Pretendere le DONNE PRETE prima che i cattolici si uniscano agli Ortodossi? Passando per il diaconato femminile?

Nemmeno gli Ortodossi hanno le donne prete e, se i cattolici volessero superare il no di Gp2°, spererei che lo facessero in sintonia con gli Ortodossi, non in rottura come fecero i capi illuminati degli anglicani per interrompere il cammino di riavvicinamento con i cattolici avviato da Gp2°.

A chi, invece, mi dicesse che occorrono le donne prete per avere più preti e più fedeli in chiesa, farei osservare che, nonostante abbiano le pastore, le chiese dei protestanti si svuotano più delle nostre e devono ammettere che le loro facoltà teologiche sono al tramonto.

[Pagina senza pretese di esaustività o imparzialità,  modificata 06/05/2018; col colore grigio distinguo i  miei commenti rispetto al testo attinto da altri]

Correlati: Donna nel cristianesimo, L9

 

2018.05.02 <nev riforma> nel corso della III seduta del XXI Sinodo della Chiesa evangelica luterana in Italia (CELI),conclusosi ieri a Roma, è stato consacrato pastore l’altoatesino Georg Reider, 62 anni, ex sacerdote francescano: motivi del cambiamento? «Essenzialmente tre: il celibato ecclesiastico, la mancanza di democrazia nella gestione della chiesa e il ruolo marginale della donna. Nel percorso che ho descritto fin qui, ad un certo punto ho conosciuto la mia compagna». [CzzC: domenica 06 maggio odo da Culto Evangelico la sua intervista <at 13’42” qui Rai1 o qui.mp3: Lutero fu riformatore scientifico e organizzativo con grandi idee anche per i tempi moderni. Spero che di queste grandi idee il neo-pastore abbia il coraggio di escludere le bestialità che Martin scrisse contro gli ebrei e sulla Messa cattolica, nonché la cessione dei beni ecclesiastici ai prìncipi, ragion per cui lo portarono sugli scudi ed azionarono le guerre di religione]

 

↑2018.01.25 <nbq> In Austria arriva “la parroca" (die Pfarrerin) e la messa è fai da te. «Sono una pastora, manager, parroco e diaconessa ...» direbbe Sissy Kamptner (57 anni) come scrive Kronenzeitung: «La teologa cura la Parrocchia del Gesù Bambino a Steyr e chiede più diritti per tutte le donne all'interno della Chiesa; ... lavora nella Chiesa già dal 1984, ... oggi la cura delle anime al Gesù Bambino è interamente nelle sue mani». [CzzC: parroca non significa ancora sacerdotessa: pian pianino, gradualmente, come per la rana bollita ... ]

 

↑2017.02.07 <smagister>: Sull'ultimo numero de "La Civiltà Cattolica" la questione delle donne sacerdote appare tutt'altro che chiusa. Il vicedirettore Giancarlo Pani, fidatissimo di Fr1, fa a pezzi proprio il no tondo di GP2 al riguardo.

 

↑2016.11.01 <vatican foglio>: Fr1 no donne prete: «Sulle donne ordinate, l'ultima parola è chiara ed è stata quella data da Giovanni Paolo II. E questa rimane». [CzzC: però pare che <quercu 2017.10> Fr1 abbia anche detto: su questo argomento entrambi i miei predecessori ci hanno chiuso la porta ... per fortuna, io ho le chiavi]

 

↑2013.02.07 L’abbadessa di Viboldone :”Le incongruenze nella Chiesa prima o poi esploderanno: non ci sono ostacoli teologici al ministero femminile.

Il Coordinamento delle teologhe italiane: [CzzC: per 3 sere a Rovereto la Bosetti ci intrattiene sul Cantico dei cantici] de-clericalizzare il pensiero teologico, per assumere sempre di più una prospettiva di gender [CzzC: Leitmotiv L9]

 

↑2012.11.20 Il sinodo della Chiesa d’Inghilterra ha votato contro la nomina di vescovi donne. Il tema aveva diviso la comunità anglicana. La chiesa anglicana d’Inghilterra ha già approvato dal 1992 l’ordinazione delle donne prete che oggi rappresentano un terzo degli effettivi. [CzzC: poi prevarrà il potere del capo supremo degli anglicani, la regina e, soprattutto, apriranno ai vescovi gay]

 

↑2012.04.04 <corriere>: Il Papa: «Ordinare le donne? Non siamo autorizzati». L'omelia: «La situazione della Chiesa di oggi è drammatica».

Il no al sacerdozio femminile, scandisce, è «irrevocabile» perché la Chiesa non ha ricevuto «alcuna autorizzazione» da Gesù. Ma questo è solo un esempio, il Papa risale all’essenziale: «La disubbidienza è una via per rinnovare la Chiesa?». La risposta, ovvio, è no. Ma la domanda risuona con accenti tragici nella Basilica di San Pietro, c’è «una situazione spesso drammatica nella Chiesa di oggi» ...

... meditazione sulla «falsa contraddizione tra obbedienza e verità», l’esempio di Gesù che nella notte dei Getsemani «allunga lo sguardo nelle notti del male, vede la marea sporca di tutta la menzogna e di tutta l’infamia che gli viene incontro in quel calice che deve bere».

I «DISOBBEDIENTI» - Sullo sfondo, c’è il discorso che pronunciò il 24 settembre a Friburgo, uno dei momenti decisivi del pontificato: «La vera crisi della Chiesa nel mondo occidentale è una crisi di fede», disse. «Se non arriveremo a un vero rinnovamento della fede, tutta la riforma strutturale resterà inefficace». E così ora il Papa riparte da qui, dalle richieste crescenti di «riforma strutturale» come la Pfarrer-Initiative, l’«iniziativa dei parroci» che dal 19 giugno 2011 in Austria ha raccolto le firme di quasi 400 preti ed è rimbalzata presto (come si legge anche nel sito www.pfarrer-initiative.at) in Irlanda e Usa, Francia e Germania, Slovacchia e Belgio: considerato «il rifiuto di Roma di una riforma della Chiesa da tempo necessaria e l’inattività dei nostri vescovi», i firmatari sostengono tra l’altro le donne prete, contestano l’obbligo del celibato, considerano la possibilità di «un’Eucarestia senza prete», scrivono che non rifiuteranno la comunione a divorziati-risposati e «membri di altre chiese cristiane». Il riferimento di Benedetto XVI è esplicito: «Di recente, un gruppo di sacerdoti in un Paese europeo ha pubblicato un appello alla disobbedienza, portando al tempo stesso anche esempi concreti di come possa esprimersi questa disobbedienza, che dovrebbe ignorare addirittura decisioni definitive del Magistero – ad esempio nella questione circa l’ordinazione delle donne, in merito alla quale il beato Papa Giovanni Paolo II ha dichiarato in maniera irrevocabile che la Chiesa, al riguardo, non ha avuto alcuna autorizzazione da parte del Signore»

 

↑2011.11.19 Donne prete? La domanda fu posta nella cappellina del Seminario TN da ex seminaristi a don S, che rispose che la questione andrebbe analizzata considerando molteplici fattori, anche storici, anche localistici, ben contestualizzando; e, comunque, non ci si illuda che un'eventuale risposta affermativa sia il TOCCASANA della carenza di preti: vedi come funziona la ricetta nei paesi dove è adusa. Occorrono spiegazioni + profonde...

 

↑2011.09.15 don Cristelli su VT: ... per la carenza di clero ... vogliono che anche laici competenti possano pronunciare le omelie ... propongono che a capo delle parrocchie ci sia un presidente laico, uomo o donna; auspicano infine l'ammissione al SACERDOZIO di uomini SPOSATI, ma anche di DONNE.

 

↑2011.06.22 Il Papa parla della crisi delle vocazioni e della tentazione di trasformare il sacerdozio in una normale professione (Veglia a conclusione dell'Anno Sacerdotale)

 

↑2010.05.12 Non riesco a capire il perché di questa carenza vocazionale: Risposta da "Amici Domenicani".

 

↑2008.12.22 Rivista PROTESTANTESIMO: "facoltà teologiche al tramonto ... ma il fenomeno è così ampio da richiedere spiegazioni più profonde. La chiesa e la professione pastorale appaiono poco attraenti anche là dove il trattamento economico e il prestigio sociale del ministro ecclesiastico sono ancora elevati“.
[CzzC: fa riflettere quel “richiedere spiegazioni più profonde“]

 

↑1994.05.22 NO DONNE PRETE formulato da Giovanni Paolo II: «in virtù del mio ministero di confermare i fratelli, dichiaro che la Chiesa non ha in alcun modo la facoltà di conferire alle donne l'ordinazione sacerdotale e che questa sentenza deve essere tenuta in modo definitivo da tutti i fedeli della Chiesa»

 

↑1994.mm.gg Che l'ordinazione sacerdotale sia riservata soltanto agli uomini è tradizione ritenuta discutibile da alcuni e non rispettata dai protestanti: Giovanni Paolo II nella lettera apostolica "Ordinatio sacerdotalis" ha dichiarato che la Chiesa non ha facoltà di conferire alle donne l'ordinazione sacerdotale.