Non sia mai che io contraddica il PROFETA, dice il sedicente moderato (finto?)

Guai alla nostra civiltà se dovessimo escludere che l’islam moderato esista, quello, per intenderci, che rispetterebbe i diritti umani fondamentali, quantomeno quelli tutelati

- dall’art18 (libertà di coscienza e di cambiare credo)

- e dall’art19 (libertà di espressione non lesiva della dignità del prossimo)

della nostra dichiarazione universale dei diritti umani (diversa da quella islamica).

Ma non riterrei moderato, e nemmeno idoneo a ricevere la nostra cittadinanza, chi pur dichiarandosi rispettoso delle nostre leggi, le subordinasse alla Sharia fino a rivendicare il diritto di uccidere abiuri e supposti blasfemi, e nonostante che il Corano non preveda né l’uccisione dell’abiuro né la lapidazione dell’adultera, previste solo nella Sunna.

Ad esempio? 2015.11 Raes Sayed (rappresentante legale del Caim, Coordinamento Associazioni Islamiche di Milano e Monza e Brianza) nella trasmissione Virus/Rai2 del 26/11/2015 millantava di rispettare la libertà di un musulmano di convertirsi al cristianesimo, ma quando gli si fece notare che Maometto ordina di uccidere i musulmani che abiurano l'islam, e gli si chiese se intendesse assumere una posizione differente da quella di Maometto, ecco il voltafaccia di Sayed (al 4’40” di questo video.youtube): «Non sia mai che contraddica il Profeta, non sia mai»!

 [Pagina senza pretese di esaustività o imparzialità,  modificata 26/05/2018; col colore grigio distinguo i  miei commenti rispetto al testo attinto da altri]

Correlati: donna islamica non può sposare un non musulmano; fondamentalismo, Islam riformi educazione e letteralismo; inarrestabile il terrorismo se ...

 

2018.01.20 a <Radio anch’io/Rai> odo Amina Natascia Al Zer, vicepresidente Ass. "Progetto ÀISHA", modenese convertita all'islam, presentata come paladina di libertà, sermonare così <mp3 o at 01.14 del podcast> «sicuramente a noi donne musulmane non è permesso di sposare un uomo che non sia musulmano, ma ci saranno dei motivi se Dio ci ha dato questa regola» [CzzC: cara Rai, visto che stiamo usando soldi pubblici, non vi pare che una tale sublimazione divinatoria di illibertà avrebbe meritato una sonora contestazione in diretta? Continua]

 

↑2017.11.22 Siria: <tempi>: «Noi cristiani di Maloula come Gesù sulla croce». Parla il parroco della città martire siriana Maloula, padre Eid: «Noi cristiani dobbiamo perdonare, ma se i musulmani non riconoscono gli errori commessi non ci potrà essere riconciliazione» [CzzC: troppi islamici si scudano dicendo non sono veri islamici i criminali di loro che, applicando alla lettera la Sunna/Sharia, uccidono inermi infedeli; reinterpretare la Sunna? “non sia mai che io contraddica il Profeta”]

 

↑2017.10.22 <Rai/fb Porta a Porta> «lei trova giusto che venga lapidata un’adultera?» Vedi come reagisce questa musulmana ben rosa velata. [CzzC: donna nell’islam, pene hadd, submission, male fisico mandatorio, violenza malattia dell’islam, ma ancor peggio è la persecuzione e uccisione dell’abiuro, che demolisce il pilastro della nostra dichiarazione universale dei diritti umani, art 18, diversa da quella islamica; non sia mai che io contraddica il profeta]

 

↑2017.09.15 <vfiore> Allah, Islam, Corano, picchiare donne, uccidere uomini, terrorizzare e distruggere tutto: proprio questi sono gli insegnamenti del profeta Maometto? Un’intervista a Laleh Bakhtiar, autrice di una nuova traduzione del Corano, e un intervento di Mohsen Hamzehian dell’Unione per la Democrazia in Iran. [CzzC: attenzione! Discernere tra Corano e Sunna]

 

↑2016.09.14 Tante testate laiche e religiose titolano che il Papa ha detto «uccidere in nome di Dio è satanico», mentre ha detto.mp3 «quanto piacerebbe che tutte le confessioni religiose dicessero “uccidere in nome di Dio è satanico» [CzzC: bella differenza! ... continua]

 

↑2016.07.02 <huffingt>: 20 infedeli giustiziati a Dacca, tra cui 9 italiani; risparmiata la figlia del console perché vestita col shari, non l’amica pur musulmana ma in jeans. [CzzC: prova del terrorismo da educazione islamica che prescrive male fisico all’infedele: occorre un’autorità islamica mondiale che reinterpreti il Corano smentendo la continuità a valere delle prescrizioni di male fisico agli infedeli, ma purtroppo anche in IT perfino i moderati sono testoni “non sia mai che io contraddica il profeta”]

 

↑2015.11.29 <giornale>: la falsa testimonianza (taqiyya e kitman) benedetta nell’islam: all'indomani della strage di Parigi le nostre radio-TV sono frequentatissime da islamici che sconfessano i terroristi loro correligionari, ed arrivano ad assicurare, come Raes Sayed (rappresentante legale del Caim, Coordinamento Associazioni Islamiche di Milano e Monza e Brianza) nella trasmissione Virus/Rai2 del 26/11 di rispettare la libertà di un musulmano di convertirsi al cristianesimo. Ma quando gli si fa notare che Maometto ordina di uccidere i musulmani che abiurano l'islam, e gli si chiede se intendesse assumere una posizione differente da quella di Maometto, ecco il voltafaccia di Sayed (video.youtube): Non sia mai che contraddica il Profeta»!