Pax Christi sia meglio dell’ideologico pacifismo disancorato dall’esperienza

Rispetto a qualche lustro fa, quando l’associazione sbraitava contro le armi occidentali (fuori l’Italia dalla Nato (avrebbe più senso adesso), no Sigonella, no Dal Molin, modo No Tav Alex-benedetti), perfino se usate in peacekeeping o per ingerenza umanitaria, tiepida a fronte di altre armate sanguinarie che stermina(va)no cristiani inermi, ora parrebbe più consapevole di essersi fatta anche usare da orditori avversi al Magistero petrino; spero che la PC migliori pure vincendo la fiacca con cui contrasta i persecutori di cristiani con orditi rosso-cinici o nero-jihadisti e altre violazioni dei diritti umani incluso il diritto all’obiezione di coscienza; spero che la PC emuli il miglior Tonino venerabile, il quale sarà beato anche grazie al dettaglio che, come Mons. Romero rispetto ai teogliboni, non dissentì dal Magistero petrino come avrebbero auspicato i tifosi di PC più sinistri e ideologizzati.

Presidente di Pax Christi international dal 1999 al 2007 fu Michel Sabbah che firmò per Kairos Palestine il documento che invitava al boicottaggio di Israele.

Qui su Wikipedia. Vedi anche Alberto Conci membro di Pax Christi in Trentino; vedi anche Mons. Tonino Bello che ne fu presidente.

[Pagina senza pretese di esaustività o imparzialità, modificata 14/03/2018; col colore grigio distinguo i miei commenti rispetto al testo attinto da altri]

Pagine correlate: Pace; Teoglib, Kairos Palestine Alberto Conci, Alex Zanotelli, boicottare Israele, Comitato Pace Rovereto, volemose bene

 

↑2017.10.31 [CzzC: odo.mp3 8,40 a Radio3/Tarquinio intervenire don Renato Sacco coordinatore di Pax Christi: ne apprezzo la coraggiosa esplicitazione <mp3>: «L’Arabia Saudita, oltre a sostenere l'Isis ideologicamente e militarmente, è responsabile di una tragica guerra nello Yemen e noi gli stiamo vendendo armi». Forse non avrebbe esplicitato così, se non per denunciare il commercio delle armi, ma tant’è]

 

↑2017.03.21 Londra auto islamista investe diverse persone sul ponte di Westminster: [CzzC: se il killer si confermerà islamista, riporrei le solite domande ai compagni di Pax Christi: cari Zanotelli &C, date la solita colpa alle solite armi o cominciate a capire che il tutto deriva da maestri islamisti del “mandatorio perseguitare” gli infedeli?]

 

↑2017.03.06 Al Responsabile della comunicazione di Terrasanta: ti scrivo dopo aver letto l’enfasi data da terrasanta.net 01/03/2017 senza commento correttivo al rapporto della olandese Pax* che in collaborazione con The Syria Institute accusa senza se e senza ma il governo di Damasco di ridisegnare gli equilibri demografici di Homs, come se non fosse stata provocata dalla galassia dei ribelli siriani l’immane strage e diaspora di inermi che in questi anni ha devastato le popolazioni siriane che non fossero di osservanza filo-salafita. [*«appartenente alla galassia di Pax Christi» dice la giornalista: continua.]

 

↑2016.12.gg Camion stragista a Berlino: colpa dei produttori di armi, cari Zanotelli e Pax Christi, o dei maestri islamisti del “mandatorio perseguitare” gli infedeli?

 

↑2016.07.15 Strage jihadista con camion sulla folla in festa a Nizza 2016: mentre per l'ennesima volta piangiamo vittime innocenti del terrorismo jihadista, ci chiediamo come si possa ridurlo se non fermarlo e non possiamo limitarci a dar credito ai soliti che ne imputano la causa ai mercanti di armi, visto quante stragi si possano fare con lame, dinamite da cava e qui con un camion: le cause vanno mirate e contrastate ben più altrove

 

↑2015.08.19 <msgveneto>: censurata la preghiera dell’Alpino che recita “rendi forti le nostre armi contro chiunque minacci la nostra Patria, la nostra Bandiera, la nostra millenaria civiltà cristiana”. E’ stato l’Ufficio liturgico della diocesi a sconsigliare nelle celebrazioni le preghiere con richiami estranei ai riti liturgici, come quelli agli armamenti. [CzzC: mi permetterei di porre all’Ufficio liturgico di Vittorio Veneto alcune domande in aiuto al discernimento ... continua ...]

 

↑2014.10.11 <Avvenire_p21> in polemica con la gestione della Tavola della pace, Agesci si sfila dall’organizzazione della Marcia della pace Perugia-Assisi 25km 19/10, il cui programma è stato presentato da Flavio Lotti con padre Alex Zanotelli. Esce anche il Movimento Nonviolento fondato da Aldo Capitini l'inventore nel 1961 della marcia della pace. La defezione è motivata dalla mancata risposta per un cambio di rotta nella tavola su tre punti: individuazione di chiare regole statutarie e di rappresentanza, gestione finanziaria trasparente, sostituzione del coordinatore Lotti presente fin dalla nascita della tavola anche alla luce della candidatura alle politiche senza successo con Ingroia analoghe le motivazioni del Movimento Nonviolento: conduzione monocratica, si chiede solo di aderire, modalità e contenuti sono comunicati come un dato di fatto [CzzC: classico indicatore di contagio da sessantonite].

 

↑2014.08.08 Benedetto da Pax Christi, Alex Zanotelli benedice l’appello 2009 di Kairos Palestine pro Gaza dal sito del Comitato associazioni per la pace di Rovereto, premettendo insulto alla Chiesa italiana che sarebbe silente sulla guerra in Palestina: pongo alcune domande all’autore in aiuto al discernimento, perché mentre piangiamo il dolore di tanti innocenti massacrati a Gaza, non possiamo negare che alla promozione della vera Pace potrebbe far più male che bene abbracciare analisi di parte e sottoscrivere appelli sedicenti pacifisti che criminalizzano senza scusanti le reazioni di difesa dell’avversario obbligato a tutelare i suoi cittadini inermi dagli attacchi terroristici orditi per statuto e con maestri di odio taciuti dai medesimi appelli. Analoghe domande pongo ad Agusto Goio che su VT#32p32 invita a sottoscrivere l’appello2014 di Kairos Palestine, mentre ben più efficace per il processo di pace appare sulla stessa pagina l’analisi-testimonianza di Boulos.

 

↑2014.08.04 Ricevo invito a sottoscrivere questo appello di Kairos Palestine tramitato da Pax Christi; fidarsi? prima di sottoscriverlo cerco informazioni sulla fonte dalle quali deduco l’opportunità di preferire il sostegno ad altri interlocutori e associazioni che mi paiono più efficaci per la pace in Palestina.

 

↑2014.07.03 <VT#27 acquisito da twitter di Augusto Goio> Gaza: Rappresaglia, vendetta o giustizia? Nandino Capovilla, referente della Campagna Ponti e non muri di Pax Christi Italia, firma (omettendosi il don) una testimonianza dalla Palestina,

- giusta per la partecipazione che attira ai martoriati palestinesi «Ma possibile che siano destinati ad essere ritenuti sempre esseri umani di sec«onda categoria?»

- ingiusta nell'omettere che Hamas ha in statuto la distruzione di Israele e lo dimostra lanciando sempre per primo razzi terroristi di testa (verso Israele) e di coda, perché sanno bene che la ritorsione colpirà la rampa di lancio, magari installata sui tetti di innocenti civili, con l’intento di farli perire per colpa di contro-razzi israeliani, onde meglio criminalizzare l'immagine di Israele.

 

↑2013.12.29 Ad Alberto Conci rivolgo domande pro aiuto al discernimento leggendo il suo articolo "dalla parte dei diritti umani" su Cooperazione tra consumatori/Dic.2013

 

↑2013.01.gg Anche Pax Christi oggi è più attenta ad evitare certe ingenuità di ieri (potenza della dissuasione), avendo dovuto ammettere l’enormità delle persecuzioni che stanno subendo innocenti nostri fratelli di fede e, quindi, dovendo ammettere oggi più di ieri la necessità di prevenire le infiltrazioni dei maestri di odio e di vendere cara la pelle.

 

↑2005.12.05 Alberto Conci (membro di Pax Christi e della Commissione Giustizia e pace della Diocesi di TN) membro del gruppo dirigente della marcia pacifista di Capodanno che quest’anno si tiene a Trento, cerca di capire perché la CEI abbia censurato/bocciato Pax Christi e sostituito Arturo Paoli e Antonio Papisca alla guida della manifestazione. Forse alla Cei non siano piaciute alcuni sermoni di Arturo Paoli a proposito del papato ("la sede di Pietro è vacante da quando è morto papa Roncalli"; un'affermazione comparsa anche sulle pagine del n. 6 di "Micromega")

 

↑1992.12.gg Da auto-Radio3 lettura giornali odo un referente della marcia di Pax Christi (che in Bosnia in questi giorni si è rimorchiata alle nostre truppe intervenute colà col mandato NATO/ONU per por fine ai massacri interetnici): il pacifista si lamenta perché i media non danno loro abbastanza pubblicità; interviene un militare della nostra spedizione per segnalare i costi e i rischi che quella marcia induce alla logistica della spedizione militare, fra l’altro distraendo nostre truppe a difesa dei marcianti onde smarcare il loro itinerario dal rischio di mine ed imboscate, dovendo anche fare i conti con qualche riottosità dei marcianti ad adottare elementari cautele in teatro di guerra. Quell’esponente di Pax Christi mi pare più bramoso di pubblicità che convinto del suo contributo alla pacificazione della Bosnia; è evidente che tale pacificazione adesso dipende ben più dagli aborriti fucili e cannoni dei nostri militari piuttosto che dalle disarmate utopie pacifiste, peraltro agguerrite in brama di spettacolarità quasi pannelliana.