ultima modifica il 04/12/2017

 

Il libro nero del comunismo

Correlati: Lenin,  Gulag; partigiani, persecutori di cristiani; Kmer rossi; Nord Corea; Laogai; stella5punte; matrici di sessantonite e teoglib

Pagina senza pretese di esaustività o imparzialità: contrassegno miei commenti in grigio rispetto al testo attinto da altri.

 

<wikipedia>: tra genocidi, esecuzioni extragiudiziali, deportazioni e carestie, il resoconto dei crimini in termini numerici arriva a un "totale" stimato di 100 milioni di "vittime del comunismo"

 

 

01/12
2017

<aleteia>: Fr1 ha ricordato i ~3M di vittime della fame provocata nei campi dell’Ucraina dalle politiche di collettivizzazione di Stalin tra il 1929 e il 1933: è stato l’episodio di Holodomor di maggiori proporzioni, ma non l’unico del suo genere: 1,5M di persone in Kazakhstan e quasi un altro milione tra Caucaso Don e Volga hanno subito un supplizio simile nella stesso periodo.

02/09
2017

<aleteia>: Il comunismo uccise 20 milioni di cristiani; nei 7 anni di potere leninista (1917-1924) vennero uccisi 16 mila pope; analogamente accadde ai preti cattolici, molto meno numerosi: vedi libro dello scrittore laico britannico Martin Louis Amis, che ha anche raccolto frasi significative del dittatore Vladimir Lenin: «Ogni idea religiosa, ogni idea di Dio è un’abiezione indescrivibile delle specie più pericolose, un’epidemia delle specie più abominevoli. Ci sono milioni di peccati, atti di violenza e contagi fisici che sono meno pericolosi della sottile e spirituale idea di Dio»

19/03
2017

Lessi e prestai Solovki. Le isole del martirio” da monastero a primo lager sovietico. <giornale>: Le isole Solovki: l'Arcipelago dell'orrore: da paradiso religioso a inferno comunista modello della repressione. <youtu.be 2015.10 TV2000> documentario “Ritorno alle Solovki, le isole del martirio”. Anche <Rai> “le isole delle lacrime”

04/10
2014

<imolaoggi>: il martirio di 30 francescani uccisi dai partigiani comunisti nel 1945 a Siroki Brijeg (Bosnia-Erzegovina vicino a Medjugorje) il 7 febbraio 1945. Il monastero del santuario di Siroki Brijeg, titolato alla Madonna Assunta in Cielo, riconosciuto anche al di fuori dei confini della piccola regione, fu teatro di una delle più efferate stragi commesse dai partigiani comunisti locali, eccidio rimasto indelebile nella memoria della gente del luogo nonostante tutti i tentativi, anche violenti, delle autorità comuniste di far dimenticare l’episodio. [CzzC: appresi questa storia nel 2005 da un frate proprio nel santuario di Siroki]