modificato 05/08/2017

 

Spirito giuridico in vista della legittimazione degli uteri in affitto o comodato gratuito

Correlati: unioni civili, adozioni gay, ideologia e didattica di gender; spirito

Pagina senza pretese di esaustività o imparzialità: contrassegno miei commenti in grigio rispetto al testo attinto da altri.

 

Se avessimo accettato i Pacs/Dico della Bindi mettendo chiari paletti (allora si sarebbe potuto) contro adozioni gay e uteri in affitto e contro gli attacchi al diritto all’obiezione di coscienza e alla priorità educativa dei genitori, non saremmo qui ora ad averli incombenti.

<bbugie11/11/2015>: precorrendo non solo la legge ma il più estensivo spirito della Cirinnà, corso speciale per i magistrati nel Palazzo di Giustizia meneghino (conferirà crediti formativi) su «i nuovi legami familiari: vecchie barriere e nuove frontiere ... adozioni e affidamento di minori a coppie dello stesso genere ... adozione legittimante del single, stepchild adoption e famiglia monoparentale ... giurisprudenza in materia di matrimonio di persone dello stesso genere». E, dulcis in fundo, su «filiazione eterologa e maternità surrogata». [CzzC: per preparare i magistrati alla generanda normativa Cirinnà, mirando a far dare ai gay il matrimonio di serie A (non basterebbe loro quello di serie B senza adozioni e uteri in affitto]

 

 

26/02
2016

Odo a Radio1 (o R24?) il senatore PD Giuseppe Lumia (già vicepresidente FUCI) sostenere che le adozioni gay sono un diritto del bambino: ogni bambino avrebbe diritto di avere due adulti che, equiparati a papà e mamma, gli dessero eredità legittima, onde non discriminare il bambino figlio di uno di due gay rispetto ad altri bambini figli di papà e mamma entrambi datori di eredità al cucciolo. [CzzC: caro fucino Lumia, credi che non ci accorgiamo del tentativo di ingannarci come i nostalgici 68’ttini del vietato vietare? Il bambino ha diritto ad avere un papà ed una mamma responsabili, e, se gli accadesse di trovarsi figlio di un gay ... continua ...]

24/02
2016

<Lib&pers>: gioiosamente ringraziano le lobbies finanziarie del cinismo libertario serie Soros anche pro utero in affitto, che, pur prescindendo dall’art5, avrebbe via libera grazie a passi degli art2 e 3 dell’attuale testo di legge, sulla cui immediata approvazione firmano oltre 500 vip del politically correct sotteso dal massoLove is love”: Vito Mancuso, Lapo Elkann, Gad Lerner, Alessandro Profumo, Vladimir Luxuria, Maria Venier, Valeria Marini, Valeria Golino, Alessia Marcuzzi, Luciana Litizzetto, Daria Bignardi, Emanuele di Savoia, Asia Argento, Giorgio Armani, Francesco Guccini, Caterina Guzzanti, Luca Massimo Barbero (Dir Fondazione Cini), Gabriella Belli (Musei Venezia), Loredana Bertè, Marco Bizzarri (CEO Gucci), Nicoletta Braschi (moglie di Benigni), Andrea Camilleri, Roberta Capua, Caterina Caselli, Luciana Castellina, Sergio Castellitto, Lorenzo Jovanotti Cherubini, Laura Chiatti, Francesca Cima (Presid Anica), Francesca Comencini, Furio Colombo, Gherardo Colombo, Paola Concia, Carmen Consoli, Lella Costa, Giulia Maria Crespi (Pres FAI), Ilaria D’Amico, Rodolfo De Benedetti, Concita De Gregorio, Daniele De Rossi (capitano della Roma), Piera Detassis (Cinema per Roma, Dir Ciak Magazine), Carlo Feltrinelli (Editore), Giorgio Ferrara (Dir festival di Spoleto), Luca Formenton (Edit Il Saggiatore), Irene Fornaciari, Umberto Galimberti, Giorgio Galli, Chiara Gamberale, Anna Gialluca (Dir Laterza), Sergio Giunti (editore), Maurizio Gressi (UNRWA It assistenza ONU ai rifugiati palestinesi), Giuseppe Laterza (Editore),  Ligabue, Luciana Litizzetto, Valentina Lodovini, Enrico Lo Verso,

Vito Mancuso, Fiorella Mannoia, Piergaetano Marchetti – Presidente Fondazione Corriere della Sera, Simona Marchini, Alessia Marcuzzi, Valeria Marini, Marta Marzotto, Armando Massarenti – Responsabile Il Sole 24 Ore Domenica, Achille Mauri – Presidente Messaggerie Italiane, Emma Marrone, Simonetta Martone,  Patrizia Massa – Produttore Esecutivo Palomar, Justine Mattera, Maria Mazza, Melania Mazzucco, Marco Mengoni, Giulia Michelini, Milena Miconi, Mietta, Monica Mosca – Direttore Gente, Gabriele Muccino, Ines Musumeci Greco

Gianna Nannini, Francesca Neri, Camilla Nesbitt, Noemi, Aldo Nove,

Moni Ovadia

Alba Parietti, Heather Parisi, Laura Pausini, Sandra Petrignani, Max Pezzali,  Bianca Pitzorno, Veronica Pivetti, Ludovico Pratesi, Patty Pravo,  Alessandro Profumo

Pino Quartullo

Virginia Raffaele, Eros Ramazzotti, Lidia Ravera, Eva Riccobono, Michele Riondino, Giovanni Robertini – Direttore Linus, Eva Robin’s, Stefania Rocca, Alba Rohrwacher, Ron , Silvia Ronchey, Massimiliano Rosolino, Sergio Rubini

Alberto Salvadori – Direttore Museo Marino Marini, Michele Salvati , Gabriele Salvatores, Maya Sansa, Claudio Santamaria, Chiara Saraceno, Roberto Saviano, Emanuele Filiberto di Savoia, Riccardo Scamarcio, Antonio Sellerio – Editore, Pietro Sermonti, Michele Serra, Andrée Ruth Shammah – Direttore Teatro Franco Parenti, Raffaele Simone, Kasia Smutniak, Adriano Sofri , Luca Sofri – Direttore Il Post, Silvio Soldini, Paolo Sorrentino, Corrado Stajano, Elena Stancanelli, Syria

Emanuela Testori – Direttrice Amica, Filippo Timi, Maria Sole Tognazzi, Oliviero Toscani, Jasmine Trinca, Paola Turci

Pietro Valsecchi, Ornella Vanoni, Salvatore Veca, Mara Venier, Simona Ventura, Paolo Veronesi, Umberto Veronesi, Donatella Versace, Giorgio Verzotti – Direttore artistico Arte Fiera Bologna, Pamela Villoresi, Paolo Virzì.

Nina Zilli, Zucchero, Giovanna Zucconi

22/02
2016

<tuttavia>: votazione Cirinnà incombente, sale la pressione della società civile sulla politica, lecita, ma anche scomposta, come dimostra l’ennesima battaglia sui media fra i favorevoli e i contrari al ddl Cirinnà: <stampa qui i nomi>: una petizione firmata da 400 esponenti del mondo accademico, della cultura e dello spettacolo, tacendo l’appello di 500 giuristi.

05/02
2016

<fattoq>: errori nel testo Cirinnà: “Nulle se il partner è gay”. Intervento in extremis per sistemare alcune incongruenze. Il caos giuridico è dovuto alla fretta e al rimando continuo al codice civile, che norma fra l’altro le ragioni per cui il matrimonio è da considerarsi nullo, ad es. per "deviazione sessuale" del partner [CzzC: solo la fregola da pulsione ideologica può spiegare cotale fretta confusionaria in alterazione dell’ Art.16 della dichiarazione universale diritti umani e in alterazione di priorità sia per merito sia per numero di gay aspiranti ad adottare cuccioli d’uomo, ferma restando la necessità di rispettare anche i diritti reciprocamente affettivi omosessuali, purché in salvaguardia di prioritari diritti di neonati e minori]

03/02
2016

<tempi>: Tre video (un documentario, un dibattito tv con Costanza Miriano e un servizio delle Iene) mostrano lo spirito della Cirinnà, cioè cosa accadrà con il passaggio della legge Cirinnà in Italia

22/01
2016

<corriere>: papa Fr1:  «Non può esserci confusione tra la famiglia voluta da Dio e ogni altro tipo di unione»: troppo chiaro questo discernimento per le matrici della cultura dominante; odo stormir di fronde “Fr1 indietro tutta?” agitate ad esempio da chi, come il governo Renzi l’08/07/2014 alla commissione ONU per i diritti umani votò a favore dell’emendamento che voleva sostituire il termine «famiglia» con la frase «famiglia nelle sue varie forme» e fu scornato, perché la maggioranza respinse quell’emendamento. E ora con Fr1 così poco confondente? Scatta prontamente l'illuminata riduzione del discernimento papale, letto, ad esempio da D.Menozzi e Melloni al Gr1, come grande innovazione di percorso, perché Fr1 indicherebbe la famiglia tradizionale come SOGNO di Dio non civilmente normativo, dottrina che finalmente non accampa più ancoraggio alla legge naturale: pongo queste domande a Menozzi in tentativo di correzione fraterna, reciprocabile]

18/12
2015

<avvenire>: Il Parlamento Ue boccia l'utero in affitto: «... considera che la pratica della maternità surrogata, che implica lo sfruttamento riproduttivo e l’uso del corpo umano per profitti finanziari o di altro tipo, in particolare il caso delle donne vulnerabili nei Paesi in via di sviluppo, debba esser vietato e trattato come questione di urgenza negli strumenti per i diritti umani». [CzzC: una botta per l’ideologia di gender, e un pronunciamento sgradito allo spirito della Cirinnà, che però non si perde d’animo, potendo contare sempre sullo sdoganamento della stepchild adoption, da usarsi come trampolino verso il matrimonio di serie A per i gay ... continua]

11/11
2015

<bbugie>: precorrendo non solo la legge ma il più estensivo spirito della Cirinnà, corso speciale per i magistrati nel Palazzo di Giustizia meneghino (conferirà crediti formativi) su «i nuovi legami familiari: vecchie barriere e nuove frontiere ... adozioni e affidamento di minori a coppie dello stesso genere ... adozione legittimante del single, stepchild adoption e famiglia monoparentale ... giurisprudenza in materia di matrimonio di persone dello stesso genere». E, dulcis in fundo, su «filiazione eterologa e maternità surrogata». [CzzC: solo per preparare i magistrati alla generanda normativa Cirinnà o per generare ulteriori concessioni agli Lgbt in creatività di spirito?]