MEETING RIMINI 2018: «Le forze che muovono la storia sono le stesse che rendono l'uomo felice».

Le visualizzazioni del Meeting in differita sono cresciute quasi del 300% in tre anni: da 80mila a 290mila: se ti volessi iscrivere al canale Youtube del Meeting http://bit.ly/Youtube_meeting

<Video annuncio di Emilia Guarnieri, video commento di Bertinotti e di Silvano Maria Tomasi et>

- <Mostra sulla sofferenza/Giobbe>

- <Un ponter chiamato amicizia>: l’islam, il terrorismo, il dialogo con i cristiani:

- <Il cardinale che viene da Nord: ecumenismo con i luterani nella Svezia del cardinale in Anders Arborelius

- <Essere italiani, ovvero il gusto di creare sviluppo «L'Italia sta vivendo una sorta di nuovo umanesimo» racconta Brunello Cucinelli ...

- <il bello del cervello> partecipano: Mauro Ceroni, Prof di Neurologia all'Università degli Studi di Pavia

- <yt> Lo sguardo di Romano Guardini all’esistenza del cristiano

Ho letto QuotidianoMeeting 2018.08.20 p1(Mattarella, Esposito) p2(mobilità) p3(lavoro) p4(carceri) p5(Christophe Pierre) p6(Claudel) p7(desiderio) p8(Guardini) p9(il 68) p10(campioniSport) p11(TagleDiManila) p13(volontari) p14(Fundraising)

[Pagina senza pretese di esaustività o imparzialità, modificata 06/02/2019; col colore grigio distinguo i miei commenti rispetto al testo attinto da altri]

Pagine correlate: Meeting per l’amicizia tra i popoli

 

2018.10.25 <meeting> La missione di tre giorni del Meeting di Rimini in Egitto si è conclusa merc24Ott con l’incontro con il Grande Imam di Al-Azhar, Ahmed el-Tayeb, la maggiore autorità dell’intero mondo islamico sunnita. È stato Wael Farouq in apertura dell’incontro a presentare il Meeting e la sua storia. Anche per il Grande Imam l’esperienza del Meeting «semina speranza nelle nostre anime» e aiuta le persone a vivere degnamente in un mondo caratterizzato da crisi e crescente povertà.

 

↑2018.11.06 <fb> Franco Nembrini presenta Inferno, primo volume della nuova edizione Mondadori della Divina Commedia illustrata da Gabriele Dell’Otto. Franco Nembrini tiene da alcuni anni per tutta l’Italia un ciclo di lezioni su Dante e la Commedia. Alla fine di uno di questi incontri, a Roma, Franco viene avvicinato da un ragazzo che gli confida che le sue parole gli hanno cambiato la vita. Poco dopo scopre che il ragazzo è Gabriele Dell’Otto, uno dei più importanti illustratori del mondo, artista di punta delle due grandi casi editrici americane di supereroi, Marvel e DC. Nasce così un <yt> progetto che è anche un sogno.

 

↑2018.08.25 <fb> bilancio finale del Meeting nelle parole di Emilia Guarnieri

 

↑2018.08.25 trovo indegna la pagina di <nbq>, ancorché rimossa, ma pescata da <libero, zaz>, titolata Libertà religiosa: Dialogo con l'islam, la strada che porta all'autodistruzione; Souad Sbai; una presenza sempre più importante di musulmani al meeting ...[CzzC: mi aspetterei spiegazione e scuse]

 

↑2018.08.25 Sintesi conclusiva del Meeting su <RaiTg2h20.30at23’35”-25’13”> 800k presenze, caposaldo del dialogo col mondo islamico (<agensir vatic aci faro, Muhammad Bin Abdul Karim Al-Issa, segretario generale della Lega musulmana mondiale <repbl> “terrorismo falsamente legato all’islam”), mostra sul ’68 e sulla sofferenza, la più visitata; essere italiani oggi curato da Violante nel 70° della Costituzione; auspicato recupero del dialogo perso con M5S; Titolo del 40° Meeting2019, il 40° una frase di GP2° «Nacque il tuo nome da ciò che fissavi»

 

2018.08.24 <yt> il bello del cervello; al Meeting2018 partecipano: Mauro Ceroni, Professore di Neurologia all'Università degli Studi di Pavia; una lesione nell'area del linguaggio diventa demente: parola e pensiero sono strettamente collegati.

 

↑2018.08.23 <repubbl> Muhammad Bin Abdul Karim Al Issa (Lega musulmana mondiale): "Estremismo e terrorismo sono falsamente legati all’Islam". Intervista al segretario generale della Lega musulmana mondiale al Meeting di Rimini: "Sono qui per mostrare il volto di un Islam che ama e convive con tutti, rispetta diversità e pluralismo". [CzzC: stop perseguitare abiuri e blasfemi? Libertà per le islamiche di sposare un infedele?]

 

↑2018.08.23 <Meeting vid> un ponte chiamato amicizia: l’islam, il terrorismo, il dialogo con i cristiani: incontro con Valeria Khadija Collina: «il Corano va interpretato» <tempi> VKCollina è la donna italiana convertita all’islam, madre di Youssef Zaghba, uno dei terroristi islamici che hanno ucciso otto persone nel 2017 a Londra.

 

↑2018.08.23 <Meeting vid> Il cardinale che viene da Nord: Anders Arborelius, battezzato luterano, poi accolto nella Chiesa cattolica è ora arcivescovo di Stoccolma e cardinale: una speranza dalla Svezia: lavorare, vivere e credere insieme; abbiamo bisogno di sorella speranza: vedere la realtà in una prospettiva di eternità, con umiltà e spirito realistico; anche i pochi cattolici (figli dell’immigrazione) possono essere una luce di speranza nella Svezia, paese post-luterano e secolarizzato; la conversione avviene per un incontro con un testimone ...  continua

 

↑2018.08.23 <Meeting vid> Essere italiani, ovvero il gusto di creare sviluppo. «L'Italia sta vivendo una sorta di nuovo umanesimo» racconta Brunello Cucinelli. «L'unica condizione è che per rinascere occorre unire mente e anima» [CzzC: interessante la distinzione tra mente e anima, rispetto, ad esempio, a chi ironizza i cattolici come meno scientifici dei buddisti perché quest’ultimi non hanno un concetto di anima]

 

2018.08.22 <sussidiario et pregare assieme> musulmani al Meeting: lì esiste una realtà che permette alla piccola narrazione di liberarsi da ogni forma chiusa e uscire dal regno dell’astratto. Questa piccola narrazione è l’esperienza umana della persona, mossa dal desiderio di felicità, verità e bellezza. È la testimonianza che - come afferma don Giussani - non è possibile senza un “tu”, senza un altro. Il Meeting di Rimini è testimonianza che suscita altre testimonianze. In lingua araba, significativamente, la parola testimonianza (shahada) deriva dal verbo shahida che indica la capacità di vedere oltre. Soltanto questo tipo di sguardo è in grado di generare significato.

 

2018.08.20 <Meeting> mostra “Vogliamo tutto 1968-2018” quel fenomeno di contestazione mondiale, da Berkeley a Praga passando per Parigi, Milano, Roma, faceva manifestazioni contro la guerra in Vietnam per denunciare l'alienazione delle società in cui vivevano alla ricerca di autenticità e rifiutando «schemi, convenzioni, politica, religiosità dei "vecchi"» come riportava un editoriale, di Gioventù aclista. Quale fu l'esito? Per assurdo il sistema che i giovani volevano scardinare sembra oggi ancor più solido, come notavano già in quegli anni Pier Paolo Pasolini e Augusto Del Noce ... continua

 

↑2018.08.20 <tempi> La vera storia della guerra siriana e le fake news dei giornali. Gian Micalessin al Meeting racconta il conflitto in Siria e come l’Occidente ha deciso di schierarsi dalla parte dei jihadisti e «contro i nostri fratelli cristiani traditi»: Fratelli traditi, libro summa dei suoi reportage ad Aleppo, Maalula, Homs negli ultimi cinque anni di guerra. <antidipl> la testimonianza di una suor Yola Girges, siriana, smonta anni di fake newsSiria, e ridimensiona l'articolo di Sara Lucaroni (che pur aveva ospitato) di Avvenire <rRadicale>, e chi scrive «che quanti parlano bene del governo sono collusi con il ‘regime’» o «La gente non riesce a ripartire. Il regime opprime». [CzzC: per fare in fretta, avere il plauso del mainstream potrebbe risultare più conveniente attingere informazioni da OSDH anziché dai Patriarchi <tv> e dai francescani che spiegano come i cristiani in Siria debbano la loro residua sopravvivenza agli alleati di Damasco]

 

↑2018.08.19 <meeting> Paolo Cevoli torna a parlare del suo spettacolo sulla Bibbia. Ecco la sua intervista a Credere: «Mi colpisce il fatto che nella Bibbia vengano affrontati temi che oggi hanno una grande attualità: migrazioni, guerre, il rapporto uomo-donna e padri-figli».

 

2018.04.13 <meeting> «Ricostruire è possibile se si educa la persona, il cuore dell’uomo». Il commento di Giorgio Vittadini al titolo del meeting2018; cosa significhi davvero che le forze che muovono la storia sono le stesse che rendono l’uomo felice.