FUCI: se Paolo VI potesse usarle correzione fraterna ...

Mi assocerei a B16° con la domanda retorica <wikipedia>: «Come non riconoscere che la FUCI ha contribuito alla formazione di intere generazioni di cristiani esemplari, che hanno saputo tradurre nella vita e con la vita il Vangelo, impegnandosi sul piano culturale, civile, sociale ed ecclesiale? », ma ritengo che da una certa data in poi ciò sia avvenuto più nonostante che grazie alle nostalgie 68ttine di alcuni suoi dirigenti: ad esempio? Qui e non solo.

[Pagina senza pretese di esaustività o imparzialità, modificata 18/03/2019; col colore grigio distinguo i miei commenti rispetto al testo attinto da altri]

Pagine correlate: cattolici democratici e cadudem in ermeneutica di rottura, ecumenismo più filo luterani che filo ortodossi

 

2018.10.24 <tempi> In Trentino è stata battuta l’alleanza tra la sinistra e il catto-progressismo, che in extremis ha giocato la carta Giorgio Tonini, cattolico ex presidente Fuci, che negli ultimi anni si è distinto per le sue battaglie contro la Legge 40 (Pma) e come estensore della legge Cirinnà sulle unioni civili. Ma se Tonini era il portabandiera, le sue truppe erano composte da un mondo variegato che delle istanze cattoliche poco si curava, quando non era apertamente ostile (simbolico il caso di Paolo Zanella ex presidente dell’Arcigay locale) ... continua

 

↑2016.02.26 Odo a Radio1 (o R24?) il senatore PD Giuseppe Lumia (già vicepresidente FUCI) sostenere che le adozioni gay sono un diritto del bambino: ogni bambino avrebbe diritto di avere due adulti che, equiparati a papà e mamma, gli dessero eredità legittima, onde non discriminare il bambino figlio di uno di due gay rispetto ad altri bambini figli di papà e mamma entrambi datori di eredità al cucciolo. [CzzC: caro fucino Lumia, credi che non ci accorgiamo del tentativo di ingannarci come i nostalgici 68’ttini del vietato vietare? Il bambino ha diritto ad avere un papà ed una mamma responsabili,, e, se gli accadesse di trovarsi figlio di un gay ... continua ...]

 

↑2011.02.03 Pongo alcune domande a don Armando Matteo già assistente nazionale della FUCI, dopo aver partecipato all’affollato incontro interdecanale (qui appunti) tenuto da lui a Rovereto sul titolo "i giovani tra disagio e profezia" ...

Le mamme smettano di giocare con la VITA ETERNA, troppo eterea per i giovani che vogliono vivere prima di morire ... e se il libro di Augias contro il Vaticano va a ruba come il libro del Papa, cerchiamo di capire anche Augias;

- si facciano meno Messe, parliamo ai giovani di natura e di ecologia

 

↑2007.11.09 Assieme a B16 darei la domanda retorica <wikipedia>: «Come non riconoscere che la FUCI ha contribuito alla formazione di intere generazioni di cristiani esemplari, che hanno saputo tradurre nella vita e con la vita il Vangelo, impegnandosi sul piano culturale, civile, sociale ed ecclesiale? », ma ritengo che da una certa data in poi ciò sia avvenuto più nonostante che grazie alle nostalgie 68ttine di alcuni suoi dirigenti.

 

↑200a.mm.gg Un testimone mi riferisce che in un paese della Valsugana in un ristorante udì un giovane dirigente della FUCI sbeffeggiare l’attuale Magistero Petrino con triviali Leitmotiv di dissenso e vantarsi di essere corteggiato dai Valdesi e di aver bigiato un importante convegno perché ci sarebbe stato anche il Papa.

 

↑199a.mm.gg <wikipedia> nel 1993 Ermanno Gorrieri fonda la compagine dei Cristiano Sociali, cofondatori nel 1998 dei DS e infine confluiti nel Partito Democratico, scelte in sintonia con altri esponenti del cattolicesimo democratico tra cui lo storico Pietro Scoppola, e con esponenti di movimenti europei ed internazionali federati con la FUCI nel movimento internazionale degli universitari cattolici Pax Romana-Miec

 

↑197a.mm.gg La FUCI fu protagonista nell’orientare verso il PCI le preferenze politiche di buona parte del cattolicesimo italiano <wikipedia> e fu protagonista del cambiamento dell'università dell'era pre-Berlinguer e della critica all'unità dei cattolici in politica

 

↑1968.mm.gg <wikipedia> lo shock della sessantonite col vietato vietare: tutto pareva crollare insieme ai valori tradizionali: l'orientamento della FUCI fu scosso. All'interno dei gruppi FUCI di Milano (dai quali provengono, tra gli altri il ministro Bassanini, il presidente della Corte Costituzionale Onida e molti politici ed imprenditori di rilevante peso nell'immediata contemporaneità) si visse la scissione più grave all'interno del corpo di Azione Cattolica, quella da cui nacque Comunione e Liberazione nel 1969. Sarà grazie alle grandi figure di Vittorio Bachelet e di mons. Franco Costa che la FUCI seppe riprendersi ed incanalare la sua riflessione nel più grande alveo della “scelta religiosa” postconciliare. [CzzC: brandendo lo spirito del CV2° più che i documenti del CV2° in ermeneutica di rottura più frequente di quella di continuità]

 

↑1946.mm.gg <wikipedia> la classe dirigente della DC veniva in gran parte dalla FUCI (Aldo Moro, Giulio Andreotti), ed erano fucini ben 35 parlamentari dell’Assemblea Costituente nella scrittura della Carta costituzionale.

 

↑1925.mm.gg <wikipedia> Giovanni Battista Montini, futuro papa Paolo VI, diviene assistente ecclesiastico della FUCI con Igino Righetti presidente: comincia il periodo più alto e luminoso della storia della Federazione.

 

↑1921.mm.gg wikipedia> alternativa ai Gruppi universitari fascisti (GUF), la Fuci sviluppa una forte apertura internazionale che la porta dal 1921 ad essere tra i promotori del Movimento internazionale degli universitari cattolici Miec-Pax Romana, una delle prime esperienze di organizzazione sovranazionale del laicato cattolico.

 

↑1896.mm.gg La Federazione Universitaria Italiana Cattolica <wikipedia> nasce a Fiesole sull'onda di una nuova enfasi alla partecipazione sociale dei cattolici alla società civile e alla politica, che culminerà con la fine del "non expedit" di lì a pochi anni: opporsi al laicismo, anticlericalismo e positivismo che impregnavano la quasi totalità degli studi accademici [CzzC: su potente spinta dei lumi massonici]