modificato 17/11/2017

 

Fine VITA umana e DAT: usare più esperienza che ideologia

Correlati: dignità umana, libertà di coscienza, sofferenza, religione e laicità

Pagina senza pretese di esaustività o imparzialità: contrassegno miei commenti in grigio rispetto al testo attinto da altri.

 

Ravviserei uno sbilanciamento di priorità in talune opposizioni alle DAT che sottovalutassero ben altri rischi e problemi attorno alla sopravvivenza di anziani, malati e handicappati gravi: dal logico tagliare le spese per i troppo costosi farmaci antitumorali, già in Uk si passa a tagliarle per i soli ultrasettantenni, e siamo soli agli inizi, visto l’andazzo cinese.

Eutanasia su Wikipedia. Su questo tema così delicato non si dovrebbe procedere a colpi di notizie scandalistiche, ma usare più esperienza che ideologia, far parlare soprattutto i protagonisti che accudiscono (volenti o nolenti) congiunti malati terminali o vegetativi pluriennali o sofferenti di testa tanto gravi da ferire fisicamente chi li accudisce; troverei piuttosto scandaloso che lo stato sottragga milioni di euro a famiglie che assistono cotali malati e ne trovi più che altrettanti per foraggiare la gender didattica, i migranti economici, l’aumento delle spese pro Nato.

Esiste un diritto al suicidio premeditato? È un problema etico individuale e/o sociale? Sta montando più in correlazione all’enfasi dell’individualismo o alla produttività di sistema correlata ai tagli della spesa sanitaria? Come 50 anni fa si guardava agli Usa per intuire cosa sarebbe accaduto poco dopo anche da noi, nell’oggi globalizzato si guarda alla montante Cina, anche per scenari socio-etici.

 

 

17/11
2017

<fb>: Introvigne concorda col <foglio> che le parole di Fr1 su sospensione delle cure in fine vita <republ> non configurano un’apertura all’eutanasia, ma è cambiato o no il tono in tema di “culture wars”? A Introvigne sembra ovvio che, da B16 a Fr1 sia cambiato <mattino> il che ha conseguenze ecclesiali e politiche non irrilevanti.

25/04
2017

h7,45 radio24 odo che Uk taglierà la spesa dei troppo costosi farmaci antitumorali agli ultrasettantenni. Forse in conciliazione porteranno la soglia a 80, per ora, ma la tendenza è quella e vedrai che anche la Chiesa si rassegnerà, come e più che per le DAT: a capacità non infinite anche la vita non può prescindere dalle priorità.

21/04
2017

<giornale>: in Molise le campane suonano a morto in protesta contro l’approvazione alla Camera della legge sul biotestamento; affisso un finto necrologio [CzzC: trovo sbilanciamento di priorità in talune opposizioni alle DAT che sottovalutassero ben altri rischi e problemi attorno alla sopravvivenza di anziani, malati e handicappati gravi]

03
2017

Svezia: assistenza sanitaria statale a intensità differenziata tra produttivi e anziani? Pare che ci siano budget differenziati e prestazioni diverse, quantomeno corsie preferenziali. A capacità non infinite, non sarebbe scandalosa una scala di priorità.

28/02
2017

Premorienza indotta, sublimata da individualismo privato e statale: annoto censurato da Facebook un post di Mario Adinolfi. Stante la globalizzazione, le best practices cinesi ci precedono solo di pochi lustri; ma ci sarà pur sempre un residuo piccolo gregge ad indicare una luce che ... continua.

27/02
2017

<stampa agi corriere>: è morto dj Fabo, ha scelto l’eutanasia in Svizzera, annuncia Marco Cappato, che domani si autodenuncerà [CzzC: pietà per la sofferenza! Mi auguro che i cattolici non si facciano menare come sul No194 a ballare come marionette d’intolleranza; son certo che Fr1 li allerterà per evitare tale tranello: la massima energia è da esplicare sul diritto all’obiezione di coscienza (minacciato), sul sollievo della sofferenza che invocasse aborto o eutanasia, non sul punire chi questi interventi praticasse legalmente a informata coscienza che li chiedesse liberamente]

27/02
2017

<tempi>: in Canada aumentano i medici obiettori su eutanasia: «Non possiamo più farlo». A soli 8 mesi dall’entrata in vigore della legge, sempre più medici dopo aver somministrato la buona morte chiedono di smettere. [CzzC: l’importanza di rispettare la volontà del sofferente è almeno pari a quella di rispettare la libertà di obiettare, senza penalizzarne la professione come vorrebbero gli anti-obiettori su aborto]

06/02
2017

<avvenire>: Nuova carta degli operatori sanitari dalla Santa Sede. Il testo aggiorna la prima edizione pubblicata nel 1995. <corrispondenzaromana> lamenta possibili ambiguità al numero 152 «La nutrizione e l’idratazione, anche artificialmente somministrate, rientrano tra le cure di base dovute al morente, quando non risultino troppo gravose o di alcun beneficio». [CzzC: mi astengo dal disquisire preferendo dedicarmi a maggiori priorità: qualche ora di sollievo a famiglie gravate da malati]

09/12
2016

<avvenire>: Svizzera: in Canton Ticino boom di "suicidi assistiti" italiani: già più di casi, due terzi dei quali di cittadini italiani.

30/10
2015

<tempi>: Belgio: il dottor Marc Van Hoey indagato per aver ucciso la signora Simona, 85 anni, sana ma «stanca di vivere»

18/09
2015

<tempi>: Quebec: le cure palliative sono a costi proibitivi, l’eutanasia invece è gratis [CzzC: e se arrivasse anche da noi questo criterio induttivo delle scelte, che inquisisse come necrofobo chi dubitasse che sia criterio di libera scelta?]

11/09
2015

Uk dice NO al suicidio assistito per chi avesse meno di <6mesi di aspettativa di vita: con 333no118sì Uk boccia il relativo disegno di legge che facoltizzava il suicidio assistito in analogia a quanto legalizzato in Us.Oregon. [CzzC: vedi miei commenti nel sottotitolo di questa pagina]

07/07
2015

<tempi>: Australia, istigare al suicidio «non mette a rischio la vita delle persone». Una sentenza della Corte suprema del Territorio del Nord restituisce la licenza al dottor Philip Nitschke, fondatore di Exit International, sospeso per aver istigato un uomo al suicidio. [CzzC: su questo tema così delicato non procederei a colpi di notizie scandalistiche, ma farei parlare soprattutto i protagonisti che accudiscono ... vedi sottotitolo]

01/07
2015

<tempi>: Io, che ho fatto parte della Commissione per l’eutanasia in Olanda, vi dico: non fate il nostro errore: intervista a Theo Boer, docente all’università di Utrecht, convinto sostenitore della dolce morte, oggi pentito: «Aveva ragione chi contrastava la legge». [CzzC: c’è legge e legge; e c’è la non legge; soprattutto ci deve essere il rispetto della libertà di coscienza, sia del sofferente che chiedesse la fine, sia del medico che obiettasse]

26/02
2015

<famigliacristiana>: Hans Küng: voglio scegliere quando morire. Il teologo cattolico afferma nel suo nuovo saggio "Morire felici?" il diritto della persona di assumersi la responsabilità di come e quando morire. E sostiene che una tale posizione non è in contrasto con la fede e non ha nulla a che vedere con una sorta di "auto-assassinio". [CzzC: sulla questione del fine vita trovo che la posizione di Hans  Küng sia meno confondente e ingannevole rispetto a quella con cui vorrebbe democratizzare la Chiesa decapitandola quantomeno modo luterano]

18/01
2013

Sentenza in Irlanda: «Non esiste il diritto al suicidio». Marie Fleming chiese il suicidio assistito, la Corte respinge: «Il suicidio assistito è nemico dell’ interesse pubblico e, come provato da altri paesi, una volta legalizzato il rischio di abusi è reale» [CzzC: una buona legge deve parare il rischio di abusi: ma vedrai che l’Irlanda fra qualche anno si esprimerà diversamente in merito]

02/08
2011

Eutanasia: il vescovo Von Galen sfidò Hitler con questo appello, profetico per l'oggi [CzzC: mi pare che l’uomo, soprattutto occidentale e capicomunista, abbia sempre meno disponibilità di spirito e di risorse per affrontare la sofferenza]

07/05
2011

stato vegetativo richiama in significato il regno vegetale cui assimilare lo stato di vita del paziente che così fosse definito. [CzzC: e se lo definissimo diversamente?]

16/02
2011

CANADA: introdurre l'eutanasia è un aumento o una riduzione della libertà? [CzzC: dipende dal contenuto della legge]

28/11
2010

www.anci.it pubblica una nota tecnica in cui ribadisce «i presupposti della legittimità della istituzione e tenuta» degli elenchi per la raccolta delle dichiarazioni di biotestamento [CzzC: l’eventuale opposizione senza se e senza ma al biotestamento e alle DAT mi parrebbe un’opposizione alla libertà di coscienza]

24/11
2010

Il problema dei malati è sempre la solitudine: solo 3 su 6000 hanno chiesto la fine, ma poi … [CzzC: ma troppo spesso anche la solitudine di chi li assiste, che, quantomeno per consapevolezza, genera sofferenza non minore del malato]

14/04
2010

Olanda: un movimento chiede il suicidio assistito per gli over 70 stanchi di vivere, anche se non malati. [CzzC: questo è poco, rispetto a quanto è prevedibile che faccia la Cina ai suoi vecchi fra 20 anni.]

31/01
2010

Padre Erminio Gius su caso ELUANA: ricerche sugli stati vegetativi permanenti; come aiutare le famiglie? Perplesso sulla tecnoetica, ma «gli uomini devono decidere di non voler essere fonte di sofferenza per i loro simili». [CzzC: ho scritto a padre Erminio, chiedendo spiegazioni in merito, e mi ha risposto]

10/03
2006

Pubblicizza il kit per eutanasia in vendita a Bruxelles. È socio onorario dell'associazione Libera Uscita per la depenalizzazione dell'eutanasia. [CzzC: su questo punto, al di là di esagerazioni ideologiche che potrebbero portare ad eliminare i pesi inutili magari contro la volontà degli eutanasabili o approfittando di loro temporaneo deficit di consapevolezza, riconosco che si debba laicamente rispettare il diritto di esprimere liberamente una dichiarazione anticipata di trattamento]