modificato 05/11/2017

 

Fondamentalismo intolleranza e violenza insegnate dall’alto più che originate da ignoranza e povertà

Correlati: islam e politica, male fisico mandatorio, dichiarazione islamica diritti umani, salafiti; islam si riformi a partire da educazione; no maestri di odio; inarrestabile il terrorismo se ...

Pagina senza pretese di esaustività o imparzialità: contrassegno miei commenti in grigio rispetto al testo attinto da altri.

 

vedi islam: a livello popolare potrebbe crescere dialogo interreligioso in rispetto reciproco se non ci fosse troppa dotta docenza che dall’alto instilla intolleranza, fino al male fisico mandatorio: vedi l’acclusa testimonianza dal Senegal: giovani musulmani rispettosi dei diversamente credenti vanno all’università di Casablanca o del Cairo e tornano indottrinati integralisti cui non sta più bene il precedente clima di tolleranza verso i cosiddetti infedeli (kafir); i have a dream, ONU2, fine persecuzione ad abiuri e blasfemi: in altri termini, sarà inarrestabile il terrorismo finché pro dea pecunia culliamo regimi che uccidono abiuri e presunti blasfemi.

 

 

01/11
2017

<stampa>: l’avvocato egiziano Nabih al-Wahsh in diretta TV: violentare o molestare le donne che indossano abiti succinti è un «dovere patriottico». [CzzC: lodevole il vespaio suscitato, mentre il National Council for Women del Cairo ha annunciato che intende presentare una denuncia contro Nabih; ma preoccupa che ci siano anche avvocati intentati come lui, figurarsi i popolani ammaestrati da fondamentalisti]

13/10
2017

<asianews>: Sacerdote copto ucciso alla periferia del Cairo: fonti locali parlano di “crimine di odio” compiuto da un elemento vicino al fondamentalismo. Cristiani egiziani nel mirino dell’estremismo islamico. [CzzC: Roma e Occidente silenti?]

07/09
2017

<tempi> Non accusiamo i musulmani della barbarie commessa in nome dell’islam, ma l’islamismo, cioè quell’islam che per sua natura è politico e radicale, è causa degli atti di violenza commessi in nome della fede islamica: parole del gesuita padre Henri Boulad, 86 anni, pronunciate in seguito agli attentati contro i copti in Egitto.

05/09
2017

<tempi>. Pakistan. Studente 17enne cristiano ucciso in una scuola pubblica da suoi compagni musulmani che volevano si convertisse all’islam (era l’unico cristiano). Anjum James Paul, presidente della “Pakistan Minorities Teachers’ Association”: «La violenza inizia tra i banchi di scuola perché i libri di testo usati fin dalle scuole primarie instillano negli allievi odio e intolleranza verso i non musulmani»

02/09
2017

<tempi>: Francia, scuola: minacce agli ebrei, inni all’Isis, insulti alle donne narrati in un libro di Bernard Ravet preside di liceo: è ora di finirla con la legge del silenzio che pesa sull’impatto della religione in certe scuole. Il fanatismo impone i suoi simboli e le sue leggi nello spazio scolastico; ho dissuaso l’iscrizione di un ebreo perché se avessero scoperto che veniva da Israele, l’avrebbero distrutto.

31/08
2017

<tempi>: Nella provincia di Minya (Egitto) i copti raggiungono oltre il 30% della popolazione e la polizia, su pressione dei musulmani, chiude case di preghiera e chiese. Vescovo: «Così si aiutano gli estremisti». [CzzC: silente Al-Azhar?]

08/06
2017

<acs>: cristiani perseguitati in Pakistan, l’indifferenza dell’Occidente. Discriminati, umiliati, fin dai banchi di scuola, dove sono costretti a seguire maestri di intolleranza religiosa e a fare temi dal titolo «Scrivi ad un tuo amico non musulmano e invitalo a convertirsi all’Islam». La discriminazione prosegue nel mondo del lavoro e con la legge antiblasfemia che punisce chi fosse accusato di profanare il Corano o di insultare Maometto rispettivamente con l’ergastolo e con la pena di morte.

03/05
2017

<fscaglione>: Wahhabiti, l’Islam più pericoloso alla conquista dell’Europa. Moschee e centri culturali a rischio radicalismo. Il Wahabismo, grazie ai petroldollari, e alla sudditanza occidentale, si diffonde ovunque. E non è un movimento pacifico.

25/04
2017

<asianews>: Le radici dell’islamismo violento sono nell’islam, parola di musulmano. Not in my name? ... Questo non è l’islam? Eppure quegli atti criminali sono giustificati e ispirati da testi che sono il riferimento orante didattico e normativo della maggior parte delle istituzioni islamiche nel mondo. È urgente una riforma dell’islam dall’interno, a partire dal divieto di perseguitare abiuri e blasfemi: sostenere l’islam moderato, costasse boicottare i salafiti filo-wahhabiti anziché coccolarli.

20/04
2017

B16 sui radicalismi nell’intendere lo stato: <foglio>: «Il confronto fra concezioni radicalmente atee dello Stato e il sorgere di uno Stato radicalmente religioso nei movimenti islamistici conduce il nostro tempo in una situazione esplosiva, le cui conseguenze sperimentiamo ogni giorno. Questi radicalismi esigono urgentemente che noi sviluppiamo una concezione convincente dello Stato, che sostenga il confronto con queste sfide e possa superarle» [CzzC: condivido con Socci che occorra recuperare le radici spirituali e umanistiche della nostra Europa: B16 si comporta da vero difensore della ragione: per me maestro di fede e ragione]

30/03
2017

<tempi>: Quei “regni dimenticati” che l’estremismo islamista sta spazzando via: Copti, Yazidi, Drusi, Zoroastriani: rischiamo di perdere per sempre la ricchezza custodita per secoli dalle minoranze d’Oriente. [CzzC: grazie a Us Uk Fr Tr Il Nato?]

27/03
2017

<leFigaro>: Il fascino violento dell’islam di Francia: un terzo dei giovani musulmani è fondamentalista, scrive il Figaro [CzzC: speriamo che sbaglino per eccesso]

09/03
2017

Come la pensa un integralista islamico? <la7>: Sara Giudice ha incontrato M. Alfredo, un italiano convertito all'Islam, ma per farlo ha dovuto accettare alcune condizioni: niente trucco, niente profumo, indossare il hijab. Infibulerà le figlie. Puoi percuotere la donna ma non da farla stare molto male.

10/02
2017

<asianews>: Hashem El Sheikh capo della nuova coalizione jihadista siriana (tra cui Fath Al Sham ex al Nusra) dice no ai dialoghi di Astana, sì una Siria tutta islamica. “Sham” indica non solo “Siria”, ma anche Libano, Giordania, Israele e Palestina. Molti salafiti nel mondo hanno salutato la nuova coalizione integralista. Fra i più entusiasti vi è la Jaish Al Ummah di Gaza, che al neo-gruppo in Siria ha augurato di “iniziare una nuova pagina di orgoglio jihadista damasceno per sottolineare spettacolari nuove epopee fatte di eroismo e seppellire i complotti dei miscredenti ed infedeli e con essi le conferenze [piene] di onta e di sottomissione

30/12
2016

<ilFoglio>: Evitare inganni sulle radici dell’Islam: Sofri risponde a Ferrara [CzzC: ok sbrogliare la matassa del dilemma tra islam moderato (che esiste) e fondamentalismo islamista terrorista, ma dove sarebbe il bandolo? Forse negli Art.18e19 ... continua]

20/12
2016

il fondamentalismo dalle origini all’Isisun libro (qui recensione) di Massimo Introvigne: Isis si considera erede del terrorista Abu Musa al-Zarqawi morto  nel 2006 in Iraq, un tagliagole che  teorizzava il massacro di tutti i non sunniti

07/12
2016

<vatican>: Fr1: «tutte le religioni hanno gruppi fondamentalisti. Tutte. Anche noi». [CzzC: la possibilità di trovare tra i fondamentalisti cattolici qualcuno che faccia del male fisico al prossimo in nome del suo fondamentalismo è inversamente proporzionale a quella ravvisabile tra i fondamentalisti islamisti o induisti: ma Fr1, da accorto comunicatore qual è, e memore di quanto capitò a B16 dopo Ratisbona, sa bene che non potrebbe impunemente additare la trave nell’occhio altrui senza ammettere la pagliuzza nel proprio, accortezza che usò anche quando disse «quanto piacerebbe che tutte le confessioni religiose dicessero “uccidere in nome di Dio è satanico»; .. continua]

28/09
2016

A proposito di integralisti islamici che rifiutano consulenza femminile perfino in un ufficio pubblico di assistenza sociale: una receptionista mi riferisce: «anche qualche nostrano italiano perde appuntamento per ritardo,ma non ricordo che ci alterchi così, e comunque nessuno che, una volta arrivato il suo turno, rifiuti l’udienza perché “no, tu donna, io non voglio donna”, il che accade troppo frequentemente. «Ha riferito ai Suoi capi?», le chiesi. Lei allargò le braccia facendomi capire che lo sanno, ma non possono far nulla, perché ... continua

08/09
2016

<ansa>: espulso imam marocchino di 33 anni, segretario della Comunità islamica di Treviso e provincia: aveva chiesto la cittadinanza italiana, ma non si è presentato quando doveva giurare sulla Costituzione, dal che il nostro antiterrorismo ha indagato e deciso perché Hmidane Fagrouch sarebbe «animato da sentimenti di avversione verso le nostre regole»  <news> Dalla cella di Casablanca ora dice «Dovete liberarmi. Se vogliono che giuri sulla Costituzione lo faccio subito» [CzzC: cara Digos, se il tuo provvedimento non fosse sotteso da prove di pericolosità, faresti il gioco degli intolleranti integralisti e di chi ti augura controeffetto boomerang]

22/07
2016

Come son ben pagati i maestri di odio! <vita>: Wael Farouq: Sì, gli islamisti sono i più organizzati e la loro voce è la più forte ... grazie alla risonanza fornita dai mass media occidentali e all’illimitato finanziamento wahhabita. Uno studioso italiano che stimo molto mi ha raccontato che intende tradurre le lettere di Hassan al-Banna, il fondatore della Fratellanza Musulmana. Gli ho chiesto perché, dopo anni di studi dedicati a Sayyed Qutb, ideologo della Fratellanza e fautore del jihad violento, ora volesse tradurre anche Hassan al-Banna. Lui mi ha risposto: mio caro, è questo che vuole il mercato! [CzzC: comanda chi paga; dea pecunia adorata da potenti matrici della cultura dominante]

29/07
2016

<repubblica>: Francia prevede temporaneo stop a finanziamenti stranieri a nuove moschee e che gli imam siano formati in Francia <corriereP8 30/07>: Dalil Boubakerur rettore della moschea di Parigi «l'Islam di Francia deve ripensare le proprie istituzioni» [CzzC: e insegnare il rispetto dell'Art.18 e non solo l'Islam francese, ma anche quello che lo finanzia, ad es l'islam wahhabita]

02/07
2016

Dacca2016: <avvenire>: Un missionario del PIME: decenni di impegno dell’Arabia Saudita e altri Paesi arabi, inteso a “rieducare” i musulmani del Bangladesh ad un islam a loro parere più autentico, depurandolo da commistioni ... con culture non islamiche..., stanno dando frutti. Migliaia di ‘madrasse’, hanno instillato il loro Islam chiuso e duro in milioni di giovani, che ora rifiutano la tolleranza e l’apertura

21/04
2016

James Schall su <totustuus> ipotizza che il terrorismo jihadista non sia un insensato prodotto della povertà, dell’ideologia, dell’ignoranza, di manie psicologiche o di qualunque altra scappatoia, ma che quei terroristi possano essere quello che loro stessi affermano di essere: credenti leali e devoti del Corano, i più autentici fra i seguaci di Muhammad; ipotizza che non si possa fingere che la violenza jihadista non trovi fondamento nel Corano; ipotizza che, affrontandola, si debba fare i conti con la verità di un islam non riformato, collaborando con islamici moderati, che ci sono.

07/03
2016

<mattinonline>: giornalista islamica Nadine Al-Budair: Immaginate che i giovani occidentali vengano qui e compiano una missione suicida in una delle nostre piazze in nome della Croce. Immaginate di sentire le voci di monaci e sacerdoti ... che urlano negli altoparlanti e lanciano accuse contro i musulmani, chiamandoli infedeli e cantando: «Dio, elimina i musulmani e sconfiggili tutti.» ... E’ strano che noi condanniamo l’Occidente invece di affrontare ciò che sta accadendo in mezzo a noi: i modi estremisti in cui interpretiamo la sharia e il nostro atteggiamento reazionario l’uno verso l’altro e verso il mondo. [CzzC: la zittirebbero i depistatori che additano nel mercato delle armi la causa del terrorismo islamista?]

19/02
2016

<avvenire>: Cristiana rapita, convertita, sposata a forza. Oltre ad Asia Bibi, quante storie di intolleranza e di violenza contro i seguaci di Cristo in Pakistan, per la maggior parte appartenenti alle fasce più povere della popolazione. Qui l'Islam, anche per l'influenza dell'Arabia Saudita, si è fatto nel tempo sempre più repressivo verso le altre religioni. [CzzC: caro masso Nobel pace, nulla da dire a questi tuoi alleati, ferali per i diritti umani?]

16/02
2016

<notiziedelg>: pochi giorni fa lo scrittore algerino Kamel Daoud ha ricevuto il premio Jean-Luc Lagardère per il miglior giornalista dell’anno. Ora sfinito da un attacco collettivo contro di lui firmato su Le Monde da 19 studiosi, e da una fatwa in Algeria, annuncia: «Dai musulmani in Algeria ai caffè parigini che mi accusano di islamofobia, solo insulti; sono stanco, impossibile scrivere di Islam, mi ritiro».

08/01
2016

<bussolaq>: immigrati molestano decine di donne la notte di Capodanno a Colonia e in altre città tedesche: "pesanti delitti sessuali di una dimensione completamente nuova". [CzzC: la dimensione e l'organizzazione dell'attacco demoliscono l'alibi di singoli impazziti, ed àncorano il delitto ad intolleranza insegnata e pilotata dall'alto; intanto nei nostri atenei si insegna comprensione verso certi altrui trattamenti della donna che da noi sarebbero criminali: ad es ... continua]

22/12
2015

<lastampa>: Natale vietato in Brunei (Sharia introdotta nel 2014): “Cinque anni di carcere a chi festeggia x Natale, niente addobbi o canti religiosi». Banditi anche gli auguri. Chi vuole celebrarlo deve chiedere il via libera alle autorità. [CzzC: col tuo benestare, caro masso Nobel pace? Purché ti sia alleato e compri armi da te anziché da Cina, vero?]

14/12
2015

<libero>: «La violenza è la malattia dell'islam, l'integrazione è fallita, il buonismo di certa sinistra fa il nostro male e ai musulmani servirebbe un Papa come Francesco». Scusi, ma lei si chiama Khalid Chaouki? «Sì, sono proprio io, l' unico parlamentare musulmano della Repubblica, nato a Casablanca, Marocco, 32 anni fa, ma in Italia dal 1992 e nel Pd da prima della sua fondazione. Perché?».

08/12
2015

<tgcom24>: No al flauto a scuola, lo vieta il Corano. Scoppia il caso a Guastalla: tre famiglie musulmane vogliono ritirare i bambini dalle lezioni di musica [CzzC: qual è l’autorità islamica che può spiegare loro che stanno sbagliando?]

22/11
2015

<bresciatoday>: Bruciata viva perché vestita troppo all'Occidentale per andare al lavoro. Il 20/11 Agib Sing ha cosparso la moglie di liquido infiammabile con questa motivazione; accusato di tentato omicidio. [CzzC: magari la motivazione vera è un'altra, ma l'intolleranza insegnatagli gli permette facilmente il pretesto]

17/11
2015

<tempi>: l’imam di Nimes, Hocine Drouiche, commemorando le vittime del 13/11 ha dichiarato: «In questo momento dobbiamo avere il coraggio e riconoscere che i musulmani non hanno mostrato un reale impegno per trovare una soluzione al grande problema della radicalizzazione e dell’odio! (…) Per secoli i musulmani hanno escluso la ragione e la razionalità dalla loro vita religiosa. Nel pensiero islamico moderno vi è una vera crisi della ragione. [CzzC: dunque non solo in questo momento, ma è da un po’ di secoli che l’islam ha questo problema con la ragione, addestrando maestri di odio e comminando male fisico agli infedeli? Cominciassero col rispettare la libertà di abiurare, art18 della nostra dichiarazione universale diritti umani]

14/11
2015

<debuglies>: in Uk estremisti islamici britannici (mentre a Parigi13nov si consumava la strage) si riuniscono vicino a Londra, senza alcun ostacolo, per inneggiare al jihadismo. I relatori ironizzano i valori britannici come mera “spazzatura” ... “L’Islam non è compatibile con la democrazia” ... un marito può usare “forza fisica … un pestaggio molto leggero” contro la moglie. [CzzC: povera democrazia inglese che licenzia una cristiana con crocifisso al collo, mentre concede i tribunali islamici; chi è causa del suo mal ...  continua]

05/11
2015

<giornale>: a Empoli il crocifisso al collo di un giovane italiano scatena l'ira di un passante africano che gli intima di toglierlo. Scatta la lite e interviene la polizia [CzzC: quanto credi siano durati i sermoni nelle moschee per delegittimare cotale correligionario, o quanto lunghi siano stati stampati sui loro bollettini in arabo?]

07/10
2015

Come riporta il <messaggeroveneto> citando l'indagine della Digos di Vicenza, gli inquirenti hanno ascoltato le testimonianze di alcuni degli alunni della scuola islamica dove insegnava l'imam algerino Sofiane Mezzerregres finito nelle maglie dell'antiterrorismo. Raccogliendone racconti inquietanti - i giovani studenti islamici avrebbero minacciato dei coetanei: "quando sarò grande mi farò esplodere come una bomba" oppure "ritorneremo da adulti con le armi e le useremo contro voi italiani" o ancora "uccido tua madre e tuo padre". Frasi che gettano un'ombra sinistra sull'interpretazione radicale che alcune frange estremiste dell'islam danno del Corano e della Sunna. [CzzC: alcune pochissime? Se tanto mi dà tanto ...]

03/10
2015

<trentino, et>: maialino “condannato” I genitori musulmani della scuola materna via Saibanti/Rovereto fanno togliere il gioco perché offenderebbe la loro religione

27/09
2015

<intollerance>: I musulmani attaccano i cristiani anche nei campi profughi europei: secondo il pastore Gottfried Martens della Trinity Lutheran Church, «le persone fuggite a causa delle loro convinzioni religiose vivono nella paura anche nei campi profughi tedeschi». Analogo giudizio formula l'abate del monastero russo-ortodosso di San Giorgio e membro della commissione per l'integrazione presso la Cancelleria federale tedesca, padre Daniel (Irbits): «profughi cristiani provenienti dalla Siria, Eritrea e altri paesi sono esposti a umiliazioni, caccia all'uomo e molestie brutali nei campi per i rifugiati da parte di vicini musulmani. Questo riguarda anche la minoranza religiosa yazidi»

29/06
2015

<lastampa>: il terrorista di Sousse/Tunisia, frequentava il centro di culto nella città di Kairouan. Il padre del killer Isis: uno manda il figlio all’università e lo indottrinano in questo modo. [CzzC: ci chiediamo perché la cultura dominante e le relative potenti matrici inciuciate coi petroldollari non perseguano i regimi (ad es.) foraggiatori dei maestri di odio, fino a farli insediare al top delle commissioni ONU per i diritti umani, mentre con diligente acredine accusano il Vaticano di tortura]

03/04
2015

<vatican>: 150 studenti a Garissa/Kenya massacrati selettivamente come cristiani dagli Shabaab, filo Al Quaeda e Isis. Presunto responsabile sarebbe Mohamud Kuno, ex operatore umanitario, che ha insegnato in una scuola teologica proprio a Garissa, prima di unirsi alle milizie islamiche somale. <corriere, ilfattoq> [CzzC: maestri di odio, male fisico mandatorio, mentre la cultura dominante appare tiepida al riguardo, anche perché più anticristiana che anti-islamica quantomeno per pecunia, e semina l’illusione che la violenza venga più dall’ignoranza dal basso che dagli insegnamenti dall’alto]

28/01
2015

<avvenire>: il fondamentalismo nato in Arabia Saudita è un virus che si diffonde dalle università alle moschee, dove molti imam nelle seguitissime prediche del venerdì giustificano il ricorso alla violenza in nome di Dio.

02/02
2015

Indubbiamente chiare le espressioni con cui Giulia Gilard, premier australiano, ha detto agli integralisti islamici: rispettateci o tornatevene nei vostri paesi musulmani. Ma forse è opportuno non prenderle come oro colato e discernere.

14/01
2015

Altro esempio di intolleranza insegnata dall’alto: <youtube>: Intervista all’imam di Londra: chiunque insulti il profeta deve morire; libertà di espressione è un eufemismo rispetto a quello che quel giornale faceva da anni ... Roma sarà sotto la Sharia e sarà cosa bella. [CzzC: c’è un punto, peraltro, in cui non posso dar completamente torto all’imam, laddove delimita la libertà di espressione col confine della provocante offesa, che la nostra legge permetterebbe di punire se l’offeso che facesse causa fosse una persona fisica o giuridica, ma non punisce quando venisse offeso ciò che milioni di persone hanno di più caro nella vita: io riformulerei l’art. 19 della dichiarazione universale come qui accenno].

19/09
2014

Alla cena solidale di Mbili sono al tavolo con FC che era andato in Senegal a portare aiuti per la costruzione di opere sociali: nei villaggi frequentati ha trovato ottime relazioni tra la minoranza cristiana e la maggioranza islamica, tanto che si invitano reciprocamente alle rispettive festività e si celebrano matrimoni anche misti senza conversioni forzate, pure nel caso di una donna islamica che sposasse un uomo cristiano per il che altrove sarebbe condannata come Meriam. Gli chiedo se si tratta di un caso di paradiso di tolleranza: si rattrista  un po’ mentre mi narra di minacce incombenti per questa pace, e non da parte del popolo semplice, ma dalla più dotta docenza islamica; in che senso? I giovani che vanno all’università di Casablanca o del Cairo tornano indottrinati integralisti cui non sta più bene quel clima di tolleranza verso i cosiddetti infedeli (kafir).

23/10
2010

L’intolleranza islamica è radicata nel Corano? Il vescovo libanese di Antiochia dei Siri, Raboula Antoine Beylouni al Sinodo 2010 per il Medio Oriente descrive l’intolleranza nell’islam e le sue origini dal Corano: nascondere la verità, uccidere gli infedeli, imporre la religione con la spada ... <magister 2010.10.23>: la segreteria di stato lo purga ... continua

12/12
2003

<repubblica>: In Kosovo la Chiesa ortodossa è sotto assedio; nel disinteresse del mondo, già più di cento chiese sono state assalite e distrutte. Altre le difendono i soldati della Nato. Cresce l´estremismo islamico

18/10

2003

<internetica>: La Civiltà Cattolica rompe la tregua: tramite l’autorevole rivista, il Vaticano denuncia con insolita asprezza la condizione oppressa dei cristiani in terra musulmana. I Cristiani nei paesi ISLAMICI. Il volto guerriero dell'Islam (il "jihad"), il regime della dhimma, nascita dell'islamismo radicale.

pas-
sato

<fb>: immagine di 12 scienziati islamici uccisi da islamici (e i loro libri bruciati) per discordanza con gli insegnamenti del profeta (eresia).