modificato 23/07/2017

 

Delegittimare il Papato fino a tentare di criminalizzarlo per violazione dei diritti umani

Correlati: criminalizzare con false accusediritti umani; guida petrina, cattofobia

Pagina senza pretese di esaustività o imparzialità: contrassegno miei commenti in grigio rispetto al testo attinto da altri.

 

 

Se il Magistero della Chiesa cattolica si occupa con essenzialità evangelica dell'umana esistenza, chiamandone le entità fondamentali con il loro nome (vita, padre, madre) ed amando, come ci ha insegnato il figlio di Dio, le creature fatte a sua immagine e somiglianza, potrebbe non trovare il favore dei principi di questo mondo che preferissero dominarlo investendo la realtà con ideologie astratte: se tali principi non si sentissero sufficientemente convincenti con la logica persuasiva delle loro argomentazioni rispetto alla corrispondenza tra quel Magistero e il cuore di tanti umani, potrebbero tentare di risultare vincenti con il diritto della forza anziché con la forza del diritto: come? Abusando del vecchio trucco di criminalizzare l’avversario, perché tale riterrebbero quel Magistero rispetto alla loro Weltanschauung.

 

 

06/11
2015

[CzzC: già espressi il timore che gliela avrebbero fatta pagare cara a Fr1 la chiarezza di giudizio su certi sbagli della mente umana: stiamo assistendo a reiterati tentativi di delegittimazione, anticamera della criminalizzazione]

22/11
2014

<tempi> il massone pentito Maurice Caillet: per aver partecipato alla massoneria per quindici anni, posso testimoniare che per i massoni, i quali affermano continuamente la loro grande tolleranza, l’uomo da abbattere è il Papa, che si tratti di Pio XII, di Giovanni Paolo II o di Benedetto XVI. Mentre la famosa tolleranza è effettiva nei confronti delle Chiese protestanti e ortodosse (Chiese divise), come nei confronti del giudaismo e dell’islam, l’ostilità contro la Chiesa cattolica riguarda il fatto che essa è centralizzata attorno al Santo Padre, il quale vigila sulla sana dottrina e sostiene in particolare la conciliabilità tra la fede e la ragione.

23/05
2014

La commissione ONU contro la tortura (CAT), di concerto col Crr (Centre for Reproductive Rights), accuserebbe il papato di tortura, perché con le sue obiezioni all’aborto opererebbe tortura psicologica contro le donne che volessero esercitare con tale mezzo i propri diritti riproduttivi. [CzzC: gli accusatori fingono di non vedere che ben più aggettivabile come tortura potrebbero essere ad esempio lo stesso aborto o la negazione del diritto all’obiezione di coscienza]. Tomasi risponde. Vedi le varie accuse e risposte nel rapporto della Santa Sede al CAT.

Il CAT riconosce oggi che «la Santa Sede, le diocesi cattoliche e gli ordini religiosi hanno messo in campo importanti sforzi per la prevenzione degli abusi sessuali contro i minori e le altre persone». [CzzC: ma che ci sta a fare l’ONU se non riesce ad impedire che suoi stati come Sudan, Pakistan, Arabia, ..., giochino sadici a reiterare “legalmente” abominevoli torture contro i diritti umani, come nell’attuale caso Meriam/Sudan, per fregiarsi poi magnanimi col ritiro della condanna, sorridendo impunemente beffardi sotto i baffi? Crede l’ONU svergognata di rifarsi il maquillage, accusando il Vaticano di tortura per poi magnanimamente ammettere che, a seguito della reprimenda, il Vaticano si sta mettendo in riga?]

06/02
2014

Il rapporto del Comitato Onu per i diritti del fanciullo presentato ieri a Ginevra ripropone la gogna per la Santa Sede, rea ancora una volta (a giudizio del rapportante), di non aver fatto abbastanza sulla questione degli abusi sessuali su minori commessi da esponenti del clero: è vero che la Chiesa è stata deturpata dai peccati di alcuni suoi figli e dalla cecità di alcuni pastori, ma della purificazione impressa da un Papa inflessibile nell'affrontare i mali della "santa meretrice" non hanno voluto tener conto le 16 pagine di burocratese redatte da 18 esperti capitanati dalla pastora luterana norvegese Kirsten Sandberg. Perché? Come pretesto per interferire (diritto della forza), nella politica della Santa Sede cui il rapporto chiede di modificare il diritto canonico in materia di aborto, contraccezione e identità di genere. [CzzC: fanno pagar caro a Bergoglio l’ardire con cui da Vescovo invocò il principio di precauzione per dubitare della opportunità di legalizzare le adozioni gay]

marzo 2013

Appena eletto papa, parte contro Francesco I il tentativo di criminalizzarlo compromesso con il regime argentino dei desaparecidos. Bergoglio esce presto scagionato dalla falsa accusa, anzi emerge la sua figura di salvatore di perseguitati dal regime. [CzzC: perso il primo set, vedrai che successivo round di criminalizzazione prepareranno i principi di questo mondo]

13/09
2010

I 2 atei Richard Dawkins, docente di Oxford, e Christopher Hitchens, celebre giornalista, chiedendo di ARRESTARE IL PAPA per crimini contro l’umanità; (argomento pedofilia)

03/04
2009

Il parlamento Belga approva risoluzione di «CONDANNA delle dichiarazioni inaccettabili del PAPA in occasione del suo viaggio in Africa»;(argomento il preservativo). Europarlamento e parlamento spagnolo bocciano invece analoghe proposte di condanna. (link qui a fianco). Europarlamento e  Spagna. idem

26/04
2007

Il Parlamento europeo ha respinto una proposta che condannava il presidente della Cei, Angelo Bagnasco, contenuta nel testo orginario di Pse, Verdi-Gue e Alde del pronunciamento anti-omofobia. Il PPE è riuscito a far eliminare il riferimento che accusava Bagnasco di aver «comparato un progetto di legge che conferisce una serie limitata di diritti alle coppie omosessuali a una licenza a commettere atti di incesto e pedofilia».