UNA SINISTRA PIÙ ANTICATTOLICA: la invocherebbe anche la pastora valdese Maria Bonafede

«la sinistra sembra aver paura di esprimere posizioni nette per non essere irriverente verso le gerarchie ecclesiastiche. L'ingerenza cattolica trova terreno fertile».

[CzzC: l’estrema sinistra è da mo’ che soffre di cattofobia oltre che di propensione alla violenza: non c’era bisogno di incitamento; ma pur di smarcarsi dai fratelli cattolici, i vertici valdesi fanno sfoggio del loro estremismo, alla Scalfarotto se non bastasse Ferrero, memori di quel «ci confessiamo cristiani e ci dichiariamo marxisti». Messaggio al mio parroco 24/09/2009 e all’Uff.Ecumenico]

[Pagina senza pretese di esaustività o imparzialità, modificata 09/07/2020; col colore grigio distinguo i miei commenti rispetto al testo attinto da altri]

Pagine correlate: Valdesi cattivelli Leitmotiv; affare Mitrokhin

 

2020.07.08 su <vocetn> F.Agnoli.fb ricorda come Maria Romana Degasperi ed Alcide Degasperi spiegano la frase: “Siamo un partito di centro che marcia verso sinistra”.

- Maria Romana: “Si è fatto un gran parlare sulla sua affermazione: ‘Siamo un partito di centro che marcia verso sinistra’. Eppure confrontando discorsi e affermazioni scritte, è indiscutibile, anche a chi non glielo abbia sentito ripetere a voce, che la sinistra di cui parlava non aveva niente a che vedere con la topografia parlamentare con la quale si volle o si tentò di confonderla … La marcia verso sinistra era da De Gasperi intesa come movimento verso una soluzione della questione sociale e poiché, nella terminologia corrente, il termine di sinistra stava ad indicare un atteggiamento di particolare sensibilità verso questo problema, egli non cercò vocabolo diverso o migliore”.

- Alcide: “Spero che non vi perderete anche voi intorno a questa terminologia falsa di sinistra e di destra; è terminologia sbagliata e ingannatrice perché vi sono dei sinistri in senso giacobino, ereditari dell’anticlericalismo passato, i quali sono sinistri perché sono anticlericali, ma quando si tratta di difendere la propria proprietà, i propri affari, allora sono destri. Questi sono dei sinistri miscredenti, ma conservatori economicamente parlando e difendono la proprietà e spesso anche i privilegi. Ci sono poi dei sinistri talmente dirigisti che finiscono con l’accettare la dittatura economica; e anche questa posizione è tutt’altro che scevra di pericoli. Ci sono poi i comunisti che si dicono democratici solo perché abusano delle libertà democratiche e parlamentari”.

 

↑2019.12.16 <giornale> Francia: manifestanti di estrema sinistra hanno interrotto un presepe vivente al grido di "Stop agli sbirri e ai fascisti", noi "siamo gli anticapitalisti". Le condanne del sindaco di Tolosa e dell'Arcivescovo locale.

 

↑2009.09.24 Da: CzzC     Inviato:     giovedì 24 settembre 2009 15.54

A: Ecumenismo Diocesi_TN; A.M Diocesi_TN

Cc: Parrocchia S.Gius

Oggetto: Ancora cattivelli e bellicosi i fratelli Valdesi contro la Chiesa Cattolica ...

Ho trovato sul Corriere di un mese fa in biblioteca un articolo

- che riassumo così: Maria Bonafede afferma «la SINISTRA SEMBRA AVER PAURA di esprimere posizioni nette per non essere irriverente verso le gerarchie ecclesiastiche. L' ingerenza cattolica trova terreno fertile»

In Parrocchia conosco alcuni fratelli valdesi che non esprimono affatto queste espressioni aggressive verso noi cattolici.

La suddetta dichiarazione politico-ritorsiva si aggiunge alla serie di “cattiverie” indirizzatecidalla  “moderatora” della Tavola valdese

- e da altri vertici della medesima

- e da non raro venenum in cauda a "Culto evangelico" la domenica mattina, che già segnalai (2007, 2009) al mio parroco, nell’ambito della sensibilità ecumenica della nostra parrocchia e del mio servizio Portaparola, non certo per screditare i fratelli valdesi, ma - con caritas in veritate - per rimarcare la necessità della preghiera reciproca tra fratelli cristiani, mentre ripeto che

- non ho presunzione di essere migliore (è grande la misericordia divina e umana di cui abbisogno, per i miei peccati e per i miei limiti)

perdono i formulatori di questi trancianti giudizi ecumenico-fraterni

- ed offro al Signore la sofferenza della ferita infertaci, affinché prosegua proficuo il dialogo ecumenico»

Cordiali saluti. CzzC

______________________________________________

Da: CzzC   Inviato:       venerdì 14 agosto 2009 17.30

A: 'ecumenismo'; A.M

Cc: Parrocchia S.Gius

Oggetto: Ancora cattivelli e bellicosi i fratelli Valdesi contro la Chiesa Cattolica ...

Sull'8xmille ...