modificato 16/01/2017

 

Salvatore Natoli 1942

Correlati: il Margine; Resurrezione di Cristo? Non reale. Catechesi parrocchiale

Pagina senza pretese di esaustività o imparzialità: contrassegno miei commenti in grigio rispetto al testo attinto da altri.

 

Foto. Ordinario Filosofia UniMI: «La Resurrezione è un'elaborazione teologica di Paolo».

su Wikipedia: laureatosi in Filosofia presso l'Università Cattolica di Milano (Collegio Augustinianum), professore ordinario di filosofia teoretica presso la Facoltà di Scienze della Formazione dell'Università degli Studi di Milano Bicocca.

 

 

 

03/04

2011

VT#13p11: Politica e religione sono attività umane: la speranza è utilizzata da entrambe come strumento?

- Natoli: Concordo con Nieztsche sulla fedeltà alla terra, ma resta una questione problematica, un elemento discriminate tra credenti e non. Non esiste vittoria definitiva del bene sul male. La Redenzione non riguarda il futuro, è del dolore del passato, ma non si dimostra. Determinante è la fede: il passaggio non è razionale. Uno può avere competenze, ma se non ne ha esperienza c'è differenza antropologica.

Come interpreta il filosofo la Resurrezione?

- Natoli: Il problema è già dentro i Vangeli: Cristo è sparito. La Resurrezione è un'elaborazione teologica di Paolo. Nella dimensione di radicalizzazione dell'incarnazione Gesù risorge nella sua sequela: chi lo segue lo fa rivivere.

[CzzC: Natoli tifato da lumi come Mancuso?]