ESCALATION della guerra: stiamo rischiando che diventi ATOMICA/NUCLEARE?

Gli USA hanno accresciuto molto più della Russia l'efficacia del sistema antimissile; si è sbilanciato a lor favore quello che si chiamava equilibrio del terrore e dunque si è affievolita la deterrenza delle armi nucleari non occidentali: che sia anche per questo che gli USA si son permessi di provocare l'orso russo come mai avrebbero fatto prima della caduta del muro?

«Metteremo fine al genere umano, o l'umanità saprà rinunciare alla guerraci chiesero nel 1955 Einstein e Russel.

[Pagina senza pretese di esaustività o imparzialità, modificata 24/04/2022; col colore grigio distinguo i miei commenti rispetto al testo attinto da altri]

Pagine correlate: armi nucleari in Italia; la prima atomica contro popolazione sganciata grazie al presidente massone Truman

 

2022.04.22 sarebbe assurdo secondo il Foglio il cartello «Fermatevi! La guerra è una follia» alla marcia straordinaria Perugia-Assisi della Pace e della fraternità, accusandolo di equiparare Russia e Ucraina. La vergogna sia con voi sibila Flores D'Arcais/Micromega. <ansa> Mangialardi : "Più si tarda su negoziati, maggiore rischio di un'escalation" [CzzC: gli svergognatori ignorano il rischio dell'atomica?]

 

2022.04.16 <agi> «Metteremo fine al genere umano, o l'umanità saprà rinunciare alla guerraci chiesero nel 1955 Einstein e Russel. [CzzC: chiediamo con urlo di fermare le armi, di usare mediazione/conciliazione, in attesa di verità, giustizia e RICONCILIAZIONE: preghino Dio per questo anche quelli che non sapranno usare il perdono]

 

↑2022.02.20 Sarebbe necessaria una periodica distruzione creativa? Traggo dall'articolo Destroy, Erase, Improve di Antonio Pecere, secondo il quale la macchina produttiva, a causa della caduta tendenziale del saggio di profitto prevista da Marx, si rende necessaria periodicamente una distruzione, come quella realizzata dalla 2ª Guerra Mondiale che ha instaurato la nuova forma di produzione capitalista con i nuovi settori portanti (petrolio e automotiv) in sostituzione di quelli mercantili, che erano specifici della globalizzazione dell’Impero Britannico, forma che oggi si sta esaurendo con una completa finanziarizzazione dell’economia, per cui saremmo arrivati ad una soglia che richiede un nuovo cambiamento strutturale. [CzzC: analisi interessante, che però a mio avviso dimentica un fattore determinante, nuovo rispetto agli scenari passati dai quali si cerca di estrarre analogia per prevedere il futuro: la deterrenza nucleare e l'espansione del capicomunismo. Continua qui con keys Nuova via della seta, AIIB, senza bombardamenti, intelligenza artificiale, disciplina, sistema di controlli, Occidente pullulante di giovani debosciati allevati dai teorici del vietato vietare in bulimia di diritti individuali sublimati come diritti civili].

 

↑2019.05.11 intervista a Giulietto Chiesa <youtube> dalla lettura dei documenti prodotti dal Pentagono già lo scorso novembre è sempre più evidente il rischio di uno scontro mondiale, anche con utilizzo di armi atomiche, che vede il contrapporsi degli Stati Uniti d'America contro Russia e Cina. E hanno fretta di arrivare allo scontro: l'impero lo vincerebbe? È possibile fermare la deriva? Intanto vedi Ucraina e Venezuela, ...

 

↑2016.10.29 <altraeconom>: l’ONU vota 123sì/38no pro avvio2017 negoziati per mettere al bando gli ordigni nucleari (campagna ICAN), ma l’IT con Gentiloni vota contro: a favore c’erano non solo Austria, Brasile, Irlanda, ma anche una risoluzione del Parlamento europeo 415sì/124no. [CzzC: non sorprende che un sessantottino si inchini alla cultura dominante del masso Nobel pace, anche perché pecunia non olet (Nato-F35)]

 

↑2014.04.03 <linkiesta>: Gli F35 italiani saranno armati con bombe nucleari: il Dipartimento di Difesa Us «ha annunciato di aver avviato un programma di modernizzazione delle sue bombe nucleari B-61 per renderle idonee all’uso da parte dei cacciabombardieri F-35». Comprese quelle presenti sul nostro territorio. Si tratta di poco meno di cento ordigni, divisi tra la base di Aviano (PN) e quella di Ghedi (BS)