modificato 21/01/2017

 

Salvezza che compie l’esigenza di senso del cuore dell’uomo

Correlati: salvezza senza Resurrezione? Chiesa; Il senso religioso e fede; Giustificazione; pluralismo delle vie di salvezza? L7

Pagina senza pretese di esaustività o imparzialità: contrassegno miei commenti in grigio rispetto al testo attinto da altri.

 

Tra le varie definizioni del termine salvezza, mi è cara quella di compimento dell’esigenza di “verità e significato della vita”, che, per quanto riguarda la vita mia e dei mie cari, incontro seguendo Cristo in compagnia di cammino guidato dal magistero petrino, con tutto il rispetto per altri cammini (pluralismo delle vie di salvezza) intentati al bene comune.

La salvezza cristiana è un’esperienza di vita liberamente coinvolgente in comunità guidata al destino, non una teoria-ideologia: ricordo ad esempio come Benedetto XVI mette in evidenza che «La fede cristiana non è un’idea, ma una vita»; collaborare con identità e cammini diversi e ...

 

 

Vedi Catechismo e Compendio: la salvezza è intesa come universale ed integrale. Riguarda la persona umana in ogni sua dimensione:personale e sociale, spirituale e corporea, storica e trascendente, ... la offre Dio ai Suoi figli richiedendo la loro libera risposta e adesione, in rapporto con lui e con la responsabilità nei confronti del prossimo, nella concretezza delle situazioni storiche. «il primo: Ascolta, Israele. Il Signore Dio nostro è l'unico Signore; amerai dunque il Signore Dio tuo con tutto il tuo cuore , con tutta la tua mente e con tutta la tua forza. E il secondo: Amerai il prossimo tuo come te stesso. Non c'è altro comandamento più importante di questi» (cfr. Mt 5,43-44)

C’è chi ritiene (Leitmotiv L7) che la Salvezza sia il Regno di giustizia (o la giustizia del Regno) con carità solo materiale e che non sia necessario credere nella resurrezione di Cristo per essere salvi e che il valore soterico (salvifico) della Resurrezione sarebbe stato aggiunto postumo nei Vangeli e che l’incarnazione di Dio, sia, se così si può dire, la carne che divinizza, la via che conduce verso il cielo. Mi spiace che cattolici catechizzino così: la mia fede è nella incarnazione e resurrezione di Cristo fattuali, non metafore: volto identitario collaborante con ogni persona di buona volontà che prediliga questo o altri cammini di salvezza del bene comune.

 

 

16/03
2016

<news.va>: La fede cristiana non è un’idea ma la vita - Intervista al Papa emerito Benedetto XVI

01/01
2015

<vaticaninsider>: Papa Fr1: Cristo e la Chiesa sono inseparabili ... non è possibile amare il Cristo, ma non la Chiesa, ascoltare il Cristo, ma non la Chiesa, appartenere al Cristo, ma al di fuori della Chiesa». Infatti «la missione della Chiesa esprime la sua maternità», in quanto la Chiesa è madre che «custodisce Gesù con tenerezza e lo dona a tutti con gioia e generosità ... Nessuna manifestazione di Cristo, neanche la più mistica, - ha rimarcato - può mai essere staccata dalla carne e dal sangue della Chiesa, dalla concretezza storica del Corpo di Cristo. Senza la Chiesa, Gesù Cristo finisce per ridursi a un'idea, a una morale, a un sentimento. Senza la Chiesa, il nostro rapporto con Cristo sarebbe in balia della nostra immaginazione, delle nostre interpretazioni, dei nostri umori».

14/12
2014

<vatican.va>: papa Fr1: riscoprire che in Gesù c’è la salvezza. In Lui è possibile trovare la pace interiore e la forza per affrontare ogni giorno le diverse situazioni della vita, anche quelle più pesanti e difficili ... con Gesù la gioia è a casa! E senza Gesù non c’è gioia. Lui è vivo, è il Risorto, e opera in noi e tra noi specialmente con la Parola e i Sacramenti

03/10
2014

<radiovaticana e asianews>: Papa Fr1: La salvezza è solo in Gesù, non nei tanti precetti fatti da uomini: “È proprio la classe dirigente quella che chiude le porte al modo col quale Dio vuole salvarci. E così si capiscono i dialoghi forti di Gesù con la classe dirigente del suo tempo: litigano, lo mettono alla prova, ... vogliamo fare la salvezza a modo nostro! ... E’ sempre questa chiusura al modo di Dio ... Ma ci farà bene domandarci: come voglio io essere salvato? A modo mio? Al modo di una spiritualità, che è buona, che mi fa bene, ma che è fissa, ha tutto chiaro e non c’è rischio? O al modo divino, cioè sulla strada di Gesù che sempre ci sorprende, che sempre ci apre le porte a quel mistero dell’Onnipotenza di Dio, che è la misericordia e il perdono?”.

Credo che Gesù sia il Maestro che ci insegna la salvezza, o vado dappertutto ad affittare guru che me ne insegnino un’altra? ... io resisto alla salvezza di Gesù?”.

15/08
2014

Oggi il Papa ci invita ad una giornata di preghiera per i cristiani perseguitati, ma  perché i cristiani sono così tanto perseguitati? C’entra con il concetto di salvezza di cui sono portatori e con la risposta data da Gesù sulla verità? «Per questo io sono nato e per questo sono venuto nel mondo: per rendere testimonianza alla verità; chiunque è per la verità ascolta la mia voce». Secondo il teologo don Paul Renner (e i suoi amici massoni) «quella tra una religione vera e tutte le altre false è una distinzione brevettata da noi cristiani; oggi spesso proprio i cristiani ne pagano le conseguenze, ma tutto era partito, scorrendo la storia, proprio da noi …». O c’entrano altri fattori?

03/11
2013

<vaticaninsider>: La misericordia di Dio è per tutti, non bisogna smettere di chiedere perdono. "Non c'è peccato o crimine che ci possa cancellare dal cuore di Dio". All'Angelus Francesco assicura che Gesù "mai si stanca di perdonare".

05/04
2013

<vatican.va>: Papa Fr1: solo il nome di Gesù è la nostra salvezza. Solo lui ci può salvare. E nessun altro. Tanto meno i moderni “maghi” con le improbabili profezie dei tarocchi che ammaliano e illudono l’uomo moderno.