegrafia senza fili possa concorrere a pacificare i popoli. Mia figlia mi inviò la foto commentando «papà, guarda: la storia che mi raccontavi sempre!»

 

↑2016.05.02 Newsletter monotematica aprile 2016: far rispettare art.18 (libertà di coscienza) dei diritti umani è condizione indispensabile non solo per sradicare il terrorismo ma anche per tutelare la pace

 

↑2016.04.07 <libro di Limes: Terza guerra mondiale?> troviamo indizi dell'inciucio Us-Nato e finanza cinica col jihadismo sunnita, perfino terrorista se funzionale contro Russia2.0, leggendo questo libro che qui riassumo e commento

 

↑2016.04.07 Guerra Azeri contro Armeni per il Nagorno Karabakh? [CzzC: preghiamo perché il potente Nobel Pace non ripeta i tragici errori commessi in Libia e Siria, dove favorì, anziché impedire i focolai di guerra diasporatori di cristiani: purtroppo <post.fb> non sembra del tutto casuale il fatto che lattacco azero del 01/04 si sia verificato il giorno dopo il Nuclear Security Summit, nel corso del quale tra laltro lUs Kerry si è intrattenuto privatamente col presidente azero, apprezzandone il ruolo strategico pro-occidentale nell’area caucasica, e sostenendo le aspettative di Baku sullintegrità territoriale, contraddicendo in tal modo le aspirazioni armene per un riconoscimento dell’auto-deteminazione per il Nagorno Karabakh: ancora Us contro Russia 2.0?]

 

↑2015.12.25 <bussolaq>: Papa Fr1: dove nasce Dio, nasce la speranza. E, con la speranza, la pace. Nel nostro mondo non c'è pace: la Palestina, la Siria, la Libia, l'Iraq, lo Yemen, il Congo, il Burundi, il Sud Sudan, la Colombia, l'Ucraina ... «quanti sono stati colpiti da efferate azioni terroristiche, particolarmente dalle recenti stragi avvenute sui cieli d’Egitto, a Beirut, Parigi, Bamako e Tunisi»; quanti «nostri fratelli, perseguitati in tante parti del mondo a causa della fede»; quante «schiere di uomini e donne sono private della loro dignità umana e, come il Bambino Gesù, soffrono il freddo, la povertà e il rifiuto degli uomini»; quanti «indifesi, bambini soldato, donne che subiscono violenza, vittime della tratta delle persone e del narcotraffico».

 

↑2015.09.09 A Obama: stop ai tuoi regime change pro jihadismo: in risposta a questo appello di Mike Breen (lezioni che dovremmo imparare dai nostri errori, ad esempio dalla guerra in Iraq), ringrazio whitehouse che me l’ha mandato e rivolgo appello a Obama: «Dobbiamo applicare la lezione imparata»

 

↑2015.08.19 <msgveneto>: censurata la preghiera dell’Alpino che recita “rendi forti le nostre armi contro chiunque minacci la nostra Patria, la nostra Bandiera, la nostra millenaria civiltà cristiana”. E’ stato l’Ufficio liturgico della diocesi a sconsigliare nelle celebrazioni le preghiere con richiami estranei ai riti liturgici, come quelli agli armamenti. [CzzC: mi permetterei di porre all’Ufficio liturgico di Vittorio Veneto alcune domande in aiuto al discernimento ... continua ...]

 

↑2015.07.21 <micromega>: C'è un'opera di Kant: il trattato sulla “Per la pce perpetua”, in cui il filosofo auspica una federazione di Stati basata su un accordo che vieti la guerra. Ciò che è accaduto in ambito europeo negli ultimi settant'anni è esattamente ...

 

↑2015.02.10 <giornale> Mogherini invisibile, fuori da tutti i tavoli. Renzi escluso dalle trattative sul cessate-il-fuoco a Donetsk. E sul nucleare iraniano va Lady Ashton. [CzzC: non vederla come una débâcle diplomatica, perché la potresti meglio vedere come emarginazione imposta alla Mogherini dalla diffidenza del masso-Obama Nobel pace che soffia guerra ai confini d’Europa e dunque osteggia chi la vuole evitare come la Mogherini; anche Hitler riusciva a condizionare Hollywood col ricatto di affossare business a fronte di prodotti non compiacenti il nazismo; la storia fra qualche decennio giudicherà le conseguenze; ho fiducia in Mogherini, non ne ebbi e non ne ho in Lady Ashton che presumo assai più succube al suddetto macigno sulla strada della pace in Europa]

 

↑2014.12.24 <avvenire>: lettera del Papa ai cristiani in medio oriente: il dialogo nella verità è la condizione per la pace. La situazione drammatica che vivono i nostri fratelli cristiani in Iraq, ma anche gli yazidi e gli appartenenti ad altre comunità religiose ed etniche, esige una presa di posizione chiara e coraggiosa da parte di tutti i responsabili religiosi, per condannare in modo unanime e senza alcuna ambiguità tali crimini e denunciare la pratica di invocare la religione per giustificarli.

 

↑2014.12.17 <sole24h>: Storico disgelo Usa-Cuba. Obama: normalizzeremo le relazioni con  Cuba, ringrazio papa Francesco. [CzzC: caro Signor Presidente Obama, sono felicissimo che tu abbia deciso di normalizzare le relazioni con Cuba e che abbia riconosciuto il contributo di papa Francesco per questo nobile scopo: è un grande passo verso la pace e la fratellanza fra i popoli; che bello sarebbe se analogo riavvicinamento tu potessi fare anche con la Russia, che non possiamo ritenere nemica se difende il principio dell’autodeterminazione delle popolazioni russofone dell’Ucraina: Russia e Cuba hanno la nostra stessa civiltà, mentre vediamo che da ben altra parte provengono le più gravi minacce a questa civiltà, ai diritti umani, alla dignità della persona: cerchiamo amicizia con chi sostiene questi valori e diritti con la nostra stessa cultura, passione e storia. Ti auguro scelte intelligenti e buon lavoro per la pace. Grazie per avermi letto].

 

↑2014.12.11 <vatican> : non più schiavi, ma fratelli: messaggio del Papa per la celebrazione della 48ª giornata mondiale della pace 01/01/2015

 

↑2014.11.16 <ansa>: Il summit dei premi Nobel per la Pace spostato a Roma dopo che il Sudafrica aveva negato il visto al Dalai Lama. [CzzC: il Sudafrica negò non per avversione al Dalai Lama, ma per non irritare la Cina: notiamo sia la potenza dissuasiva dei potentati, sia il cinismo affaristico di matrice inglese alla faccia dei diritti umani e della comunione anglicana che ha la Regina Elisabetta come supremo governatore in ambito Commonwealth: ma forse quella governatrice ha sgridato il Sudafrica per tale diniego]

 

↑2014.10.27 E se una delle cause delle guerre che esplodono a pezzi attorno ai confini sud-est dell’Europa fossero pro petroldollari frenanti la dedollarizzazione?

 

↑2014.10.23 La verità nuoce al dialogo e alla pace? <kath.net> Benedetto XVI: «Davvero la missione è ancora attuale? Non sarebbe più appropriato incontrarsi nel dialogo tra le religioni e servire insieme la causa della pace nel mondo? La contro-domanda è: il dialogo può sostituire la missione? Oggi in molti, in effetti, sono dell’idea che le religioni dovrebbero rispettarsi a vicenda e, nel dialogo tra loro, divenire una comune forza di pace. In questo modo di pensare, il più delle volte si dà per presupposto che le diverse religioni siano varianti di un’unica e medesima realtà; che “religione” sia il genere comune, che assume forme differenti a secondo delle differenti culture, ma esprime comunque una medesima realtà. [CzzC: corrisponde ad uno dei Leitmotiv della cultura dominante masso-illuminata]. La questione della verità, quella che in origine mosse i cristiani più di tutto il resto, qui viene messa tra parentesi. Si presuppone che l’autentica verità su Dio, in ultima analisi, sia irraggiungibile e che tutt’al più si possa rendere presente ciò che è ineffabile solo con una varietà di simboli. Questa rinuncia alla verità sembra realistica e utile alla pace fra le religioni nel mondo. E tuttavia essa è letale per la fede. Infatti, la fede perde il suo carattere vincolante e la sua serietà, se tutto si riduce a simboli in fondo interscambiabili, capaci di rimandare solo da lontano all’inaccessibile mistero del divino»

 

↑2014.10.15 <laStampa> Erdogan bombarda i curdi anziché l’Isis. [CzzC: domando a Obama nobel pace se vede quanto le sue alleanze turco-wahhabite antisciite siano contrarie alla giustizia e alla pace e alimentino il terrorismo: le cambi!]

 

↑2014.10.13 Ricevo un appello alla Pace dal tavolo delle appartenenze religiose: commento e pongo domande all’autore pro discernimento sulla consistenza della libertà di religione che i sottoscrittori dichiarano di rispettare: includa la libertà di cambiare credo come prevista dall’Art18 della dichiarazione universale ed escluda il male fisico inferto ad inermi.

 

↑2014.10.11 <Avvenire_p21> in polemica con la gestione della Tavola della pace, Agesci si sfila dall’organizzazione della Marcia della pace Perugia-Assisi 25km 19/10, il cui programma è stato presentato da Flavio Lotti con padre Alex Zanotelli. Esce anche il Movimento Nonviolento fondato da Aldo Capitini l'inventore nel 1961 della marcia della pace. La defezione è motivata dalla mancata risposta per un cambio di rotta nella tavola su tre punti: individuazione di chiare regole statutarie e di rappresentanza, gestione finanziaria trasparente, sostituzione del coordinatore Lotti presente fin dalla nascita della tavola anche alla luce della candidatura alle politiche senza successo con Ingroia analoghe le motivazioni del Movimento Nonviolento: conduzione monocratica, si chiede solo di aderire, modalità e contenuti sono comunicati come un dato di fatto [CzzC: classico indicatore di contagio da sessantonite].

 

↑2014.10.08 Perché la Turchia non interviene in difesa dei curdi assediati a Kobane dall’IS? <ilgarantista>: il sospetto di molti curdi - ma non solo il loro – è che Erdogan stia cercando vantaggi dalla guerra dell’Occidente contro lo Stato Islamico: mettere il popolo curdo tra l’incudine e il martello ... e subordinare l’intervento a ... certe condizioni di interesse turco: ... il governo di Ankara ha posto come condizione all’intervento l’estensione dei bombardamenti della coalizione anti IS contro il regime di Assad. <Avvenire p1>: Ankara evoca un  intervento diretto e chiede di combattere anche Assad. [CzzC: capisci il gioco dei potentati a far danni? Un anno fa Obama, non pago di foraggiare i terroristi siriani che sarebbero diventati IS, voleva bombardare Assad ma fu fermato dal Papa e da Putin: ora la Turchia, alleata Nato, vorrebbe attaccare da terra quell’Assad islamico moderato che tollerava in casa sua curdi, cristiani, yazidi, assimilandolo ai loro massacratori, e rischiando di trascinare per reazione nel conflitto anche Iran e Russia, non nemici di Assad come lo sono Obama, Wahhabiti ed Erdogan: caro Obama nobel pace, non pago della diaspora dei cristiani procurata dai tuoi foraggiati, stai rischiando coi tuoi alleati turchi e wahhabiti danni ancora più gravi per la pace nel mondo?]

 

↑2014.08.08 Benedetto da Pax Christi, Alex Zanotelli benedice l’appello 2009 di Kairos Palestine pro Gaza dal sito del Comitato associazioni per la pace di Rovereto, premettendo insulto alla Chiesa italiana che sarebbe silente sulla guerra in Palestina: pongo alcune domande all’autore in aiuto al discernimento, perché mentre piangiamo il dolore di tanti innocenti massacrati a Gaza, non possiamo negare che alla promozione della vera Pace potrebbe far più male che bene abbracciare analisi di parte e sottoscrivere appelli sedicenti pacifisti che criminalizzano senza scusanti le reazioni di difesa dell’avversario obbligato a tutelare i suoi cittadini inermi dagli attacchi terroristici orditi per statuto e con maestri di odio taciuti dai medesimi appelli. Analoghe domande pongo ad Agusto Goio che su VT#32p32 invita a sottoscrivere l’appello2014 di Kairos Palestine, mentre ben più efficace per il processo di pace appare sulla stessa pagina l’analisi-testimonianza di Boulos.

 

↑2014.07.28 Alleati di US-UK foraggiano sterminatori di cristiani in MO più di loro avversari? Ci chiediamo perché i più sanguinari sterminatori di cristiani in Medio Oriente siano sostenuti da filo wahhabiti alleati di US-UK, mentre i loro avversari tollerano la presenza cristiana o la tolleravano quando furono eliminati.

 

↑2014.07.20 <giornale>: La preghiera dell'imam all'incontro col Papa: "Allah, facci battere gli infedeli": Alla preghiera per la pace con Abu Mazen e Peres, un imam sunnita palestinese invoca la guerra santa leggendo davanti a Bergoglio la Sura II del Corano: "Tu  sei il nostro patrono, dacci la vittoria sui miscredenti". [CzzC: cvd, purtroppo sul jihad e sulla sincerità di certe sedicenti volontà di pace]

 

↑2013.09.11 Frenare l’Obama Nobel pace dal fare più guerra. [CzzC: Caro Presidente Barack Obama, ti chiedo se sei sicuro che i nemici di Assad non abbiano usato armi chimiche uccidendo centinaia di bambini: ti prego di proteggere gli innocenti ricorrendo a soluzioni politiche, non aumentando la guerra, tu che sei premio Nobel per la pace]

 

↑2013.09.gg Mi spiace notare i tradizionali pacifisti un po’ tiepidi verso il conflitto in Siria come spesso verso i Cristiani perseguitati, i quali pregano (e noi con loro) anche per fermare l’incombente escalation di tale conflitto, invocata da potenti sceicchi sunniti e da potenti labari nostrani cointeressati ai petroldollari più che ai diritti umani violati, altrimenti si azionerebbero pure contro la soppressione di innocenti perpetrata perfino in onta dell’Art.18 della dichiarazione universale in paesi sobillatori dell’escalation militare in Siria.

 

↑2011.12.23 L'Arcivescovo di Milano teme un RITORNO ALLA VIOLENZA: serve più impegno, la casa brucia, la società civile va rivitalizzata.

 

↑2011.12.08 Educare i giovani alla giustizia e alla pace: brani del messaggio del papa Benedetto XVI per la GIORNATA MONDIALE DELLA PACE 1/1/2012

 

↑2011.07.05 da Assisi 1986 ad Assisi 2011 il significato di un cammino. « La convergenza dei diversi non deve dare l’impressione di un cedimento a quel RELATIVISMO che nega il senso stesso della verità e la possibilità di attingerla». Nota[1]

 

↑2011.01.01 Giornata della Pace 2011: Libertà religiosa, via della pace. Tra i problemi che minano la PACE del mondo sottolineiamo il TERRORISMO e il LAICISMO, il primo perché … il secondo perché …(vedi nota[2])

 

↑2010.10.01 Messaggio del Papa per la 43ª giornata della pace: «se vuoi coltivare la pace, custodisci il creato».

 

↑2009.08.22 Ulster: chiediamo a gran voce che venga abolita la marcia dei lealisti, almeno dentro i quartieri cattolici, insulto alla pace carezzato dai potenti labari.

 

↑1995.12.16 Truppe Nato (IFOR) entrano in Bosnia sotto l'egida dell'ONU. Continuano le proteste dei pacifisti: prima perché le nostre truppe non partissero, ora perché i media parlano troppo poco della marcia dei pacifisti verso Sarajevo.

 



[1] Giovanni Paolo II spiegò chiaramente il senso del ritrovarsi a pregare nella stessa città: «Il fatto che siamo venuti qui non implica alcuna intenzione di ricercare un consenso religioso tra noi o di negoziare le nostre convinzioni di fede. Né significa che le religioni possono riconciliarsi sul piano di un comune impegno in un progetto terreno che le sorpasserebbe tutte. E neppure è una concessione al relativismo nelle credenze religiose» (Insegnamenti di Giovanni Paolo II, 1986, vol. ii, p. 1252).

Quest’ultimo punto era di capitale importanza: il relativismo o il sincretismo, infatti, finiscono per distruggere, anziché valorizzare, la specificità dell’esperienza religiosa. Su questo aspetto si è tornati più volte in seguito, anche a motivo di interpretazioni superficiali, che non sono mancate, di quel primo incontro di Assisi. Nella lettera inviata al vescovo di Assisi per il XX anniversario dell’evento, Papa Benedetto XVI ricorderà che «è doveroso [...] evitare inopportune confusioni. Perciò, anche quando ci si ritrova insieme a pregare per la pace, occorre che la preghiera si svolga secondo quei cammini distinti che sono propri delle varie religioni. Fu questa la scelta del 1986, e tale scelta non può non restare valida anche oggi. La convergenza dei diversi non deve dare l’impressione di un cedimento a quel relativismo che nega il senso stesso della verità e la possibilità di attingerla» (Messaggio a monsignor Domenico Sorrentino, 2 settembre 2006, Insegnamenti di Benedetto XVI, 2006, vol. ii, p. 190).

[2] Da un Commento di padre Cervellera «l'incontro di Assisi il prossimo settembre vuole essere un simbolo. Il suo “spirito” vuole sottolineare due elementi fondamentali: che per il mondo la religione e le religioni sono non un problema, ma una risorsa e che esse possono convivere insieme e non sono destinate a un inevitabile conflitto di civiltà. In questo senso, la proposta di Assisi, mira con un gesto positivo a contrastare i problemi che secondo il papa minano la PACE del mondo: il terrorismo e il laicismo. Il primo perché usa violenza per imporre una religione; l'altro perché emargina le energie religiose dalla società, riducendo la libertà religiosa, e insieme umiliando la dignità delle persone alla sola dimensione materiale".