Indossiamo la MASCHERINA FUORI CASA per frenare droplets/Covid! Chi la ritenesse precauzione eccessiva per sé, non la banalizzi come eccessiva per il prossimo

perché l’uso della mascherina riduce sensibilmente il “fattore a” del modello matematico previsionale SIR.

Aprii questa pagina con il tw del 2020.05.17

[Pagina senza pretese di esaustività o imparzialità, modificata 23/05/2020; col colore grigio distinguo i miei commenti rispetto al testo attinto da altri]

Pagine correlate: coronavirus, responsabilità, prevenzione, difesa NBC

 

 

2020.04.21 <adnkr> I giovani non hanno capito la gravità della situazione Covid. Stiamo dando al virus l’opportunità di trasmettersi" sostiene il microbiologo Andrea Crisanti (PD): "La colpa non è tanto dei ragazzi, quanto delle istituzioni che hanno inviato loro messaggi ambigui e incoerenti ... chiedere cautela ai soggetti deboli, dimenticandoci però che sono i giovani che si infettano più facilmente. Le mascherine servirebbero se le indossassimo tutti, cosa che non mi pare che accada. Comunque non è vero che ci sono ovunque, mi arrivano segnalazioni che, in alcune zone d’Italia, ancora non si trovano".

 

2020.05.17 Per le conoscenze scientifiche che ho (e col massimo rispetto della persona che la pensasse diversamente avendo conoscenze scientifiche maggiori o minori delle mie – ma rispettare la persona non significa evitare confutazione argomentata delle sue idee ove occorresse) sostengo che l'USO DELLA MASCHERINA FUORI CASA riduca sensibilmente il fattore "a" del modello matematico previsionale SIR.

La mascherina ordinaria serve per proteggere l'ambiente da me eventualmente ignaro positivo, perché riduce drasticamente il raggio di propagazione delle mie droplets; (la mascherina con filtro ermeticamente aderente al viso proteggerebbe anche chi la indossa, ma questa occorre negli ospedali, non serve per i normali cittadini).

La settimana scorsa ero dal dentista supino sulla poltrona, ovviamente senza mascherina: risposi ad una domanda e nella luce del faro che mi puntava (come vedresti la polvere in un raggio di sole che passa dalle tapparelle) vidi le mie droplets schizzare verso l'alto di almeno 60 cm. Nessuno mi ha mai detto che, parlando, io schizzassi goccioline di saliva più di altre persone.

Se nei prossimi giorni andassi al bar per un caffé, mi abbasserei la mascherina per assumerlo, ma avrei cura di non PARLARE prima di rimettermi la mascherina.

Se quasi tutti ci comportassimo come in Corea e in Giappone, avremmo meno propagazione della Covid19, ma anche della normale influenza stagionale.

L’acclusa immagine trassi da un compito assegnato giorni fa ad una classe di maturandi.

Se tu volessi saperne di più sul modello matematico SIR vedi Wikipedia o altre abbondanti fonti in ambito epidemiologico.

 

↑2020.05.14 <espresso bergamo> Luigi Mazzucotelli sindaco del piccolo comune di Blello, confinante con comuni colpiti da Covid: «Qui siamo a zero casi; abbiamo distribuito pacchi alimentari, buoni spesa e mascherine; venga sanificato il postamat; ai cittadini raccomando di usare i guanti».