Velo imposto con violenza: picchiata perché si toglieva il velo fuori casa, volendo vivere all’occidentale

<stampa fattoq corriere 2016.12.03>: Udine: La giovane nordafricana se lo toglieva prima dell'inizio delle lezioni e lo indossava quando tornavano a prenderla i genitori. Dopo essere stata scoperta, ha raccontato ai professori delle botte subite. La scuola ha avvisato la Polizia che ha portato la ragazza in una struttura protetta

[Pagina senza pretese di esaustività o imparzialità, modificata 04/02/2018; col colore grigio distinguo i miei commenti rispetto al testo attinto da altri]

Pagine correlate: velo e donna nell’islam, Wahhabiti pagano curde per far loro indossare il velo, fondamentalismo insegnato dall’alto; burqa, burqini

 

2017.03.31 <corr tgc ansa>: Bologna: 14enne islamica rasata a zero dalla madre perché non indossa il velo, la Procura la allontana dalla famiglia per la quale «Nessun pentimento: i nostri sono normali obblighi religiosi». Imam Izzedin Elzir: «non c’è nulla di religioso». [CzzC: ma sai che il regime de La Mecca paga donne all’estero perché mettano il velo? Trattasi di Kitman, menzogna nell’interesse dell’Islam? Continua].

 

↑2016.12.13 Ti stupirai che io accusi di ipocrisia lo sdegno occidentale per l’incarcerazione a rischio frustate della 20enne saudita Malak al-Shehri, accusata di aver postato sua foto senza velo, sdegno che gronda fin troppo facile su tante nostrane testate <2016.12.13 corriere, repubblica ...>: qui spiego il perché sarebbe ipocrisia occidentale ...

 

↑2016.04.09 <ligurianotizie>: Genova: picchiata perché voleva togliersi il velo in pubblico e indossare jeans e maglietta attillati, come tante giovani donne italiane: botte dal marito musulmano pakistano alla 25enne, pakistana pure lei, che dall’anno scorso abita a Sestri Levante. Non solo schiaffi, ma anche calci e insulti da marzo 2015 quando arrivò in Italia, fino a qualche settimana fa, quando il gip Massimo Cusatti ha emesso una misura di divieto di avvicinamento alla donna nei confronti del marito commerciante 31enne.

 

↑2012.08.10 <reggionline> marocchino picchia selvaggiamente la figlia che non vuole il velo: la 18enne viene presa a ginocchiate in faccia dal padre che poi scappa lasciandola col setto nasale fratturato alle cure dei clienti del Grande Emilia di Modena; l’ha picchiata anche perché lei non intendeva sposare l’uomo al quale era stata promessa, che vive a Brescello. [CzzC: chissà cosa avrebbe detto e fatto don Camillo ...].

 

↑2012.07.14 Trassi da Avvenire 14/07/2012 pag 17: Afghanistan: fatta saltare Hanifa Safi che rifiutava il velo: si batteva per i diritti troppo spesso negati delle afghane: mentre lei combatteva con le parole, apertamente, gli avversari hanno risposto prima con le minacce, poi con le armi. Ieri, una bomba, piazzata sotto l’auto, l’ha uccisa mentre andava al lavoro.

 

↑2004.04.10 <fattisentire lisistrata metaforum> Belfort (Francia): torturata in famiglia perché non voleva portare il velo: ANSAWeb: 09/04/20104: per due anni una 20enne turca è stata torturata dai familiari perché non voleva portare il velo islamico: frustata, picchiata, ustionata ripetutamente dai familiari che rischiano fino a 15 anni di carcere sia il marito, sia i due fratelli, sia la madre della ragazza, i quali si sono giustificati dicendo che la giovane non faceva neanche le pulizie di casa e si occupava poco del bambino.