DIPENDENZA PUBBLICA E PARAPUBBLICA in IT: sia essenziale, più efficace e più efficiente

La pubblica dipendenza è considerata di massima più zavorrante che oliante lo sviluppo italiano, perché è ridondante il numero di addetti in certi ambiti e Regioni rispetto alla qualità del servizio erogato e perché risulta elevato il suo costo/PIL rispetto alla media dei Paesi meglio amministrati: la P.A._IT costa 3 punti di PIL in più che in Germania: 12 contro 9, appare in taluni ambiti elefantiaca e privilegiata rispetto al lavoro privato, con oltre 1M di persone, 4,9% dei lavoratori italiani: 23,9G€/2012, ~772€/anno/cittadino. Però ben più che ai singoli dipendenti il demerito è ascrivibile alla inadeguata organizzazione della Pubblica amministrazione

[Pagina senza pretese di esaustività o imparzialità, modificata 24/01/2019; col colore grigio distinguo i miei commenti rispetto al testo attinto da altri]

Pagine correlate: efficientare la pubblica amministrazione, i cui privilegi hanno favorito l’impennata del debito pubblico e il latrocinio generazionale

 

La Pubblica Amministrazione non può fare a meno della pubblica dipendenza, non solo per esercitare le funzioni istituzionali (potere legislativo, esecutivo e giudiziario), ma anche perché taluni servizi sono effettivamente meglio erogati da pubblici dipendenti anziché da privati (penso ad esempio alle forze dell'ordine e al controllo sui servizi pubblici), ma quando il rapporto dare/avere della pubblica rispetto alla privata dipendenza fa sì che in troppi concorsi si presentino oltre 100 concorrenti per un posto pubblico in palio, laddove nella dipendenza privata il rapporto sarebbe almeno 10 volte inferiore, significa che anche la sperequazione di privilegi è analogamente sbilanciata, con aggravio sui costi della P.A. che in IT cubano 3 punti di PIL in più che in Germania (12 contro 9): non si potrà ridurre il debito e rilanciare l’economia del Paese finché non si ridurrà questo ∆_costo e ∆_numeri della dipendenza pubblica e parapubblica, che nuoce alla salute delle nostre finanze peggio dello spread Bot/Bund. Analogamente avviene che un’azienda di servizio pubblico trasporto gestita da privati riesca a stare in attivo con un costo unità di prodotto a 4,5€/km,(Radio24 24/11/2013 h10,15) mentre sia del 50% superiore quel costo per l’analoga azienda municipalizzata posseduta dal Comune in profondo rosso, i cui dipendenti schiamazzano alla prospettiva della privatizzazione.

Il costo e il numero dei dipendenti pubblici (e di quelli affini nelle società partecipate dalla P.A. ) dovrebbero essere costituzionalmente plafonati in rapporto alla popolazione e al PIL e allineati ai più virtuosi Paesi UE (costi standard); la funzione dei pubblici dipendenti dovrebbe essere essenzialmente di indirizzo e di controllo per il bene comune; l’assunzione nel pubblico impiego dovrebbe avere come requisito di concorso un congruo numero di ore (ad esempio 5000) lavorate alla dipendenza privata pura ed evitare di essere usata come rimedio della disoccupazione; si deleghi alla sussidiarietà e al privato-sociale in sana concorrenza tutto ciò che sia opportunamente delegabile nei servizi, compresa la riduzione del monopolio statale sulla istruzione e la libertà-diritto dei genitori anche meno abbienti di avvalersi delle paritarie, quantomeno come avviene nella sanità.

Invece talvolta ... vedi la promessa pre-elettorale di Orlando in Sicilia di assumere come dipendenti pubblici migliaia di lavoratori che operavano su commessa comunale o regionale. Ma non solo nella solita sprecona Sicilia: anche nel virtuoso Trentino possiamo notare ...; ad esempio? Caro orso, quanto ci costi?

 

2018.10.24 <s24h> Il macigno delle baby pensioni: costano 7,5G€/anno, furono introdotte nel 1973 dal Governo Rumor, abolite da Giuliano Amato nel 1992, ne godono 400k persone che stanno passando in pensione il doppio o addirittura il triplo del tempo che hanno trascorso al lavoro. «Le baby pensioni - commenta Alessandro Rosina, ordinario di Demografia all’università Cattolica di Milano - sono forse l’esempio più eclatante di un Paese che perse la propria visione di un futuro solido e condiviso da costruire, scaricando sulle generazioni successive il costo di uno speciale privilegio dei pubblici dipendenti».

 

↑2017.04.27 <Sole24h>: Alitalia: 30 anni di perdite e una bolletta pubblica da 7,4 miliardi di euro. [CzzC: il popolo paga l’inciucio tra privilegi e partitica: il no alla riduzione 8% dello stipendio (accettata invece più volte in aziende tedesche in crisi) è stato favorito dalla presunzione di poter contare sulla consuetudine italiana di salvare con ulteriore onere pubblico i privilegi in imprese già pubblico-foraggiate]

 

↑2016.02.04 <tg24sky> Nel 2015 la Spesa Pubblica totale nel nostro Paese è stata di circa 830 miliardi, quasi la metà del PIL: Pubblico Impiego 165G€, Acquisto di beni e servizi 130G€, Interessi sul debito 70G€, Pensioni e assistenza 335G€, Investimenti e trasferimenti 64G€ [CzzC: aggiungo 66G€ di altro per raggiungere i dichiarati 830G€]

 

↑2015.07.24 <avvenire>: Pompei, "chiuso" per assemblea: disagi e caos per quasi due ore per circa 2mila visitatori, a causa di una assemblea a sorpresa dei lavoratori degli scavi di Pompei: il soprintendente ricorre al personale archeologico per poter aprire i cancelli. [CzzC: questi danni accadono quando i privilegiati della pubblica dipendenza sanno di poter contare sulla inamovibilità e assenza di concorrenza: pensi che si comporterebbero così se fuori dai cancelli ci fosse la fila di giovani laureati cui il padrone stato concedesse la possibilità di prendere il posto degli assenteisti?]

 

↑2015.06.23 <askanews>: Badge timbrati ma erano assenti: 85 indagati nel Casertano (di cui 84 dipendenti del Comune di Orta di Atella): vidimavano cartellini anche con la complicità di vigili urbani.

 

↑2015.06.19 <corriere>: Roma, sprechi in Campidoglio: negli asili le 5.400 maestre in pianta stabile costano 145M€ ma ce ne sono altre 2.400 a tempo determinato, supplenti delle titolari e altre 4.000 superprecarie (quadruplicate in pochi anni) per la supplenza delle supplenti assenti. Per un costo totale, insieme, di altri 65M€. Con un assenteismo oltre il 30%, che improvvisamente cessa se iniziano i controlli.

 

2015.05 da questa <tesi.luiss> leggiamo che le grosse uscite dalle casse dello Stato Italiano negli anni 80 possono ricondursi a scelte politiche mal calibrate: una gestione politicizzata e fallimentare del sistema previdenziale , in special modo per gli impiegati pubblici (babypensioni) ... la crescente burocratizzazione, il mantenimento di società ed enti ai soli fini clientelari, l’eccesso di occupazione diretta nel settore pubblico e ultimo ma non per importanza la grande corruzione.

 

↑2015.03.21 <giornale>: Al Quirinale guadagnano il doppio della Casa Bianca: per i 783 dipendenti del Colle lo stipendio medio è 146k€, per i 456 colleghi Usa meno della metà: solo 61mila. [CzzC: ora che al Quirinale comanda un siciliano, chi può intaccare la scandalosa eccedenza di dipendenti privilegiati della sua Regione?]

 

↑2014.09.22 Indennità di funzione per aggirare tetto stipendi Parlamento con ben 11 sindacati complici: job act menu turistico a prezzo fisso e job a la carte già tutto prenotato anche a collaboratori

 

↑2014.07.04 <livesicilia>: Sicilia paradiso dei dirigenti ed emblema del latrocinio generazionale: un terzo di tutti i dirigenti pubblici italiani lavora nell'Isola, ciascuno dei 1.813 dirigenti in Regione, con stipendio medio >80k€/anno, gestisce meno di 9 subalterni (in altre regioni pur non ordinarie il rapporto è 1:19) e solo un dipendente regionale su 100 ha meno di 35 anni.

 

↑2014.02.16 Da l’Adige: «Sprechi alle materne, protesta delle mamme: volantini e opere d'arte; soldi buttati via». Nei prossimi giorni consegneranno scatoloni pieni di libretti di pedagogia: volumi che ogni anno vengono fatti stampare dal Servizio scuola e consegnati ad ogni utente delle scuole materne provinciali. I genitori della materna di Cadine sono furiosi. [CzzC: anche lavorando nel privato ho notato come le tipografie trovino margini per fare ai committenti quantomeno i regali di Natale; ora, poi, che gli LGBT godono di 10M€ Forneriani, vedrai che pletora di stampe pittoresche invaderanno le scuole e di allenatrici specializzate in materia].

 

↑2013.08.06 Stipendi dei pubblici manager: gli avevano imposto un contributo di solidarietà, ma l’Alta Corte l’ha definito incostituzionale (pro domo sua ...): ora la spending review ritenta ... (senza toccare i contratti in essere? A quando una purga greca?)

 

↑2012.10.23 Regioni: un dipendente su tre è di troppo, ne avanzerebbero 24.396 secondo Confartigianato; inefficienze, sprechi, clientelismo; anziché le attuali 78.679 persone impiegate, ne sarebbero sufficienti 54.283.

 

↑2012.10.22 I Danni erariali causati da pubblici dipendenti (oltre 1,5M€ solo i danni contestati a funzionari e impiegati che hanno contribuito a prosciugare le casse di enti e società commettendo falsi e abusi, ma soprattutto intascando «mazzette») sono di più dei danni contestati a falsi poveri o a falsi invalidi indebitamente sussidiati.

 

↑2012.07.23 Concorsi truccati?  il Tar qui blocca, ma nei concorsi pubblici, dentro e fuori la scuola, non è nuova la violazione dell’anonimato al fine di favorire candidati raccomandati e debitamente spartiti tra partiti, sindacati, associazioni.

 

↑2012.07.14 Costi astronomici della politica IT: oltre 1 milione e 100 mila persone: in pratica il 4,9 per cento dei lavoratori italiani, fattura annua 2012 astronomica: 23,9 miliardi, pari a 772 euro all’anno a cittadino.

 

↑2012.07.01 Sprechi nella pubblica dipendenza: un sindaco "così caccio i lavativi" ope legis.

Sicilia eclatanti esempi di Pubblica Amministrazione sprecona: Leoluca Orlando promette ulteriori assunzioni...;  più dipendenti del governo inglese ...; la UE sospende i fondi alla Regione per carenza di controllo.

 

↑2012.06.29 Possibile che a Cosenza il costo dei vigili urbani sia il 150% dello standard?