modificato 19/11/2016

 

Eugenia Romanelli e l’ideologia di gender

Correlati: didattica di gender per sublimare la GPA per i gay e dissimulare danni da omosessismo?

Pagina senza pretese di esaustività o imparzialità: contrassegno miei commenti in grigio rispetto al testo attinto da altri.

 

<wikipedia con foto>: Scrittrice, docente universitaria/luiss (metodo Bazar) e giornalista.

Il suo sito, blog, biografia; Opere; interviste. Sostiene che la Chiesa limita lo sviluppo culturale. Una sua espressione significativa Sull'omosessualità c'è pochissimo immaginario in Italia e noi artisti facciamo troppo poco; il Papa, anche Francesco, è una sentinella morbosamente ostile a riconoscere l’omosessualità come un diritto alla vita per gli LGBT.

Tra i suoi libri: È scritto nel corpo /2013; Essere un'incognita /2012; Con te accanto /2009; Vladimir Luxuria /2002.

 

 

27/01
2016

Nel 2015.06  usciva “Adozioni omosessuali: il consenso scientifico poggia su un castello di carte” dove si mostrava come mosti studi a favore dell’omogenitorialità fossero viziati da errori metodologici. Ora la Romanelli replica con tono saccente andando ad insegnare dalla sua cattedra di giornalismo cosa sia una ricerca scientifica, ma nel suo articolo <fattoq> cita ricerche senza spiegare perché sarebbero valide contrariamente a quanto vanno sostenendo le voci critiche e quelle sui danni da omosessismo.

02/07

2013

Invio email con alcune domande alla prof.ssa Eugenia che in questa intervista vedo con artistico ardore sentenziare che sull' omosessualità c'è pochissimo immaginario in Italia e noi artisti facciamo troppo poco e poi pontificare che il Papa, pur il simpatico Francesco, è una sentinella morbosamente ostile a riconoscere l’omosessualità come un diritto alla vita per gli LGBT.