Lega (ex Lega Nord)

Dal programma di Salvini x elez 2018.03 deduciamo l’intento di scardinare la riforma pensioni Fornero: ciò significherebbe far balzare lo spread a oltre 500; se già gli interessi sul debito ci costano il 9% della spesa pubblica (che è al 52% del PIL mentre in Germania è al 45% del Pil) ci chiediamo se gli anti-Fornero vogliano riportarci al baratro del 2011.

Spero che lo slogan elettorale anti-Fornero si riduca a qualche ritocco ininfluente sul debito pubblico, magari compensato da una vera riforma pensioni che faccia giustizia progressiva del latrocinio generazionale attraverso un adeguato perequatore.

Previdi prima delle suddette elezioni che a causa soprattutto del tentativo PD di affrettare lo Ius soli con automatismo senza adeguato filtro sull’intolleranza, ci sarebbero stati anche ex Pd che avrebbero votato Lega.

Che direi agli amici che votano Lega? A voi e a chi vi si collocasse più a destra (come la Meloni) direi che dovreste primariamente lasciare ai sinistri nostalgici del ’68 la malattia della violenza e dell’intimidazione: se sospettaste qualche contagiato che fosse o supponeste vostro elettore, lo dovreste delegittimare e denunciare prima che lo becchino i vostri avversari; aiutate gli inquirenti a scovare i pazzi criminali che hanno attaccato “qui abita un antifascista” alle porte di accoglienti immigrati.

 [Pagina senza pretese di esaustività o imparzialità, modificata 04/05/2018; col colore grigio distinguo i miei commenti rispetto al testo attinto da altri]

Pagine correlate: politica; elezioni 2018.03 e post elezioni

 

2018.05.04 chi sarebbe il principale colpevole dello stallo nella formazione del governo? [CzzC: pochi dubbi direi, considerando la arrogante presuntuosa pretesa di chi vorrebbe governare

- con la Lega solo a patto beffardo di farle spaccare la coalizione vincente,

- o chiedendo stampella a quel PD i cui esponenti venivano spudoratamente etichettati da esponenti M5S fino a 3 mesi fa come "mafiosi", "schifosi", "merde, ve ne dovete andare, dovete morire", "pericolo pubblico numero uno del Paese", "partito permeabile a qualsiasi infiltrazione: lobby, gruppi di affaristi, criminalità organizzata”, con "segretario del PD una delle persone più bugiarde e ridicole della storia italiana”

Non può andar sempre bene a chi semina vento e usa il divide et impera tipico dei soliti potentati.

 

↑2018.04.17 <corriere> Angelo Panebianco: influenza della politica estera sui nostri schieramenti politici; Luigi Di Maio «appoggia ai nostri alleati», in coerenza con il programma elettorale, ma in contrasto con l'antioccidentalismo praticato da M5S per tanti anni. Dall’altra Salvini feroce contro l’attacco missilistico; in mezzo PD e FI sembrano morti che camminano. Difficile che si ribalti l’alleanza Nato; più probabile la conservazione del nostro atlantismo con propensione a mediare tra Usa e Russia (schema Pratica di Mare – 2002.05.28 vertice dove per la prima volta la Nato si aprì all'ex-potenza sovietica).

 

2018.03.09 <estrattoStampa.fb> Giulia Zanotelli 30 anni di Livo è la nuova deputata della Lega, la prima parlamentare di Livo. Alex Zanotelli: «sì, certo, ho votato a Livo, dove la Lega ha preso il 54%; non pensavo così, è una vergogna, sì, io mi vergogno come cittadino, come prete, come missionario; proprio Livo, il mio paese:... la cosa che più mi ha disturbato è stato il silenzio della Chiesa in questi anni che non ha spiegato cos'è la Lega: egoismo ... È la catena della chiesa che non fa passare alla base il messaggio di Fr1: eppure è chiaro: un cristiano non può votare Lega». [CzzC: stesse parole udii da tramaccioni leaders di catechesi che, sgamati nella loro propensione a protestantizzare, si dimisero clamorosamente lacerando la Parrocchia]