Risolvere i conflitti promuovendo conciliazione e RICONCILIAZIONE ben più che con la GUERRA

<agi> «Metteremo fine al genere umano, o l'umanità saprà rinunciare alla guerraci chiesero nel 1955 Einstein e Russel. [CzzC: chiediamo con urlo di fermare le armi, di usare mediazione/conciliazione, in attesa di verità, giustizia e RICONCILIAZIONE: preghino Dio per questo anche quelli che non sapranno usare il perdono.

La riconciliazione viene dopo il compromesso; bello sarebbe che alla fine seguisse anche il perdono, ma questo potrebbe non avvenire, oppure potrebbe avvenire solo da parte di uno dei contendenti mentre l'altro non se la sente di perdonare o addirittura rifiuta la riconciliazione; ma almeno si addivenga al compromesso che prevenga la guerra o la faccia cessare]

[Pagina senza pretese di esaustività o imparzialità, modificata 24/04/2022; col colore grigio distinguo i miei commenti rispetto al testo attinto da altri]

Pagine correlate: mediazione/compromesso, perdono, misericordia, Moralità e moralismo, reato e peccato, guerra, sacramento della riconciliazione

 

2022.04.16 <agi> «Metteremo fine al genere umano, o l'umanità saprà rinunciare alla guerraci chiesero nel 1955 Einstein e Russel. [CzzC: chiediamo con urlo di fermare le armi, di usare mediazione/conciliazione, in attesa di verità, giustizia e RICONCILIAZIONE: preghino Dio per questo anche quelli che non sapranno usare il perdono]

 

↑2022.04.16 Moni Ovadia sulla guerra in Ucraina <iltempo> ho la fortuna di aver accolto tre ucraine, nonna, mamma e figlia ... vanno bandite tutte le isterie come la russofobia ... qualcuno sta cercando di speculare moralmente su questa terrificante guerra e sulla pelle degli ucraini  ... dobbiamo con tutte le nostre forze aiutare il popolo ucraino, però io non credo che le armi siano la soluzione, prolungheranno la guerra sine die.  <lastampa 9Apr> Credo nei principi guida di Mandela: verità e riconciliazione. Mandare armi a Kiev significa prolungare il conflitto.

 

↑2016.11.21 <fattoq s24h adnk stampa>: “Tutti i preti potranno continuare ad assolvere l’aborto

Nella lettera apostolica «Misericordia et misera» Fr1 rende definitive le facoltà concesse per il tempo del Giubileo. Prolungata anche la validità delle assoluzioni impartite dai sacerdoti lefebvriani. Viene istituita la Giornata mondiale dei poveri

 

↑2015.10.19 <tempi>: Gilbert Keith Chesterton racconta l’esperienza della confessione, l’incontro con la misericordia divina che segnò così radicalmente la sua vita. Egli si convertì confessandosi, all’età di 48 anni, nel 1922, scoprendo che la Chiesa cattolica è luogo in cui un uomo può essere liberato dai suoi peccati e fare esperienza della rigenerazione del proprio essere. «Il nome del prezzo è Verità, che può anche essere chiamata Realtà; porsi di fronte alla realtà del proprio essere»

 

↑2013.11.20 Papa Francesco I: «La Chiesa è depositaria del potere delle chiavi ... di perdonare. La Chiesa non è padrona ma serva del ministero della misericordia e si rallegra ogni volta che può offrire questo dono divino, il perdono di Dio

 

↑2013.03.gg Dal 13/02 al 24/03/2013 h 6.15 e h 23.45 in occasione del periodo quaresimale Radio Vaticana propone “Il perdono guarisce: una “scelta difficile” ma anche “unica risposta che può frenare i conflitti e trasformarli in dialogo e amore reciproco”. Si perdona sempre meno, anche in presenza di piccoli affronti, anche all’interno del nucleo familiare, dove basta talvolta un’incomprensione per far esplodere sentimenti di risentimento, di distacco, di rancore, di collera, di rabbia, di odio e di vendetta. Il perdono sarebbe l’unica alternativa capace di porre un freno a questi conflitti, di ripartire nel dialogo e di rinsaldare ciò che ci unisce all’altra persona.

 

↑2011.02.21 La falsa morale dei puritani che accusano la Chiesa di essere intransigente o lassista a seconda dei casi: Di solito, si accusa la Chiesa cattolica di essere l’arcigna custode e la rigida propagatrice di una morale repressiva, fatta di divieti, triste. A seconda del vento che tira, gli accusatori [CzzC: prevalentemente gli stessi] capovolgono la frittata: la Chiesa cattolica sarebbe lassista, chiuderebbe spesso gli occhi sui difetti morali dei suoi fedeli, lascerebbe facilmente correre, evitando la giusta condanna del reo, soprattutto se potente [CzzC: e/o del partito avverso degli accusatori]. La prova? Il sacramento della confessione.

 

↑2011.01.27 Dialogo con amici a seguito della mia riflessione di ieri sul Perdono cristiano come rottura di schemi per risolvere problemi che diversamente si avvitano in se stessi. [CzzC: mi permetto di trovare il perdono cristiano così straordinario, così capace di indurre cambiamenti altrimenti impossibili, che mi fa pensare al modello matematico dei tipi logici in superamento della teoria dei gruppi come lessi in "Change" di Watzlawick nella parte "persistenza e cambiamento"].