Dialogo con ISLAM (che è diverso da islamismo).

Ho amici islamici tra semplici cittadini, docenti, studenti, medici (uno molto religioso fu pediatra dei miei figli), che mi testimoniano l'opportunità-necessità di collaborare con gli islamici moderati, pur evidenziando la necessità che l'islam riformi l’educazione e abolisca il male fisico mandatorio insegnato dall’alto <wikipedia>: religione monoteista manifestatasi per opera di Maometto considerato dai musulmani l'ultimo profeta inviato da Dio al mondo intero per ribadire definitivamente la Rivelazione, annunciata per la prima volta ad Adamo, il primo uomo. Con circa 1,6G di seguaci, ossia il 23% della popolazione mondiale, l'Islam è la seconda religione del mondo per consistenza numerica e vanta un rateo di crescita particolarmente significativo. Il 13% dei musulmani vive in Indonesia, che è anche il paese musulmano più popoloso, il 25% nell'Asia Meridionale, il 20% in Vicino e Medio-Oriente e il 15% nell'Africa sub-sahariana.

Altri links: Islam e politica, Islam in Italia, Islam (=sottomissione); preferenza illuminata; calendario e Feste islamiche; la Donna nella cultura e abitudini di talune aree islamiche; Sharia, Ijhad islamico, sarebbe mandatorio nell’islam perseguitare gli infedeli con male fisico? Gay nell’islam; parole che l’islam non dice; offese da islamisti; islamizzazione; islam alla conquista di Roma; tiepida condanna di crimini islamisti contro inermi; maestri di odio islamista.

Comunque confidiamo in spiragli di apertura: ad es. 2017.02.07 ulema del Marocco cancellano ....

[Pagina senza pretese di esaustività o imparzialità,  modificata 12/11/2018; col colore grigio distinguo i  miei commenti rispetto al testo attinto da altri]

Correlati: l’islam moderato esiste e riforma l’educazione abolisce male fisico mandatorio insegnato dall’alto; dichiarazione islamica dei diritti umani, dialogo interreligioso, cristiani perseguitati, islamici perseguitati, Mehdi o Mahdi, spiragli di apertura: no insegnamenti di odio, offesa, violenza; velo; inarrestabile il terrorismo se culliamo regimi che uccidono abiuri e blasfemi

 

2018.10.18 <repubblica yt> Kulturkampf im Klassenzimmer: Una voce di sinistra sull’Islam radicale nelle scuole di Vienna (copertina libro Susanne Wiesinger): difficoltosa l’integrazione dei profughi di fede musulmana: gli alunni manifestano una radicalizzazione crescente nella loro religione, che rasenta il fanatismo; antepongono il Corano alle leggi dello Stato che li ospita o di cui sono diventati cittadini; solidarizzano con gli autori degli attentati, che hanno seminato morte in Europa, da Parigi a Berlino.

 

↑2018.08.25 trovo indegna la pagina di <nbq>, ancorché rimossa, ma pescata da <libero, zaz>, titolata Libertà religiosa: Dialogo con l'islam, la strada che porta all'autodistruzione; Souad Sbai; una presenza sempre più importante di musulmani al meeting ...[CzzC: mi aspetterei spiegazione e scuse]

 

↑2018.08.25 Sintesi conclusiva del Meeting su <RaiTg2h20.30at23’35”-25’13”> 800k presenze, caposaldo del dialogo col mondo islamico (<agensir vatic aci faro, Muhammad Bin Abdul Karim Al-Issa, segretario generale della Lega musulmana mondiale <repbl> “terrorismo falsamente legato all’islam”) ...

 

↑2018.08.23 <Meeting vid> un ponte chiamato amicizia: l’islam, il terrorismo, il dialogo con i cristiani: incontro con Valeria Khadija Collina: «il Corano va interpretato» <tempi> VKCollina è la donna italiana convertita all’islam, madre di Youssef Zaghba, uno dei terroristi islamici che hanno ucciso otto persone nel 2017 a Londra.

 

↑2018.07.05 <ggroup vatican.vid TV2000.vid TV.SM aff.IT> La profezia del dialogo tra cristianesimo e islam: al CMC presentazione del libro NOI FRATELLI, un dialogo spesso interrotto, ma ripreso con forza nell’ultimo secolo, un progetto per la costruzione di un ponte basato sulla fratellanza.

 

↑2017.12.21 <asianews> P. Ibrahim: dal trauma della guerra, alla speranza in solidarietà. Il Natale di Aleppo: instabilità economica, corruzione e fondamentalismo ancora “operativo” preoccupano. Ma il ritorno di acqua ed elettricità e il cammino di riconciliazione islamo-cristiano generano fiducia, mentre i bambini cantano canzoni di Natale così.

 

↑2017.09.07 <tempi> Non accusiamo i musulmani della barbarie commessa in nome dell’islam, ma l’islamismo, cioè quell’islam che per sua natura è politico e radicale, è causa degli atti di violenza commessi in nome della fede islamica: parole del gesuita padre Henri Boulad, 86 anni, pronunciate in seguito agli attentati contro i copti in Egitto.

 

↑2017.06.08 <acs>: cristiani perseguitati in Pakistan, l’indifferenza dell’Occidente. Discriminati, umiliati, fin dai banchi di scuola, dove sono costretti a seguire maestri di intolleranza religiosa e a fare temi dal titolo «Scrivi ad un tuo amico non musulmano e invitalo a convertirsi all’Islam». La discriminazione prosegue nel mondo del lavoro e con la legge antiblasfemia che punisce chi fosse accusato di profanare il Corano o di insultare Maometto rispettivamente con l’ergastolo e con la pena di morte.

 

↑2017.04.25 <asianews>: Le radici dell’islamismo violento sono nell’islam, parola di musulmano. Not in my name? ... Questo non è l’islam? Eppure quegli atti criminali sono giustificati e ispirati da testi che sono il riferimento orante didattico e normativo della maggior parte delle istituzioni islamiche nel mondo. È urgente una riforma dell’islam dall’interno, a partire dal divieto di perseguitare abiuri e blasfemi: sostenere l’islam moderato, costasse boicottare i salafiti filo-wahhabiti anziché coccolarli.

 

↑2017.03.08 <farosulmondo>: l’islam e il pensiero politico sciita con i fondamenti del governo religioso: “Il Profeta ha più autorità sui credenti di loro stessi” (33:6); “Le vostre autorità sono Iddio e il Suo Messaggero” (5:55). Applicazione della sharia: “Coloro che non giudicano secondo quello che Iddio ha fatto scendere, questi sono i miscredenti” (5:44); “Ecco i limiti d’Iddio, non li sfiorate. E coloro che trasgrediscono i termini d’Iddio, quelli sono i prevaricatori” (2:229); “Se siete discordi in qualcosa, fate riferimento a Iddio e al Suo Messaggero” (4:59)

 

↑2017.02.01 Islam in Italia: <repubbl huff>: MinIntern Minniti firma con 12 associazioni islamiche (70% dei muslim.it, tavolo islamico italiano) un patto stato-islam: formazione di imam e guide religiose (preludio all'albo degli imam), pubblicare nomi di responsabili; il sermone del venerdì sia svolto o tradotto in italiano; trasparenza nella gestione dei finanziamenti; così lo stato vi sosterrà. [CzzC: bravo, Minniti! All’impegno promesso segua distinta di comportamenti misurabili, sanzionabili per inadempienza]

 

↑2017.01.30 <tempi>: «Da imam lancio un allarme: basta dire che il terrorismo non c’entra con l’islam». Intervista all’imam franco-algerino Hocine Drouiche: «Il problema comincia dentro i testi religiosi dell’islam» [CzzC: l’islam si riformi, iniziando dall’educazione]

 

↑2016.08.24 Falsa notizia Espresso infanga islamici contro cristiani a Rignano Garganico. don Francesco Catalano: pochi giorni fa da L’Espresso mostrava una croce bruciata che farebbe riferimento ai resti di una croce appartenente ad una baracca-chiesa bruciata da alcuni musulmani ... Dico chiaramente che la notizia è falsa se non fosse per il fatto che ... [CzzC: a pensar bene potremmo ritenere che d'estate l'Espresso-Repubblica ...; a pensar male potremmo non escludere del tutto che qualche illuminato abbia cara la dea pecunia tanto da ... continua]

 

↑2016.07.11 Le troppe parole che l’islam non dice e le domande che glissa: chi decide nell'islam che non sono più attuali certi versetti del Corano che ordinano di fare male fisico ad abiuri ed infedeli? Perché nel mondo islamico non hanno corso i processi di analisi scientifica storico-culturale su società, psiche e sesso?  Perché non muoviamo un dito contro l'Arabia Saudita il vero cuore della violenza terroristica islamista perché ne è di gran lunga il maggiore finanziatore[CzzC: commento ed integro con collegamenti]

 

↑2016.06.30 <giornale>: L'ECRI (Commissione europea contro il razzismo e l’intolleranza) ci bacchetta per "pregiudizi persistenti anti-islamici nella società italiana", raccomandando più moschee e meno leggi per i musulmani. [CzzC: forse son più i lumi sbilanciati che i riscontri ponderati a sottendere la colpevolizzazione dell’Italia più di altri stati in materia: osserviamo la densità differenziale: se i musulmani sono il 4% della nostra popolazione essi ricevono attenzioni e sussidi pubblici per ben più del 4% e a Roma c’è la più grande moschea dell’Occidente; piuttosto l’ECRI potrebbe raccomandare ai regimi islamisti un’adeguata reciprocità verso i loro abitanti non islamici: o sbaglio?]

 

↑2016.06.17 Donna nell’islam: i mariti possono picchiare leggermente le mogli, lo dice il Corano dice alla <Bbc> il presidente del Consiglio dell’ideologia islamica del Pakistan: E noi non cambieremo le raccomandazioni: queste infatti sono state fatte in base al Corano, e lei non può chiedere a qualcuno di cambiare il Corano. [CzzC: male fisico mandatorio]

 

↑2016.06.08 <stampa>: Tra gli schiavi della Mauritania: “L’Islam è per i padroni”  Migliaia di neri continuano a essere proprietà degli arabi ricchi: “Non possiamo neanche pregare, solo ubbidire”. Gli schiavi hanno lustrato, imbiancato, preparato il cibo: poi gli invitati torneranno a Riyad [CzzC: con Arabia ai vertici di UNHRC e massoni nicchianti?

 

↑2015.12.29 [CzzC: leggi i fatti ma vaccinati contro gli allarmismi di questo art. di <bastabugie> con video Belgistan sull'Islam che sarebbe già dentro l'Europa per esplodere in tutta la sua potenza e solo il cristianesimo lo potrebbe fermare ancora una volta: l'islam deve riformarsi più che fermarsi e per fermare le sue malefiche espressioni].

 

↑2015.11.06 Su Islam e politica la singolare diagnosi del prof Campanini <diocesiPD 2015.11.06>: Storicamente lo Stato islamico non è mai esistito ... Nella storia dell'Islam si è dato uno Stato utopico che è quello del profeta, poi modelli vari ... Un Islam che non è mai stato politico ... Noi abbiamo l’idea che l’Islam politico sia irrazionale e medioevale, una visione di un gruppo di pazzi fanatici. È un'immagine del tutto sbagliata, perché non è un modello del passato, ma è un fenomeno del moderno, dovuto alla globalizzazione» [CzzC: commento]

 

↑2015.10.12 <news.va>: Rinvenute in un codice vaticano glosse inedite sul Corano del cardinale Nicolò da Cusa (1401-1464): fu colui che più prese sul serio la questione posta al cristianesimo dall’islam, che era innanzitutto teologica, anche se urgeva per i risvolti politici e militari in un momento in cui la pressione turca si faceva sempre più forte, dalla Grecia ai Balcani.

 

↑2015.09.19 <aleteia>: Scrittore musulmano invita il papa a convertirsi all’islam dalla pagina ufficiale della CNN. [CzzC: per quale motivo persuasivo? Forse perché ai muslim piacerebbe avere capi come lui; per quale motivo dissuasivo? Che fosse B16 ad invocare (da Ratisbona) che la fede sia ragionevole e che non possa essere diffusa per mezzo della spada, non li turbava più di tanto, perché B16 era irriso dalla cultura dominante; ma se ciò dicesse l’assai meno inviso Fr1, non si potrebbero azionare le piazze contro di lui come fu contro B16: .. continua]

 

↑2015.09.01 <libero>: Il Corano esisteva prima di Maometto? La ricercatrice italiana Alba Fedeli ha annunciato la scoperta della più antica copia del Corano che si conosca. Il "problema" è che l'esame del C14 avrebbe dimostrato che è stata scritta prima della predicazione del profeta islamico, vissuto tra il 570 e il 632 dopo Cristo. Come la metteremmo col dogma che il Corano sia un libro scritto o dettato da Maometto? Gli storici britannici hanno definito la scoperta“destabilizzante” per le sue implicazioni [CzzC: se analoga scoperta fosse fatta per i Vangeli, credi che la si direbbe destabilizzante? No. Qual è la differenza? La paura per il diritto della forza dell’Islam: checché ne dica Campanini Uni_TN, la gente sa che l’islam si impone con la spada sui corpi più che per attrattiva sulla libera adesione delle coscienze]

 

↑2015.02.09 <tracce>: Noi e l'islam: gli attacchi terroristici, la paura e la rabbia. Gli inni alla libertà... Dimenticheremo presto tutto quello che sta succedendo. Ma come si può non essere prigionieri della reazione? Cosa c'è da conoscere? Interventi di Wael Farouq, padre Samir Khalil Samir, il cardinale Philip Barbarin e John Waters

 

↑2014.09.03 <lastampa> Quante sono le correnti dell’Islam e a quale fa riferimento il Califfato? L’Islam è declinato in varianti, interpretazioni che si moltiplicano all’infinito in assenza di un vero e proprio clero e della possibilità di leggere tra le righe del Corano, testo intoccabile in quanto dettato dall’Altissimo a un giovane Maometto pressoché analfabeta. In pratica qualsiasi musulmano, quelli pacifici e democratici come gli jihadisti dell’Isis, sente di agire secondo la volontà divina.  L’Iran degli ayatollah è il punto di riferimento dell’Islam sciita mentre l’Arabia Saudita lo è di quello sunnita. Ma anche il Califfo è sunnita, come sunniti sono tanto i Fratelli Musulmani egiziani quanto i militari di el Sisi che li hanno cacciati dal potere. Il Wahhabismo è una corrente ultraradicale dell’Islam sunnita.  i Talebani vengono generalmente associati alla scuola indiana Deobandi, un movimento conservatore puritano d’ispirazione wahabita-saudita. I salafiti una corrente purista dell’Islam sunnita. I Takfiri un’altra branca dell’islam sunnita di derivazione wahhabita, I Sufi (più diffusitra i sunniti che tra gli sciiti) si rifanno alla purezza ma in maniera opposta a quella wahhabita o takfiri o salafita. Li Alawiti sono una setta sciita prosperata intorno al IX secolo tra Libano e Siria; la famiglia Assad è alawita. I Curdi (non arabi) erano zoroastriani combattenti gli arabi, prima di convertirsi all’Islam, mantenendo una forte ambizione autonomista.

Nei primi secoli dell’Islam i sapienti si riunirono in scuole giuridiche inizialmente identificate con luoghi precisi (i principali erano Medina e Mecca nella Penisola araba e Kufa e Bassora in Iraq): lprincipali sono 4 e, in teoria, non si differenziano sui principi ma sulle sue possibili applicazioni: 1) La scuola hanafita, 2) La scuola malikita, 3) La scuola shafi’ita, 4) la scuola hanbalita

 

↑2008.11.03 Con l’islam dialoghiamo da 1400 anni <stampa>: “Il rispetto del principio di reciprocità non è preliminare al dialogo, non risponde alla logica del ‘Do ut des’ (io do perché tu dai). Sarebbe anticristiano”. Così il card. Jean-Louis Tauran

 

↑1983.mm.gg Sulla rivista Testimonianze Padre Ernesto Balducci (filomassone?) denuncia la visione eurocentrica del mondo, rendendo omaggio all'islam, definendolo "il nesso vitale" dell'Europa medievale con la civiltà ellenica.