FRANCO NEMBRINI, pedagogista, chiamato a parlare di educazione e di Dante in tutta Italia e all’estero

rettore del centro scolastico "La Traccia" di Calcinate BG, presidente della federazione opere educative, autore di programmi educativi. Straordinario successo dei suoi libri “Dante poeta del desiderio” e “Di padre in figlio” . Nel 2012 pubblicava un cofanetto di dvd “El Dante” che attira l’attenzione di Tv2000, dal che nasce così il ciclo di 34 puntate “Nel mezzo del Cammin” in onda 2015-2016. Poi anche “L’avventura di Pinocchio

[Pagina senza pretese di esaustività o imparzialità, modificata 11/10/2018; col colore grigio distinguo i miei commenti rispetto al testo attinto da altri]

Pagine correlate: educazione, libertà di educazione, il rischio educativo, comunità educante

 

2018.11.06 <fb> Inferno: Franco Nembrini presenta Inferno, primo volume della nuova edizione Mondadori della Divina Commedia illustrata da Gabriele Dell’Otto. Franco Nembrini tiene da alcuni anni per tutta l’Italia un ciclo di lezioni su Dante e la Commedia. Alla fine di uno di questi incontri, a Roma, Franco viene avvicinato da un ragazzo che gli confida che le sue parole gli hanno cambiato la vita. Poco dopo scopre che il ragazzo è Gabriele Dell’Otto, uno dei più importanti illustratori del mondo, artista di punta delle due grandi casi editrici americane di supereroi, Marvel e DC. Nasce così un <yt> progetto che è anche un sogno <meeting2018>.

 

↑2018.10.07 <LaTraccia, avvenire> Nembrini è uno dei laici nominati da Fr1 tra i 23 componenti del Dicastero per la famiglia e la vita da lui stesso istituito al posto dei Pontifici Consigli per la famiglia e per i laici.

 

↑2012.10.13 Incontro con prof. Franco Nembrini autore de di padre in figlio; Aula Magna dell'ITIS "M. Buonarroti" Trento; [CzzC: appunti; mp3NoWeb]

 

↑2011.11.24 8 di padre in figlio: “Lasciateli stare”, era il titolo pensato in un primo momento per questo libro sull’educazione, «un appello rivolto soprattutto alle madri». «I figli non hanno bisogno di genitori opprimenti né di padri-amici, ma di adulti che li lasciano andare e che restano a garantire una casa in cui si può sempre tornare. Occorre, per fare questo, un amore al destino comune così grande, una certezza così grande da portare il peso della croce della libertà dell’altro, dei suoi no». Come si vede, un testo che non nasce da una teoria pedagogica, ma da un’esperienza maturata in primo luogo nella famiglia di origine dell’autore.

 

2010.01.01 alla ricerca dell'io perduto: l'umana avventura di DANTE (Itaca). [CzzC: è così affascinante Nembrini quando ci presenta la Divina Commedia che, forse sbaglio, ma ardisco ritenere che sia stato maestro del Benigni "Dante in TV" e sia rimasto insuperato]. "Tutto il problema della Divina Commedia è un problema di libertà, di dove guardi, di cosa guardi (…) Se guardi le stelle, cioè se guardi il reale e ti lasci interrogare dalla realtà, probabilmente sei nelle condizioni di cominciare il viaggio. Se no non cominciare neanche."  Questo libretto nasce dalla trascrizione di alcuni incontri tenuti a Bergamo ad un gruppo di adulti dal prof. Franco Nembrini. Lo consigliamo perché conserva tutta la semplicità, la freschezza e l'immediatezza di chi spiega il poema di Dante a un pubblico non specializzato in materia. Nembrini rende chiare le immagini di Dante e il senso del suo viaggio operando un continuo paragone con l'esperienza di ognuno. In questo modo legge l'episodio della selva oscura e dell'incontro con Virgilio; e poi il canto di Paolo e Francesca, quello di Ulisse e quello del conte Ugolino. E' dunque un viaggio alla scoperta del poema, utilissimo sia a chi si accosta per la prima volta alla Divina Commedia, sia a chi la conosce già o la insegna e troverà sicuro giovamento dal metodo usato da Nembrini. E' anche un'occasione per compiere una meditazione sulla propria vita. Attendiamo con impazienza i prossimi volumetti, dedicati al Purgatorio e al Paradiso. (Gianluca Zappa)

 

2009.mm.gg F.Nembrini, “Alla ricerca dell’io perduto” Purgatorio pag 64: E allora si capisce perché la Chiesa insiste molto nel farci dire il rosario. Perché nell’Ave Maria ci fa dire tutti i giorni: “nell’ora della nostra morte