La pena di morte è da abolire se vogliamo abolire il male fisico mandatorio ad inermi

<wikipedia>: chiamata anche pena capitale è l'uccisione di un individuo ordinata da un'autorità a titolo di sanzione penale. Sostengo la moratoria universale della pena di morte, anche per sottrarre pretesti ai regimi della sharia che ancora la comminano ad esempio in dispregio del diritto di cambiare religione sancito dall'art.18 della nostra dichiarazione universale dei diritti umani (non a caso se ne sono fatta un'altra).

[Pagina senza pretese di esaustività o imparzialità, modificata 22/03/2018; col colore grigio distinguo i miei commenti rispetto al testo attinto da altri]

Pagine correlate: dignità umana, diritti umani, HRW, ONU_2, inarrestabile il terrorismo finché culleremo regimi che ...

 

2018.03.13 <occhi> da quando Mhoammed bin Salman [CzzC: quello additato moderno riformista] ha preso le redini del regno, il numero di esecuzioni capitali in Arabia Saudita è raddoppiato: 133 da giugno 2017 (il periodo della sua ascesa) contro le 67 dello stesso periodo per l’anno precedente.

 

2017.07.20 <manifesto nnews> Arabia saudita tra esecuzioni, torture e arresti arbitrari: si moltiplicano gli attacchi alla minoranza sciita e proseguono spedite le condanne a morte. Amnesty denuncia: torture usate per estorcere confessioni. [CzzC: il mainstream dei nostri potentati indugia a rinfacciare i tribunali dell’inquisizione di mezzo millennio fa, qui silente e prono ai petroldollari, anzi, manda l’Arabia Saudita ai vertici di UNHRC]

 

↑2016.08.05 <ansa>: il ministro degli Esteri tedesco Frank Walter Steinmeier: «la reintroduzione della pena di morte in Turchia non sarebbe compatibile con i valori fondamentali della Ue, che non sono negoziabili». [CzzC: se il Magistero cattolico additasse i valori non negoziabili, farebbe arricciare il naso ai nostri cadudem?]

 

↑2015.09.24 Papa Fr1 al Congresso americano: abbiamo la responsabilità di proteggere e difendere la vita umana in ogni fase del suo sviluppo: questa convinzione mi ha portato, fin dall’inizio del mio ministero, a sostenere a vari livelli l’abolizione globale della pena di morte. Sono convinto che questa sia la via migliore, dal momento che ogni vita è sacra, ogni persona umana è dotata di una inalienabile dignità, e la società può solo beneficiare dalla riabilitazione di coloro che sono condannati per crimini. [CzzC: la riabilitazione può essere in molti casi una inutile illusione, talvolta dannosa nell’eventualità non rara che il condannato possa scappare ed uccidere altre persone, oppure che per la sua liberazione i suoi protettori facciano del male ad altri innocenti con rapimento e ritorsione ricattatoria; non è questo il motivo principale per cui anch’io sono favorevole all’abolizione della pena di morte: il motivo principale è che solo abolendo la pena di morte e sanzionando gli stati che ancora la comminano possiamo sperare di far cessare le persecuzioni e gli ammazzamenti di innocenti critici o abiuri di talune religioni con relativo regime integralista]