modificato 23/11/2017

 

Gli ulema del Marocco: non più pena di morte per abiura

Correlati: l’islam si riformi e cancelli il reato di abiura e blasfemia; inarrestabile il terrorismo se culliamo regimi che uccidono ...

Pagina senza pretese di esaustività o imparzialità: contrassegno miei commenti in grigio rispetto al testo attinto da altri.

 

<ansa 2017.02.07> con una nuova fatwa cancellano quella del 2012 che invocava pena-hadd per gli abiuri: inizia a sciogliersi uno dei nodi cruciali dell'Islam? [CzzC: a chi mi dice che l’islam moderato non esiste, direi di accogliere questa decisione quantomeno come spiraglio di apertura, favorendo e sollecitando che analogamente decidano anche Arabia Saudita, Qatar, Pakistan e altri regimi della sharia che ancora uccidono abiuri e blasfemi con spallucce dei nostri occidentali cui bastano i loro petroldollari e che siano anti Russia]

 

 

30/10
2017

<Radio1 audio>: Dialogo con islam: segnali positivi da Tunisia (donne possono sposare un non musulmano) Marocco (protezione minoranze religiose ?) [CzzC: plaudiamo a spiragli di apertura, speriamone di ulteriori e più rapidi ...]

13/02
2017

<Radio1 audio>: in Marocco svolta epocale: gli ulema non esigeranno più la pena di morte per i loro abiuri. Il Corano non prevede né l’uccisione dell’abiuro né la lapidazione dell’adultera: sono previste nella Sunna.

07/02
2017

<NessunoTocchiCaino: con la fatwa di oggi gli Ulema rinnegano la loro di 5 anni fa (qui2012), quando, per rispondere ad una questione giuridica sollevata sulla pena di morte agli apostati, il Consiglio degli Ulema aveva fatwato in linea con gli altri paesi musulmani [CzzC: ma, per fortuna, il codice civile non recepì tra le cause della pur vigente pena di morte quella di apostasia e si limitò all’espatrio per gli apostati. Ora la revisione con questa motivazione: "La comprensione più accurata, e la più coerente con la legislazione islamica e la Sunna del Profeta, è che l'uccisione dell'apostata significava l'uccisione del traditore del gruppo ... che poteva rivelare segreti agli avversari". Dunque si possono riformare intendimenti e comportamenti anche senza dire che cambia la legge divina: coraggio fratelli islamici moderati, avanti così!]

07/02
2017

<tgcom24>: Il Consiglio superiore degli Ulema, massima autorità religiosa del Paese, apre alla possibilità di conversione ad altre religioni. La pena di morte per apostasia è una regola comune per i Paesi musulmani, ma non effettivamente applicata da tutte le norme giuridiche in vigore.

19/12
2016

<stampa>: così il Marocco usa l’Islam per combattere la jihad: quaderni religiosi e riforma dei testi scolastici per decostruire l’uso estremista di concetti come guerra santa, jizya, califfato con l’eliminazione dei passi più «radicali»: per molti laici si tratta di emendamenti «cosmetici» [CzzC: ma la strada giusta è questa]

03/02
2016

<fcei>: La “Dichiarazione di Marrakech”: è l’appello firmato da 250 illustri islamici lo scorso 27 gennaio che ha per scopo quello di sviluppare una giurisprudenza islamica sul concetto di cittadinanza, che sia inclusiva di tutti i gruppi verso un futuro di convivenza con attenzione reciproca e rispetto [CzzC: c’è ancora molta strada da percorrere verso la reciprocità, ma salutiamo questi spiragli di apertura alla civiltà]

20/10
2014

<fattoq>: Marocco, senza esecuzioni da 20 anni ma nel braccio della morte restano 100 condannati. L’ultima esecuzione capitale in Marocco risale al 1993.

05
2014

<uniPisa> diritto musulmano.pdf: secondo Maometto/Sunna, abiurare l'Islam è sanzionato con la condanna a morte. In Marocco gli ulema la invocavano, ma da decenni il governo non la applicava, semmai suggeriva agli abiuri di espatriare.

2012

<NessunoTocchiCaino: per rispondere ad una questione giuridica sollevata sulla pena di morte agli apostati, il Consiglio degli Ulema aveva dato una risposta, una fatwa, in linea con gli altri paesi musulmani: il Marocco si vanta di essere un paese multiculturale, per cui la giustizia penale non si è allineata a quella fatwa, anche se in Marocco vige la pena di morte: [CzzC: l’apostasia non è stata aggiunta alle altre cause di pena capitale come omicidio aggravato, tortura, rapina a mano armata, incendio doloso, tradimento, diserzione, attentato alla vita del Re, ma ...] chi tra i marocchini voleva convertirsi, doveva uscire dal paese per non rischiare. Tale fatwa sarà rinnegata il 07/02/2017 per ritrovare la strada di un Islam aperto e più fedele al Corano, in linea con una lettura storica dei testi sacri. "La comprensione più accurata, e la più coerente con la legislazione islamica e la Sunna del Profeta, è che l'uccisione dell'apostata significava l'uccisione del traditore del gruppo, l'equivalente di tradimento nel diritto internazionale, gli apostati in quell'epoca rappresentavano i nemici della Umma (Comunità) proprio perché potevano rivelare segreti agli avversari". (Fonti: rainews24, 08/02/2017)