Lutero sputtanò la Messa cattolica: «Io sostengo che tutti i lupanari, gli omicidi, gli stupri, gli assassinii e gli adultèri messi insieme, sono meno cattivi di quell'abominio che è la Messa papista».

<traditiocatholica>: lo disse predicando sulla prima Domenica d'Avvento (Werke, t. XV, p. 774) e aggiunse

«Dichiariamo in primo luogo che non è mai stata nostra intenzione abolire totalmente il culto di Dio, ma soltanto purgare quello in uso di tutte le aggiunte con cui è stato insozzato: parlo di quell'abominevole Canone, che è una silloge di lacune fangose; si è fatto della Messa un sacrificio; si sono aggiunti degli offertori.

La Messa non è un sacrificio o l'azione del sacrificatore.

Consideriamola come sacramento o come testamento.

Chiamiamola benedizione, eucarestia, o mensa del Signore, o Cena del Signore, o memoria del Signore. La si chiami in qualsiasi altro modo, a patto che non la si sporchi col nome di 'sacrificio' o di 'azione' ».

«Io dichiaro che tutti i postriboli, gli omicidi, i furti, gli assassini e gli adultèri sono meno malvagi di quella abominazione che è la Messa papista!» (Werke, t. XV, p. 774).

[CzzC: cbdi, aiutami a cercare il link al volume e alla pagina che pubblicasse autorevolmente tradotto quanto suddetto; non mi basta il riferimento (Werke, t. XV, p. 774); luogo e data della prolusione]

[Pagina senza pretese di esaustività o imparzialità, modificata 05/02/2018; col colore grigio distinguo i  miei commenti rispetto al testo attinto da altri]

Pagine correlate: Presenza Eucaristica secondo Lutero

 

↑2017.10.08 <foto>: pane a ceste in cena ecumenica sull’altare del Duomo di Trento. <riscossacristiana> titola “I vescovi italiani riabilitano Lutero[CzzC: ma non sarei così cattivo, occorre comunque trattenere quel che di buono Lutero ha scritto o fatto, il che si può fare anche senza sublimarlo; non possiamo, nemmeno lontanamente, permetterci di imitare modi e termini del Lutero in titolo simili a quelli con cui ispirò l’antisemitismo luterano e che da soli dovrebbero bastare, a prescindere dalle eresie, a sbugiardare i seguaci dei prìncipi sedicenti illuminati e dello spirito del mondo che vorrebbero beatificare Lutero come dono dello Spirito Santo]