ultima modifica il 25/11/2017

 

Tentativo di golpe militare in Turchia 2016.07

Correlati: Erdogan in cinica compagnia allenava e foraggiava terroristi pro regime change, finché scottato dagli illuminati, se ne scostò

Pagina senza pretese di esaustività o imparzialità: contrassegno miei commenti in grigio rispetto al testo attinto da altri.

 

Forse pochi altri oltre la Merkel potevano illudersi di indurre a rispettare i diritti umani chi allena e foraggia terroristi pro regime change (Assad): chi, Erdogan? Non solo, anche Us e wahhabiti con lui inciuciati in pari obiettivo; con ciò non giustifichiamo il tentativo di golpe, anzi: non sarebbe del tutto escludibile che nel tentativo ci sia stato lo zampino della più illuminata Cia, alla cui insaputa non ricordiamo che siano avvenuti golpe militari in regimi armati dagli Usa

 

 

2017

Anche Erdogan foraggiava la galassia dei terroristi siriani, fino a metà 2016 quando, scottato dagli illuminati, abbandonò i foraggiatori dei terroristi e rinsavì pro pace in Siria

31/12
2016

<repubblica>: Siria, il Consiglio di sicurezza dell'Onu approva all'unanimità la tregua di Russia e Turchia. [CzzC: meno male che la Russia c’è, mentre il masso Nobel Pace con un goffo colpo di coda da scorpione in ritirata <fattpq> espelle 35 funzionari russi. Putin: “Non faremo diplomazia da cucina”. Trump: ‘Grande mossa di Mosca’. Attenzione al cambiamento della Turchia dopo golpe 2016]]

25/07
2016

<fattoq>: Turchia, media vicino a Erdogan: “La Cia ha finanziato il golpe”. [CzzC: diffido di Erdogan, ma qualcuno, di grazia, mi documenti quando il golpe militare di un paese armato dagli Usa sarebbe avvenuto contro la volontà della Cia]

20/07
2016

<repubblica>: Erdogan: "Golpe, non escludo coinvolgimento di Paesi stranieri". Rappresaglia su scuole e università. Arrestato rettore di Ankara e due giudici costituzionali. Merkel: "Misure che si fanno beffe dello stato di diritto" [CzzC: alla Merkel che ora si atteggia severa con Erdogan (e non tanto, visto che non gli minaccia alcunché, nemmeno la sospensione dei 3-6G€ promessigli) chiederemmo dove avesse la testa quando spinse la Ue a fidarsi del medesimo sultano ancorché notorio foraggiatore di terroristi pro regime change a Damasco; molti analisti son certi che non avrebbe superato il 50% il piatto Brexit se sull'altro piatto della bilancia non avesse gravato il macigno di questa Turchia incombente sull'Europa]

19/07
2016

<giornale>: nel clima post golpe tifosi di Erdogan assaltano i simboli della cristianità: attaccati la chiesa dove 10 anni fa fu ucciso don Santoro, a Trebisonda, e il tempio protestante di Malatya dove 9 anni fa furono sgozzati tre cristiani evangelici nella sede della casa editrice Zirve, di cui erano collaboratori.

19/07
2016

<giornale>: un golpe innescato dalla paura di ritrovarsi vittime di un grande repulisti già studiato da Erdogan per far piazza pulita degli ultimi esponenti «kemalisti» e «Güleniani» dentro forze armate, polizia e magistratura, cancellare l'idea di Turchia laica disegnata da Ataturk, e governare con il pugno di ferro una rinascita islamica basata sull'antico ideale assolutista del Califfato ottomano. [CzzC: spero non così]

19/07
2016

<repubblica>: golpe Turchia: seminudi legati ammassati a terra i militari arresi ed arrestati [CzzC: forse pochi altri oltre la Merkel potevano illudersi di indurre a rispettare i diritti umani chi allena e foraggia terroristi pro regime change (Assad): chi, Erdogan? Non solo, anche ... vedi in sommario]

18/07
2016

<asianews>: L’esile tentativo di rovesciare il regime non era appoggiato dallo Stato maggiore. La democrazia turca minacciata dal secolarismo kemalista e dall’islamismo fondamentalista [CzzC: Dio ci scampi dall'islamismo feroce, ma c'è poco di buono da sperare anche da una laicità cristianofobica, brandita da illuminati forti del potere militare, come quella nazista, stalinista e purtroppo anche filo massonica; prese il Nobel pace un massone pochi anni fa, e guarda come sta la pace oggi nel nostro Mediterraneo rispetto a com'era prima di lui]

18/07
2016

<blog>: E’ stato un finto golpe orchestrato da Erdogan o un vero golpe, gestito malissimo, ma benedetto dagli Us? Chissà. Di certo il resoconto di queste ore ha proiettato l’immagine di un Paese, la Turchia, mai così lontana dai nostri valori.

18/07
2016

<huffing>: gli Us sono stati molto ambigui nella prima dichiarazione di Kerry, che non ha preso posizione malgrado si trattasse dell'attacco a un governo formalmente alleato. A ciò si unisca il fatto che Gülen, principale indiziato della Turchia per il golpe, è ospitato dagli Usa stessi, e che nelle ore più concitate, quando la popolazione aveva cominciato a scendere in piazza contro i golpisti, la rete statunitense Nbc propagandava la notizia di improbabili fughe di Erdogan - evidentemente forgiata ad arte per scoraggiare la mobilitazione dei suoi sostenitori. E citava a sostegno niente meno che fonti militari statunitensi. Non sorprende che ora la tensione tra Ankara e Washington sia palpabile. Il fallito golpe in Turchia è la pietra tombale su otto anni di fallimenti in politica estera dell'Amministrazione Obama.

16/07
2016

<affariIT>: "Una parte dell'esercito, evidentemente minoritaria, voleva fermare la deriva islamista sempre più forte che ha ormai assunto la presidenza di Erdogan e, forse, era anche spalleggiata da qualche potenza straniera che poi si è defilata". Lo afferma Arduino Paniccia, docente di Studi strategici all'Uni_TS.