SOCIOLOGIA DI TRENTO, aperta nel 1962, prima occupazione nel 1965, crocevia del ‘68

<wikipedia>: Nel 1965.05 la prima occupazione: gli studenti non volevano che l'Istituto divenisse una facoltà di Scienze politiche autorizzata a rilasciare una laurea ad indirizzo sociologico, volevano una laurea in sociologia senza ulteriori caratterizzazioni.

[Pagina senza pretese di esaustività o imparzialità, modificata 10/05/2018; col colore grigio distinguo i miei commenti rispetto al testo attinto da altri]

Pagine correlate: dalla cravatta all’eskimo per scardinare stereotipi in Lotta Continua; da Gottardi alla teoglib; da Boato e Sorbi a Curcio/Brigate rosse

 

2018.01.05 Il '68 italiano non fu originale, nemmeno a Trento checché se ne vanti stamane Marco Boato a Radio Anch’io: in radio odo Boato parlare delle degenerazioni maoiste-leniniste dell'iniziale '68 che invece sarebbe stato a suo dire solo libertario ed antiautoritario, ma non fu lui a fondare il movimento comunista Lotta Continua assieme a Sofri e Pietrostefani? Radio Anch’io risponde.

 

↑2014.11.25 <avvenire>: a Sociologia TN, crocevia del ’68, il 1968.07.03 Beniamino Andreatta era membro, con Norberto Bobbio e Marcello Boldrini, del comitato ordinatore di un annunciato "nuovo corso" nella gestione degli studi. La protesta studentesca faceva di Trento quasi l’epicentro della contestazione italiana; il "nuovo corso" offriva docenti giovani ed era diretto da Francesco Alberoni ...

 

↑2010.12.14 <dnaTN>: l’università di sociologia e il ’68 a Trento: i ragazzi sostituiscono i golfini e le cravatte con jeans eskimo e clarls e si lasciano crescere barbe e capelli, mentre le ragazze optano per look più audaci con jeans e minigonne; scardinare le rigidità del pensiero, ribellione verso la famiglia e le sue regole rigide e plurisecolari, verso gli stereotipi. Video di don Farina, e di altri protagonisti di quel periodo