INFIBULAZIONE: escissione della clitoride, orrenda pratica che riguarda 140M di donne nel mondo

<wikipedia>: è una mutilazione genitale femminile che consiste nell'asportazione ....

È adottata e praticata in molte società dell'Africa, della penisola araba e del sud-est asiatico. Non è menzionata dal Corano, ma l'Islam ortodosso ne accetta la versione meno invasiva della sola circoncisione della clitoride seguendo l'unica presunta prescrizione lasciata da Maometto e riportata nel libro degli Hadit (ammessa come causa di divorzio se risultasse mal riuscita).

In Somalia una donna non infibulata viene considerata impura. La scrittrice Ayaan Hirsi Ali, somala naturalizzata olandese, è una delle principali attiviste contro le mutilazioni femminili. Nel Cristianesimo le mutilazioni, anche quelle autoinflitte, sono considerate un peccato contro la santità del corpo e sono quindi proibite, ma in alcune zone è ancora tollerata per presunto rispetto delle tradizioni indigene (ad esempio in qualche zona copta e Niger).

<uncutproject.org> La guerra delle donne contro le mutilazioni genitali

[Pagina senza pretese di esaustività o imparzialità, modificata 14/02/2019; col colore grigio distinguo i miei commenti rispetto al testo attinto da altri]

Pagine correlate: donna nell'islam; male fisico mandatorio; intolleranza insegnata dall'alto

 

2019.02.12 <repubblica> in Austria: L’infibulazione è già oggi punita dal codice austriaco, rientrando nella più ampia definizione di lesioni personali gravi o gravissime. Ma la ministra Kneissl propone di codificare come a sé stante il reato di infibulazione, data la gravità di un fenomeno che si sta diffondendo a seguito dell’aumento di migranti di fede islamica.

 

↑2017.03.09 Come la pensa un integralista islamico? <la7>: Sara Giudice ha incontrato M. Alfredo, un italiano convertito all'Islam, ma per farlo ha dovuto accettare alcune condizioni: niente trucco, niente profumo, indossare il hijab. Infibulerà le figlie. Puoi percuotere la donna ma non da farla stare molto male.

 

↑2017.02.05 <repubblica> Mutilazioni genitali femminili, è fuori legge in 24 dei 29 Paesi dove si concentrano il maggior numero di infibulazioni o escissioni, ma i progressi sono ancora lenti. La pratica ha ancora bisogno di misure di contrasto anche in Europa..

 

↑2016.01.08 <amicidilazzaro>: Vi sono cinque tipi di mutilazioni: il primo tipo si definisce “clitoridectomia”... Il secondo tipo è la chiusura parziale o totale delle ...

 

↑2015.02.06 <nanopress>: Infibulazione in Italia, cos’è e come combattere l’assurda violenza su donne e bambine; una pratica barbara, che priva le donne del piacere sessuale, le costringe a una vita di dolore e spesso porta alla morte. Gli ultimi dati dell’OMS parlano di 140 milioni di donne e bambine che hanno subito l’infibulazione o altre mutilazioni genitale

 

↑2012.07.14 Circoncisione: anche questo, seppure infinitamente minore dell'infibulazione, è un male fisico procurato inutilmente ad inermi, ma nemmeno la Merkel accetta di metterla fuori legge, ancorché i giudici di Berlino perseguano il foro del lobo per l’orecchino [CzzC: potenza dei potenti]

 

↑2011.02.05 <repubblica>: l'infibulazione si pratica anche in Italia, eccome: Sono a rischio migliaia di bimbe immigrate; la legge la vieta, ma ancora molte donne continuano a sottoporsi a questa pratica. L'allarme di Aldo Morrone, direttore dell'Istituto Nazionale per la promozione della salute delle popolazioni migranti e per il contrasto delle malattie nella povertà: "Ci sono ancora medici che agiscono nell'illegalità". Firmare l'appello di "Non c'è pace senza giustizia

 

↑2011.08.04 Il BURQA è estraneo alla dottrina islamica: lo paragona all'infibulazione Yahya Pallavicini (vice-presidente della Coreis (Comunità religiosa islamica) e imam della moschea al-Wahid di Milano). Muslim.it. Secondo gli esponenti islamici, «non c’è sinistra o estremismo che tenga, burqa e niqab sono un delitto contro la donna. È stato specificato più volte che burqa e niqab non hanno nulla a che vedere con l’Islam e la Consulta presso il Viminale, unico organo rappresentativo dell’Islam in Italia, si è espressa molto chiaramente in questo senso. Per difendere questa legge di civiltà siamo pronti a scendere in piazza e a manifestare per la libertà di tutte le donne». Contro la nuova legge si è invece schierato il portavoce dell’Ucoii (Unione delle comunità islamiche in Italia), Roberto Hamza Piccardo, che ieri ha firmato un commento sull’Osservatore Romano. «Vietare il velo islamico per legge è un’ingiustizia che tocca le libertà individuali – scrive Piccardo –. Continua a esserci una sorta di criminalizzazione e una drammatizzazione mediatica: in Italia, le donne che indossano il niqab non arriveranno a cento e di burqa non se ne è mai visto neppure uno». [CzzC: in pubblico il volto deve essere riconoscibile: no casco, no burqa]

 

↑2009.02.06 <nigrizia>: Il 6 febbraio è la giornata mondiale per la Il 6 febbraio è la giornata mondiale per la lotta contro le mutilazioni genitali femminili, orrenda pratica che riguarda 140 milioni di donne nel mondo. Oggi chi vuole denunciare questa cultura può farlo, anche in Africa, attraverso il web