Il REDDITO DI CITTADINANZA targato M5S è ≠ dal REDDITO DI BASE per la dignità della persona

e per come è attualmente concesso si presta troppo facilmente ai trucchetti dei furbetti del nero che schivano l'impiego in chiaro anziché cercarlo, è diseducativo, un fallimento coi navigator, soldi buttati via.

[Pagina senza pretese di esaustività o imparzialità, modificata 31/07/2021; col colore grigio distinguo i miei commenti rispetto al testo attinto da altri]

Pagine correlate: lavoro, welfare

 

2021.07.30 <corriere> Agrigento, picchia l'imprenditore perché vuole assumerlo: «Così perdo il reddito di cittadinanza». L'uomo, un bracciante, denunciato dai carabinieri assieme ad altri 76 furbetti. Coinvolti anche pregiudicati, rapinatori e mafiosi

 

↑2021.02.08 sarà interessante vedere cosa riuscirà a concordare Mario Draghi con Lega e M5s per portare al governo forze politiche con una intesa larga quanto necessita l'attuale emergenza socio-economica-sanitaria; è improbabile che possa prospettare stop al reddito di cittadinanza, stop a quota 100 e start al MES; ma se quota 100 divenisse 102+? E se il reddito di cittadinanza venisse conservato nella forma assistenziale pura, dirottando i soldi dei vani navigatori per controllori sgama furbetti? E se invece che 30G€ di Mes ne prendessimo 15 pro sanità?

 

↑2020.06.26 <invest google> Il grande bluff del reddito di cittadinanza/M5s nella relazione della Corte dei Conti: soldi pubblici sprecati, debito statale che si gonfia, e niente posti di lavoro (solo il 2%) navigatori inutili.

 

↑2020.01.13 <today> Il reddito di cittadinanza/M5s e i suoi 'bug', tra trucchetti e svantaggi. L'Ocse lancia un monito sul sussidio contro la povertà, mettendo in evidenza alcune criticità, dagli escamotage per percepirlo illegalmente ai nuclei familiari più svantaggiati.  L'ex presidente dell'Inps: ''Misura importante ma disegnata male''

 

2019.02.09 <messaggero> i sindacati chiedono al governo di cambiare rotta, calarsi dal virtuale al mondo reale, creare lavoro rilanciando gli investimenti: «miope e recessiva» la manovra <fq> Landini contro il reddito di cittadinanza se una parte va alle imprese <sil&fals>  un anno fa diceva che ci voleva. [CzzC: convengo che sia sbagliata la spesa in deficit con tanto reddito di cittadinanza e pochi investimenti generativi di lavoro, ma dubito che riesca a far generare lavoro il più feroce oppositore di quel Marchionne che riuscì a salvare Pomigliano nonostante Landini che gli dava del truffatore]

 

↑2018.09.22 <repubbl corr avven lq qn dem> audio delle minacce di Rocco Casalino (portavoce del presidente del Consiglio Giuseppe Conte) al ministero del Tesoro: racconta a un interlocutore che il M5S è pronto a far scattare una “megavendetta” contro il ministero dell’Economia, colpevole di remare contro l’azione del governo. “Se poi all’ultimo non escono i soldi per il reddito di cittadinanza”, per i dirigenti del Tesoro sarà un calvario. [CzzC: a fronte di cotali minacce contro funzionari dello stato non ti parrebbe finora tiepida la reazione della nostra Giustizia?]

 

↑2018.03.09 <ansa repubbl gazzetta> per incassare il reddito di cittadinanza arrivano richieste a Caf: domande per moduli in Puglia e a Palermo.

 

↑2017.06.18 <sole24h>: Galantino sullo ius soli: «vedo che c'è chi ha cambiato idea. E ora fa politica unicamente per rincorrere il proprio successo, perché vuol fare solo il proprio interesse. È antipolitica». Probabile il riferimento al M5s, citato invece esplicitamente dal vescovo ausiliare di Roma Guerino Di Tora, presidente della Fondazione Migrantes: «In una situazione nella quale si tratta di umanità e di diritti fondamentali, non mi pare molto coerente con lo spirito di San Francesco». Uno spirito rivendicato da Grillo durante la marcia Perugia-Assisi per il reddito di cittadinanza. A Galantino replica il leghista Roberto Calderoli: «Cari vescovi pensate agli italiani senza lavoro, ... e lasciate che sia il Pd a pensare a coltivarsi il bacino elettorale degli immigrati».

 

↑2011.08.04 trassi da <pag 25 di Avvenire>:  Inventare una religione laica? Ci prova tramite Repubblica lo scrittore svizzero Alain de Botton col suo libro (“Del buon uso della religione. Una guida per i non credenti”) quasi come il “debolistaGianni Vattimo che gradirebbe un «cristianesimo non religioso», concetti strampalati e contraddittori, ma pone involontariamente in evidenza un dato oggettivo: l’ateismo contemporaneo ha fallito il suo obiettivo, perché permane il bisogno di trascendenza nell’essere umano, mentre, cercando di fare a meno di Dio o di vivere come se Dio non ci fosse si è perso in etica la nozione del bene e nella cultura antropologica il valore della vita. [CzzC: continua qui con keys pessimismo, dolore, welfare, reddito di cittadinanza però inteso non come quello targato M5S]