KARL MARX 1818-1883: non occorre essere materialisti per convenire con lui che il capitalismo adorato dai tifosi di Soros fa più male che bene al bene comune

Considerato che Karx detestava quella specie di capitalismo ma non il capitale, dedurremmo che la dottrina sociale della Chiesa possa fare meno male al bene comune dell’ideologia dei compagni che nel ’68 si sgolavano gridando ritmati ”viva Marx, viva Lenin, viva Mao Tse Tung” molti dei quali, mutato l’eskimo in cravatta, perseguirono più i loro privilegi/vitalizi che il bene comune e allevarono analogamente schiere di emuli.

<wikipedia>: ha teorizzato la concezione materialistica della storia (e, assieme a Friedrich Engels, il socialismo scientifico) declinata nella critica materialista dell'economia, della politica, della società e della cultura capitalistiche; il suo pensiero ha dato vita alla corrente socio-politica del marxismo quindi alle ideologie socialiste e comuniste.

[Pagina senza pretese di esaustività o imparzialità, modificata 18/03/2020; col colore grigio distinguo i miei commenti rispetto al testo attinto da altri]

Pagine correlate: Lenin, comunismo; capitalismo, sessantonite; teoglib

 

2020.02.01 <foglio glob> Grandi scienziati del tempo ambirono di lavorare al fianco del prof Mengele, il dottor morte. La disumanità del Nazismo fu capita troppo tardi perché il suo pensiero “cosi moderno” aveva affascinato non pochi progressisti dell’epoca. John Gray, filosofo inglese insegnante per molti anni alla LSE (London School of Economics), scrive nel saggio "Al Qaeda e il significato della modernità": «ll nazismo viene spesso considerato come un attacco ai valori occidentali. Di fatto, come il comunismo sovietico, esso incorporava alcune delle più potenti tradizioni europee. I nazisti disprezzavano gli ideali illuministi di tolleranza, libertà personale e uguaglianza umana. Ciò nonostante, essi condividevano le speranze più presuntuose dell’Illuminismo. Come Marx, essi credevano che il potere della tecnologia potesse essere usato per trasformare la condizione umana

 

↑2017.08.12 <sole24h>: l libro di Karl Marx dovrebbe intitolarsi Il capitalista, piuttosto che Il Capitale». Questo perché del capitale non disconosce l’importanza, anzi «ammette che deve non solo riprodursi ma ancora aumentarsi per poter sviluppare “le forze produttive e le condizioni materiali che sole possono formare la base d’una società nuova”». «È il capitalista il nemico».

 

↑2010.01.08 Germania culla delle rivoluzioni (libro libro di Rodney Stark, Un unico vero Dio): già all'epoca delle crociate avvennero in Germania stragi di ebrei (peraltro punite dai vescovi), poi scoppiò proprio là la rivoluzione protestante e sempre in Germania nacque l’Illuminismo, poi il Romanticismo, l’Idealismo, Marx, Lenin, Hitlerismo.