Uganda

per me pensare all’Uganda è pensare a Rose Busingye, direttrice del Meeting Point International, e ai defunti Padre Piero Tiboni e suor Imelda Morlin

<wikipedia>: 35M ab, >80% cristiani, 10% islamici

[Pagina senza pretese di esaustività o imparzialità, modificata 09/03/2018; col colore grigio distinguo i miei commenti rispetto al testo attinto da altri]

Pagine correlate: stati

 

2018.03.08 <AVSI giornata della donna> a che punto siamo a proposito di tutela dei diritti delle donne, ancora vittime di violenza, abusi e maltrattamenti nel mondo. Le storie qui narrate confermano che molti progetti in corso sono riusciti perché hanno trovato donne capaci di diventarne protagoniste, di ribellarsi alla deriva violenta, all’odio e alla rassegnazione: Irene dal Kenya, Fadia dalla Palestina Lorette dal Burundi,  Monique da Haiti, Myriam dall'Iraq, Olayemi dall'Italia, Concy dall'Uganda, Reyna dal Messico

 

↑2017.06.15 <tempi, cl>il 13/06 è morto a 92 anni Padre Tiboni, missionario comboniano, in Uganda dal 1970, grande amico di don Giussani: il messaggio di Julián Carrón alla comunità ugandese: “Carissimi amici, padre Tiboni ci ha dato l’esempio di che cosa è la fede: il riconoscimento amoroso di una Presenza e la passione di comunicarla a tutti. Questa è stata la sua vera grandezza, e tutte le bellissime opere che ha compiuto ne sono il fruttocontinua.

 

↑2012.12.15 Il Papa e i gay: storia di una doppia bufala: dopo lo sbarco su Twitter, il Papa rischiava di diventare troppo popolare ... urgeva riportarlo uomo nero, magari facendolo nero con tremendi uno-due: comincia il “Fatto Quotidiano”, titolando “Il Papa benedice promotrice legge che prevede pena di morte per gay in Uganda”. Poi scavi nella notizia e scopri l’inganno ...

 

↑2012.05.05 <espresso>: A Kireka, il quartiere più povero della capitale ugandese Kampala, c'è un gruppo di ragazze con esperienze terribili alle spalle (che per vivere spaccavano pietre o si prostituivano, quasi tutte sieripositive)  che si sono trasformate in imprenditrici per la creazione di monili che si possono comprare anche on line. A guidarle è Rose Busingye, direttrice del Meeting Point International, un'associazione di volontari che sostiene oltre duemila donne, ferite dalla vita e sieropositive. «Sono madri che provengono dal nord dell'Uganda, dice Rose. Là vivevano nella spazzatura e i parenti per la vergogna le nascondevano. Da noi hanno ritrovato il valore della vita».

 

↑2012.01.02 <tribunaTV>: Suor Imelda Morlin muore a 77 per attacco di malaria (già contratta in India, dove era rimasta per 35 anni): missionaria canossiana originaria di Caerano 17/10/1934. Aveva fondato scuole e laboratori per mamme. Nel 2001 era stata inviata in Egitto, dove aveva dato vita a un centro di accoglienza per i profughi del Sudan. Altro trasferimento nel 2003, destinazione una missione in Uganda, dove aveva costruito un asilo d’infanzia, seguendo contemporaneamente un dispensario per gli ammalati di Aids e malattie tropicali. Dal settembre 2011 era stata trasferita a Dar El Salaam in Tanziania in attesa di mansioni definitive e lì è deceduta inseguito alle complicazioni intervenute a causa di un attacco di malaria.