HONDURAS: paradigma dell’influenza Usa sul Centroamerica

<VT#20p18> è in atto una campagna volta a delegittimare o a far sparire chi si oppone ad un modello di sviluppo che faccia prevalere il capitale-profitto sulla persona umana; gli omicidi mirati ... vedi l'assassinio di Berta Caceres ...

<wikipedia>: 8M ab; è uno dei paesi più violenti delle Americhe ed uno dei più pericolosi del mondo per l'altissimo tasso di criminalità, legato soprattutto al traffico di droga. San Pedro Sula, la seconda città per abitanti dopo la capitale Tegucigalpa, secondo un rapporto del 2013 ha il primato mondiale nel tasso di omicidi, 169 ogni 100.000 abitanti.

[Pagina senza pretese di esaustività o imparzialità, modificata 13/10/2022; col colore grigio distinguo i miei commenti rispetto al testo attinto da altri]

Pagine correlate: finanza cinica ad uso di potenti; Nicaragua, Panama, Cuba

 

 

2022.10.12 L'Occidente non è riuscito a convincere l'India a votare in assemblea ONU la condanna della Russia, cosicché, pur aumentata al 46% dal 43% dello scorso marzo la percentuale della popolazione mondiale configurata dai 143 stati a favore della condanna sul totale votante, anche stavolta il "sì" non ha raccolto la maggioranza della popolazione mondiale, essendo mancato il peso degli 1,4 miliardi di abitanti dell'India. <open tgc24> 5 gli stati contrari (Russia, Bielorussia, Corea del Nord, Nicaragua, Siria), 35 gli astenuti, ma alcuni dei 35 stati astenutisi lo scorso marzo ora hanno votato a favore (Angola, Bangladesh, Iraq, Madagascar, Senegal), il Nicaragua contro, El Salvador e Iran non hanno votato; 8 i nuovi astenuti (Eritrea/exContro, Eswatini, Etiopia, Honduras, Lesotho, Thailandia, Togo, Uzbekistan); 10 non hanno votato (Azerbaijan, Burkina Faso, Camerun, Gibuti, El Salvador, Guinea Equatoriale, Iran, Sao Tomè Principe, Turkmenistan, Venezuela)

 

↑2021.12.10 <agi, ilpost ansa> Il Nicaragua rompe con Taiwan e riallaccia le relazioni con Pechino, sposando il principio di "un'unica Cina". Nel 2017 i paesi che riconoscevano Taiwan come stato indipendente e legittimo erano 21; oggi il numero è calato a 14 (Guatemala, Honduras, Belize, Haiti, Saint Kitts and Nevis, Saint Lucia, Saint Vincent and the Grenadines, Paraguay, Eswatini, Palau, Marshall Islands, Nauru, Tuvalu, Vatican City). <ilpost 17Nov> Joe Biden aveva vietato l’ingresso negli Stati Uniti ai membri del governo autoritario del Nicaragua. [CzzC: altro colpo inferto al principio di autodeterminazione dei popoli, dal diritto della forza bruta; chiedo a NC dell'Associazione Italia-Nicaragua cosa ne pensa]

 

↑2018.05.20 <VT#20p18> In tutto il Centroamerica, dal Guatemala, al Costarica, al Salvador e persino fino al Nicaragua, sono evidenti i segnali di un dominio Usa, ma in Honduras si va direttamente al cuore di quelle che possono essere o no scelte democratiche o antidemocratiche per assecondare i propri fini. Già nel 2009 il legittimo presidente Manuel Zelaya Rosales venne sequestrato dall'esercito, imbarcato a forza su un aereo militare e portato in "esilio" in Costarica. Ora, le elezioni del novembre scorso, ripetono lo stesso copione in altre forme ... Chi ha ucciso Berta Caceres? ... continua

 

↑2016.02.21 <formiche> Nonostante sia circondato da economie vivaci, in Corea del Nord il cibo scarseggia, acqua ed elettricità vengono razionate, e il reddito pro capite è simile a quello dell’Honduras. Il che non ferma le ambizioni militari.

 

↑2014.08.08 <VT> Sulla crisi nella Striscia di Gaza è intervenuto il primo agosto il cardinale Oscar Andrés Rodrfguez Maradiaga, arcivescovo di Tegucigalpa (Honduras) e presidente di Caritas Internationalis. "Dall'inizio del mese di luglio, quasi due milioni di palestinesi a Gaza e la popolazione in Israele sono stati coinvolti in una guerra devastante. La gente non ha alcun luogo sicuro per nascondersi quando le bombe piovono su questa piccola distesa di terra densamente popolata che è Gaza.

 

↑2005.06.11 <repubblica> Cancellato il debito pubblico di 18 Paesi in via di sviluppo: un passo importante, ma non basta. I paesi del G8 hanno deciso, in accordo con Banca mondiale e FMI, di cancellare il debito di 18 Paesi poveri africani e americani: BENIN, Bolivia, BURKINA FASO, Etiopia, Ghana, Guyana, Honduras, Madagascar, MALI, Mauritania, Mozambico, Nicaragua, NIGER, Rwanda, SENEGAL, Tanzania, Uganda e Zambia [CzzC: 5 su 18, in maiuscolo, sono del giro francese CFA, il franco delle colonie francesi africane (Colonies françaises d'Afrique)] <vita2015> cosa è successo dopo