LEFEBVRIANI, FSSPX, Fraternità sacerdotale S.Pio X: il Magistero petrino ha provato a riportare all’ovile gli scismatici

con alcuni ci sta riuscendo, altri strappano e si scandalizzano, ad esempio, per alcuni passi del dialogo ecumenico

[Pagina senza pretese di esaustività o imparzialità, modificata 24/11/2018; col colore grigio distinguo i miei commenti rispetto al testo attinto da altri]

Pagine correlate: CV2° Benedetto XVI, dissenso da ermeneuti di continuità

 

2018.11.24 <stampa ansa messagg> Tornielli: nel confronto tra Santa Sede e Lefebvriani si riparte quasi da zero: nel 2017.08 era stata approvata dal Papa una bozza di dichiarazione da sottoscrivere, ma i nuovi vertici lefebvriani hanno rimesso tutto in gioco perché a loro avviso i testi del Concilio conterrebbero «errori».

 

↑2017.09.29 <farodiroma> Voltafaccia del superiore dei lefebvriani, monsignor Bernard Fellay, quello cui Benedetto XVI tolse la scomunica e Papa Francesco riconobbe validità dei sacramenti: ha deciso di sottoscrivere la lettera con le critiche all’Amoris laetitia e alle affermazioni su Lutero e si domanda se “la morale cattolica” sia “a geometria variabile” o possa essere “sottoposta a interpretazioni contraddittorie”

 

2017.03.13 <corriere>: per la prima volta vespri anglicani in S.Pietro in occasione del 50° del dialogo tra Chiesa cattolica e anglicana <VaticanRadioEnglish/videos> [CzzC: fondamentalisti e SanPioXini si scandalizzano e fanno riti antiprofanazione]

 

↑2016.12.08 Accedo per la prima volta alla pagina fb della Fraternità in titolo, apprezzo la loro riflessione sulla virtù della prudenza, che mi offre lo spunto per osare una domanda sull’adeguata punizione ... continua

 

2012.04.16 <repubblica> Magister: per i lefebvriani è l'ultima chiamata all'ovile, altrimenti è scisma. Ma Roma farà di tutto per evitare l'irreparabile. Dall'Australia, il teologo John Lamont spiega che una riconciliazione è possibile

 

↑2016.11.21 <fattoq s24h adnk stampa>: “Tutti i preti potranno continuare ad assolvere l’aborto”. Nella lettera apostolica «Misericordia et misera» Fr1 rende definitive le facoltà concesse per il tempo del Giubileo. Prolungata anche la validità delle assoluzioni impartite dai sacerdoti lefebvriani. Viene istituita la Giornata mondiale dei poveri

 

↑2015.03.22 <lanuovabussolaq>: Alla destra di Lefebvre, uno scisma tira l'altro. Williamson consacra vescovo don Jean-Michel Faure (entrambi da oltre 2 anni fuoriusciti dalla FSSPX): un atto scismatico per far nascere un gruppo alla destra della FSSPX, ritenuta troppo moderata e accusata negoziare con Roma.

 

↑2009.03.10 Lettera di Benedetto XVI riguardo alla remissione della scomunica dei 4 vescovi consacrati dall'arcivescovo Lefebvre: ... «Una disavventura per me imprevedibile è stata il fatto che il caso Williamson si è sovrapposto alla remissione della scomunica ...Mi è stato detto che seguire con attenzione le notizie raggiungibili mediante l’internet avrebbe dato la possibilità di venir tempestivamente a conoscenza del problema. Ne traggo la lezione che in futuro nella Santa Sede dovremo prestar più attenzione a quella fonte di notizie» [CzzC: lessi con commozione questa lettera, mi arrabbiai con la Segreteria di Stato che avrebbe dovuto conoscere il caso e le possibili conseguenze; ne trassi lezione per il mio volontariato di carità intellettuale, iniziando la rassegna stampa per amici che, osando senza presunzione una testimonanza digitale, mi ha portato a creare il www.xamici.org]

 

↑2009.01.21 Benedetto XVI rimette la scomunica ai vescovi della FSSPX, compreso Williamson che risulterà essere un negazionista.

 

↑2009.12.05 Lettera di Bernard Fellay a nome della FSSPX: «siamo sempre fermamente determinati nella volontà di rimanere cattolici e di mettere tutte le nostre forze al servizio della Chiesa di Nostro Signore Gesù Cristo, che è la Chiesa cattolica romana. Noi accettiamo i suoi insegnamenti con animo filiale. Noi crediamo fermamente al Primato di Pietro e alle sue prerogative, e per questo ci fa tanto soffrire l’attuale situazione»

 

↑2007.07.07 Il motu proprio Summorum Pontificum di papa Benedetto XVI, che offre la possibilità di celebrare secondo il rito tridentino, dovrebbe facilitare la riconciliazione con i Lefebvriani.

 

↑1991.mm.gg Muore Lefebvre

 

↑1988.06.gg <wikipedia>: Lefebvre disobbedisce ulteriormente consacrando quattro vescovi a Ecône (Bernard Fellay, Bernard Tissier de Mallerais, Richard Williamson e Alfonso de Galarreta): viene perciò scomunicato dal Vaticano.

 

↑1975.mm.gg <wikipedia>: la crescente opposizione agli orientamenti del Concilio provocarono il ritiro del riconoscimento canonico, l'ordine di chiusura del seminario di Ecône, il divieto di consacrare: Lefebvre polemizzò e disubbidì e nel 1976 fu sospeso a divinis.

 

↑1970.11.01 <wikipedia>: A Friburgo il vescovo Marcel Lefebvre fonda la FSSPX Fraternità sacerdotale di S.Pio X con l'accordo e l'approvazione di François Charrière, allora vescovo di Losanna, Ginevra e Friburgo, insieme al seminario di Ecône in Svizzera. Apparentemente con buone intenzioni di Lefebvre, non «con un obiettivo di contestazione o di opposizione»; in contrasto col CV2° gli aderenti desiderano conservare la messa tridentina e si oppongono all'ecumenismo e al dialogo interreligioso. a fraternità è attualmente guidata da Bernard Fellay, svizzero, uno dei quattro sacerdoti ordinati vescovi da Lefebvre nel 1988 a cui il 21 gennaio 2009 è stata revocata la scomunica.