MASSIMO CACCIARI: filosofo, politico e accademico, ex sindaco di Venezia. “Non credente” ma fu al soldo di don Verzé

<vsannio>: con beneplacito del monaco Enzo Bianchi, don Bruno Forte, Salvatore Natoli, Salvatore Veca, che videro in don Verzé un mecenate illuminato, con buona pace di Mario Cal

<wikipedia>: n1944 n filosofo, politico e accademico italiano, ex sindaco di Venezia.

 [Pagina senza pretese di esaustività o imparzialità, modificata 01/09/2018; col colore grigio distinguo i  miei commenti rispetto al testo attinto da altri]

Correlati: maestri di dubbio pensiero debole, società liquida, relativismo

 

2018.08.02 <repubblica delir> Massimo Cacciari e l'appello anti-populismo: «Prepariamoci alle elezioni Europee» uniti contro populismo e sovranismo. <rep17Ago> aderiscono all’appello di Cacciari ... [CzzC: linko e rilancio volentieri l’appello di Cacciari &C, con indicazioni per discernere illusioni: continua].

 

↑2018.01.26 <ansa> Il '68: una rivoluzione riuscita o fallita? Il 1 marzo a Roma la battaglia di Valle Giulia: gli scontri con la polizia durarono ore e l'eco mediatico fu immenso. Mario Capanna era leader a Milano con Salvatore Toscano e Luca Cafiero; a Torino Luigi Bobbio e Guido Viale; a Padova Massimo Cacciari, Toni Negri, Emilio Vesce; a Roma Franco Piperno e Oreste Scalzone; a Pisa Gian Mario Cazzaniga e Adriano Sofri. Fece scalpore il Pier Paolo Pasolini che si schierò con i poliziotti considerandoli i veri proletari mentre gli studenti erano per la maggior parte figli di papà, secondo lui [CzzC. non solo secondo lui]

 

↑2017.11.30 <giornale>: Massimo Cacciari: "Natale non è solo dei cristiani, in ballo c'è la nostra civiltà; l'indifferenza avvolge cattolici e laici, non hanno presente il significato sconvolgente della festa». [CzzC: grazie, caro Massimo, ma che dire di quando nel 2005 <in Duomo a Milano> facesti l’elogio del vivere senza fede e senza certezze con un ideale intelligente di esistenza spesa all’insegna del dubbio? E picchiavi duro contro l’apologetica che deprimerebbe la vera fede? E dicevi di non capire quelli che trovano risposte alle domande grandi? Cambi? Continua]

 

↑2017.09.01 <repubblica>: Cacciari: "Ho apprezzato il video di Saviano, che ha smontato efficacemente le menzogne sull'immigrazione". Che cosa fa la sinistra di fronte al problema? Chiederlo a Massimo Cacciari significa avere risposte tranchant (incluso un attacco a Minniti) tipo questa: "La sinistra, chiamiamola così, non reagisce più alle menzogne degli avversari. Anzi, semmai cerca comportamenti che possano soddisfare costoro. E così non li fermerà, così perderemo le elezioni".

 

↑2016.08.22 Al Meeting 2016 "Tu sei un bene per me", lo scrittore Luca Doninelli cita - come contro esempio - <youtube libq> il Massimo Cacciari che da sindaco di Venezia spiegava che i cittadini sono un problema per il sindaco perché non sono all’altezza di comprendere.[cbdi] Già, come un progetto del potere sul mondo, che non ha più bisogno di uomini, e quindi nemmeno di cittadini.

 

↑2005.05.23 <espresso>: chiamato a parlare in Duomo di Milano, il prof. filosofo ‘non credente’, come altri che in anni precedenti avevano preso parte a incontri promossi dal cardinale Martini col titolo, appunto, di ‘Cattedra dei non credenti’: l’oratore Cacciari dice con voce felpata e tono sofferto l’elogio del vivere senza fede e senza certezze. Dice di un ideale intelligente di esistenza spesa all’insegna del dubbio e di una vita angosciata. Picchia duro sulla teologia maciullata dalla teodicea e se la prende con l’apologetica che deprimerebbe la vera fede. Infine il filosofo dice di non capire quelli che trovano risposte alle domande grandi che non possono avere risposte. La bella lezione di relativismo ‘ex cathedra’ prosegue, tra le luci soffuse del Duomo di Milano, le suore che continuano a prendere appunti, i miei amici ed io che usciamo a prendere una boccata di aria fresca”. Ma che cosa succede nella cattedrale dei santi Ambrogio e Carlo?

 

↑2005.02.24 <giornale>: Cacciari dice di L. Giussani: «macché integralista! Era un esploratore senza schemi ... mi colpirono la sua curiosità e la capacità di ascolto»